Your SlideShare is downloading. ×
0
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Social didattica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Social didattica

1,417

Published on

L'intervento del 30 marzo alla Giornata Aperta sul Web, Istituto Gentileschi di via Natta a Milano. …

L'intervento del 30 marzo alla Giornata Aperta sul Web, Istituto Gentileschi di via Natta a Milano.
Caterina Policaro & Federica Scarrione

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,417
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 1 di 16
  • 2. Scelte di buona comunicazione web • Ormai indispensabile in una scuola pensare anche a : – contenuti e microcontenuti per il sito scolastico – classificazione e architettura delle informazioni offerte – apertura di spazi e ambienti didattici a disposizione di docenti e studenti 2 di 16
  • 3. La sfida del web 2.0• rendere interattivo il rapporto con l’utenza• facilitare pratiche collaborative e di condivisione della conoscenza• permettere agli utenti un certo livello di personalizzazione• garantire un migliore rapporto, più attivo, con chi offre i contenuti web 3 di 16
  • 4. Ci sono ottimi motivi di Una carattere organizzativo che moda? ci spingono a caldeggiare questo passaggio. 4 di 16http://www.freedigitalphotos.net/images/view_photog.php?photogid=2280
  • 5. • apportare modifiche Flessibilità di struttura, aggiunte di aree o nuove funzioni è assai meno oneroso che nello sviluppo del codice di un sito statico e non richiede necessariamente competenze tecniche elevatehttp://www.freedigitalphotos.net/images/view_photog.php?photogid=721 5 di 16
  • 6. possibilità di coinvolgere Collaborazione più persone in qualità di redattori, grazie alla semplicità delle procedure di pubblicazione garantire un aggiornamento più costante e una maggior numero di notiziehttp://www.freedigitalphotos.net/images/view_photog.php?photogid=721 6 di 16
  • 7. Apertura all’utenza è più semplice gestire spazi in cui i visitatori richiedono informazioni, anche in tempo reale, commentano, valutano, condividono.http://www.freedigitalphotos.net/images/view_photog.php?photogid=2243 7di 1
  • 8. Integrazione di strumenti *social* 8 di 16
  • 9. • testi in successione con titolo• categorizzabili e taggabili• disponibilità di componente multimediale• possibilità di avere commenti• integrazione con social network 9 di 16
  • 10. • costruzione del corso• strutturazione• inserimento di risorse e attività• ruolo tutoriale del docente: modificazione online/offline 10 di 16
  • 11. Non piùsoftware, ma interagire servizi schematizzare pubblicare strumenti scrivere archiviare 11 di 16
  • 12. Esempi…• strumenti di interazione: skype, facebook, twitter, http://www.scribblar.com/• strumenti di organizzazione e schematizzazione: mappe, timeline, presentazioni e tutorial• spazi per pubblicare: slideshare, scribd, youblisher, youtube (e simili)• spazi per archiviare: (osservare. estensione, validazione, apertura, formati, indicizzazione e metadatazione) [per uso personale o di classe (limitato se gratuito. dropbox e sugarsync)] archivi di fotografie: flickr, picasa (http://www.cb-blog.it/internet/100-fonti-di-immagini-gratuite-del-tutto- legali/comment-page-1/#comment-759) materiali didattici/scientifici: l’es. di Dspace• strumenti di scrittura: il wiki. Wikispaces e la sua dimensione “social”. 12 di 16
  • 13. Il codice • si recupera automaticamente (ormai quasi tutti i servizi prevedono il pulsante o il link “embed”), ma a volte se noi controlliamo la pagina con un validatore, questo ci restituisce un messaggio d’errore. • una possibile soluzione: http://www.isisromero.gov.it/Members/frota/ utilitahttp://www.freedigitalphotos.net/images/view_photog.php?photogid=809 13 di 16
  • 14. E adesso? Proviamoci!• Per progettare una nostra attività con questi strumenti dobbiamo porci una serie di domande da almeno due punti di vista diversi Cosa vedrò e ascolterò esattamente durante la lezione? Cosa potrò fare? Come fai a sapere che comprenderò la lezione? Come posso spiegare queste cose? Cosa Vignetta riadattata da: mostrerò? Come farò a D. Castrataro, STORYBOARD: quando, perché, come sapere che hai compreso la lezione? 14 di 16
  • 15. facebook google twitter wordpressaccount – Poche idee in una tabella o accountStrategia per gli Gruppo, pagina Account condiviso Account condiviso Nick condivisiimpostare laprivacyScelta Attualità, Argomento (più Parcellizzabile Affrontabile condell’argomento argomento di facile da gestire in osservazioni sequenza di studio, che se di studio) brevi, con testi e materiali offra ricchezza che acquisti interazioni pubblicati in di materiali in valore da rapide, citazioni tempi successivi rete integrazione di di materiali nel fonti molto web diverseImpostazione post Lavoro su post postattività documento condiviso, questionario, ricerca su google libri, immagini, video 15 di 16
  • 16. Conclusione• Molto ancora resta da esplorare, siamo ancora fermi sulla soglia di una porta che conduce ad esperienze formative davvero inedite, non semplici riproposizioni o scimmiottamenti delle aule e dei libri di testo. (Francesco Leonetti, Learning Object in Il giornale dell’E- learning, http://www.wbt.it/index.php?pagina=196) 16 di 16

×