Le crociate

5,818 views
5,341 views

Published on

Una presentazione in cui si integrano testi e fonti video.

2 Comments
8 Likes
Statistics
Notes
  • Ottima proposta di lezione per gli studenti, da visualizzare a casa e da utilizzare in classe per gli approfondimenti, le domande, gli esercizi guidati nello spirito della Flipped Classroom.
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Bella presentazione! Una curiosità che ho imparato pochi giorni fa dalla vacanza in Calabria. Il percorso della diapositiva 17 ha subito nel tempo una variazione. I crociati sbarcavano sulla costa tirrenica vicino a Lamezia e attraversavano il tratto più stretto a piedi verso lo Ionio passando da Squillace, per evitare i predoni nello stretto di Messina. La testimonianza sono i molti monasteri su quel tratto di strada (circa 40 km) che ancora adesso contraddistinguono la zona. Bella, vero?
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total views
5,818
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
51
Actions
Shares
0
Downloads
116
Comments
2
Likes
8
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le crociate

  1. 1. PREMESSE Col termine "crociate" s'intendono le spedizioni militari e coloniali che i feudatari europei occidentali, appoggiati dal clero cattolico e grazie al sostegno economico dei ceti borghesi e militare di masse diseredate (prevalentemente di estrazione rurale), condussero prevalentemente nei paesi del Mediterraneo orientale. Le crociate, che erano propagandate dal clero come iniziative religiose, iniziarono alla fine dell'XI sec. e proseguirono sino alla fine del XIII sec. Sono la prima esperienza di colonialismo cristiano, da parte della chiesa cattolica.
  2. 2. Parteciparono alle crociate 1) I più grandi feudatari (re, duchi, conti, ecc.) che volevano ingrandire i propri possedimenti, aumentare le entrate e consolidare la propria influenza in Europa. 2) I piccoli feudatari (o cavalieri), che costituivano il nucleo meglio organizzato e preparato delle forze militari crociate. Vi partecipavano nel tentativo di procurarsi dei feudi. 3) I mercanti più ricchi di molte città (Venezia, Genova e Pisa soprattutto), che cercavano d'invadere i mercati del vicino Oriente, eliminando la concorrenza commerciale di Bisanzio e degli arabi. 4) La chiesa cattolica, che era la più grande proprietaria feudale, aveva come scopo quello di sottomettere la chiesa ortodossa, estendendo la propria giurisdizione nell'Europa orientale, e ovviamente quello di cacciare gli islamici dai territori mediorientali e africani: fu essa che si assunse il ruolo di promotrice ideologica delle crociate; Allo stesso tempo intendeva „dirottare‟ in Oriente le violenze dei cavalieri Franchi, costantemente impiegati in lotte per il possedimento di feudi. 5) Infine ingenti masse proletarie e affamate che cercavano di uscire dalla miseria.
  3. 3. IL PRETESTO Il pretesto per scatenare la guerra santa contro gli „infedeli‟ fu la caduta di Gerusalemme in mano turca (1070). Infatti verso la fine del sec. XI la Siria e la Palestina e quasi tutta l'Asia Minore erano cadute sotto i turchi Selgiuchidi, una popolazione di origine mongolica e di religione islamica. Di conseguenza il pontefice Urbano II, durante il Concilio di Clermont rispose alla richiesta di aiuto dell‟imperatore bizantino, minacciato dai turchi, invitando l‟occidente a intervenire militarmente e promettendo la remissione dei peccati con indulgenze plenarie.
  4. 4. PRIMA CROCIATA CROCIATA DEI “PEZZENTI” La prima crociata (1096) fu detta dei “pezzenti” perché composta da gente molto povera, proveniente soprattutto da Francia, Germania e Italia, che pensava di trovare in Oriente la liberazione dall'oppressione dai feudatari e nuove terre in cui insediarvisi. Essi erano disarmati, non avevano né provviste né denaro e lungo la via verso Costantinopoli si dedicavano al furto, compiendo anche violenze a danno degli ebrei. La popolazione (ungara e magiara) dei paesi attraversati da questi crociati cercò di combatterli con ogni mezzo. Visto che i componenti non avevano esperienza bellica adeguata, finì tragicamente.
  5. 5. PRIMA CROCIATA CROCIATA DEI “BARONI” La prima crociata ufficiale, anch‟essa del 1096, fu tuttavia quella dei “baroni”, e fu condotta da cavalieri ben armati ed equipaggiati. Essi conquistarono Edessa (dove fondarono il loro primo stato), Antiochia, dopo un assedio durato oltre 6 mesi, e Gerusalemme, dove giunsero 3 anni dopo, fondando il regno di Gerusalemme. I massacri fatti in queste due ultime città furono spaventosi e imponenti. I bizantini si dissociarono ben presto dalle imprese dei crociati, i quali avevano saccheggiato anche città cristiane e non avevano nessuna intenzione di restituire all‟imperatore i territori conquistati.
  6. 6. Video esplicativo sulla I crociata
  7. 7. FINE DELLA I CROCIATA E INIZIO DELLA II CROCIATA Le vittorie della Prima Crociata erano state favorite dall'isolamento e dalla relativa debolezza dei musulmani, che tuttavia si riorganizzarono per tentare l'immediata riconquista del Medio Oriente. La prima grande vittoria dei musulmani fu la presa di Edessa nel 1144; l'evento indusse il papa Eugenio III a bandire la Seconda Crociata nel 1145.
  8. 8. Alla nuova chiamata risposero il re di Francia Luigi VII e l'imperatore tedesco Corrado III, ciascuno con un proprio esercito.
  9. 9. II CROCIATA SPEDIZIONE GERMANICA La spedizione germanica si pose frettolosamente in viaggio senza attendere l'aiuto dei Franchi. Nel passaggio per i territori di Bisanzio, i crociati si abbandonarono a razzie e violenze di ogni tipo. Benché fosse stato abbandonato dalle guide locali,Corrado prosegui la spedizione. Senza il supporto necessario, l'armata germanica caduta in un'imboscata turca fu annientata.
  10. 10. II CROCIATA SPEDIZIONE FRANCESE Neanche la spedizione Franca ebbe fortuna. Nel gennaio del 1148 l'esercito fu rovinosamente attaccato dai Turchi, sulle montagne del Cadmos (odierno Homaz). L'immane disastro fu contenuto grazie all'intervento dei Templari che alzarono una linea di difesa, consentendo l'arretramento dell'esercito francese. I francesi, ebbero così modo di riprendersi dall'imboscata, riuscendo ad arrivare ad Antiochia.
  11. 11. FINE DELLA II CROCIATA Dopo il ricongiungimento con ciò che rimaneva dell'esercito di Corrado ad Acri, si decise di tentare la conquista di Damasco, tuttavia La città rimase inespugnata grazie alla mancanza di una strategia militare dei comandanti cristiani. Il fallito tentativo di conquista di Damasco segnò il ritorno degli eserciti crociati in Europa, permettendo ai turchi di riconquistare Edessa.
  12. 12. III CROCIATA La terza crociata fu causata dalla caduta di Gerusalemme (1187) per opera del grande condottiero turco Saladino, che aveva già esteso la sua signoria sull'Egitto e sull'Arabia occidentale. A differenza dei crociati, Saladino non effettuava stragi nelle città vinte ai cristiani, ma permetteva loro di andarsene dietro pagamento di un riscatto. Ritratto di Saladino
  13. 13. Il papa chiamò i principi cristiani ad una nuova spedizione. Il primo a rispondere fu l‟anziano imperatore Federico Barbarossa, che portò la sua armata in Asia Minore, dove morì accidentalmente nel giugno 1190. L‟anno successivo giunsero in Palestina le flotte guidate da Filippo II Augusto e Riccardo Cuordileone. Tuttavia Filippo torno subito in Francia e fu solo Riccardo a guidare la crociata. Ottenne alcune vittorie, ma rinunciò a conquistare Gerusalemme stabilendo una tregua con Saladino.
  14. 14. Alla fine del XII sec., papa Innocenzo III, bandì la quarta crociata (1202-1204), cercando di approfittare della morte di Saladino (1193). Alla crociata parteciparono i feudatari francesi, italiani e tedeschi. Essi decisero di partire da Venezia per servirsi della sua flotta: l'intenzione era quella di conquistare Gerusalemme dopo aver occupato l'Egitto. Ma Venezia, che aveva buoni rapporti commerciali con l'Egitto, riuscì a dirigerli con l'inganno contro la rivale Bisanzio. I crociati, infatti, che non avevano denaro sufficiente per pagare il viaggio, accolsero la proposta di prestare aiuto ai veneziani per la conquista della città di Zara, che era cattolica, ottenendo una scomunica, che venne presto ritirata IV CROCIATA
  15. 15. Quando la spedizione fu pronta a partire fu nuovamente deviata dalla richiesta dell‟imperatore bizantino Alessio II, deposto da un rivale, di essere aiutato a recuperare il trono. Costantinopoli fu conquistata nel luglio 1203, ma la presenza dei cavalieri Franchi suscitò l‟ostilità della popolazione greca spingendola alla ribellione. Nel 1204 Costantinopoli fu nuovamente assaltata dai crociati e sottoposta poi a 3 giorni d‟assedio. I crociati sostituirono l‟Impero Bizantino con l‟Impero Latino d‟Oriente, il quale tuttavia ebbe vita breve e finì per essere riconquistato da Michele Paleologo, un nobile Bizantino.
  16. 16. CROCIATE MINORI La quinta, la sesta, la settima e l'ottava crociata non ebbero molta importanza: i crociati subirono altre sconfitte o, nel migliore dei casi, scendevano a patti coi turchi prima ancora di dare battaglia; e questo nonostante che i mongoli si fossero alleati con loro contro turchi e arabi. Il fatto è che dopo la quarta crociata non v'era quasi più nessuno in Occidente disposto a partecipare a spedizioni lontane e pericolose, per cui quando i crociati si trovavano in difficoltà non ottenevano mai gli aiuti e i rinforzi richiesti. L'episodio che segnò la fine delle Crociate in Oriente e il crollo del regno di gerusalemme fu la battaglia di San Giovanni d‟Acri, in cui i musulmani sconfissero le ultime resistenze cristiane in terrasanta.
  17. 17. Video riguardante la fine delle crociate
  18. 18. Bilancio delle Crociate 1) Il risultato di maggior rilievo fu la conquista delle vie commerciali mediterranee, che prima erano controllate da Bisanzio e dai paesi arabi. 2) Le città dell'Italia settentrionale (Venezia, Genova e Pisa) assunsero un ruolo dominante nel commercio con l'Oriente. 3) Si introdussero in Europa occidentale nuove industrie e manifatture e nuove colture agricole. Compaiono i mulini a vento, sul tipo di quelli siriani.
  19. 19. 4) La classe dei feudatari vede aggravarsi la propria crisi, sia perché ha impiegato molte risorse ottenendo scarsi vantaggi, sia perché si è rafforzata una nuova classe, la borghesia, ad essa ostile. 5) Le classi popolari, sacrificatesi senza ottenere alcuna contropartita, si orienteranno verso religioni eretiche, ispirate all'uguaglianza evangelica. 6) I crociati distrussero le ultime tracce di fratellanza tra cattolici e ortodossi; saccheggiando Costantinopoli, aprirono le porte agli invasori turchi.
  20. 20. Conclusioni Nel suo insieme l'Europa occidentale ha capito l'importanza del denaro con le crociate medievali; e, di queste, la più importante è stata la quarta, che ha permesso ai veneziani di monopolizzare i traffici sul Mediterraneo orientale per circa due secoli, fatta salva la compartecipazione della Francia, che aveva sostenuto il principale sforzo bellico contro i bizantini e i musulmani. Senza crociate, molto probabilmente in Europa occidentale sarebbero scoppiate innumerevoli guerre sociali e civili, molte di più di quelle che
  21. 21. Fonti • Wikipedia.it • Homolaicus.com • Medievale.it • ‘La Discussione Storica’ di De Bernardi e Guarracino • Immagini da Google Immagini • Video dal canale Youtube ‘LoStorico1’ Scritto Da •Michele Mascherpa •Stefano Benedetti •Lorenzo Girani •Riccardo Beccaria

×