Benedetto Ferrari detto Dalla Tiorba, Composer and Musician
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Benedetto Ferrari detto Dalla Tiorba, Composer and Musician

on

  • 249 views

Source: Treccani

Source: Treccani

Statistics

Views

Total Views
249
Views on SlideShare
248
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Benedetto Ferrari detto Dalla Tiorba, Composer and Musician Benedetto Ferrari detto Dalla Tiorba, Composer and Musician Document Transcript

  • 12/12/13 Ferrari Benedetto Detto Dalla Tiorba in Dizionario Biografico – Treccani ENCI CLOPEDI A SCUOLA REPETI TA WEB TV Enciclopedia MAGAZ I NE Vocabolario Sinonimi COMMUNI TY I STI TUTO CATALOGO Login Registrati Dizionario Biografico degli I taliani ferrari benedetto detto dalla tiorba Home Dizionario Biografico (0) Ferrari Benedetto Detto Dalla Tiorba FERRARI, Benedetto, detto dalla Tiorba CO ND IV ID I Dizionario Biografico degli Italiani - Volume 46 (1996) di Luca Della Libera FERRARI, Benedetto, detto dalla Tiorba. - Nacque a Reggio Emilia in data non precisabile tra la fine del secolo XVI e l'inizio del successivo. Secondo il -Tiraboschi, si tratterebbe del 1597, dato che nei libri camerali di Modena la morte del F. risulta riportata nel 1681 "in età di 84anni". Ma nel ritratto inserito nella raccolta delle Poesie drammatiche del 1644appare l'iscrizione "Benedictus Ferrarius aetatis ann. XXXX": la nascita del F. allora dovrebbe essere assegnata al 1604. Il Tiraboschi, peraltro, riteneva possibile che il medesimo ritratto con l'iscrizione fosse stato inserito anche nella prima edizione del libretto dell'Andromeda del1637, che egli non conosceva, e in effetti detto ritratto manca nella prima edizione del libretto. Il 1604 come probabile anno di nascita è confermato anche da un altro ritratto nella prima edizione del libretto La maga fulminata, del 1638, sotto il quale si legge "Benedictus Ferrarius aetatis ann. XXXIIII". I documenti sul suo soggiorno romano tra il 1617 e il 1618 al Collegio Germanico fanno pensare che all'epoca egli fosse molto giovane. Da essi sappiamo che al F. furono date somme di denaro non come salario (come avveniva per gli altri cantori), ma per acquistare vestiti, per liberare il padre dalla prigione e per intraprendere viaggi a Parma. Dal 1º genn. 1619 al 31 marzo 1623 fu musico al servizio della corte dei Famese a Parma: in questo periodo probabilmente fu attivo anche nella cappella musicale della cattedrale di Reggio Emilia: infatti un "Benedetto da Parma" viene menzionato in quella sede nelle liste dei cantori, nel 1618 e nel 1620. L'8 ag. 1623 scrisse una VOCE (conservata nell'Archivio di Stato di Modena) dalla CREA UN EBOOK CON QUESTA lettera (0) casa dello zio, governatore di Sestola (Lucca), ad Alfonso d'Este, offrendogli sue composizioni a due e a cinque voci, oggi perdute. Nel 1633 dedicò il suo primo libro di Musiche varie, per voce e basso continuo, al duca Francesco I d'Este (stampate a Venezia da Bartolomeo Magni). CATEGORIE BIOGRAFIE in Letteratura BIOGRAFIE in Musica Vedi tutte le categorie TAG benedetto boselli francesco manelli sestola claudio monteverdi pomezia giulio strozzi proserpina La prima rappresentazione dell'Andromeda (libretto del F. e musica di Francesco Manelli), avvenuta a Venezia il 1637 in occasione dell'apertura del teatro S. Cassiano, fu la prima occasione in cui un pubblico pagante fu ammesso in un teatro d'opera. Questo evento segna un punto cruciale della storia del melodramma, che fino ad allora si era manifestato solo in ambiti privati. Nell'Andromeda ilF. partecipò anche come strumentista "colla sua miracolosa Tiorba", come si legge nel libretto. Nello stesso anno pubblicò a Venezia il secondo libro delle Musiche varie, dedicato a Basilio Feilding, allora ambasciatore inglese a Venezia. Nel 1638, sempre al S. Cassiano, il F. e il Manelli collaborarono per l'allestimento de La maga fulminata (ripresa nel 1641 a Bologna al teatro Formagliari); la compagnia si sciolse e nel 1639 il F. scrisse sia il libretto sia la musica de L'Armida, per il teatro Ss. Giovanni e Paolo (ripresa a Piacenza nel 1650). Nel 1640 collaborò agli allestimenti bolognesi del Ritorno di Ulisse inpatria di C. Monteverdi e della Delia di Manelli (in quest'ultima suonando la tiorba). Probabilmente risale a questo periodo www.treccani.it/enciclopedia/ferrari-benedetto-detto-dalla-tiorba_(Dizionario-Biografico)/ 1/4
  • 12/12/13 Ferrari Benedetto Detto Dalla Tiorba in Dizionario Biografico – Treccani l'opera Ilpastor fido di cui il F. era librettista e compositore (il libretto fu stampato a Milano senza data). Nel 1640 lavorò per un terzo teatro veneziano, il S. Moisè, per il quale scrisse il Pastor regio (ripreso nuovamente a Venezia, a Bologna nel 1641 al teatro Guastavillani; poi a Milano, a Genova e a Piacenza). Nella versione bolognese (1641) del Pastor regio si trova il testo del duetto "Pur ti miro, pur ti godo", più tardi utilizzato per L'incoronazione di Poppea di Monteverdi. Nel 1641 il F. pubblicò a Venezia il terzo libro delle Musiche e poesie varie, dedicate all'imperatore Ferdinando III. Nel 1642, sempre per il S. Moisè, scrisse La ninfa avara, comprendente l'intermezzo La Proserpina rapita. Nel 1643 ritornò al teatro Ss. Giovanni e Paolo, componendo una parte del terzo atto de La finta savia (su libretto di G. Strozzi; gli altri atti di T. Merula, F. Laurenti e G. B. Crivelli); nello stesso anno e per lo stesso teatro scrisse Ilprencipe giardiniero. Nel 1644 furono pubblicati a Milano tutti i suoi libretti, raccolti in un volume dal titolo Poesie drammatiche. In occasione delle nozze tra Francesco I d'Este e Vittoria Farnese venne eseguito a Modena nel 1648 il suo balletto Vittoria d'Himeneo. In una lettera da Piacenza datata 3 apr. 1650 (conservata all'Archivio di Stato di Lucca), inviata al lucchese Ottavio Orsucci, il F. accenna ad una propria composizione: "L'Enone, che lei ha avuta da Bologna è stata una cattiva Enone per me, perché quel cavaliere, che m'ha fatta far la fatica della musica [C. Malvasia] non l'ha riconosciuta manco di parole, che niente costano: andarò con più riguardo per l'avvenire nel far servizio ad altric si tratta probabilmente della Enone abbandonata, il cuilibretto fu pubblicato a Bologna senza menzione degli autori. La datazione della lettera dovrebbe essere spostata al 1651, poiché il F. parla anche della rappresentazione di Alessandro vincitor di se stesso, musicata da P. Cesti, avvenuta a Venezia in quell'anno. Le cronache di Benedetto Boselli (conservate alla Biblioteca comunale di Piacenza, ms. Pallastrelli, n. 126, p. 203) citano una rappresentazione de L'Egisto (libretto di G. B. Faustini), con musica del F., avvenuta a Piacenza il 22 genn. 1651. Dal 1ºluglio 1651 al 31 marzo 1653 il F. entrò al servizio della corte di Vienna, in qualità di strumentista nella cappella musicale dell'imperatore Ferdinando III, e con uno stipendio di 105 fiorini. Da una lettera inviata da Vienna all'Orsucci (Arch. di Stato di Lucca) sappiamo che arrivo nella capitale asburgica solo il 12 nov. 1651, dopo essersi fermato a Innsbruck e aver ricevuto doni dall'arciduca Ferdinando Carlo di Tirolo. Alla corte viennese il 12 febbr. 1652 venne rappresentata la sua Dafne in alloro, introduzione cantata a un balletto. Il 24 febbr. 1653 fu rappresentata a Ratisbona L'inganno d'amore, libretto del F. e musica di A. Bertali; lo stesso testo fu riutilizzato dal F. per la Licasta (musica del Manelli) rappresentata nel 1664 a Parma nel collegio dei nobili. Tornato in Italia, il 1ºsett. 1653 fu nominato maestro di cappella al servizio del duca Francesco I a Modena; nel 1656 andò in scena a Bologna, al teatro Formagliari, Gliamori di Alessandro Magno e di Rossane (libretto di G. A. Cicognini). Nel 1658 al teatro Nuovo di Modena venne rappresentata l'Erosilda (libretto di V. Vigarani). La presenza del F. a Parma nel 1660 è testimoniata dall'allestimento di due suoi lavori (su libretti di F. Berni) in occasione delle nozze tra Ranuccio II Farnese e Margherita Iolanda di Savoia: l'introduzione al balletto Le ali d'Amore e l'introduzione per un combattimento a cavallo La gara degli elementi. Il F. fu licenziato dal suo incarico modenese nel 1662 a causa di riforme economiche attuate dalla corte; nel 1674 il duca Francesco II riorganizzò l'attività musicale, ma inizialmente il F. fu escluso dalla riforma e scrisse in proposito una lunga lettera al duca (riportata dal Tiraboschi), nella quale si difende dalle accuse dei denigratori e chiede di essere riassunto; ciò avvenne il 1ºdicembre di quell'anno e il F. mantenne tale incarico fino alla morte, avvenuta a Modena il 22 ott. 1681. www.treccani.it/enciclopedia/ferrari-benedetto-detto-dalla-tiorba_(Dizionario-Biografico)/ 2/4
  • 12/12/13 Ferrari Benedetto Detto Dalla Tiorba in Dizionario Biografico – Treccani La sua produzione comprende inoltre l'oratorio IlSansone (conservato manoscritto presso la Biblioteca comunale di Modena, segnatura Mus. G. 74) e una raccolta di Poesie, pubblicate a Piacenza il 1651. Della sua produzione operistica sono rimasti solamente i libretti. Come librettista, il F. rappresenta uno dei maggiori punti di contatto tra la tradizione romana e il melodramma veneziano; nei suoi libretti sono presenti alcuni tra i caratteri più tipici dell'epoca: l'ambientazione mitologica (nell'Andromeda), i riferimential mondo cavalleresco e il gusto per l'intrigo (nella Maga fulminata e in Armida) e in generale la fastosità della messa in scena. Nella Maga fulminata è da rilevare l'introduzione di un personaggio comico, Scarabea, che sarà poi il prototipo di molti altri nell'opera veneziana. Nelle Musiche varie è da notare il superamento della contrapposizione tra stile madrigalistico e stile arioso e quindi una diversa concezione della vocalità; nel primo libro il rapporto tra voce e basso continuo è di imitazione contrappuntistica, mentre nel secondo e nel terzo libro viene impiegato spesso il basso ostinato. Oltre che musicista in senso stretto, il F. fu uno dei più attivi impresari e organizzatori delle compagnie teatrali di un'epoca in cui il teatro d'opera si prefigurava come struttura di tipo economico-imprenditoriale. Fonti e Bibl.: Archivio di Stato di Modena, Archivio segreto Estense, Cancelleria ducale, Archivio per materie, musiche e musicisti, b. 1/A; Archivio di Stato di Lucca, Magistrato de Segretari, Scritture, 82;Milano, Biblioteca del Conservatorio "G. Verdi", UfficioFondi musicali (URFM), per le schede relative alla produzione operistica. Le glorie della Musica celebrate dalla sorella Poesia, rappresentandosi in Bologna la Delia e l'Ulisse, Bologna 1640 (parzialmente riportato in W. Osthoff, Zur Bologneser Aufführung von Monteverdis "Ritorno di Ulisse" im Jahre 1640, in Anzeiger der Österreichischen Akademie der Wissenschaft in Wien, Philosophischhistorische Klasse, XCV[1958], pp. 155-160);C. Ivanovich, Mem. teatrali di Venezia, in Minerva al tavolino, Venezia 1681, pp. 391, 433 ss.; L. Allacci, Drammaturgia, Venezia 1755, pp. 86, 112, 453, 484, 495, 562, 607, 645, 844, 846, 896, 912;G. Tiraboschi, Biblioteca modenese, II, Modena 1782, pp. 265-271; V. Kochel, Die Kaiserliche Hof-Musikkapelle in Wien von 1543-1867, Wien 1869, p. 61; A. Schering, Geschichte des Oratoriums, Leipzig 1911, pp. 103-107; App. II, pp. XXVII ss.; H. Riemann, Handbuch der Musikgeschichte, Leipzig 1904-13, 11, 2, pp. 54 ss., 225 ss.; N. Pelicelli, Musicisti in Parma nel sec. XVII, in Note d'archivio, X (1933), pp. 122 ss., 234 s.; F. Vatielli, Operisti-librettisti dei secoli XVII e XVIII, in Riv. music. ital., XLIII (1939), pp. 315-331; R. Casimiri, "Disciplinamusicae" e "maestri di cappella" dopo il concilio di Trento, in Note d'archivio, XIX (1942), pp. 122 s.; A. Rapetti, Ilteatro ducale nel palazzo Gotico, in Boll. storico piacentino, XLVI (1951), p. 48; F. Hadamowsky, Barocktheater am wiener Kaiserhof. Mit einem Spielplan (1625-1740), in Jahrbuch der Gesellschaft für wiener Theaterforschung 1951/52, Wien 1955, p. 70; G. Roncaglia, La cappella musicale delduomo di Modena, Firenze 1957, pp. 161, 166; J. Racek, Stilprobleme der italienischen Monodie, Praha 1965, pp. 12, 102, 112, 170 ss., 209; P. Petrobelli, L'Ermiona di Pio Enea degli Obizzi ed i primi spettacoli d'opera veneziani, in Quaderni della Rassegna musicale, III (1965), pp. 125 ss.; Id., Manelli: documenti e osservazioni, in Chigiana, XXIV (1967), pp. 43 ss.; W. Osthoff, Maschera e musica, in Nuova riv. mus. ital., I (1967), pp. 16 ss.; T. D. Culley, Jesuits and music: a study of the musicians connected with the German College in Rome during the 17th century..., Roma 1970, pp. 145 ss., 367; G. Casali, La cappella musicale della cattedrale di Reggio Emilia all'epoca di Aurelio Signoretti, in Riv. ital. di musicol., VIII (1973), p. 196; N. Pirrotta, Storia dell'opera dalle origini al 1645, Roma 1973, pp. 43 ss.; L. Bianconi-Th. Walker, Dalla "Finta pazza" alla "Veremonda", in Riv. ital. di musicol., X (1975), pp. 430 ss.; Storia dell'opera, diretta da A. Basso, Torino 1977, III, 2, ad Ind.; Bibliografia della musica italiana vocale profana pubblicata dal 1500 al 1700, I, Pomezia, 1977, pp. 615 ss.; L. Bianconi, IlSeicento, Torino 1982, pp. 182, 188, 193-196, 224 s.; A. Magini, Le monodie di B. F. e "L'incoronazione di Poppea": un rilevamento stilistico www.treccani.it/enciclopedia/ferrari-benedetto-detto-dalla-tiorba_(Dizionario-Biografico)/ 3/4
  • 12/12/13 Ferrari Benedetto Detto Dalla Tiorba in Dizionario Biografico – Treccani comparativo, in Riv. ital. di musicol., XXI (1986), pp. 260-291; F.-J. Fétis, Biogr. univ. des musiciens, III, pp. 211 s.; R. Eitner, Quellen-Lex. der Musiker..., III, p. 422; Die Musik in Gesch. und Gegenw., IV, pp. 71 ss.; Enc. del lo spett., V, coll. 187 s.; F. Stieger, Opernlexicon, II, p. 332; III, p. 291; The New Grove Dict. of music and musicians, VI, pp. 490 ss.; Diz. encicl. univ. della musica e dei musicisti, II, Le biografie, pp. 741 s.; C. Sartori, Ilibretti ital. a stampa dalle origini al 1800, ad Indices. I nvia articolo Pubblica sul tuo blog o sito Segnala alla redazione Torna sopra L'ISTITUTO L'ENCICLOPEDIA ALTRE RISORSE NETWORK Profilo Scienz e s ociali e Storia Scuola Speciale Verdi Attività culturali Arte, Lingua e Letteratura Webtv Speciale Machiavelli Biblioteca Sport e Tem po libero Magaz ine Atlante Geopolitico Archivio s torico Scienz e naturali e Matem atiche Com m unity Facebook Contatti Tecnologia e Scienz e applicate Catalogo Tw itter Elenco delle Opere Ras s egna s tam pa Y outube Treccani © All rights Res erved Partita Iva 00892411000 Term ini e condiz ioni Condiz ioni d'us o www.treccani.it/enciclopedia/ferrari-benedetto-detto-dalla-tiorba_(Dizionario-Biografico)/ Privacy policy Aiuto Redaz ione Credits Feed Rss 4/4