please take care of the environment www.italianfoodisbetter.it           ha       acuore il nostro Pianeta e vi invita...
Concorso IdeaTre60“Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana                ...
Mattia RoselliniNato a Lecco il 7 Luglio 1985, consegue nel 2007 la laurea in Ingegneria delleTelecomunicazioni presso il ...
Documento di Indirizzo Tecnico        Concorso IdeaTre60  “Alimentarsi bene, vivere meglio”               www.italianfoodi...
TABLE OF CONTENTS1     DOCUMENT CONTROL SECTION ............................................................. 3    1.1   V...
1 DOCUMENT CONTROL SECTION1.1       Version History Status        Version               Author                  Change des...
2 INTRODUZIONE2.1       Questo Documento d’Indirizzo TecnicoIn questo documento il gruppo presenta, per come l’ha organica...
 Il valore nutrizionale dei prodotti tipici e la loro capacità di contribuire a un regime alimentare   consapevole e appr...
3 OBIETTIVI e AMBITO DEL PROGETTOLa soluzione proposta dati i requisiti del bando e i vincoli di costo, è quella di un por...
referenti per l’educazione sanitaria perché stimolino l’iscrizione al sito degli studenti, nel secondopartecipare come par...
4 CONTENUTI DI WWW.ITALIANFOODISBETTER.ITNel prossimo capitolo si descrivono separatamente i contenuti di www.italianfoodi...
4.2.1    Utente Privato            Profilazione Utente ObbligatoriaSono dati minimi che l’utente deve inserire per la reg...
4.2.1    Utente ProfessionistaPer la registrazione dell’utente professionista, ai cui referenti tecnici spetteranno utenze...
Il fatto di selezionare una action la porrà in stato pending, e scatenerà un sistema di alert via e-mail che ricorderà all...
NOTA IMPORTANTE: I Prodotti potranno essere segnalati da utenti privati o professionisti, maverranno approvati e pubblicat...
Scegliendo tra i tool open source si potrà usare per la composizione dei PDF iText(http://itextpdf.com/) e si utilizzerà u...
I temi saranno quelli del sito, arricchiti se possibile da collaborazioni professionali. Sarà possibileche partner certifi...
5 SOLUZIONE PROPOSTA5.1       Architettura softwareIl core business dellidea è basato su un portale web accessibile al pub...
5.3        Matrice dei requisiti                                   OUT OF SCOPE la compilazioneNro         Business       ...
filtri e inserisca nel database la conoscenza culinaria così come pensata nella ideazione delportale.                    5...
del 60% la parte esternalizzabile e ipotizzando un risparmio del 30% sui costi, si libererebberoulteriori 3.500€.        ...
www.italianfoodisbetter.it                                                               Good Practice is on the table    ...
Questo Documento       In questo documento presentiamo un ipotetico design           delle pagine e del sito nel suo compl...
Mappa dei Contenuti    www.italianfoodisbetter.it                                                                   MAIN P...
StoryBoard – My Home Page   Logo del   Portale, Titolo e                                                                  ...
StoryBoard – Un Mondo di Gusto   Mappa del tipo                                                                           ...
StoryBoard – Il Cuoco in Linea   Pannello per                                                                             ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Www.Italianfoodisbetter.It

314 views
276 views

Published on

This is our presentation for Idea360 Contest "Alimentarsi Bene, Vivere Meglio". With this project we reached final phase of that Contest.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
314
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Www.Italianfoodisbetter.It

  1. 1. please take care of the environment www.italianfoodisbetter.it ha acuore il nostro Pianeta e vi invitaa fare altrettanto, evitando distampare queste pagine a menoche non sia necessario.Differentemente pensate all’opportunità distampare su entrambe le facciate e conuna saturazione dell’inchiostro con qualitàBozza. Buona (video)lettura  Il team please take care of the environment 
  2. 2. Concorso IdeaTre60“Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana www.italianfoodisbetter.it Good Practice is on the table Federico Demartini Nato a Milano il 24 Febbraio 1983, ha conseguito la laurea Triennale in Fisica presso l’università degli Studi di Milano. Impiegato dal giugno 2008 in Accenture SpA, è staffato sul progetto ENSI/H3G Italy nel team di Training&Documentation, di cui è diventato leader pochi mesi fa. Tra i suoi interessi spiccano le nuove tecnologie per la comunicazione e i temi di Innovation nell’ambito IT, ma anche la politica e l’economia. Dopo aver creato il team e aver presentato il concorso ai membri, durante il lavoro al progetto si è occupato della coordinazione delle attività, raccogliendo e organizzando i requisiti per indirizzare le stime tecniche. Eugenio Demartini Nato a Milano il 24 febbraio 1983, ha conseguito la laurea Magistrale in Scienze Alimentari presso l’Università degli Studi di Milano nel luglio 2008. Attualmente è dottorando nella Scuola Internazionale Innovazione Tecnologica per le Scienze Agroalimentari e Ambientali (Curriculum di Economia Aziendale e Politica Economica Agraria), occupandosi di comportamento del consumatore e politiche per la sostenibilità della produzione agricola. Collabora, su tematiche di comunicazione, con Archeodomani SAS società che opera per la valorizzazione e gestione dei beni culturali nella città di Roma. Nel gruppo si è occupato della predisposizione degli indici di salute alimentare e, assieme ad Alessandro Tomasi, dei contenuti interattivi del portale. Alessandro Tomasi Nato a Milano il 5 Agosto 1983, consegue la laurea con lode in Strategia della Marca e del Consumatore presso l’Università IULM di Milano. Specializzato in strategie di Internazionalizzazione, lavora in Conserve Italia (Cirio, Valfrutta, Yoga, Derby, ecc..) dal 2007, dove ha ricoperto il ruolo di Junior Export Brand Manager e Junior Export Area Manager. Attualmente è Export Area Manager con focus sui paesi dell’Est Europa. Nel gruppo si è occupato dell’individuazione dei contenuti del portale e del corretto indirizzamento della soluzione proposta perché ricoprisse un valore sociale. 1
  3. 3. Mattia RoselliniNato a Lecco il 7 Luglio 1985, consegue nel 2007 la laurea in Ingegneria delleTelecomunicazioni presso il Politecnico di Milano, e la specializzazione in Reti diTelecomunicazioni nel 2009.Dal 2009 lavora presso Accenture SpA, occupandosi principalmente di SystemsIntegration design in Italia e all’estero, con particolare riferimento a sistemi di CRMe applicazioni web, all’interno di progetti in società TELCO.All’interno del gruppo si è occupato dello studio della soluzionetecnologico/architetturale e del design della user experience insieme a FedericoDemartini e Matteo Merlanti.Matteo MerlantiNato a Milano il 26 Maggio 1984, ha conseguito la Laurea Triennale in Informaticapresso lUniversità degli Studi di Milano. Attualmente è iscritto alla LaureaSpecialistica in NetEconomy presso lUniversità degli Studi di Trento.Durante il percorso formativo ha sempre svolto attività di consulenza informatica (inSPM Consulting nell’IT a supporto delle grandi opere di ingegneria civile).In questo momento collabora al progetto di ricerca internazionale OKKAM sulsemantic-web, cofinanziato dalla commissione europea, su cui sta sviluppando lapropria tesi di Laurea Magistrale indirizzata alla valutazione di una nuova soluzionebusiness per lmGovernment.Nel gruppo si è occupato in particolare dellidentificazione di add-on complementarial core business del progetto e delle valutazioni degli economics di sviluppo delportale. 2
  4. 4. Documento di Indirizzo Tecnico Concorso IdeaTre60 “Alimentarsi bene, vivere meglio” www.italianfoodisbetter.it Good Practice is on the tablevenerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italiansfoodisbetter.it - Good Practice is on the table
  5. 5. TABLE OF CONTENTS1 DOCUMENT CONTROL SECTION ............................................................. 3 1.1 VERSION HISTORY .......................................................................................................3 1.2 REFERENCE DOCUMENTS .............................................................................................32 INTRODUZIONE......................................................................................... 4 2.1 QUESTO DOCUMENTO D’INDIRIZZO TECNICO....................................................................4 2.2 IL CONCORSO .............................................................................................................43 OBIETTIVI E AMBITO DEL PROGETTO ..................................................... 6 3.1 TARGET DEL PROGETTO ...............................................................................................6 3.2 ALTRE NOTE INTRODUTTIVE ..........................................................................................74 CONTENUTI DI WWW.ITALIANFOODISBETTER.IT ................................... 8 4.1 DESIGN DELLA PAGINA .................................................................................................8 4.2 UTENTE .....................................................................................................................8 4.2.1 Utente Privato ....................................................................................................9 4.2.1 Utente Professionista ........................................................................................ 10 4.3 ACTION & PUNTEGGI.................................................................................................. 10 4.4 CONTENUTO 1: UN MONDO DI GUSTO........................................................................... 11 4.4.1 Scheda prodotto ............................................................................................... 11 4.4.2 Scheda Evento ................................................................................................. 12 4.4.3 Luogo del Gusto ............................................................................................... 12 4.5 CONTENUTO 2 – IL CUOCO IN LINEA ............................................................................. 12 4.6 CONTENUTO 3 – ATTENTO A COSA MANGI ..................................................................... 13 4.7 CONTENUTO 4 – NEWS............................................................................................... 13 4.8 CONTENUTO 5 – FORUM&CHAT ................................................................................... 13 4.9 CONTENUTO 6 – ALTRO .............................................................................................. 145 SOLUZIONE PROPOSTA ..........................................................................15 5.1 ARCHITETTURA SOFTWARE ......................................................................................... 15 5.2 ARCHITETTURA HARDWARE ......................................................................................... 15 5.3 MATRICE DEI REQUISITI .............................................................................................. 16 5.4 FATTIBILITÀ ECONOMICA............................................................................................. 16 5.4.1 Stime Economiche ............................................................................................ 17venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  6. 6. 1 DOCUMENT CONTROL SECTION1.1 Version History Status Version Author Change description Date 1.0 Federico Demartini1.2 Reference documents Author Title VersionE. Demartini e Presentazione GruppoaltriF. Demartini Storyboard_SiteMapvenerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  7. 7. 2 INTRODUZIONE2.1 Questo Documento d’Indirizzo TecnicoIn questo documento il gruppo presenta, per come l’ha organicamente sviluppata, la propria Idea;esso non vuole né sostituire un’analisi di fattibilità, né esprimere i requisiti della soluzione, bensìproporre tramite esempi ciò che si vorrebbe realizzare.Il lettore che si chiedesse il perché di un simile documento, consideri che da una parte è statonecessario per tenere le fila di un lavoro compiuto da persone con background differenti, edall’altra utile per trasformare dei contenuti in qualcosa di più vicino a una specifica tecnica, inmodo da poter dare un indirizzo coerente alla soluzione.2.2 Il ConcorsoL’occasione di lavoro attorno alla soluzione esposta in questo documento è il concorso per idee“Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana promossoda Fondazione Italiana Accenture in collaborazione con il Museo Nazionale della Scienza e dellaTecnologia Leonardo da Vinci.Il tema del concorso è lo sviluppo della varietà alimentare, innanzitutto a tutela della salute,utilizzando come leva motrice principale il patrimonio alimentare italiano, senza dubbio specialeal mondo per le proprie tipicità ed eccellenze.“Questo concorso per idee mira a raccogliere proposte progettuali di sistemi e strumentieducativi1:  originali e innovativi;  che sfruttino anche (non necessariamente in via esclusiva) le tecnologie informative avanzate come fattore abilitante;  che siano in grado di raggiungere, in maniera semplice e immediata, ampi strati di popolazione, senza essere limitate a specifici ambiti scolastici o universitari;  che possano aggiornarsi e arricchirsi di contenuti nel tempo;  che consentano l’eventuale e graduale aggregazione di nuovi soggetti (persone fisiche od organizzazioni pubbliche e private) come fornitori di contenuti e servizi;con l’obiettivo di diffondere la conoscenza, informare e formare su:  La diversità alimentare italiana in termini di prodotti, territori e caratteristiche. Citato testualmente da: “Regolamento del Concorso a Premi On Line - “Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare allaricchezza e varietà alimentare italiana” http://www.ideatre60.it/node/3707venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  8. 8.  Il valore nutrizionale dei prodotti tipici e la loro capacità di contribuire a un regime alimentare consapevole e appropriato rispetto ai fabbisogni diversi di persone diverse, nelle varie fasi e condizioni della vita, e rispetto agli stili di vita individuali.  L’importanza di un corretto regime alimentare non solo come forma di prevenzione e cura di numerose patologie, ma anche come elemento essenziale per migliorare la qualità generale della propria vita.  Il riconoscimento e l’apprezzamento a livello gustativo, organolettico e sensoriale di un’ampia gamma di categorie di prodotti alimentari tipici. A titolo esemplificativo e non esaustivo: prodotti vegetali, lattiero caseari, insaccati e salumi, olii, vitivinicoli, dolci, mieli e marmellate, pasta e prodotti da forno.  La capacità di interpretare le relazioni tra i prodotti in questione e le caratteristiche dei territori che li esprimono. Caratteristiche quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, quelle geografiche, climatiche, tecnologiche, storiche, sociali, culturali, economiche.”venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  9. 9. 3 OBIETTIVI e AMBITO DEL PROGETTOLa soluzione proposta dati i requisiti del bando e i vincoli di costo, è quella di un portale,www.italianfoodisbetter.it, di contenuti riguardanti l’alimentazione e la varietà alimentare italianapiù in generale.www.italianfoodisbetter.it vuole unire i contenuti di un sito web ampio e attendibile, presentandosicome un riferimento affidabile per gli utenti, con quelli vivi di una community che risponde alleesigenze della singola persona che vi accede. Il tutto per rispondere all’esigenza di unengagement efficace e duraturo, forse unico fattore che possa garantire la positiva riuscita di unasimile soluzione.L’utente, che dovrà loggarsi al portale con utenza personale profilata secondo quanto egli stessovorrà fornire, troverà sul sito consigli alimentari pratici e schede di prodotti da assaggiare, unforum con cui discutere con gli altri utenti, strumenti che lo aiutino ad intraprendere un divertentepercorso di miglioramento del proprio lifestyle per quanto riguarda le abitudini alimentari. Il portalevuole proporsi come un valido sostituto ai metodi, spesso frustranti e ripetitivi, delle diete, peraltronon sempre alla portata di persone che non hanno tempo nemmeno per pensare seriamente dirivolgersi ad un professionista per cambiare la propria alimentazione.Il tutto avverrebbe proponendo come un gioco, serio ma non serioso, il momento di gioia delmangiare e dello scoprire cosa si mangia o si potrebbe/dovrebbe mangiare. I meccanismipremianti di azioni facili, ma da intraprendere scientemente, diventerebbero parte integrante di unmondo di contenuti che diventano capaci di parlare all’utente proprio perché esso li può vivere.Riteniamo inoltre che italianfoodisbetter.it possa permettere ai soggetti promotori (FondazioneItaliana Accenture in primis, ma anche il Museo della Scienza della Tecnica e altri enti eorganizzazioni che collaborano nell’organizzazione del Concorso) di intercettare disponibilità dilavoro su temi comuni, diventando punto di contatto con nuovi partner per future possibilicollaborazioni (vedi paragrafo 4.2 Utente).Nei paragrafi successivi daremo visibilità del target cui l’iniziativa potrebbe essere rivolta e allemodalità di gestione proposte per un portale come questo, mentre nel capitolo 4. CONTENUTI D,affronteremo nel dettaglio i contenuti minimi dello stesso.3.1 Target del ProgettoIl target del progetto sono, teoricamente, tutti gli utenti del web; si possono però individuarespecifici gruppi di persone cui il portale si rivolga con maggiore attenzione.Pensiamo a gruppi di persone omogenei per età, stili di vita, cultura, etc., a cui il sito possaessere facilmente presentato come parte integrante di un percorso formativo o come risorsa utileall’interno di un più ampio progetto di attività nella società italiana.Sicuramente sono un possibile target le scuole dell’istruzione primaria e secondaria (i più piccolipotrebbero essere coinvolti tramite l’utilizzo del gioco, leva centrale dell’educazione alimentare initalianfoodisbetter.it), piuttosto che i partecipanti a fiere sull’alimentare o sulle “buone pratiche”,aziende che vogliano proporlo alle proprie risorse; nel primo caso si potrebbe coinvolgere ivenerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  10. 10. referenti per l’educazione sanitaria perché stimolino l’iscrizione al sito degli studenti, nel secondopartecipare come partner degli eventi proponendo il portale in stand o corner appositamenteallestiti.NOTA: Riteniamo sia fuori dalle richieste del Bando indicazioni più precise in questo senso, chesicuramente i Promotori stessi del concorso possono fare in miglior modo. Allo stesso modo, noncrediamo siano da stimare gli impatti tecnici riguardanti stime di traffico, accessi, numero diutenze e storage che possano dipendere dal target cui l’iniziativa sarebbe rivolta; tali stimerimangono fuori dalla fattibilità economica del progetto anche perché riguardanti la maintenance(vedi paragrafo successivo).3.2 Altre Note IntroduttiveÈ fondamentale notare che una soluzione come quella proposta in questo documento prevede lagestione di italianfoodisbetter.it tramite un’attività non solo di maintenance tecnica, ma ancheRedazionale sui contenuti.Di qui in avanti faremo riferimento alla Redazione come al gruppo che si occuperà dello stessoper quanto riguarda l’aggiornamento delle sezioni, la “certificazione” e la cura dei rapporti coneventuali partner, le decisioni che potranno essere prese a valle del rilascio in produzione del sitoper successive release, e in generale tutto ciò che riguarderà la vita del sito.Sottolineiamo che in questo documento verranno descritte, e stimate negli economics delprogetto, le attività di analisi, sviluppo e test del portale fino al go live. Riguardo i costi di gestioneannuale si proverà ad ipotizzare un suo funzionamento a regime e su quello si produrrannoaltrettante stime di spesa.venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  11. 11. 4 CONTENUTI DI WWW.ITALIANFOODISBETTER.ITNel prossimo capitolo si descrivono separatamente i contenuti di www.italianfoodisbetter.itindicandone natura e integrazione reciproca.Si prediligerà una descrizione legata alla user experience poiché si ritiene che essa sia il punto diforza della soluzione proposta, l’idea è che sarà l’utilizzo del portale a garantire un engagementrapido, in modo che l’utente trovi subito interessante e/o attraente il sito, e allo stesso tempoduraturo, così da non perdere gli utenti nel tempo.4.1 Design della PaginaLa pagina di www.italianfoodisbetter.it è pensata per essere auto intuitiva, l’utente deve trovarsi aproprio agio all’interno di un sito che lo guidi all’interno di un’esperienza coinvolgente epremiante.Per questo si deve puntare a evocare il design di siti noti al grande pubblico (struttura a tab comefacebook, sezioni di contenuti in aggiornamento e disegnate come i quotidiani on line, possibilitàdi ricerca come Google, etc.) unendolo alle esigenze di una comunicazione seria ma giocosa,che punti a comunicare affidabilità nella leggerezza.Produciamo a titolo esclusivamente d’esempio un possibile mock up della home page. Siconsideri inoltre che in massima parte le considerazioni di design andranno fatte assieme allevalutazioni più approfondite riguardo la user experience.[HOME dell’utente con i vari Tab che sono le pagine specifiche dei contenuti]4.2 UtenteL’utente sarà al centro del portale, ma non sentire su di sé il peso di avere aperto un mondo dicontenuti che vogliono in qualche modo modificarne, o indirizzarne, abitudini tanto importantiquanto quelle alimentari. È per questo che, pur tenendo l’utente al centro della descrizione deicontenuti e della loro possibile integrazione, si vuole renderlo minimo, profilandolo a layersuccessivi che si sovrappongano a un’utenza minima, e tenendolo in contatto diretto con ilportale solo se esso stesso vuole.È inoltre considerata l’opportunità che gli utenti si possano registrare liberamente, come fruitoridei contenuti, o previa registrazione e certificazione della Redazione, come professionisti ecollaboratori (a titolo d’esempio: produttori diretti o distributori di prodotti alimentari per quantoriguarda la segnalazione delle eccellenze del territorio, onlus e/o enti di ricerca operanti nelsettore per curare sinergicamente news ed eventi2).2 Tra gli utenti professionisti potrebbero figurare i partner, dando forza a legami già presenti o creandone di nuoviponendo il lavoro sinergico sul portale quale primo punto di contatto.venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  12. 12. 4.2.1 Utente Privato  Profilazione Utente ObbligatoriaSono dati minimi che l’utente deve inserire per la registrazione al sito, potendoli successivamentemodificare. Servono per dare un veloce prospetto della propria situazione comportamentale dalpunto di vista dietetico/alimentare.ANAGRAFICA  Username / Password [liberi]  E-mail di registrazione [a cui mandare mail di conferma]  Sesso [M/F]  Nato a [Da menu a tendina: Nazione, se Italia anche Regione, Comune]  il [calendario da cui scegliere la data]  Residente in [Nazione, se Italia anche Regione, Comune]ALIMENTARE  Altezza [cm]  Peso [kg]  Professione [Da menu a tendina]  Attività fisica settimanale [Da menu a tendina: Quale, quante volte la settimana]Le prime due servono per il calcolo dell’Indice di Massa Corporeo, tutte quattro assiemepermettono di definire il Fabbisogno Calorico Giornaliero.  Profilazione Utente OpzionaleAltri dati che l’utente può liberamente fornire al portale permettono una profilazione migliore e unmigliore screening comportamentale.ANAGRAFICA  Gruppo di appartenenza [è pensabile che l’utente si registri come appartenente ad un gruppo registrato sul portale, dunque come studente di una scuola, piuttosto che dipendente di un’azienda]  Altri dati comportamentali [TBD: da definire secondo i contenuti?]ALIMENTARE  Scheda sulle abitudini alimentari [basata sulla piramide alimentare, cosa e quante porzioni alla settimana mangi]  Scheda sulle abitudini alimentari enhanced [elenco dei pasti e mappatura della dieta giornaliera]venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  13. 13. 4.2.1 Utente ProfessionistaPer la registrazione dell’utente professionista, ai cui referenti tecnici spetteranno utenze con grantsimili all’Admin, il lato più oneroso è sicuramente quello di certificazione e cura delle relazioni conla Redazione online del portale.La proposta è creare un disciplinare interno che ponga criteri rigidi di selezione dei partner inmodo da farne efficace strumento di certificazione. Tale disciplinare potrebbe inoltre essere utileper garantire affidabilità a italianfoodisbetter.it e ai suoi Contenuti specifici, tradotto in marchio,diventerebbe il veicolo principe dell’iniziativa al di fuori del web.A titolo d’esempio, gli utenti professionisti, opportunamente profilati, potrebbero gestire interesezioni del sito (news o chat live con professionisti del settore alimentare), oppure dare visibilitàsul sito dei propri prodotti.4.3 Action & PunteggiL’utente del portale sarà accompagnato da due punteggi che ne seguiranno la vita sullo stesso.Tali punteggi non vogliono in alcun modo esaurire l’esperienza dell’utente, bensì integrarlafornendo una risposta soddisfacente e stimolante di fronte alle proposte che il sito gli presenta.  Punteggio AUno dei punteggi è legato a criteri sanitari quali l’Indice di Massa Corporea e il FabbisognoCalorico Giornaliero, recuperati dai dati anagrafici forniti alla registrazione e continuamentemodificabili dall’utente stesso, confrontati allo stile di vita reale, anch’esso recuperato da datiforniti liberamente dall’utente. In questo senso chi entra nel portale potrà avere visione di quale èil suo comportamento alimentare tramite parametri di valutazione comuni e che hanno uncollegamento diretto con il mondo “reale”.  Punteggio BL’altro punteggio è legato alle azioni che intraprende prendendo spunto dai consigli forniti dal sito.Vedremo nei capitoli legati ai contenuti alcuni di questi consigli, che verranno integrati da actionmisurabili e realistiche3 che verranno presentate in maniera simpatica e interattiva, liberamenteselezionabili da un elenco fornito dalla Redazione.Tali action saranno descritte in poche frasi e saranno semplici consigli di stile alimentare, volti amigliorarlo grazie ad una maggiore variabilità e coscienza nelle scelte. Saranno divise perdifficoltà e, decidendo di intraprenderle, l’utente potrà selezionare anche un tempo entro il qualesi propone di realizzarle. Non si esclude che le singole action possano essere linkate ad altricontenuti del sito.3 Secondo dei criteri ampiamente condivisi nel project management che crediamo poter naturalmente espandere alcontesto, le action saranno SMART(ER), ovvero Specific Measurable Achievable Realistic Time-bound (Enjoyable eReevaluate per meglio calibrarle). Web-Font: http://en.wikipedia.org/wiki/SMART_criteriavenerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  14. 14. Il fatto di selezionare una action la porrà in stato pending, e scatenerà un sistema di alert via e-mail che ricorderà all’utente l’obiettivo che si è dato. Appena dato seguito all’action, l’utente potràconfermarlo sul portale e conquistare i punti corrispondenti.A titolo d’esempio, una action facile potrebbe essere “Fare lo spuntino di metà mattina con unfrutto di produzione italiana” e l’utente potrà scegliere di farlo entro una settimana o un mese. Ilportale gli manderà una mail appena scelta la action e poi l’alert che glielo ricorda qualche giornoprima della scadenza del task.Entrambi questi punteggi saranno pubblicati nella home dell’utente, in una tabella che li presenticonfrontati con la media degli utenti del sito, di quelli della stessa città, della stessa età e, sel’utente appartiene ad un gruppo registrato, dello stesso gruppo.4.4 Contenuto 1: Un Mondo di GustoIl primo tab oltre la home si chiama Un Mondo di Gusto. Nella pagina si trova una mappainterattiva (e.g. GoogleMaps, ViaMichelin) che permette di visualizzare l’Italia secondo i prodottialimentari delle diverse zone.Saranno possibili due ricerche, aventi entrambe come driver le produzioni della nostra Penisola.  Per ProdottoL’utente potrà ricercare per tipologia di prodotto alimentare (es. pollo ruspante, acquaoligominerale, ricotta), per singolo prodotto (es. Culatello di Zibello, Aceto Balsamico di Modena)e/o per certificazioni (DOP, IGP, DOC, DOCG).  Per LocalitàL’utente potrà ricercare per Regione, Provincia o Comune.Qualsiasi sia la ricerca effettuata, il sistema ne mostrerà i risultati in due maniere: posizionandolisulla mappa e proponendoli come elenco di link alle Schede Prodotto, alle Schede Evento oLuoghi del Gusto. 4.4.1 Scheda prodottoLa Scheda Prodotto è la carta d’identità con cui è presentato un prodotto alimentare all’internodel sito. La Scheda contiene le informazioni, raggruppate e presentate all’interno di un templatedi rapida lettura, riguardanti il prodotto in modo da presentarlo all’utente perché sia invogliato aprovarlo e conoscerlo, in modo da poter variare la propria alimentazione all’interno di un percorsodi apprendimento semplice e gustoso.In queste schede saranno presenti il Nome del prodotto, la sua collocazione geografica (Regione,Provincia, Comune), le eventuali Certificazioni, Descrizione e Storia, Valori Nutrizionali,riferimenti ad Eventi o Luoghi del Gusto correlati, link alle Ricette (vedi par. 4.5 Contenuto 2 – IlCuoco in Linea) in cui possono essere utilizzati.venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  15. 15. NOTA IMPORTANTE: I Prodotti potranno essere segnalati da utenti privati o professionisti, maverranno approvati e pubblicati con la propria Scheda dalla Redazione del sito. 4.4.2 Scheda EventoLa Scheda Evento è il template in cui vengono presentati e raccolti gli eventi legati all’alimentaresul sito. Convegni, Fiere, Sagre ma anche momenti legati alla vita dei prodotti alimentari ingenerale ad esempio potranno essere segnalati l’inizio della vendemmia in Monferrato o dellamietitura del grano in Gargano.Se l’Evento è legato a qualche Prodotto in particolare, o piuttosto si tiene in un Luogo del Gustoregistrato a sistema, dei link permetteranno all’utente di navigare tra questi contenuti.NOTA IMPORTANTE: Gli Eventi potranno essere segnalati da utenti privati o professionisti, maverranno approvati e pubblicati con la propria Scheda dalla Redazione del sito. 4.4.3 Luogo del GustoAll’interno di www.italianfoodisbetter.it, sarà segnalato come Luogo del Gusto un qualsiasi puntoin cui l’utente può trovare un Prodotto o un Evento segnalato. Produttori diretti, rivenditori, maanche semplicemente il comune in cui risiede la DOP. Ovvie le referenze agli oggetti già presentinel sito.NOTA IMPORTANTE: I Luoghi del Gusto potranno essere segnalati da utenti privati oprofessionisti, oppure essere essi stessi utenti professionisti.4.5 Contenuto 2 – Il Cuoco in LineaAltro contenuto disponibile in www.italianfoodisbetter.it è il Cuoco in Linea, è in realtà uncompositore di PDF che, partendo dagli ingredienti che l’utente selezionerà, presenterà lui unaricetta o un intero menu in formato stampabile in modo da consentirne il salvataggio in locale o lastampa.Il PDF conterrà una sezione con logo e riferimento del sito, in modo da diventare veicolopubblicitario indiretto e da consentire una riconoscibilità del contenuto a chi successivamenteconsumerà le pietanze. Oltre che agli utenti privati, la feature può essere utile per piccoli e medioperatori nel campo della ristorazione (bar, tavole fredde, piccoli ristoranti) che possono variarela propria offerta alla clientela ottenendo gratuitamente un menu certificato.Questa feature avrà alla base il database dei Prodotti registrati sul sito, un database di Ricette incui questi possano essere utilizzati e un motore che le componga a formare un menu equilibrato4partendo dalle richieste fatte dall’utente. Parametri saranno il contenuto calorico e il rispetto della varietà alimentarevenerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  16. 16. Scegliendo tra i tool open source si potrà usare per la composizione dei PDF iText(http://itextpdf.com/) e si utilizzerà un template che segua regole di eco-sostenibilità (minimimargini e interlinea, stampa su due lati, disclaimer ecologico, etc.).L’utilizzo della funzionalità darà punti incrementando il punteggio B.4.6 Contenuto 3 – Attento a Cosa MangiIn questa pagina sono presentati contenuti educativi che cercano di indirizzare la dieta verso lavariabilità alimentare.L’utente avrà inoltre l’opportunità di stilare un diario giornaliero (gli sarà richiesto di dedicareattenzione alla funzionalità per un tempo minimo, e.g. una settimana) della dieta in modo dapoterne valutare i comportamenti e correggere i punti in cui si evidenzino le criticità. L’idea èquello che l’utente si metta alla prova da solo avendo come consigliere affidabile ma friendly ilportale.L’utilizzo della funzionalità permetterà di indirizzare i comportamenti in modo da variare icomportamenti dell’utente, che potrà compilare e/o modificare il form tramite il quale è computatoil punteggio A.In questo senso è raggiunto l’obiettivo, senza particolari frustrazioni da parte di chi si mette adieta, di educare a una sana e cosciente alimentazione.4.7 Contenuto 4 – NewsIn questa pagina saranno pubblicate le news relative al mondo dell’alimentare italiano, alcunepotranno fare riferimento ad altri contenuti del portale (e.g. Eventi, nuovi Prodotti o Partner di unacerta importanza), ma altre potranno essere notizie nel senso letterale della parola. Gli stessiutenti potranno segnalare qualcosa da pubblicare, che andrà live dopo essere stato approvatodalla Redazione.Con questo contenuto si vuole raggiungere un duplice obiettivo:  Raccogliere in un’unica vetrina le pubblicazioni sul web riguardanti l’alimentazione e l’educazione alimentare;  Fare rete stimolando la partecipazione di utenti privati e di professionisti partner del soggetto promotore.4.8 Contenuto 5 – Forum&ChatPer raccogliere l’esigenza di vita da community e dare risposta ad un trend ormai consolidatonella user experience quotidiana sul web, verrà creata anche un’area Forum&Chat, in cui gliutenti potranno aprire thread di discussione o partecipare ad altri aperti e moderati dallaRedazione.venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  17. 17. I temi saranno quelli del sito, arricchiti se possibile da collaborazioni professionali. Sarà possibileche partner certificati gestiscano autonomamente intere discussioni.A titolo d’esempio si può pensare che, in occasione di eventi particolarmente importanti ocomunque già noti nella società civile (Giornata Mondiale dell’Alimentazione, fiere o convegni), siorganizzino dibattiti online su questo tema, moderati da esponenti di Fondazione ItalianaAccenture e da partner che, tramite il portale, possano partecipare attivamente ad eventi diquesto genere.Altro scenario potrebbe essere il lancio di sondaggi mensili sui comportamenti alimentari, con ilpatrocinio di comitati misti di professionisti provenienti dal mondo del lavoro, della ricerca, delnoprofit.In questo contenuto vediamo realizzato un obiettivo centrale dell’iniziativa: il fare reteingaggiando efficacemente nuovi partner e abilitando, tramite uno strumento tecnologico,discussioni sinergiche. In questo caso un fare rete che libererebbe un valore sociale giàpresente, e in questo senso riconosciuto, in molte organizzazioni presenti sul territorio italiano, lequali potrebbero trovare in www.italianfoodisbetter.it un hub e un referente importante inFondazione Italiana Accenture.4.9 Contenuto 6 – AltroAltri contenuti che si potrebbero inserire e considerare in una fase successiva al primo rilasciosono le sezioni di:  E-Commerce  Applicazioni Smart-phone.Tali contenuti sono al momento OUT OF SCOPE perché non se ne riesce a valutare l’impatto digestione da parte del Soggetto Promotore e nemmeno risultano aggiungere un contributofondamentale per il raggiungimento di quanto richiesto nel Bando. Vengono segnalati comepossibili enhancement per attrarre nuovi utenti, completare la user experience e per il valorecommerciale che eventualmente potrebbero avere.venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  18. 18. 5 SOLUZIONE PROPOSTA5.1 Architettura softwareIl core business dellidea è basato su un portale web accessibile al pubblico, gestito tramiteunapplicazione web.Si intende realizzare tale portale utilizzando tecnologie freeware e open source per contenere icosti di realizzazione, dato che essi si riducono a quelli dovuti per lo sfruttamento delle soluzioniopen source secondo quanto previsto dalle licenze GNU specifiche dei singoli prodotti.La web application che gestirà il portale sarà perciò costituita da una classica architettura JavaEnterprise Edition, suddivisa nei seguenti layer:  Database: MySql Enterprise Server 5.1 Silver  Applicazione Web: Java Enterprise Edition 6  Interfaccia grafica: Java Server Pages 2.1  Application Server: JBoss.LIDE scelta per lo sviluppo e mantenimento dellapplicazione è Eclipse IDE for Java EEDevelopers, versione Galileo.Per il deploy di questa architettura software è stato pensata una soluzione di hosting inoutsourcing che permetta di non affrontare lacquisto dellhardware necessario allinstallazionedellapplicazione web e contemporaneamente garantire la scalabilità e laffidabilità necessarie adun sito esposto sul web. Daltra parte queste soluzioni, nate e tipiche per le applicazioni web,risultano ormai mature al punto da poter essere considerate una valida soluzione anche persoluzioni enterprise.Segnaliamo che la scelta dell’Application Server JBoss è passibile di revisione in fase di analisipiù dettagliata della soluzione. Si è preferito l’utilizzo del solo componente rilasciato dallaCommunity con licenza GNU LGPL5, piuttosto che quotare l’acquisto di un rilascio Enterprise dicui non si è riusciti a trovare il costo; volendone valutare uno, indichiamo la JBoss EnterpriseWeb Platform, che sembra offrire gli standard necessari senza scalare fino a soluzioni pensateper sistemi informativi che integrino più applicazioni e servizi.5.2 Architettura hardwareN/A nella soluzione di hosting in outsourcing.5 Per un riferimento veloce alle licenze per software libero: http://it.wikipedia.org/wiki/GNU_General_Public_License ehttp://it.wikipedia.org/wiki/GNU_Lesser_General_Public_License.venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  19. 19. 5.3 Matrice dei requisiti OUT OF SCOPE la compilazioneNro Business Descrizione Fattibilità NoteBR Requirement1 [stima di [divisi per le diverse fattibilità componenti del portale] nelle diverse componen ti del portale]25.4 Fattibilità EconomicaIl costo per lavviamento del progetto proposto è composto da due componenti principali:  sviluppo e pubblicazione del portale,  raccolta e inserimento delle informazioni sui prodotti, le ricette, la geografia del gusto e gli indici di sana educazione alimentare.A queste informazioni vanno poi aggiunte le news e gli eventi che in quanto tali rappresentanoperò lo step successivo allidentificazione della conoscenza culinaria nazionale e tendono aricadere quindi maggiormente sullaspetto di mantenimento e promozione del portale.Per quanto riguarda la progettazione, la soluzione è stata ideata per non essere particolarmentecomplessa nella realizzazione. È possibile infatti adottare in alcuni suoi aspetti soluzioni OpenSource (Forum&Chat, pdf composer del Cuoco in Linea), mentre la restante parte è composta dasezioni di consultazione e ricerca del database (News e Eventi, Scheda Prodotto e Luogo delGusto, Cuoco in Linea). Gli ambiti più delicati, e che quindi richiedono una maggiore attenzionenella stesura dei requisiti e nel loro sviluppo, sono la gestione dei punteggi degli utenti e lefunzionalità di educazione alimentare avanzata (Attento a Cosa Mangi), che però nel complessonon incidono in maniera così pesante da risultare un problema.Laspetto del portale su cui si ritiene necessario un attento sviluppo, e quindi un investimentoeconomico più cospicuo, è invece quello dellusabilità che darebbe alla soluzione proposta unamaggiore appetibilità e valore di utilizzo da parte degli utenti.Per dare particolare attenzione alla raccolta delle informazioni culinarie è poi necessarioorganizzare un’unità operativa atta allidentificazione di queste preziose informazioni, compostada un personale che, divisa nelle rispettive aree geografiche nazionali di competenza, rintracci,venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  20. 20. filtri e inserisca nel database la conoscenza culinaria così come pensata nella ideazione delportale. 5.4.1 Stime Economiche  Sviluppo e Pubblicazione del Portale: 62.500€Per lo sviluppo del portale immaginiamo di staffare una factory che comprenda 2 analisti, 3programmatori e 2 tester, a questi si affiancherebbero attività di consulenze per la grafica e lauser experience, aspetti troppo importanti per essere affrontati allinterno dello stream applicativostandard.I calcoli sono stati fatti pensando a un progetto della durata di 6 mesi, con un utilizzo alternatodelle risorse sui diversi task; ad esempio si pensa che gli analisti possano costare 2.000€/mese elavorare per un totale di 4 mesi, mentre programmatori e tester costare 1.200 – 1.500€/mese maessere impiegati per un tempo superiore.Queste le stime, cui è stato aggiunto un 20% di margine di sicurezza 6. Area Costo totale Consulenza e Analisi 19.400 € Sviluppo e Pubblicazione 32.600 € Infrastruttura Tecnologica 10.500 €  Raccolta e Inserimento delle Informazioni: 30.600€Unità da 3 persone più eventuali consulenze ad hoc. Area Costo totale Consulenza 3.000 € Staff Operativo 21.600 € Infrastruttura e Consumi 6.000 €Totale: 93.100€Il margine sui 100.000€ garantisce di poter spostare risorse su un centro eventualmente insofferenza o di allocare risorse specifiche per attività di promozione.Riteniamo inoltre si possano ridurre i costi portando allesterno alcune attività di test e sviluppo,sfruttando soluzioni di crowdsourcing7, ormai affidabili. A titolo desempio, quotando a un minimo6 I costi di Sviluppo e Pubblicazione comprendono, oltre al lavoro di sviluppo della web application, anche i costi perl’hosting dedicato e di Deploy.7 http://it.wikipedia.org/wiki/Crowdsourcingvenerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  21. 21. del 60% la parte esternalizzabile e ipotizzando un risparmio del 30% sui costi, si libererebberoulteriori 3.500€.  Gestione AnnualePer quanto riguarda i costi di gestione annuale sarà necessario contare, dall’anno successivo alrilascio:  Infrastruttura Tecnologica (10.500€/anno), i costi coprono però anche assistenza e maintenance nel caso di soluzioni in hosting e con l’acquisto dei rilasci enterprise dei software scelti per lo sviluppo;  una Redazione (5.000€/mese) di 3 risorse, una delle quali con skill tecnici che si possa occupare del sito da quel lato;  le spese vive e i consumi che quotiamo in 2.000€/mese;  eventuali spese per sviluppi successivi, che non siamo in grado di stimare a questo livello del progetto (con un analista e un programmatore/tester staffati per lavorare su release successive del portale si aggiungerebbero 3.500€/mese).Il totale di spese annuali sarebbe tra gli 80.000 e i 90.000€.venerdì, 25 giugno 2010 DIT – www.italianfoodisbetter.it - Good Practice is on the tablePlease take care of the environment, print only if necessary
  22. 22. www.italianfoodisbetter.it Good Practice is on the table Mock up SiteMap & Page DesignConcorso IdeaTre60 “Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana Giugno 2010
  23. 23. Questo Documento In questo documento presentiamo un ipotetico design delle pagine e del sito nel suo complesso. Il lettore lo consideri per quello che è, dunque un ausilio alla comprensione dell’Idea proposta e un possibile indirizzo realizzativo. Fuori dallo scope di questo documento sono l’analisi di usabilità del sito e il design, anche ad alto livello, delle funzionalità disponibili.Concorso IdeaTre60 “Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana Giugno 2010
  24. 24. Mappa dei Contenuti www.italianfoodisbetter.it MAIN PAGE Log In (external) About Us Contact Us Disclaimer Log In • Iniziativa Riferimenti per: • Utente privato base/enhanced • Soggetti promotori • Gruppi di utenti • Utente professionista • What’s new • Partnership My Un Mondo di News Il Cuoco in Attento a Forum&Chat Homepage Gusto Linea Cosa Mangi • Punteggi • Schede • Take an Action • Prodotti • Aggiorna Profilo • Eventi • Scrivici • Luoghi Out of scope Pagina con StoryBoard Link Esterni E-Commerce Area Download • Siti di Partner • Mobile Apps Solo per utenti loggati • Riferimenti scientifici • E-book ricetteConcorso IdeaTre60 “Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana Giugno 2010
  25. 25. StoryBoard – My Home Page Logo del Portale, Titolo e Username e Payoff. dati anagrafici, link per il Logout e la Tabella dei modifica punteggi dell’anagrafica. dell’utenti. Presentate anche le medie degli altri utenti simili a lui (es. News stessa età, riguardanti il scuola, sito o il mondo azienda). dell’alimenta- zione. Punteggi legati al comportamen- to alimentare e Presentati i alle azioni Partner del intraprese Portale. dall’utente nel sito, Con link relativi a ciò che permette di About Us, FAQ, migliorarli. Disclaimer legali, external link. Link al forum attraverso il richiamo ai dibattiti attivi.Concorso IdeaTre60 “Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana Giugno 2010
  26. 26. StoryBoard – Un Mondo di Gusto Mappa del tipo Pannello in cui GoogleMap o sottomettere ViaMichelin. ricerche sul Su questa database o verranno accedere visualizzati in direttamente modo diverso i alle schede risultati delle Prodotto, ricerche fatte Eventi e tramite Luoghi. l’apposito Nella stessa pannello a sezione destra. vengono anche presentati i risultati della query. News riguardanti questa pagina del Portale, divise tra schede Prodotto, Eventi e Luoghi.Concorso IdeaTre60 “Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana Giugno 2010
  27. 27. StoryBoard – Il Cuoco in Linea Pannello per Possibilità di inserire/trovare scelta tra vari gli ingredienti template di che composizione comporranno la del menu o ricetta. della singola Sottomessa la ricetta in query saranno formato pdf proposte le stampabile. ricette che È importante contengono che tornino quegli Logo, Titolo e ingredienti. Payoff del portale in tali Qualche ricetta menu, in modo proposta che essi all’utente risultino quali senza che certificazione e debba passare permettano una dai pannelli del sponsorizza- Cuoco In zione virale del Linea. sito. Vengono Semplici proposte delle consigli di ricette utilizzo, sottomesse trattamento e dagli utenti conservazione registrati e se degli alimenti. ne possono postare di nuove.Concorso IdeaTre60 “Alimentarsi bene, vivere meglio” – Educare alla ricchezza e varietà alimentare italiana Giugno 2010

×