focus brasile

326 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
326
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

focus brasile

  1. 1. Hospitality / INCOMING Una veduta aerea del Minas Gerais, terzo Stato brasiliano per importanza economica. A fianco, l’aeroporto di Guarulhos, San Paolo. NUOVI MERCATI CRESCONO Il Brasile, grazie alla crescita socio-economica e all’aumento del reddito pro-capite, ha tutte le potenzialità per rappresentare un fondamentale bacino di domanda turistica DI FEDERICO BELLONI belloni@tsmconsulting.it I Paesi dell’America Latina sono tra quelli che negli ultimi anni stanno facendo registrare le migliori performance in termini di crescita economica, alimentate soprattutto dalle politiche governative che favoriscono gli investimenti stranieri. Crescita che determina un sensibile aumento occupazionale, del reddito medio pro-capite e del valore complessivo della ricchezza prodotta, generando xx Turismo d’Italia il consolidamento della classe media, così come un miglioramento delle condizioni delle classi più svantaggiate. Tra questi Paesi quello che presenta le migliori potenzialità è il Brasile, anche grazie ai grandi eventi che accoglierà nei prossimi anni, ovvero i Mondiali di Calcio e le Olimpiadi che si celebreranno rispettivamente nel 2014 e nel 2016, e che stanno rappresentando un forte stimolo all’ammodernamento e allo sviluppo, sia economico che sociale, soprattutto delle grandi città. Questa crescita incide in modo determinante anche sullo sviluppo turistico, sia interno che outgoing, in particolare verso i Paesi europei, che rappresentano senza alcun dubbio le destinazioni più ambite, anche se a oggi i viaggi all’estero si concentrano soprattuttp nei Paesi vicini, in particolare Argentina e Stati Uniti.
  2. 2. A sinistra, l’Avenida Paulista, arteria principale di San Paolo e cuore finanziario del Brasile; a destra, business men nella terrazza dell’Hotel Unique all’ora dell’aperitivo. Sotto, una pubblicità dei prossimi Mondiali di calcio per i quali, oltre che per le Olimpiadi 2016, sono in atto numerosi interventi pubblici di valorizzazione e recupero edilizio, in particolare a Rio de Janeiro: fra questi il restauro dei caratteristici Archi di Lapa (in basso) La reception del boutique hotel Babuino 181 Luxury Suites nel centro di Roma NUOVI TURISTI DELLA CLASSE MEDIA Sono gli appartenenti alla classe media a rappresentare la maggior parte dei flussi turistici all’estero, in forte e costante crescita, complice anche la forza del Real, la moneta nazionale, che continua ad apprezzarsi sia rispetto all’Euro che al Dollaro, ma anche grazie al maggior accesso al credito utilizzato per finanziare le spese relative ai viaggi. I più importanti bacini di domanda sono le grandi città: San Paolo, dove vivono 11 milioni di abitanti, e Rio de Janeiro, che ne ha 5, dove troviamo anche gli aeroporti maggiori. L’Italia è raggiunta direttamente attraverso gli aeroporti di Milano Malpensa e di Roma Fiumicino, anche se la maggior parte dei visitatori brasiliani nel nostro Paese arriva Le vacanze dei brasiliani Le vacanze dei brasiliani all’estero hanno una durata complessiva media di 17 giorni, 3 giorni per ogni destinazione visitata, e oltre il 70% dei turisti privilegia il soggiorno in strutture alberghiere a 3 e 4 stelle, localizzate soprattutto nel centro delle città. Le motivazioni di viaggio in Europa sono molto varie, ma includono soprattutto le visite culturali e l’arte, ma anche esperienze a stretto contatto con la natura e il folklore locale. Lo shopping di beni tecnologici e di prodotti di lusso è molto importante, perché le tasse sulle importazioni rendono inaccessibili questi prodotti anche ai brasiliani con una capacità di spesa elevata. Rappresenta una forte spinta al viaggio anche la possibilità di assistere agli eventi sportivi e ai grandi incontri di calcio. Turismo d’Italia xx
  3. 3. Hospitality / INCOMING dopo aver visitato un’altra destinazione europea, attraverso collegamenti aerei low cost. Volendo tracciare un profilo, il turismo brasiliano in Europa, secondo i dati forniti dal Ministério do Turismo do Brasil, si compone di persone che hanno tra i 30 e i 40 anni, con un reddito medio annuo di oltre 40 mila dollari e un buon livello culturale, che oltre al portoghese parlano quasi sempre almeno una lingua straniera, generalmente inglese o spagnolo. I turisti verdeoro viaggiano soli o in coppia, raramente con i bambini e quasi mai in gruppo. Le vacanze in Europa sono prenotate da uno a tre mesi prima della data prevista per i viaggi, che generalmente si concentrano tra i mesi di dicembre e febbraio, con una forte concentrazione subito dopo il Carnevale, che in Brasile è una vera e propria festa nazionale. ( I TARGET E LE METE IN ITALIA I brasiliani sono un mercato turistico relativamente nuovo per l’Italia, nella maggior parte dei casi senza esperienze di visita pregresse, e per questo motivo quelli che visitano il nostro Paese prediligono soprattutto le classiche mete turistiche, ovvero Roma, in assoluto la città più visitata, seguita da Firenze, Venezia e Milano, che insieme raccolgono una quota molto alta degli arrivi totali, che sono stati 1,34 milioni nel 2010. Lazio, Toscana Veneto e Lombardia accolgono infatti oltre l’80% delle presenze complessive, mentre seguono a grande distanza Campania, Emilia Romagna, Piemonte e Liguria. A livello provinciale, dopo le quattro provincie corrispondenti alle città più visitate, sono sei quelle che fanno registrare più di 20mila presenze: Genova, Siena, Torino, Perugia, Verona e Padova. Le motivazioni di LA DIFFUSIONE DELLA RETE INTERNET Con quasi 76milioni di persone connesse, il Brasile si colloca al quinto posto mondiale nel ranking dei Paesi con maggior diffusione della rete Internet (e primo nei Paesi dell’America Latina). La maggior parte degli utenti partecipa attivamente nelle reti sociali; per anni la più popolare è stata Orkut, superata da Facebook xx Turismo d’Italia ( Passeggeri in attesa dell’imbarco a Santos Dumont, l’aeroporto nel pieno centro di Rio de Janeiro, sul mare, riservato ai voli domestici viaggio dipendono strettamente dallo specifico profilo dei turisti. Il 32% dei visitatori nel nostro Paese sono single con almeno 30 anni e un profilo socioeconomico medio-alto. Questi turisti hanno come scopo principale una vacanza che include in misura variabile i seguenti elementi: scoperta delle ricchezze artistico-culturali, pratica di una o più attività sportive e relax. Gli appartenenti a questo segmento viaggiano soprattutto nei mesi di gennaio, giugno, luglio, agosto e dicembre. Il secondo segmento per importanza è rappresentato dai business traveller, che hanno generalmente tra i 35 e i 55 anni, e che valutano l’esperienza di viaggio sulla base della qualità delle strutture ricettive e della località nella quale soggiornano; viaggiano principalmente nei mesi di febbraio, marzo, aprile, maggio, ottobre e novembre. L’11% dei visitatori è rappresentato da giovani e studenti tra i 15 e i 26 anni, con un profilo di spesa medio basso, mentre i “senior over 60” sono l’8%, e pur avendo un profilo culturale molto elevato hanno una bassa capacità di spesa, mentre la loro principale motivazione di viaggio riguarda l’aspetto spirituale-religioso, l’arte e la cultura, così come motivazioni legate alla salute. I viaggi di questa tipologia di turisti si concentrano nel periodo estivo (a esclusione di agosto) e nella prima metà dell’autunno. Stessa quota spetta alle coppie senza figli, che hanno un’età compresa tra i 27 e i 33 anni e tra i 41 e i 59 anni. La categoria “famiglie con bambini” rappresenta solo il 2% dei flussi turistici nel nostro Paese, ed è caratterizzata da un profilo socio-culturale ed economico medio-basso. 6 (che qui ha raggiunto i 36 milioni di utenti) solo alla fine del 2011. Molto importante è anche Twitter, infatti il Brasile è il Paese di lingua non inglese dove il famoso sistema di microblogging è più diffuso. I voli e i prodotti turistici rappresentano ancora solo una piccola minoranza del valore dell’e-commerce perché per questo tipo di acquisti, considerati ad alta complessità, continuano a essere preferiti gli intermediari tradizionali.

×