PROGETTO GESTIONE DELLE     INTERFERENZE Contratto d’appalto o d’opera o di somministrazione                Comparto indus...
OGGETTO E OBIETTIVI•   L’oggetto del progetto è stata la realizzazione di una “procedura” per la gestione delle interferen...
SOGGETTI DESTINATARI•   Aziende associate e non al sistema di Confindustria, nonché stazioni appaltanti. In particolare il ...
ELEMENTI SVILUPPATI    •   Riferimenti normativi e indicazioni giuridiche    •   Istruzioni operative circa obblighi, moda...
I PARTNERS DEL PROGETTO•   Confindustria Vercelli Valsesia, ha promosso la costituzione di un “Gruppo di lavoro tecnico” pe...
MODALITÀ, TEMPI E STRUMENTI    DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO•   La durata dei lavori del gruppo è stata di circa nove mesi (c...
NUMERI DEL PROGETTO                             ATTIVITÀ SVOLTA FINO AL MESE DI APRILE 2012Data di approvazione del Proget...
NUMERI DEL PROGETTO                            ATTIVITÀ SVOLTA FINO AL MESE DI APRILE 2012Componenti del Gruppo di Lavoro ...
DOCUMENTI DELLA PROCEDURA           SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO PDF DAL PORTALE•   La Procedura, composta d...
DOCUMENTI DELLA PROCEDURA            SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO PDF DAL PORTALE•   Il Diagramma di flusso d...
DOCUMENTI DELLA PROCEDURA            SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO PDF DAL PORTALE•   Le Schede allegate appr...
DOCUMENTI DELLA PROCEDURA    SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO WORD E OPEN OFFICE DAL PORTALE•   I Modelli sono s...
IL DIAGRAMMA DI FLUSSOLa Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze                          in sintesi
I) PRELIMINARE VALUTAZIONE SULL’OBBLIGO DI REDAZIONE DEL DUVRI   Riferimenti normativi            Situazione              ...
II) INDIVIDUAZIONE DELL’OPERATORE ECONOMICO VERIFICA DELL’IDONEITA’   TECNICO PROFESSIONALE SOPRALLUOGO E INFORMAZIONI   R...
Riferimenti normativi        Situazione                     Committente                                                For...
III) FORMULAZIONE OFFERTA DA PARTE DELL’OPERATORE ECONOMICO   Riferimenti normativi                Situazione             ...
IV) SELEZIONE DELL’OPERATORE ECONOMICO E VALUTAZIONE SULL’OBBLIGO DI   REDAZIONE DEL DUVRI   Riferimenti normativi        ...
V) ELABORAZIONE DEL DUVRI   Riferimenti normativi        Situazione                       Committente                     ...
VI) STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA RELATIVAMENTE ALLE INTERFERENZE   Riferimenti normativi         Situazione            ...
VII) COORDINAMENTO INTEGRAZIONE ED AGGIORNAMENTO PERIODICORiferimenti normativi        Situazione                     Comm...
APPENDICE,VISITATORI•   Ai fini della sicurezza, il committente, ove lo ritenga necessario, fornisce semplificate informazio...
IL LOGOL’identità del progetto
IL PORTALE            www.duvri8108.itil sito su cui consultare i risultati del Progetto
L’APPLICAZIONE              L’applicazione web per seguirela Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze
APPLICAZIONE, VALUTAZIONE PRELIMINARE
APPLICAZIONE,DESCRIZIONE DELCONTRATTO EIDENTIFICAZIONEDELLA SEDE
APPLICAZIONE, INSERIMENTO E/O MODIFICA DELLA SEDE DEL CONTRATTO
APPLICAZIONE, SELEZIONE DEGLI AMBIENTI
APPLICAZIONE, SELEZIONE DEGLI AMBIENTI
APPLICAZIONE, INSERIMENTO DI UN NUOVO AMBIENTE
APPLICAZIONE,AMBIENTISELEZIONATI
APPLICAZIONE,SELEZIONE DELLEFIGURE AZIENDALIDI RIFERIMENTO
APPLICAZIONE, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI UNA PERSONA
APPLICAZIONE, INSERIMENTO DI UNA NUOVA PERSONE
APPLICAZIONE,SELEZIONE DELLEFIGURE AZIENDALIDI RIFERIMENTO
APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE E SCELTA OPERATORI ECONOMICI
APPLICAZIONE, INVITO O SELEZIONE DEGLI OPERATORI ECONOMICI
APPLICAZIONE, L’OPERATORE ECONOMICO INVITATO RICEVE L’INVITO
APPLICAZIONE, INSERIMENTO MANUALE DI UN OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE, AUTOCERTIFICAZIONE DELL’OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE, DOCUMENTI DELL’OPERATORE ECONOMICO
APPLICAZIONE,SELEZIONE ECONFERMA DEGLIOPERATORIECONOMICI
APPLICAZIONE, VALUTAZIONE CAMPO DI APPLICAZIONE
APPLICAZIONE, VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE
APPLICAZIONE,IDENTIFICAZIONEED INSERIMENTODEL RISCHIOINTERFERENTE
APPLICAZIONE, IDENTIFICAZIONE ED INSERIMENTO DEL RISCHIO INTERFERENTE
APPLICAZIONE, VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE
APPLICAZIONE, STIMA DEI COSTI
APPLICAZIONE,COMPLETAMENTODELLAGENERAZIONE DEIDOCUMENTI
APPLICAZIONE,RIEPILOGO DELLAPROCEDURA
APPLICAZIONE,DOCUMENTIDELLAPROCEDURACOMPLETATA
APPLICAZIONE, STATO DELLA PROCEDURA
ON LINE IL 4 MAGGIOaccesso per i Committenti a partire da € 48,00/annoaccesso per gli Operatori Economici sempre gratuito
GRAZIE
Presentazione Progetto DUVRI
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Presentazione Progetto DUVRI

1,793

Published on

Presentazione del progetto DUVRI 81.08, la procedura per la gestione delle interferenze nei contratti d'appalto frutto della collaborazione tra Confindustria Vercelli Valsesia ed INAIL Direzione Piemonte.

Il progetto è documentato per esteso sul sito http://www.duvri8108.it/

L'applicazione web per la gestione dei rischi da interferenza risultato del progetto è all'indirizzo https://app.duvri8108.it/

Published in: Business
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,793
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Progetto DUVRI

  1. 1. PROGETTO GESTIONE DELLE INTERFERENZE Contratto d’appalto o d’opera o di somministrazione Comparto industriale Vercelli 4 maggio 2012
  2. 2. OGGETTO E OBIETTIVI• L’oggetto del progetto è stata la realizzazione di una “procedura” per la gestione delle interferenze connesse ai contratti d’appalto o d’opera o di somministrazione nel comparto industriale, disciplinati dall’art. 26 del D.Lgs 81/08.• Nell’ottica di quanto previsto dall’art. 53 del D.Lgs 81/08, la procedura è resa pubblicamente accessibile tramite la predisposizione di una apposita piattaforma web.• La procedura ha lo scopo di fornire ai datori di lavoro committenti un indirizzo per: • la verifica dell’idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici e dei lavoratori autonomi o loro subappaltatori • la cooperazione per le misure di prevenzione e protezione dai rischi ed il coordinamento della reciproca informazione • la compilazione del Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza, di seguito denominato DUVRI.• A tal fine Confindustria Vercelli Valsesia, ha promosso la costituzione di un “Gruppo di lavoro tecnico” per l’elaborazione dei suddetti indirizzi.
  3. 3. SOGGETTI DESTINATARI• Aziende associate e non al sistema di Confindustria, nonché stazioni appaltanti. In particolare il progetto è rivolto ai Datori di Lavoro o loro delegati e ai RSPP.• Confindustria Vercelli Valsesia, intendendo mettere a disposizione di tutti le risultanze del progetto in argomento, ha ritenuto utile predisporre una piattaforma web da cui gli interessati possano accedere ai documenti elaborati: • l’accesso al Portale della Sicurezza www.duvri8108.it sarà gratuito e aperto a tutti; • l’accesso allApplicazione per la Gestione del DUVRI sarà condizionato dal pagamento di un contributo annuale.• A regime, una somma da definirsi, verrà destinata in beneficenza ad associazioni/organizzazioni senza finalità di lucro che assistano i bambini, figli di soggetti infortunati o mutilati sul lavoro.
  4. 4. ELEMENTI SVILUPPATI • Riferimenti normativi e indicazioni giuridiche • Istruzioni operative circa obblighi, modalità e tempi per la redazione dei documenti per le gestione delle interferenze • Criteri • Reciproche informazioni di dettaglio • Metodo e contenuti della valutazione dei rischi interferenti • Procedura • Modulistica • Esemplificazioni • Accesso ed uso della piattaforma web• Allo scopo di raccogliere elementi utili alla elaborazione delle esemplificazioni, sono state censite, presso aziende industriali, situazioni/criticità/casi studio da trattare nel corso degli incontri del gruppo di lavoro.
  5. 5. I PARTNERS DEL PROGETTO• Confindustria Vercelli Valsesia, ha promosso la costituzione di un “Gruppo di lavoro tecnico” per l’elaborazione dei suddetti indirizzi, costituito da: • INAIL • Ministero del Lavoro e Politiche Sociali – Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro • ITACA (Ist. Inn. Trasp. Appalti e comp. Amb.) Ass. Regioni e Prov. Aut. • Direzione Territoriale del Lavoro di Vercelli • Azienda Sanitaria Locale di Vercelli – Igiene e Sicurezza sul Lavoro • Organizzazioni Sindacali
  6. 6. MODALITÀ, TEMPI E STRUMENTI DI ATTUAZIONE DEL PROGETTO• La durata dei lavori del gruppo è stata di circa nove mesi (compresi nel periodo tra dicembre 2010 e novembre 2011).• Sono stati effettuati test di prova delle procedure tecnico-giuridiche ed informatiche.• Il gruppo di lavoro tecnico è stato convocato almeno una volta al mese ed è giunto allo sviluppo e definizione di argomenti man mano individuati dallo stesso.• Passo dopo passo sono state tradotte sulla piattaforma informatica le risultanze degli argomenti approfonditi.
  7. 7. NUMERI DEL PROGETTO ATTIVITÀ SVOLTA FINO AL MESE DI APRILE 2012Data di approvazione del Progetto 28 Ottobre 2010Prima presentazione pubblica ufficiale del Progetto 1 Dicembre 2010Primo incontro del gruppo di lavoro tecnico 7 Dicembre 2010Ideazione del progetto 20 oreProgettazione esecutiva 74,5 oreIncontri con la Direzione Regionale INAIL 9Attività di coordinamento e tutoraggio 314,5 ore (187)Incontri del Tutor con il Gruppo di RSPP aziendali 5Aziende rappresentate all’interno del Gruppo RSPP 39Aziende che hanno collaborato ospitando il Tutor per i test della procedura 32Riunioni di coordinamento con altri Enti (quali Itaca, Confindustria Piemonte, Ance, 11Confindustria, Ordini Professionali, Ministero del Lavoro)Attività di segreteria 286 ore (175)Attività di divulgazione e pubblicità 20 oreArticoli apparsi sulla stampa a diffusione regionale e nazionale 12Revisioni della Procedura 10
  8. 8. NUMERI DEL PROGETTO ATTIVITÀ SVOLTA FINO AL MESE DI APRILE 2012Componenti del Gruppo di Lavoro Tecnico, di cui• 2 rappresentanti Tecnici di INAIL• 2 rappresentanti Tecnici di ITACA• 1 rappresentante Tecnico del Ministero del Lavoro 13• 3 rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali• 1 rappresentante Tecnico della Direzione Provinciale del Lavoro di Vercelli• 1 rappresentante Tecnico dell’Azienda Sanitaria Locale 11 di Vercelli• 3 rappresentanti tecnici di Confindustria Vercelli ValsesiaGiornate di incontro del Gruppo di Lavoro Tecnico 9 (in totale 688 ore)Attività sviluppate in proprio dai componenti del Gruppo di Lavoro Tecnico e autocertificate 1380 oreAgli incontri del Gruppo di Lavoro Tecnico inoltre hanno partecipato• sempre almeno un rappresentante della web agency incaricata di sviluppare la piattaforma• 7 RSPP in rappresentanza di altrettante Aziende Associate 10• 1 Funzionario di Confindustria Roma• 1 Funzionario di Confindustria GenovaTempi di progettazione, lo sviluppo e la implementazione del Portale della Sicurezza e 600 giornidell’ApplicazioneIncontri tra Confindustria Vercelli Valsesia e Web Agency 19
  9. 9. DOCUMENTI DELLA PROCEDURA SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO PDF DAL PORTALE• La Procedura, composta da: • Premessa • Obiettivi • Normativa di riferimento • Definizione e caratteristiche del DUVRI • Definizioni connesse alla Procedura • Diagramma di flusso, e sua versione sintetica • Schede • Modelli
  10. 10. DOCUMENTI DELLA PROCEDURA SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO PDF DAL PORTALE• Il Diagramma di flusso della Procedura contempla le azioni del committente, dell’operatore economico, i relativi documenti ed e composto dalle relative sezioni: • I) Preliminare valutazione sullobbligo di redazione del DUVRI relativamente ai lavori/servizi da affidare a contratto • II) Operatori economici individuati, verifica dellidoneità tecnico professionale, sopralluoghi e informazioni dettagliate • III) Fornitura agli operatori economici delle informazioni utili per la formulazione dellofferta • IV) Selezione delloperatore economico e valutazione dellobbligo di redazione del DUVRI, sulla base delle informazioni acquisite • V) Elaborazione del DUVRI, ove necessario • VI) Stima dei costi della sicurezza, relativamente alle interferenze • VII) Coordinamento, integrazione ed aggiornamento del DUVRI
  11. 11. DOCUMENTI DELLA PROCEDURA SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO PDF DAL PORTALE• Le Schede allegate approfondiscono e dettagliano i singoli temi della Procedura, in merito a • Scheda 1, Informazioni di dettaglio fornite dal Committente • Scheda 2, Autocertificazione Operatore Economico • Scheda 2 bis, Contratto di concessione in uso “a freddo” • Scheda 3, Informazioni sui rischi fornite dall’Operatore Economico • Scheda 4, Verbale della riunione preliminare/periodica di sopralluogo, valutazione, cooperazione • Scheda 5, Elaborazione del DUVRI, suddivisa in • Fase 1, Tabella per l’individuazione delle sovrapposizioni spazio-temporali • Fase 2, Tabella per l’individuazione dei rischi da interferenza indotti a terzi • Relazione di coordinamento ed attuazione del DUVRI
  12. 12. DOCUMENTI DELLA PROCEDURA SCARICABILI GRATUITAMENTE ANCHE IN FORMATO WORD E OPEN OFFICE DAL PORTALE• I Modelli sono schemi di documenti utili ad attuare l’art. 26 D.Lgs 81/08, seguendo la Procedura, il Diagramma di Flusso e le relative Schede. I modelli liberamente scaricabili sono: • Informazioni dettagliate del Committente • Autocertificazione Operatore Economico • Contratto di concessione in uso a “freddo” • Informazione dettagliate dell’Operatore Economico • Verbale • DUVRI
  13. 13. IL DIAGRAMMA DI FLUSSOLa Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze in sintesi
  14. 14. I) PRELIMINARE VALUTAZIONE SULL’OBBLIGO DI REDAZIONE DEL DUVRI Riferimenti normativi Situazione Committente FornitoreArt 26 c. 3-bis D.Lgs 81/08 Preliminare Il committente, con riguardo alle attività da affidare, valuta se rientrano nel campo di applicazione e Ogni operatore economico coinvolto viene informato sulla valutazione effettuata dal valutazione d’obbligo di redazione del DUVRI. Al riguardo risponde alle seguenti domande: committente. sullobbligo di a) L’attività é di natura intellettuale? redazione del NO SI DUVRI Passa alla domanda successiva Non è necessario redigere il DUVRI Il committente: 1. promuove lo scambio reciproco delle informazioni e il coordinamento; 2. formalizza la valutazione e la cooperazione. b) L’attività è mera fornitura di materiali o attrezzature? NO SI Passa al punto II del Non è necessario redigere il presente diagramma DUVRI. Il committente: 1. promuove lo scambio reciproco delle informazioni e il coordinamento; 2. formalizza la valutazione e la cooperazione.
  15. 15. II) INDIVIDUAZIONE DELL’OPERATORE ECONOMICO VERIFICA DELL’IDONEITA’ TECNICO PROFESSIONALE SOPRALLUOGO E INFORMAZIONI Riferimenti normativi Situazione Committente FornitoreArt 26 c. 1 lett b) D.Lgs 81/08 Individuazione Il committente indica agli operatori economici l’oggetto del contratto d’appalto o d’opera o di Ogni operatore economico interpellato dal committente e che è interessato a formulare offerta delloperatore somministrazione. fornisce al committente i documenti per la verifica l’idoneità tecnico professionale (Art 26 c. 1 lett a) economico Il datore di lavoro committente, richiede i punti 1) e 2) D.Lgs 81/08). documenti per la verifica dell’idoneità tecnico professionale (Art 26 c. 1 lett a) punti 1) e 2) D.Lgs Verifica 81/08), agli operatori economici che intende invitare a formulare offerta, per l’affidamento di lavori in dellidoneità contratto d’appalto o d’opera o di somministrazione. tecnico Nota - A tutela del committente si consiglia di richiedere all’operatore economico la dimostrazione professionale dell’avvenuta valutazione dei rischi specifici, limitatamente alle attività che l’operatore economico medesimo è chiamato ad eseguire presso i clienti (committenti). Documenti. Il committente richiede alloperatore Documenti. Loperatore economico consegna al economico: committente: 1. Certificato C.C.I.A.A. 1. Certificato C.C.I.A.A. 2. Autocertificazione (Scheda 2 Autocertificazione) 2. Autocertificazione (Scheda 2 Autocertificazione) 3. DURC 3. DURC
  16. 16. Riferimenti normativi Situazione Committente FornitoreArt 26 c. 2) D.Lgs 81/08 Sopralluogo e Il committente, con riguardo all’operatore economico risultato idoneo e relativamente alle Ogni operatore economico interpellato dal committente: informazioni attività da affidare: 1. effettua il sopralluogo con il committente, negli 1. promuove un sopralluogo per la presa visione ambienti di lavoro in cui dovrà operare; dell’attività da svolgere negli ambienti d lavoro del Committente (se il sopralluogo non è necessario 2. riceve un documento recante dettagliate passare al punto 2 del presente elenco); informazioni (desunte dal DVR) sui rischi specifici esistenti nell’ambiente; 2. fornisce dettagliate informazioni (desunte eventualmente dal DVR) sui rischi specifici esistenti 3. sottoscrive il verbale di sopralluogo, valutazione e nell’ambiente in cui il contraente è destinato ad coordinamento. operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività (Art 26 c. 1 lett b) D.Lgs 81/08); 3. richiede all’operatore economico di segnalare i rischi specifici introdotti negli ambienti in cui andrà ad operare (Art 26 c. 2) D.Lgs 81/08); 4. redige il verbale di sopralluogo, valutazione e cooperazione (Scheda 4 Verbale sopralluogo, valutazione e cooperazione). Documenti. Documenti. Il committente consegna alloperatore economico Loperatore economico riceve dal committente dettagliate informazioni (desunte eventualmente dal dettagliate informazioni (desunte eventualmente dal DVR) sui rischi specifici esistenti nell’ambiente DVR) sui rischi specifici esistenti nell’ambiente (Scheda 1 Committente). (Scheda 1 Committente). Il committente richiede alloperatore economico Loperatore economico consegna al committente informazioni sui rischi specifici introdotti negli informazioni sui rischi specifici introdotti negli ambienti in cui i potenziali contraenti andranno ad ambienti in cui i potenziali contraenti andranno ad operare (Scheda 3 Operatore Economico). operare (Scheda 3 Operatore Economico). I suddetti atti sono da conservare per la durata del I suddetti atti sono da conservare per la durata del contratto stipulato. contratto stipulato.
  17. 17. III) FORMULAZIONE OFFERTA DA PARTE DELL’OPERATORE ECONOMICO Riferimenti normativi Situazione Committente FornitoreArt 26 c. 2 lett b) D.Lgs 81/08 Formulazione Ogni operatore economico interessato a formulare offerta:Art. 96 D.Lgs 81/08 dellofferta da 1. analizza i documenti ricevuti dal committente; parte 2. ove lo ritenga necessario, richiede al committente dellOperatore un ulteriore sopralluogo negli ambienti di lavoro in Economico cui dovrà operare; 3. fornisce dettagliate informazioni sui rischi specifici introdotti dalla propria attività negli ambienti in cui andrà ad operare (Art 26 c. 2 lett b) D.Lgs 81/08). Se l’operatore economico è impresa rientrante per tipologia di lavori nel Titolo IV (Cantieri), predispone il POS (art. 96 D.Lgs 81/08) integrato dalle informazioni di cui al punto f) della Scheda 3 Operatore Economico. 4. formula offerta per l’affidamento del contratto per cui è stato interpellato dal committente. Documenti. Documenti. Il committente riceve dalloperatore economico: Loperatore consegna al committente: 1. documento recante i rischi specifici introdotti 1. documento recante i rischi specifici introdotti dalla dallattività negli ambienti in cui loperatore economico propria attività negli ambienti in cui andrà ad operare andrà ad operare (Scheda 3 Operatore Economico oppure (Scheda 3 Operatore Economico oppure POS se impresa POS se impresa rientrante per tipologia di lavori nel Titolo IV rientrante per tipologia di lavori nel Titolo IV (Cantieri) (Cantieri) integrato dalle informazioni di cui al punto f) della integrato dalle informazioni di cui al punto f) della Scheda 3 Scheda 3 Operatore Economico); Operatore Economico); 2. offerta economica. 2. offerta economica. I suddetti atti sono da conservare per la durata del I suddetti atti sono da conservare per la durata del contratto stipulato. contratto stipulato.
  18. 18. IV) SELEZIONE DELL’OPERATORE ECONOMICO E VALUTAZIONE SULL’OBBLIGO DI REDAZIONE DEL DUVRI Riferimenti normativi Situazione Committente Fornitore Selezione Il committente: delloperatore 1. analizza i documenti ricevuti dagli operatori economici; economico e 2. individua l’operatore economico al quale affidare il contratto; valutazione 3. con riguardo all’attività da affidare e all’operatore economico scelto, valuta se sullobbligo di l’attività medesima rientra nel campo di applicazione e d’obbligo di redazione del DUVRI rispondendo alle seguenti domande:Art 89 c. 1 lett. a) e art 90 c. 3 redazione del a) si effettuano lavori edili o di ingegneria civile rientranti nell’attività di cantiere?D.Lgs. 81/08 DUVRITitolo IV D.Lgs 81/08 SI SI Ma è presente una sola Sono presenti più imprese, ricadenti nella NO impresa rientrante per disciplina del Titolo IV tipologia di lavori nel Il committente: Titolo IV (Cantieri) non deve redigere il DUVRI per questi lavori; Passa al punto V del presente diagramma si interrompe la procedura dando corso agli adempimenti di cui al Titolo IV.Art. 26 comma 3-bis e Allegato XI b) l’attività comporta rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici,D.Lgs. 81/08 atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all’allegato XI?Art. 26 comma 3-bis del D.Lgs. NO81/08 SI c) l’attività ha una durata superiore ai due giorni? SI NO Non è necessario redigere il DUVRI. Il Passa al punto V del presente committente: diagramma. 1. interrompe la procedura inerente il DUVRI; 2. formalizza la valutazione e cooperazione.
  19. 19. V) ELABORAZIONE DEL DUVRI Riferimenti normativi Situazione Committente FornitoreArt 26 c. 3) D.Lgs 81/08 Elaborazione del Il committente elabora il DUVRI individuando le misure idonee ad eliminare o ridurre i rischi relativi alle Ogni operatore economico coinvolto si impegna a collaborare con il committente per la stesura coordinata DUVRI interferenze (Art 26 c. 3) D.Lgs 81/08). Al riguardo vengono definite le azioni a carico del del DUVRI. Tutti gli operatori economici coinvolti: committente e quelle a carico di ogni operatore economico. 1. prendono visione del DUVRI; Nella stesura del DUVRI il committente tiene conto anche di ogni subappalto, che gli appaltatori principali si 2. presentano eventuali proposte di modifica o impegnano a farsi autorizzare ed a comunicare al integrazione al DUVRI per, ove possibile, migliorare la committente medesimo, in tempo utile. sicurezza sulla base della propria esperienza ed In concreto il committente redige il DUVRI attraverso organizzazione aziendale; i seguenti momenti di verifica. 3. cooperano tra loro e con il committente ai fini della Innanzitutto esamina la reale possibilità di sicurezza sui luoghi di lavoro. sovrapposizione o di contatto tra più attività presenti nello stesso ambiente di lavoro durante il medesimo arco temporale. Quindi approfondisce l’analisi, valutando la presenza di rischi indotti a terzi. Il committente al fine di promuovere il coordinamento tra i datori di lavoro coinvolti, attiva un dialogo sulle misure da adottare. Al riguardo: 1. mette a disposizione, prima della stipula del contratto, il DUVRI a tutti i soggetti interferenti tra loro o comunque presenti negli stessi ambienti di lavoro; 2. ove lo ritenga necessario, indice una riunione di coordinamento con tutti gli operatori coinvolti nelle fasi di lavoro in esame; 3. modifica il DUVRI sulla base del confronto e delle decisioni assunte in coordinamento con gli operatori economici coinvolti (Scheda 5 Elaborazione DUVRI). Documenti. DUVRI sottoscritto da tutti i soggetti interessati. (Scheda 5 Elaborazione DUVRI) I suddetti atti sono da conservare per la durata del contratto stipulato.
  20. 20. VI) STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA RELATIVAMENTE ALLE INTERFERENZE Riferimenti normativi Situazione Committente FornitoreArt 26 c. 5) D.Lgs 81/08 Stima dei costi Il committente: della sicurezza 1. stima i costi della sicurezza da interferenze, in analogia con quanto già previsto dal D.Lgs 81/08 per relativamente alle i cantieri temporanei o mobili, con il metodo dettagliatamente specificato nell’allegato XV del interferenze medesimo provvedimento; 2. le voci da considerare come costo di sicurezza sono elencate al punto 4 del citato allegato XV del D.Lgs 81/08, ritenuto un valido spartiacque che separa ciò che è costo di sicurezza inerente il DUVRI e ciò che invece non va considerato. La stima dei costi delle interferenze tiene conto delle misure di prevenzione e protezione condivise e accettate dalle parti. Documenti. Documenti. Nei singoli contratti di subappalto, appalto e di Nei singoli contratti di subappalto, appalto e di somministrazione vengono indicati i costi delle somministrazione vengono indicati i costi delle misure adottate per eliminare o ridurre i rischi da misure adottate per eliminare o ridurre i rischi da interferenza delle lavorazioni. interferenza delle lavorazioni. I suddetti atti sono da conservare per la durata del I suddetti atti sono da conservare per la durata del contratto stipulato. contratto stipulato.
  21. 21. VII) COORDINAMENTO INTEGRAZIONE ED AGGIORNAMENTO PERIODICORiferimenti normativi Situazione Committente Fornitore Coordinamento, Il committente in occasione di nuove o modificate attività o cessazione attività di imprese/lav. autonomi Tutti gli operatori economici coinvolti ove necessario: integrazione ed a contratto effettua un aggiornamento della valutazione delle interferenze, ripercorrendo il ciclo 1. propongono al committente eventuali integrazioni o aggiornamenti al Duvri approvato; aggiornamento delle azioni del presente diagramma. 2. richiedono una riunione di coordinamento con periodico A tal fine, in coordinamento con tutti gli operatori tutti gli operatori coinvolti nelle fasi di lavoro in economici interessati, ove necessario: esame; 1. promuove eventuali integrazioni o aggiornamenti 3. collaborano con il committente nell’individuazioni al DUVRI approvato; delle misure migliorative; 2. indice una riunione di coordinamento con tutti 4. sottoscrivono nuovo contratto o revisione e gli operatori coinvolti nelle fasi di lavoro in esame; modifica del contratto d’appalto/d’opera o servizio o fornitura in esecuzione. 3. integra o aggiorna il DUVRI individuando le misure migliorative; Nota. L’integrazione e sottoscrizione del DUVRI, precedono la stipula dei nuovi contratti o la modifica 4. adegua i contratti interessati, rideterminando i dei contratti originali. costi della sicurezza; 5. promuove la sottoscrizione del DUVRI aggiornato; 6. stipula nuovo contratto o revisione e modifica del contratto d’appalto/d’opera o servizio o fornitura in esecuzione. Nota. L’integrazione e sottoscrizione del DUVRI, precedono la stipula dei nuovi contratti o la modifica dei contratti originali. Documenti. Documenti. Contratti stipulati e DUVRI aggiornato. Contratti stipulati e DUVRI aggiornato. I suddetti atti sono da conservare per la durata del I suddetti atti sono da conservare per la durata del contratto stipulato. contratto stipulato.
  22. 22. APPENDICE,VISITATORI• Ai fini della sicurezza, il committente, ove lo ritenga necessario, fornisce semplificate informazioni ed istruzioni operative e comportamentali a favore dei visitatori.• I visitatori si uniformano alle regole di sicurezza fornite dal Committente.• Se previsto dalle procedure aziendali, tali soggetti vengono registrati nel momento di accesso nell’azienda del committente.• I visitatori vengono autorizzati all’accesso ai luoghi di lavoro, limitatamente alle aree loro consentite e/o vengono accompagnati da referente aziendale o ricevono informazioni e istruzioni di dettaglio (scritte e/o grafiche) dal datore di lavoro committente (o suo delegato) circa la modalità di accesso all’azienda nonché circa la viabilità interna da utilizzare.
  23. 23. IL LOGOL’identità del progetto
  24. 24. IL PORTALE www.duvri8108.itil sito su cui consultare i risultati del Progetto
  25. 25. L’APPLICAZIONE L’applicazione web per seguirela Procedura per la valutazione e gestione delle Interferenze
  26. 26. APPLICAZIONE, VALUTAZIONE PRELIMINARE
  27. 27. APPLICAZIONE,DESCRIZIONE DELCONTRATTO EIDENTIFICAZIONEDELLA SEDE
  28. 28. APPLICAZIONE, INSERIMENTO E/O MODIFICA DELLA SEDE DEL CONTRATTO
  29. 29. APPLICAZIONE, SELEZIONE DEGLI AMBIENTI
  30. 30. APPLICAZIONE, SELEZIONE DEGLI AMBIENTI
  31. 31. APPLICAZIONE, INSERIMENTO DI UN NUOVO AMBIENTE
  32. 32. APPLICAZIONE,AMBIENTISELEZIONATI
  33. 33. APPLICAZIONE,SELEZIONE DELLEFIGURE AZIENDALIDI RIFERIMENTO
  34. 34. APPLICAZIONE, SELEZIONE ED INSERIMENTO DI UNA PERSONA
  35. 35. APPLICAZIONE, INSERIMENTO DI UNA NUOVA PERSONE
  36. 36. APPLICAZIONE,SELEZIONE DELLEFIGURE AZIENDALIDI RIFERIMENTO
  37. 37. APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE E SCELTA OPERATORI ECONOMICI
  38. 38. APPLICAZIONE, INVITO O SELEZIONE DEGLI OPERATORI ECONOMICI
  39. 39. APPLICAZIONE, L’OPERATORE ECONOMICO INVITATO RICEVE L’INVITO
  40. 40. APPLICAZIONE, INSERIMENTO MANUALE DI UN OPERATORE ECONOMICO
  41. 41. APPLICAZIONE, AUTOCERTIFICAZIONE DELL’OPERATORE ECONOMICO
  42. 42. APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
  43. 43. APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
  44. 44. APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
  45. 45. APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
  46. 46. APPLICAZIONE, INFORMAZIONI DETTAGLIATE DELL’OPERATORE ECONOMICO
  47. 47. APPLICAZIONE, DOCUMENTI DELL’OPERATORE ECONOMICO
  48. 48. APPLICAZIONE,SELEZIONE ECONFERMA DEGLIOPERATORIECONOMICI
  49. 49. APPLICAZIONE, VALUTAZIONE CAMPO DI APPLICAZIONE
  50. 50. APPLICAZIONE, VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE
  51. 51. APPLICAZIONE,IDENTIFICAZIONEED INSERIMENTODEL RISCHIOINTERFERENTE
  52. 52. APPLICAZIONE, IDENTIFICAZIONE ED INSERIMENTO DEL RISCHIO INTERFERENTE
  53. 53. APPLICAZIONE, VALUTAZIONE DELLE INTERFERENZE
  54. 54. APPLICAZIONE, STIMA DEI COSTI
  55. 55. APPLICAZIONE,COMPLETAMENTODELLAGENERAZIONE DEIDOCUMENTI
  56. 56. APPLICAZIONE,RIEPILOGO DELLAPROCEDURA
  57. 57. APPLICAZIONE,DOCUMENTIDELLAPROCEDURACOMPLETATA
  58. 58. APPLICAZIONE, STATO DELLA PROCEDURA
  59. 59. ON LINE IL 4 MAGGIOaccesso per i Committenti a partire da € 48,00/annoaccesso per gli Operatori Economici sempre gratuito
  60. 60. GRAZIE

×