• Save
La Notte Bianca
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La Notte Bianca

on

  • 991 views

caso di studio

caso di studio

Statistics

Views

Total Views
991
Views on SlideShare
989
Embed Views
2

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 2

http://www.linkedin.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

La Notte Bianca La Notte Bianca Presentation Transcript

  • RELAZIONE SUL CASO DI STUDIO: di Federica Bon
  • SE DICO NOTTE BIANCA…CHI NON HA MAI PRESO PARTE A UNA NOTTE BIANCA?
  • SE DICO NOTTE BIANCA…
  • SE DICO NOTTE BIANCA…
  • STORIA DELLA NOTTE BIANCA…
  • FESTIVAL DELLE NOTTI BIANCHE: SAN PIETROBURGO 1992  80 serate di musica, concerti mostre ed eventi fino alle 6 del mattino (maggio – luglio)  50.000 visitatori ogni anno NOTTI BIANCHE : sono un fenomeno naturale delle regioni nordiche. In prossimità del solstizio d’estate ad alte latitudini il Sole non scende mai sotto l’orizzonte, per via dell’inclinazione dell’asse di rotazione terrestre, durante quel periodo non cala mai la notte e oltre i 60°N si potrà osservare il Sole di Mezzanotte.
  • FESTIVAL DELLE NOTTI BIANCHE: SAN PIETROBURGO Carnevale Festival dellestelle delle notti bianche o Festival delle Candele Scarlatte Apertura deiponti sul Neva Scarlet Sails Dostoevskij Festival
  • LANGE NACHT DER MUSEEN: BERLINO per la prima volta in Europa, una sola notte per visitare 100 tra musei e gallerie aperti 1997 dalle h 18:00 alle 2:00.  15 euro costo del ticket d’ingresso chepermette il libero accesso a tutti i musei e al sistema di trasporto pubblico-  5 itinerari consigliati da percorrere a piedi, in bici o con le navette predisposte dal servizio pubblico.  informazioni e biglietto di partecipazione si possono reperire online o nei punti informativi sparsi per la città.
  • NUIT BLANCHE: PARIGI 2002  Prima manifestazione a esser denominata ufficialmente “Notte Bianca”.  Jean Blaise, fondatore del Centre de Recherche pour le Développement Culturel, è l’ideatore dell’evento, aveva già proposto l’idea di un festival artistico fino a tarda notte nel programma per la candidatura a sindaco di Nizza. Nel 2001 sarà chiamato a Parigi dal sindaco Bertrand Delanoe per realizzare il suo progetto.  Appuntamento che dura 24 ore e si rinnova ogni anno a ottobre la prima notte fra sabato e domenica.
  • NUIT BLANCHE: PARIGI Conquistano la scena le INSTALLAZIONI LUMINOSE, rappresentazioni artistiche e arredamento urbano regalano alla città un nuovo aspetto. Negli anni l’uso della luce, ispirato dal design e dall’arte contemporanea, diventerà un elemento distintivo di eccellenza dell’evento parigino.
  • NOTTE BIANCA: ROMA Prima notte bianca in Italia. 2003 28 ore complessive di spettacoli edeventi. 1000 artisti coinvolti. 2 milioni di partecipanti (aumentodelle presenze del 22% rispetto aglianni precedenti, 20% di stranieri,60% di giovani sotto i 35 anni, 1 su 4arriva da un’altra regione italiana). 750.000 passeggeri del trasportopubblico notturno. 85 milioni di euro di spesa per iconsumi, 30 euro c.a. perpartecipante escluso ilpernottamento. 220 tonnellate di rifiuti.
  • NOTTE BIANCA: ROMA COMUNICAZIONE DELL’EVENTO: i metodi più efficaci per comunicare l’evento della notte bianca sono stati - manifesto/volantino - sito internetCOMUNICAZIONE E INTERNET: •Viral marketing •Passaparola •Effetti buzz
  • NOTTI BIANCHE D’EUROPA(RIGA, ROMA, MADRID, BRUXELLES, PARIGI) 2006  Il successo riscontrato a Parigi dalla Notte Bianca, ha spinto altre città a organizzare lo stesso evento.  Le città partner ogni anno organizzano un progetto artistico comune allo scopo di promuovere un interscambio di esperienze a livello europeo.  Ogni città ospita una creazione/installazione ideata da un artista di una delle altre città.
  • NOTTI BIANCHE D’EUROPA(RIGA, ROMA, MADRID, BRUXELLES, PARIGI)
  • NOTTI BIANCHE D’EUROPA: CARTA D’INTENTI è una manifestazione culturale aperta a tutti e gratuita, che si tiene ogni anno per una intera notte tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno.NOTTE BIANCA privilegia la creazione contemporanea in tutte le sue forme. mette in scena lo spazio pubblico in tutti i suoi aspetti. consente alle città di riflettere insieme sull’evoluzione attuale delle notti metropolitane e di mettere in campo servizi e modelli organizzativi adeguati. favorisce l’interscambio tra il centro delle città e i quartieri periferici. è l’occasione di promuovere forme di mobilità “poco inquinanti” bicicletta, tram e trasporti pubblici in genere, navette fluviali.
  • NOTTI BIANCHE: LINEA DEL TEMPO Notti Bianche d’Europa Riga Festival Roma delle Notti Nuit Madrid Bianche Blanche BruxellesSan Pietroburgo Parigi Parigi Lange Nacht Notte Notte Der Bianca Bianca Museen Torino Roma Berlino 1992 1997 2002 2003 2006
  • TORINO E LA NOTTE BIANCA…
  • NOTTI BIANCHE: TORINO Notte Notte Bianca Bianca Olimpica Tricolore 18 febbraio 16 marzo 2006 2011
  • NOTTE BIANCA OLIMPICA: TORINO 2006  500.000 persone si sono riversate per le strade della città nella notte di sabato 18 febbraio.  60.000 visitatori hanno usato il treno per raggiungere Torino da un’altra provincia, da altre regioni italiane e dalla vicina Francia.  uno degli eventi col più alto tasso di visitatori stranieri.  Il grande successo della prima edizione della Notte Olimpica ha spinto la Regione Piemonte ad annunciare, fin dall’alba della domenica, una seconda edizione (25 febbraio) che coinvolgesse anche le Montagne Olimpiche (Bardonecchia, Chiomonte, Claviere, Pinerolo, Pragelato, Sauze d’Oulx e Sestriere).
  • NOTTE BIANCA OLIMPICA: TORINO È stato possibile estendere la Notte Olimpica alle zone di San Salvario e Borgo Dora, ma soprattutto migliorare i servizi di viabilità, nonchè coinvolgere molti musei cittadini e l’Università degli Studi di Torino all’apertura notturna.
  • NOTTE BIANCA TRICOLORE: TORINO 2011 La sera del 16 marzo in Piazza Vittorio c’erano 100.000 torinesi, la festa è stata più forte della pioggia.
  • NOTTE BIANCA TRICOLORE: TORINO  Apertura dei festeggiamenti con l’accensione, intorno al monumento dellaPROGRAMMA DELLA SERATA Mole, dell’anello progettato dagli architetti Italo Lupi, Ico Migliore e Mara Servetto e con un impressionante spettacolo pirotecnico.  Sette Luci d’artista sono state riaccese nel corso della serata.  Piazza Vittorio ha ospitato un grande concerto che ha presentato artisti provenienti da diverse regioni italiane. (Roberto Vecchioni, Davide Van De Sfroos, Syria e Irene Fornaciari).  Musei, teatri, gallerie e le più importanti realtà culturali torinesi sono rimaste aperte per tutta la notte offrendo al pubblico ingressi gratuiti.  Cioccolatò infine ha offerto una dolce anteprima con un’Italia di cioccolata da record lunga oltre 13 metri e del peso di 14 tonnellate.
  • NOTTE BIANCA TRICOLORE: TORINO SHOPPING: +30% RISTORAZIONE: +50% HOTEL: +70%  25.000 persone hanno visitato il Museo Egizio  18.000 turisti hanno visitato il Museo del Cinema  38.000 visitatori della mostra “fare gli italiani” alle Ogr
  • PUNTI DI FORZA E DEBOLEZZA DELLA NOTTE BIANCA…
  • PUNTI DI DEBOLEZZA: NORMATIVE INFRAZIONI PIÙ FREQUENTIDURANTE LA NOTTE BIANCA: Inquinamento acustico SchiamazziParcheggio in divieto di sosta Guida in stato di ebbrezza Lancio di oggetti pericolosi Aggressione Vendita abusiva
  • PUNTI DI DEBOLEZZA: NORMATIVE INQUINAMENTO ACUSTICO: “Introduzione di rumore nellambiente abitativo o nellambiente esterno provocando: fastidio o disturbo alriposo e alle attività umane, pericolo per la salute umana, deterioramento degli ecosistemi, dei beni materiali, dei monumenti, dellambiente abitativo o dellambiente esterno o tale dainterferire con le normali funzioni degli ambienti stessi” Legge quadro sullinquinamento acustico, (L. 447 del 26 ottobre 1995)
  • PUNTI DI DEBOLEZZA: INQUINAMENTO ACUSTICO LEGGE QUADRO SULLINQUINAMENTO ACUSTICO: Soglia di 35 decibel per il rumore notturno (ore diurne 55 Db). Scatta dopo le ore 24.00 e vale tutto lanno. Su segnalazione di un singolo cittadino, Polizia municipale e Carabinieri sono tenuti ad applicare sanzioni per disturbo della quiete pubblica e schiamazzi notturni, nonostante i permessi del sindaco del comune locale, sui quali prevale la normativa nazionale. La multa può raggiungere alcune migliaia di euro per gli autori dello schiamazzo e denuncia, fino al ritiro della licenza commerciale con chiusura dellattività, per i locali.
  • PUNTI DI DEBOLEZZA:EVENTO INFLAZIONATO La notte bianca è un evento one-time troppo inflazionato. Si ripete periodicamente e ogni comune ha la sua notte bianca, non solo le grandi metropoli ma anche paesi più piccoli così da fissare un calendario fittissimo di incontri. Quasi tutti i weekend si festeggia una notte bianca.
  • PUNTI DI FORZA: INCREMENTO DELLE PRESENZE TURISTICHE SHOPPING:negli esercizi commerciali i clientiaumentano del 30% e i negozipossono osservare orari menorestrittivi, interessantel’opportunità di supportare iconsumi con uno shopping day. RISTORAZIONE:Bar, tavole calde, ristoranti, pub elocali notturni raddoppiano gliincassi, pare efficace la propostadi prezzi fissi con menù specificiper l’evento. SERVIZI RICETTIVI:Alberghi, ostelli, B&B,affittacamere vedono crescere del40%-70% le prenotazioni per tuttala settimana precedente esuccessiva alla Notte Bianca.
  • PUNTI DI FORZA: IL META-EVENTO META-EVENTO:Manifestazione che raccoglie al suo interno una molteplicità di attività culturali; le forme artistiche, culturali e dispettacolo dal vivo configurano una nuova categoria di evento che raccoglie al suo interno tutte le tipologie di eventi. Concerti Spettacoli Lecture Performance artistiche Maratone cinematografiche Workshop Musei Gallerie Degustazioni
  • PUNTI DI FORZA:GRATUITÀ DELL’EVENTO L’evento in termini di costi permette un investimento pubblico contenuto (Comune e Regione) e un’accessibilità gratuita a tutti, anche in luoghi normalmente a pagamento. Il successo della manifestazione è talmente grande che molti partecipanti alla notte bianca si dichiarano teoricamente disponibili a pagare un biglietto d’ingresso.
  • PUNTI DI FORZA:MAGIA DELLE NOTTI METROPOLITANE Quando cala la notte le città si trasformano. Le illuminazioni scoprono zone d’ombra cittadine aprendo nuove prospettive, non solo a chi visita la città per la prima volta ma anche a chi la vive tutti i giorni. Si delinea una nuova categoria di popolazione notturna.
  • Rio de Janeiro
  • Roma
  • Torino
  • New York
  • Hong Kong
  • Sydney
  • NOTTE BIANCA: SCHEDA EVENTO CADENZA: one-time, periodica NOTTE BIANCA: DURATA: 24h è una manifestazione culturale allo BACINO d’ATTRAZIONE: internazionale stesso tempo colta e popolare, che NUMERO VISITATORI: diverse migliaia incita a ri-scoprire e ri-conquistare TIPO di ACCESSO: libero l’ambiente urbano da nuovi punti di ATTENZIONE MEDIATICA: locale, regionale e vista. nazionaleTARGET di RIFERIMENTO: a maggioranza giovani e turisti. AMBITI SPAZIALI: confini cittadini SEDE: molteplici PACCHETTO di ATTRAZIONI OFFERTE: più eventi SERVIZI OFFERTI: informazioni, trasporti, intrattenimento TIPOLOGIA: celebrativa, culturale, ricreativa, commerciale SCOPO: spinta flussi turistici, intrattenimento, miglioramento dell’immagine della località, incoraggiamento partecipazione locale TEMA: variabile SOGGETTI COINVOLTI: pubblici e privati RISORSE FINANZIARIE: pubbliche GENERE: festival culturale
  • BIBLIOGRAFIA E APPROFONDIMENTIComitato Italia 150, (cartelle stampa a cura di), “Torino accende la notte dellecelebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia”, Torino, 2011.Ministere Culture Communication, “La valorisation économique du patrimoine: mesureet outils”, Dévelopment Culturel, n. 141, 2004.Ranieri, A., (rapporto di ricerca a cura di) “Le conseguenze economiche dei meta-eventiculturali: il caso della notte bianca di Roma”, Unioncamere Lazio, Roma, 2006.Uysal, M., & Gitelson, R., Assessment of economic impacts: festivals and special events;in Festival Management & Event Tourism, 2(1), 3-10, 1994.