SABATO 7 GENNAIO 2012 ANNO 137 - N. 5                                                                                     ...
Codice cliente:2#         Primo Piano                                                                                     ...
Codice cliente:Corriere della Sera Sabato 7 Gennaio 2012                                                                  ...
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Il cds nazionale-07.01.2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Il cds nazionale-07.01.2012

2,342

Published on

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,342
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il cds nazionale-07.01.2012

  1. 1. SABATO 7 GENNAIO 2012 ANNO 137 - N. 5 In Italia EURO 1,20 italia: 515249535254 Milano, Via Solferino 28 - Tel. 02 62821 Roma, Piazza Venezia 5 Servizio Clienti - Tel. 02 63797510 Fondato nel 1876 www.corriere.it Tel. 06 688281 I COSTI DELLE (NECESSARIE) AUTONOMIE Il premier: altre misure nei prossimi due mesi. Borse in calo, lo spread a quota 527 Liberalizzazioni QUELLE REGIONI TROPPO SPECIALI Monti e Sarkozy, asse per l’euro VIAGGIO NEL FUTURO DI UNA SOCIETÀ di GIAN ANTONIO STELLA «L’Unione ora agisca». Al vertice di Roma anche la Merkel PIÙ APERTA C osa c’entrano con sto della penisola di 518 eu- «Identità di vedute» di DARIO DI VICO l’autonomia 7 consi- ro pro capite e in Alto Adige tra Parigi e Roma. Si è Giannelli L’analisi Il retroscena gli circoscrizionali di 2.023. Quella per l’istru- svolta in un clima di fidu- Q uando si parla di in una cittadina di 38.595 anime come Rovere- zione è di 934 euro per ogni italiano medio nei territori cia, ieri, la tappa francese del presidente del Consi- Un alleato prezioso Il vero obiettivo liberalizzazioni tutti abbiamo in to se sono stati aboliti in tut- ti i capoluoghi sotto i 250 delle aree «normali», 1.520 in Trentino. Non c’è tabella glio Mario Monti. per respirare un po’ sono gli eurobond mente le grandi città anglosassoni aperte mila abitanti? Cosa c’entra- che non evidenzi distanze si- Gli elogi. Il presidente di MASSIMO NAVA di FEDERICO FUBINI 24 ore con il loro no con l’autonomia certe bu- derali fra queste due Italie. Sarkozy ha lodato il pre- corredo di cornershop ste paga della Regione sici- liana dove i presidenti di una commissione possono È giusto che i soldi spesi dal- la Sardegna a sostegno del- l’agricoltura rispetto alla mier italiano per «il co- raggio e la competenza». M onti e Sarkozy si conoscono da anni, si stimano, si danno del tu, Q uandodiNicolas Sarkozy parla una perfetta identità di vedute con Mario gestiti da pachistani, di taxisti provenienti da tutti i continenti e di arrivare a 17.476 netti al me- Campania, come dice uno Il monito. Monti ha esor- nonostante gli screzi all’epoca Monti, capisce per primo farmacie straripanti di se, più di quanto prende studio ancora del Sole, sia- tato l’Europa ad agire: in cui il nostro premier era quali ne siano le medicinali disponibili Obama? no superiori del 1.607%? «Ha dimostrato di essere commissario europeo alla implicazioni. Il presidente tutta la notte. Ma A decenni di distanza dal- Numeri pesanti. Che da più debole di quanto pen- Concorrenza. Quando Sarkozy francese e il premier quanto di tutto l’istituzione, chi prima, chi anni spingono una fetta del- sassimo». lanciò la commissione Attali italiano non vedono l’ora ciò può avvenire dopo, delle Regioni a statu- la politica e della società, co- per le riforme, di cui la che vada in porto in Italia se davvero to speciale, non ce n’è una me si è scritto, a guardare In Italia. Annunciato uffi- Francia continua ad avere un progetto che la deregulation del che non rivendichi la certi lussi delle Regioni spe- cialmente il vertice che ci bisogno, fra i molti esperti, né l’uno né l’altro hanno commercio e degli sacralità della sua autono- ciali con gli occhi della fiam- sarà a Roma il 20 gennaio scelse anche due italiani: mai voluto e che non altri servizi prenderà mia. Questa perché è sul miferaia incantata dal piat- con Sarkozy e Merkel. Monti e Franco Bassanini. considerano una priorità. piede? confine, quella perché è in to fumante dell’oca arrosti- DA PAGINA 2 A PAGINA 11 CONTINUA A PAGINA 52 CONTINUA A PAGINA 2 CONTINUA A PAGINA 9 montagna, quella perché è ta. E a invocare brutalmente un’isola… Al punto che Raf- l’abolizione tout court di tut- faele Lombardo si è avventu- te le autonomie. Compresa rato a spiegare che la Sicilia quella, blindatissima da ac- Inchiesta di un settimanale sulla fondazione vicina all’Eliseo La speculazione all’attacco della banca ha diritto a esser risarcita cordi internazionali, dell’Al- to Adige. per i saccheggi subiti a parti- re da Ulisse, che se la prese con «Polifemo, un povero Forzature. Ma in tempi magri come questi chi go- La caduta di Unicredit: verna le realtà privilegiate pecoraio siciliano che bada- va al gregge e vendeva for- maggio». Polifemo che lui non può rispondere, come il presidente altoatesino, perde il 37% in 3 giorni che lo statuto d’autonomia vorrebbe vendicare con un grande partito territoriale per «far ballare la samba a è lì e «ora Roma non può metterlo in discussione so- Ghizzoni: siamo solidi lo perché è in difficoltà». ogni governo». Tanto più sapendo, come La speculazione attacca Unicre- Sia chiaro: l’autogoverno è una cosa seria. Che ha da- ha letto sulla Südtiroler Ta- Settegiorni dit, il cui titolo in tre giorni ha per- geszeitung, che i cugini di so il 37%. Anche ieri seduta pesan- to qua e là risultati buoni o Innsbruck sono trattati con te: calo fino al 12% circa. Poi la ri- addirittura ottimi. E non ha di Francesco Verderami assai minore generosità. E salita. L’amministratore delega- torto Luis Durnwalder, se uno studio del Sole 24 ore che se lui prende 26.708 eu- ro lordi al mese il suo omo- I partiti e il rebus to, Federico Ghizzoni: pronti alla sfida europea, ma le fluttuazioni dice che le cinque Regioni autonome spendono (sani- logo tirolese ne incassa 16.300. della nuova del titolo in parte ci sorprendono. ALLE PAGINE 44 E 45 Bocconi tà esclusa) 2.591 euro per abitante contro i 790 euro Sarebbe un delitto se, in cammino verso il federali- legge elettorale della media di quelle a statu- to ordinario, a rispondere che «non si possono conta- smo, l’Italia mettesse in di- scussione le autonomie esi- stenti. Ma chi quelle autono- T oglietegli tutto, ma non la legge elettorale. Perciò le forze di TUTTO FUORI SCALA re le pere con le mele». È ve- mie le ha deve usarle sobria- «maggioranza» confidano ANCHE GLI ERRORI ABACA ro: le Regioni a statuto spe- mente. E non offendere il re- che la Corte Costituzionale ciale devono farsi carico di sto del Paese spendendo bocci i referendum sul di MASSIMO MUCCHETTI molte più competenze delle 226.272 euro in gettoni di «porcellum». D’altronde, altre. E spesso costosissime. Uno studio della Cgia di Mestre segnala tuttavia squi- presenza per i 12 consigli cir- coscrizionali di Trento, pa- gando il sindaco di Merano Carla Bruni e i soldi anti Aids (spariti?) dopo aver accettato il «passo indietro» con il governo tecnico, dopo aver U nicredit fa tremare per la secon- da volta l’Italia. La prima era stata all’indomani del crac Lehman, libri eccessivi. I dipendenti proporzionalmente 77 volte subito una manovra che mai quando si paventò addirittura la di STEFANO MONTEFIORI Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano pubblici ogni mille abitanti più di quello di Roma o dan- avrebbero varato, i partiti corsa agli sportelli per ritirare i sono 55,9 nelle Regioni ordi- narie e 76,2, ad esempio, in Val d’Aosta. La spesa pubbli- do a un deputato regionale siciliano un minimo di 14.808 euro netti al mese. L’ ombra dello scandalo sulla première dame francese Carla Bruni-Sarkozy a cento giorni dalle elezioni presidenziali. Il settimanale Marianne sostiene che la fondazione a lei intitolata avrebbe ottenuto in modo poco limpido dal Fondo mondiale contro l’Aids 3,5 milioni di dollari con che hanno abdicato a Monti non intendono abdicare rispetto al loro futuro. depositi, mentre gli hedge fund azzannavano le carni molli del gigante di Alessandro Profumo. ca per investimenti è nel re- © RIPRODUZIONE RISERVATA l’intermediazione del musicista Julien Civange (con lei nella foto). Immediata la smentita. A PAGINA 19 CONTINUA A PAGINA 15 CONTINUA A PAGINA 44 Porpora a Betori, cambiano gli equilibri Come tenere in forma il cervello (subito) Nominati 22 cardinali: In declino dai 45 anni? più italiani nel Conclave Allenatevi, vi salverete di LUIGI ACCATTOLI di EDOARDO BONCINELLI Dalla reazione alla borsa buttata via P iù peso all’Italia e al- l’Europa nell’elezione Tutti i dubbi I l cervello comincia a per- dere colpi quando com-20 1 0 7> del Papa. Benedetto XVI piamo 45 anni: a quell’età ha annunciato ieri la no- memoria e altre capacità mina di 22 cardinali. Dei 18 che entreranno in Con- nell’inchiesta di ragionamento declina- no. Lo dice uno studio, 9 771120 498008 clave (4 non sono elettori in quanto ultraottanten- di Roma che sostiene una verità in- controvertibile, ma dimen- ni) 7 sono italiani: il più tica che il declino può esse- noto è l’arcivescovo di Fi- di FIORENZA SARZANINI re frenato con stile di vita renze Giuseppe Betori. ALLE PAGINE 20 E 21 e ossigenazione adeguati. A PAGINA 23 Capponi, Frignani A PAGINA 27 Serra Codice cliente:
  2. 2. Codice cliente:2# Primo Piano italia: 515249535254 Sabato 7 Gennaio 2012 Corriere della Sera L’Europa Il governo Gli impegni dell’Eurozona 0,5% Pil I Paesi Ue s’impegnano al pareggio di bilancio entro un deficit dello 0,5% del Pil «L’Italia ha fatto sforzi, ora agisca l’Europa» Monti a Parigi: una fortuna dipendere dai partiti, in caso di voto non mi sarei candidato DAL NOSTRO INVIATO componenti che sostengono il destra non piacciono le libera- La scheda PARIGI — «Per rispondere governo, il partito di Berlusco- ni, il Partito Democratico e il lizzazioni» dice Monti in un’intervista a France24, pri- La giornata alle attese dell’Europa l’Italia Terzo polo, dura. Ognuno tro- ma di lasciare Parigi, soffer- A sinistra, il premier ha fatto sforzi senza pari ri- va nelle cose che presentiamo mandosi anche a spiegare che François Fillon con il spetto agli altri Stati membri. in Parlamento qualcosa che le difficoltà in Borsa delle ban- presidente del Era giusto che lo facessimo e gli piace e qualcosa che non che italiane sono solo tempo- Consiglio Mario gli italiani lo hanno accettato, gli piace. Il compito consiste ranee. Monti ieri all’Hotel ma ora hanno bisogno di vede- nel creare pacchetti bilanciati, Resta il fatto, dice Monti, Matignon, residenzaL’intesa re che l’Europa avanza». Entra- to in punta di piedi sulla sce- per esempio la riforma delle pensioni o del mercato del la- che «se l’Italia, come sta facen- do in questi mesi con intensi- del capo del governo franceseL’accordo na nel momento più acuto del- voro non sarà applaudita mol- tà, riesce a non essere più un (Remy de la la crisi, «sono primo ministro to dalla sinistra, ma al centro- problema per l’Europa, si trat- Mauviniere/Ap);del 9 dicembre senza aver affrontato le elezio- ta già di una buona notizia sotto, la conferenzae le modifiche ni, sennò mi sarei ben guarda- to dal candidarmi», e con la Il bilanciamento per l’Europa stessa», che ora deve muoversi. «Ci aspettia- congiunta di Monti e del presidente nuova manovra antideficit al- «Ognuno trova in ciò che mo che l’Unione sia all’altezza Nicolas SarkozyDal vertice Ue del 9 dicembre è le spalle, Mario Monti comin- presentiamo qualcosa delle aspettative e dei rischi all’Eliseo dopo iluscito un protocollo di intesa in cia a Parigi a giocare aperta- che stiamo correndo» incalza loro incontro14 articoli firmato da 26 Paesi. mente le sue carte. In nome che gli piace e qualcosa Corrado Passera, anche lui (MiguelÈ già partito un meccanismo di dei sacrifici fatti dai cittadini che non gli piace» ospite del convegno organiz- Medina/Afp); aconsultazione per arrivare alla italiani sollecita all’Europa zato dal ministro Eric Besson. destra, i due leaderversione finale del trattato «salva «decisioni rapide» sul gover- «Abbiamo molte ragioni per di spalle al termineeuro». Ai negoziati sono invitate no della moneta unica e l’im- essere delusi su come è stata dell’incontroanche Europarlamento e pegno «di tutti gli Stati mem- L’aspettativa gestita la crisi a livello euro- con la stampaCommissione Ue. I vari governi bri» per risolvere la crisi. «Dopo una manovra che peo. Il sistema di governance internazionale(nella foto sotto, il presidente Non solo con il rigore di bi- assicura il pareggio di ha dimostrato di essere inade- (Christophe Ena/Ap)francese Sarkozy) hanno presentato lancio, ma anche con maggio- guato» aggiunge Passera.un pacchetto di emendamenti ri sforzi per la crescita dell’eco- bilancio, gli italiani si Il pressing del governo ita- nomia da cercare nell’appro- aspettano tassi in calo» liano è evidente. «Approvata lo mangiano tutto. Invece i tas- L’ottimismo non manca, vernance avrebbe saputo far fondimento del mercato inter- la manovra, che contiene una si restano alti. Così, incalza il «l’Europa — dice Monti — è fronte a questa crisi, ma ora ilL’Italia no, un ambito in cui l’Italia certo non sfigura al cospetto radicale riforma delle pensio- ni ed assicura il pareggio di bi- presidente del Consiglio, «gli Stati membri dell’Unione han- sempre stata capace di trasfor- mare le difficoltà in nuovi pas- rischio principale sono le in- comprensioni tra i popoli e gliL’articolo 4 della Germania, leader dell’or- L’euro «perenne» lancio nel 2013 grazie ad un no il dovere di mettere in ope- si avanti», ma il momento, Stati membri, il ritorno dei todossia di bilancio, e della «I membri dell’Ue devono avanzo primario del 5% del ra tutti i meccanismi per far sì ammette il professore, «è cru- pregiudizi tra Nord e Sud, trae il «vincolo» stessa Francia. La strategia del togliere dalla testa dei prodotto interno lordo», gli che torni la crescita, dotarsi di ciale: siamo come un alpinista nuovi e vecchi paesi dell’Unio-da addolcire premier comincia a delinear- si. «Dobbiamo affrontare più mercati che l’euro non sia italiani si aspetterebbero ades- so, dice Monti, dei «benefici munizioni per far fronte alla crisi, togliere dalla testa dei che cammina su un crinale pe- ricoloso, ma può raggiungere ne, con un potenziale di divi- sione molto grande». concretamente le politiche una cosa perenne» in termini di minori tassi di in- mercati che l’euro non sia una la vetta». Non c’è dubbio, dice Mario Sensini per la crescita, non finanziata teresse», che quell’avanzo se cosa perenne». Monti, che «una miglior go- © RIPRODUZIONE RISERVATA dal disavanzo, perché sarebbe come la tela di Penelope, ma ✒ sfruttando di più la potenzialità di un grande con- L’analisi tinente integrato. Dobbiamo approfondire il mercato uni- co» dice Monti, che ieri nella capitale francese ha incontra- to il presidente Nicolas IL VERO OBIETTIVO DELLA PARTITA pact» di cui si discute con accanimento non è che la fotocopia di un pacchetto di regola- menti e direttive già approvati a novembre. L’Italia ha votato a favore, la Gran Bretagna Sarkozy, il primo ministro François Fillon e concluso i la- vori del convegno «Nouveau È OTTENERE GLI EUROBOND anche e così Germania e Francia. È il cosid- detto «Six Pack», «pacchetto di sei», nome prelevato da qualche eurocrate da un linguag- Monde» al ministero dell’Eco- gio da rivista americana di culturismo (signi- nomia. Le contraddizioni sul «fiscal compact» fica: «Robusti muscoli addominali»). I vinco- «Se la Ue non riuscirà a li sul deficit, le sanzioni, le regole sul debito spremere dalla propria inte- SEGUE DALLA PRIMA dossi. Il fatto che Monti e Sarkozy abbiano sono tutte lì e difficilmente ora potranno 26 grazione una maggior fretta di approvarlo pur ritenendolo econo- cambiare in modo radicale. competitività e una maggior È quello che Mario Draghi, per mancanza micamente superfluo è solo il minore. Tutto il lavoro dei leader è volto in realtàTra gli emendamenti italiani, c’è la efficienza, difficilmente potrà di definizioni migliori, ha chiamato «fiscal È un paradosso per esempio che il premier a elevare il «Six Pack» al grado di solennemodifica dell’articolo 4 della bozza a tornare a crescere», insiste il compact»: un patto di bilancio. Forse sarà britannico minacci una secessione europea a trattato europeo. L’obiettivo è politico. An-laddove è scritto che i Paesi con presidente del Consiglio, che un Trattato europeo, forse un accordo inter- I Paesi dell’Unione causa di quelle norme: solo tre settimane pri- che Angela Merkel, come Cameron, ha biso-una percentuale d’indebitamento la prossima settimana presen- nazionale fra un numero per ora imprecisato europea che hanno ma, il suo governo le aveva già votate esatta- gno di una sua scena madre a Bruxelles. Lasuperiore al 60% del Pil dovranno terà a Palazzo Chigi un primo di Paesi. Ancora non si sa e questo è uno dei firmato l’accordo del 9 mente come tutti gli altri. La plateale opposi- cancelliera intende mostrare all’opinioneridurre ogni anno di un ventesimo pacchetto di liberalizzazioni e problemi. Si tratta in ogni caso di sorveglian- dicembre. La Gran zione dell’inquilino di Downing Street fa par- pubblica tedesca, ai parlamentari, alla Bunde-l’extradebito: per il nostro Paese, presto la riforma del mercato za sul deficit, sul debito e sul sistema semi Bretagna non ha firmato te del teatro politico di Bruxelles che anche a sbank e alla Corte costituzionale di Karl-con un debito al 120%, la norma del lavoro. «C’è la necessità di automatico di sanzioni per chi viola le rego- Londra fa comodo per sopravvivere. Ma il pa- sruhe che ha ottenuto garanzie sulla discipli-così com’è sarebbe letale poiché cercare la maggioranza in Par- le. Quell’accordo emerso il 9 dicembre fra i radosso più grande è a monte: quelle regole, na dei partner. È esattamente questo il moti-imporrebbe manovre di almeno lamento su ogni misura, ed è 26 leader dell’Unione Europea, con Londra le stesse che da due mesi assorbono le miglio- vo per il quale Monti e Sarkozy hanno fretta40 miliardi l’anno solo per una fortuna perché sennò sa- fuori, contiene (anche) obiettivi di buon sen- ri energie dei grandi leader d’Europa, in real- che il «fiscal compact» vada in porto. Se simettersi al passo con i parametri remmo fuori dalla democra- so ma è ugualmente una collezione di para- tà sono già in vigore. Da mesi. Il «fiscal com- troverà un compromesso definitivo e tutti zia. L’appoggio delle diverseIl documentoLa governance L’intervistae i correttividi TremontiIl vincolo che Monti punta a Fitoussi: la Francia è più vicina a voi che a Berlinomodificare era già previsto nelpacchetto di riforme della L’economista: il vostro Paese decisivo riconosce, cerca l’aiuto di Monti per salvare la Francia e l’Europa dal azione, anche nel praticare politiche non convenzionali. Non sologovernance economica Ue invigore dal 13 dicembre 2011. L’ex per salvare noi e la Ue dal disastro disastro. Sarkozy è sincero quando dice che è ammirato dai passi avanti aiutando le banche, ma comprando il debito degli Stati. È inutile aiutareministro Tremonti aveva ottenuto fatti dall’Italia nelle ultime le banche se poi queste hanno pauradue correttivi che ora un nuovo DAL NOSTRO CORRISPONDENTE di quanto non lo siano quelli di settimane». e non comprano i titoli di Stato. Ladocumento del governo italiano Parigi e Berlino». È la nascita di un nuovo asse? questione a questo punto non èchiede di ripristinare: che il calcolo PARIGI — Il presidente francese ha Perché allora, nella gestione della «Sarkozy e Monti sono d’accordo, economica ma politica».del debito consideri anche il appena pronunciato il discorso di crisi europea, finora si è parlato preparati e decisi, ma ci sono delle Dall’inizio della crisi la Germania sirisparmio privato e che il nuovo chiusura del convegno «Nouveau soprattutto di «Merkozy» e di asse incognite: le elezioni presidenziali in oppone con tutte le forze asistema entri in vigore dal 2014 Monde» davanti al premier italiano e franco-tedesco? Francia tra 100 giorni, e la tenuta del interpretare il mandato della Bce in all’economista Jean-Paul Fitoussi, «È l’alleanza storica dalla fine della governo italiano. I due sono bravi, senso più esteso. docente della Luiss di Roma e dello Iep di Parigi, relatore di spicco della giornata conclusiva. Lo incontriamo Seconda guerra mondiale, ma non fa comodo a nessuno farla diventare un rapporto esclusivo. Il governo del ❜❜ e Sarkozy Merkel speriamo che durino». Sarkozy ha insistito sul fatto che non solo i cittadini e i governi, ma «Per ragioni storiche, e anche perché finora la Merkel si è sentita al riparo. Ma io do a Berlino non più di sei nel salone dell’Eliseo, subito dopo gli mio vecchio amico Mario Monti è anche le istituzioni europee devono mesi. La crescita dei tedeschi si sta affettuosi saluti con Sarkozy e Monti. adesso un fattore decisivo». hanno solo da prendersi le loro responsabilità. A già fermando, la crisi arriverà presto Professor Fitoussi, è soddisfatto Perché? imparare da Mario chi si riferiva? anche da loro. Entro giugno ne della giornata? «Merkel e Sarkozy hanno solo da «Alla Commissione e alla Banca riparleremo». «Moltissimo, perché rispecchia un imparare da Monti su queste Monti su queste centrale europea di Francoforte, Stefano Montefiori dato di fatto: gli interessi di Francia materie, e almeno il presidente materie naturalmente. Monti è d’accordo con Twitter @Stef_Montefiori e Italia sono molto più convergenti francese ne è consapevole. Lo lui, la Bce deve avere più libertà di © RIPRODUZIONE RISERVATA
  3. 3. Codice cliente:Corriere della Sera Sabato 7 Gennaio 2012 italia: 515249535254 Primo Piano 3 # 500 Miliardi L’ammontare del nuovo fondo di salvataggio permanente dell’Eurozona 200 Miliardi È quanto verseranno i membri dell’Ue al Fmi per iniziative anticrisi 60% Il debito I Paesi con debito superiore riducano di un ventesimo l’anno l’extradebito La decisione Incontro il 20 gennaio Svolta nelle relazioni A Roma vertice a tre con la Cancelliera Sarkozy elogia il premier: ispira fiducia DAL NOSTRO INVIATO Gli appuntamenti PARIGI — «Ho espresso al signor Monti, a no- me di tutti i francesi, l’ammirazione per il coraggio e la competenza per le decisioni estremamente rapi- de che lui e il suo governo hanno preso. Monti — dice il Presidente della Repubblica nel cortile dell’E- liseo — ispira fiducia nei capi di Stato e di governo europei». I sorrisini di appena qualche settimana fa sono acqua passata. Il presidente del Consiglio ita- liano viene ricevuto a Parigi con il massimo del ri- spetto, accolto a pieno titolo nella cabina di regia Il bilaterale a Berlino chiamata alla gestione di una crisi difficilissima. con la cancelliera Merkel Mercoledì prossimo Monti volerà a Berlino, per incontrare la Cancelliera tedesca Angela Merkel, Mercoledì prossimo Mario Monti poi venerdì 20 gennaio, la stessa Merkel e Nicolas sarà a Berlino per un incontro Sarkozy saranno a Roma per un mini summit mol- bilaterale con la cancelliera to importante in vista delle prossime scadenze eu- tedesca Angela Merkel: il premier ropee, il 23 l’Eurogruppo e il Consiglio Ecofin, poi italiano tenterà di allentare l’asse il 30 un Consiglio dei capi di Stato e di governo. In franco-tedesco ballo c’è il nuovo Trattato sull’euro, con il fondo salva-Stati, ma anche le regole più rigide su deficit e debito condite da sanzioni quasi automatiche. Al- l’Italia sta bene, purché si tenga conto delle condi- zioni economiche e strutturali dei singoli Paesi, e ci sia più enfasi sulla crescita. Con la Francia sembra esserci pieno accordo. «Credo di poter dire che noi e l’Italia abbiamo una perfetta identità di vedute sul futuro dell’Unione europea e sul modo di risolvere la crisi di fiducia che attraversa la zona Euro» ha detto Sarkozy al ter- Il ruolo del Regno Unito mine dell’incontro con Monti, durato più del previ- sto. «Tutte le istituzioni europee devono prendersi e la visita a Cameron le loro responsabilità, come ogni stato membro è stato spinto a fare» ha aggiunto il presidente france- Il 18 gennaio l’agenda di incontri di se, con un riferimento implicito alla Bce, che Monti(meno Londra) lo ratificheranno, il leader ghi e i suoi colleghi ne parlano da settimane, premio di rischio su Roma di 250 punti in sei Monti prevede una visita a Londra ha invece attentamente evitato.italiano e quello francese sperano che final- ma appare difficile che possano arrivarci nel- mesi. Anche qui la risposta è politica: la Spa- dal primo ministro David Cameron: In realtà qualche difficoltà, nel bilaterale di ierimente si possa voltar pagina. A quel punto l’orizzonte di tempo prevedibile. La Bce po- gna ha davanti a sé un forte mandato elettora- Monti ritiene che il ruolo del Regno tra i due leader è emerso, su un aspetto piuttostoAngela Merkel avrà più margini di manovra trebbe giustificare l’acquisto di debito pub- le di cinque anni e un esplicito patto biparti- Unito sia fondamentale per far marginale, ma comunque significativo. La Franciain Germania e il Consiglio europeo, magari blico solo per evitare il rischio di una defla- san di risanamento. In Italia invece i partiti avanzare l’integrazione ha annunciato di voler andare avanti unilateralmen-già quello del 2 marzo, potrebbe iniziare a zione, un pernicioso avvitamento dei prezzi appoggiano le riforme del governo sperando te nell’adozione della tassa sulle transazioni finan-discutere di Eurobond. in Europa a causa della crisi economica. Pri- di non farsi notare. Ma pochi dei titoli di debi- ziarie, la Tobin Tax, irritando Berlino. Così Monti si Anche questo nome è un eufemismo: Eu- ma però dovrebbe già aver tagliato i tassi to emessi dal governo Monti scadranno in è trovato nella veste del mediatore, offrendo sulrobond significa che una parte del rischio quasi a zero e nel frattempo l’inflazione sta questo scampolo di legislatura: andranno piatto un ammorbidimento della posizione dell’Ita-per il debito dell’Italia o della Spagna sareb- restando comunque sostenuta, mentre la quasi tutti rimborsati da un prossimo esecuti- lia, che con il governo Berlusconi si era detta decisa-be a carico dei contribuenti tedeschi. La rilut- Germania continua a creare posti di lavoro. vo, eppure nessuno dei partiti che si candida- mente contraria. Anche questo sarà un tassello del-tanza di questi ultimi è comprensibile, an- Un aiuto decisivo della Bce non è dietro no a governare dopo il 2012 si è impegnato a la tela che Monti sta tessendo in vista dei prossimiche se una svolta del genere aiuterebbe a far l’angolo. All’Italia dunque non resta che chie- proseguire su una solida terapia di riforme. appuntamenti europei. Per assecondare i quali, hacadere i tassi dei Bot e dei Btp. Nel migliore dersi perché Madrid abbia migliorato il suo La strategia di lasciar fare ai «tecnici» il lavo- anche riarticolato il programma di governo.dei casi, a marzo i leader dell’Unione potran- ro sporco per poi riprendere come prima hano al massimo dare un mandato al presiden- le gambe corte e i mercati lo hanno capito: L’Eurogruppo del 23 Il primo pacchetto di liberalizzazioni arriverà non a caso la prossima settimana, proprio in coinci-te del Consiglio europeo Herman Van Rom- Le strategie per questo lo spread sul Btp decennale resta e il vertice Ue del 30 denza della visita di Sarkozy e della Merkel. Seguen-puy perché presenti idee più precise a giu- Il premier e l’inquilino dell’Eliseo oltre i 500 punti anche dopo la manovra. do un calendario che vedrà le iniziative economi-gno. Non c’è nessuna garanzia che questo hanno fretta di arrivare a un Un impegno forte dei partiti sulle rifor- Monti sarà a Bruxelles il 23 per che del governo dipanarsi all’unisono con le sca-progetto vada avanti in qualche forma e ri- compromesso definitivo sul «fiscal me anche dopo il 2013 aiuterebbe come un l’Eurogruppo (che riunisce i ministri denze europee. E sarà così fino a marzo, con un pro-sulti accettabile alla Germania. Eurobond, o come un intervento della Bce. dell’Economia della zona Euro) e il gramma di interventi che Monti ieri non a caso ha Nel caso sorgano nuovi ostacoli, una linea compact». La Merkel intende Ma su questo, a differenza del «Six Pack», 30 per il vertice straordinario: delineato proprio «nell’arco di due mesi», cioè finodi difesa efficace sarebbe l’aumento degli in- mostrare all’opinione pubblica zero visibilità. ultime tappe della risposta dell’Ue al Consiglio Europeo decisivo per le sorti della mo-terventi della Banca centrale europea sui tito- tedesca che ha strappato garanzie Federico Fubini alla crisi dei debiti sovrani neta unica.li italiani e spagnoli. Il presidente Mario Dra- © RIPRODUZIONE RISERVATA M. Sen. © RIPRODUZIONE RISERVATA

×