Riassumere un testo<br />Come fare un riassunto<br />A cura di Vittoria Paiano<br />
Che cos’è il riassunto? <br />Che abilità e competenze linguistiche presuppone e sviluppa?<br />Tipi di riassunto: <br />r...
Che cos’è il riassunto?<br />Il riassunto è un testo che espone in breve le informazioni principali di un altro testo<br /...
Analitica:		</li></ul>individuazione sequenze e <br />informazioni essenziali<br />3. Manipolazionidel testo selezionato:<...
riduzione del testo selezionato</li></li></ul><li>Quale riassunto?<br />La struttura del testo di partenza, i destinatari ...
informare, narrare, esporre, descrivere, argomentare, studiare
Per destinatari diversi:
per gli altri
per noi stessi (ad es. riassumere per studiare)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Riassumere Un Testo

14,567

Published on

La didattica del riassunto nella scuola secondaria

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
14,567
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
69
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Riassumere Un Testo

  1. 1. Riassumere un testo<br />Come fare un riassunto<br />A cura di Vittoria Paiano<br />
  2. 2. Che cos’è il riassunto? <br />Che abilità e competenze linguistiche presuppone e sviluppa?<br />Tipi di riassunto: <br />riassumere tipologie e generi testuali diversi; <br />riassunto orale e scritto; <br />riassumere per scopi e destinatari diversi<br />
  3. 3. Che cos’è il riassunto?<br />Il riassunto è un testo che espone in breve le informazioni principali di un altro testo<br />Testo di partenza<br />Testo d’arrivo<br />(il riassunto)<br />Rielaborazione <br />e<br />riduzione<br />Ascolto e/o lettura del testo<br />Comprensione del testo:<br /><ul><li>Orientativa
  4. 4. Analitica: </li></ul>individuazione sequenze e <br />informazioni essenziali<br />3. Manipolazionidel testo selezionato:<br /><ul><li>riorganizzazionedelle informazioni selezionate
  5. 5. riduzione del testo selezionato</li></li></ul><li>Quale riassunto?<br />La struttura del testo di partenza, i destinatari e lo scopo<br />del riassunto influiscono sul tipo di informazioni da<br />selezionare e sulle loro modalità di riorganizzazione<br /><ul><li>Per scopi diversi:
  6. 6. informare, narrare, esporre, descrivere, argomentare, studiare
  7. 7. Per destinatari diversi:
  8. 8. per gli altri
  9. 9. per noi stessi (ad es. riassumere per studiare)
  10. 10. Di tipologie e generi testuali diversi:
  11. 11. il riassunto di un testo narrativo, espositivo, descrittivo o argomentativo è a sua volta un testo narrativo, espositivo, descrittivo o argomentativo
  12. 12. lunghezza
  13. 13. tempo a disposizione</li></li></ul><li>Tipologia: il riassunto di un testo espositivo è a sua volta un testo espositivo<br />Scopo del riassunto: esporre in modo chiaro e conciso le informazioni, i concetti del testo di partenza<br />Destinatario: il destinatario è molto importante perché da esso dipende almeno in parte la scelta delle informazioni considerate importanti : saranno scelte in base agli interessi, alle necessità,alla cultura del destinatario . Si possono fare riassunti per gli altri e per noi stessi.<br />Tempo e lunghezza: naturalmente occorre far bene attenzione al tempo che si ha a disposizione e alla lunghezza del riassunto , soprattutto quando questa è fissata in modo preciso.<br />
  14. 14. Le tecniche per ridurre <br /><ul><li>Cancellazione:
  15. 15. - eliminazione di ripetizioni, espansione e modificatori non essenziali (ad es. aggettivi o avverbi)
  16. 16. Generalizzazione:
  17. 17. - informazioni specifiche sono sintetizzate in una sola parola o ricondotte a informazioni generali
  18. 18. Unificazione:
  19. 19. - di più periodi o paragrafi
  20. 20. Nominalizzazione: </li></ul>- una frase con predicato verbale viene trasformata in un complemento, un aggettivo, un’apposizione<br />
  21. 21. Attenzione a….<br />1.     scegliere un tempo verbale principale, al presente o al passato, e mantenerlo in tutto il testo. Se si scrive al passato, scegliere tra passato prossimo o passato remoto e non alternare i due tempi<br />Es. Enrico ritornò a casa presto quella sera, disinserì il dispositivo di allarme come faceva sempre ed entrò chiudendosi la porta alle spalle. Non ebbe neppure il tempo di appendere il cappotto :qualcuno gli ha messo una mano davanti alla bocca e gli ha dato una ginocchiata nella schiena (ERRORE)<br />2.     ricordarsi di trasformare il discorso diretto in indiretto e quindi cambiare ove necessario forme verbali,determinazioni di tempo e di spazio, pronomi <br />Es. Laura disse alla sua collega con studiata noncuranza”Domani ho un appuntamento con Roberto, andremo a vedere una mostra di pittura e poi a fare una passeggiata lungo il fiume”= Laura disse alla sua collega con studiata noncuranza che il giorno successivo (l’indomani, il giorno seguente)avrebbe avuto un appuntamento con Roberto e che sarebbero andati a vedere una mostra di pittura e poi a passeggiare lungo il fiume.<br /> Es. Il giovane gli gridò “Vieni qui!” = Il giovane gli gridò di andare là<br />Es  “Il mio scopo nella vita è fare soldi” = il suo scopo nella vita è fare soldi<br />
  22. 22. …quindi è importante:<br /><ul><li>Scelta di un tempo verbale principale che deve essere mantenuto in tutto il testo
  23. 23. Trasformazione del discorso diretto in indiretto
  24. 24. Trasformazione, se necessario, di determinazioni temporali e spaziali, pronomi, deittici
  25. 25. Uso di connettivi testuali per collegare le informazioni essenziali selezionate nel testo di partenza</li></li></ul><li>Esempio<br /> “Una volta stavo cercando di scoprire perché le anitre selvatiche (germani reali) se sono state covate artificialmente, appena uscite dall’uovo si mostrano così paurose e inavvicinabili, a differenza delle oche selvatiche covate nelle stesse condizioni. Queste ultime, infatti, si attaccavano senz’altro alla prima persona che incontravano nella vita e la consideravano come loro mamma, seguendola fiduciosamente. Invece gli anatroccoli selvatici non ne volevano sapere di me e mi fuggivano, andando a rintanarsi nel primo angolo scuro che trovavano.” (da Konrad Lorenz, L’anello di re Salomone, Adelphi, Milano, 1988, riportato in Sobrero 1999: 396-397)<br />Cancellazione<br />Generalizzazione<br />Nominalizzazione<br />“[Konrad Lorenz] aveva notato che le anitre selvatiche, uscendo dall’incubatricedopo la schiusa delle uova, avevano paura di lui e correvano a rintanarsi in un angolo” <br /> (cfr. Sobrero 1999: 398)<br />unificazione<br />
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×