• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Riassumere Un Testo
 

Riassumere Un Testo

on

  • 16,358 views

La didattica del riassunto nella scuola secondaria

La didattica del riassunto nella scuola secondaria

Statistics

Views

Total Views
16,358
Views on SlideShare
16,339
Embed Views
19

Actions

Likes
1
Downloads
61
Comments
0

2 Embeds 19

http://www.slideshare.net 18
http://webcache.googleusercontent.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Riassumere Un Testo Riassumere Un Testo Presentation Transcript

    • Riassumere un testo
      Come fare un riassunto
      A cura di Vittoria Paiano
    • Che cos’è il riassunto?
      Che abilità e competenze linguistiche presuppone e sviluppa?
      Tipi di riassunto:
      riassumere tipologie e generi testuali diversi;
      riassunto orale e scritto;
      riassumere per scopi e destinatari diversi
    • Che cos’è il riassunto?
      Il riassunto è un testo che espone in breve le informazioni principali di un altro testo
      Testo di partenza
      Testo d’arrivo
      (il riassunto)
      Rielaborazione
      e
      riduzione
      Ascolto e/o lettura del testo
      Comprensione del testo:
      • Orientativa
      • Analitica:
      individuazione sequenze e
      informazioni essenziali
      3. Manipolazionidel testo selezionato:
      • riorganizzazionedelle informazioni selezionate
      • riduzione del testo selezionato
    • Quale riassunto?
      La struttura del testo di partenza, i destinatari e lo scopo
      del riassunto influiscono sul tipo di informazioni da
      selezionare e sulle loro modalità di riorganizzazione
      • Per scopi diversi:
      • informare, narrare, esporre, descrivere, argomentare, studiare
      • Per destinatari diversi:
      • per gli altri
      • per noi stessi (ad es. riassumere per studiare)
      • Di tipologie e generi testuali diversi:
      • il riassunto di un testo narrativo, espositivo, descrittivo o argomentativo è a sua volta un testo narrativo, espositivo, descrittivo o argomentativo
      • lunghezza
      • tempo a disposizione
    • Tipologia: il riassunto di un testo espositivo è a sua volta un testo espositivo
      Scopo del riassunto: esporre in modo chiaro e conciso le informazioni, i concetti del testo di partenza
      Destinatario: il destinatario è molto importante perché da esso dipende almeno in parte la scelta delle informazioni considerate importanti : saranno scelte in base agli interessi, alle necessità,alla cultura del destinatario . Si possono fare riassunti per gli altri e per noi stessi.
      Tempo e lunghezza: naturalmente occorre far bene attenzione al tempo che si ha a disposizione e alla lunghezza del riassunto , soprattutto quando questa è fissata in modo preciso.
    • Le tecniche per ridurre
      • Cancellazione:
      • - eliminazione di ripetizioni, espansione e modificatori non essenziali (ad es. aggettivi o avverbi)
      • Generalizzazione:
      • - informazioni specifiche sono sintetizzate in una sola parola o ricondotte a informazioni generali
      • Unificazione:
      • - di più periodi o paragrafi
      • Nominalizzazione:
      - una frase con predicato verbale viene trasformata in un complemento, un aggettivo, un’apposizione
    • Attenzione a….
      1.     scegliere un tempo verbale principale, al presente o al passato, e mantenerlo in tutto il testo. Se si scrive al passato, scegliere tra passato prossimo o passato remoto e non alternare i due tempi
      Es. Enrico ritornò a casa presto quella sera, disinserì il dispositivo di allarme come faceva sempre ed entrò chiudendosi la porta alle spalle. Non ebbe neppure il tempo di appendere il cappotto :qualcuno gli ha messo una mano davanti alla bocca e gli ha dato una ginocchiata nella schiena (ERRORE)
      2.     ricordarsi di trasformare il discorso diretto in indiretto e quindi cambiare ove necessario forme verbali,determinazioni di tempo e di spazio, pronomi
      Es. Laura disse alla sua collega con studiata noncuranza”Domani ho un appuntamento con Roberto, andremo a vedere una mostra di pittura e poi a fare una passeggiata lungo il fiume”= Laura disse alla sua collega con studiata noncuranza che il giorno successivo (l’indomani, il giorno seguente)avrebbe avuto un appuntamento con Roberto e che sarebbero andati a vedere una mostra di pittura e poi a passeggiare lungo il fiume.
       Es. Il giovane gli gridò “Vieni qui!” = Il giovane gli gridò di andare là
      Es  “Il mio scopo nella vita è fare soldi” = il suo scopo nella vita è fare soldi
    • …quindi è importante:
      • Scelta di un tempo verbale principale che deve essere mantenuto in tutto il testo
      • Trasformazione del discorso diretto in indiretto
      • Trasformazione, se necessario, di determinazioni temporali e spaziali, pronomi, deittici
      • Uso di connettivi testuali per collegare le informazioni essenziali selezionate nel testo di partenza
    • Esempio
      “Una volta stavo cercando di scoprire perché le anitre selvatiche (germani reali) se sono state covate artificialmente, appena uscite dall’uovo si mostrano così paurose e inavvicinabili, a differenza delle oche selvatiche covate nelle stesse condizioni. Queste ultime, infatti, si attaccavano senz’altro alla prima persona che incontravano nella vita e la consideravano come loro mamma, seguendola fiduciosamente. Invece gli anatroccoli selvatici non ne volevano sapere di me e mi fuggivano, andando a rintanarsi nel primo angolo scuro che trovavano.” (da Konrad Lorenz, L’anello di re Salomone, Adelphi, Milano, 1988, riportato in Sobrero 1999: 396-397)
      Cancellazione
      Generalizzazione
      Nominalizzazione
      “[Konrad Lorenz] aveva notato che le anitre selvatiche, uscendo dall’incubatricedopo la schiusa delle uova, avevano paura di lui e correvano a rintanarsi in un angolo”
      (cfr. Sobrero 1999: 398)
      unificazione