Capitolo 6

1,277 views
1,148 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,277
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Capitolo 6

  1. 1. Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA’ E BILANCIO II Le rimanenze d’esercizio
  2. 2. Rimanenze d’esercizio 1) DEFINIZIONE: individuazione del significato e delle caratteristiche 2) QUANTIFICAZIONE: enumerazione delle quantità fisiche 3) VALUTAZIONE: attribuzione di un valore
  3. 3. Rimanenze d’esercizio Codice Civile: art. 2424: stato patrimoniale art. 2425: conto economico art. 2426: criteri di valutazione Principi Contabili Nazionali: documento n. 13 – Le rimanenze di magazzino documento n. 23 – Lavori in corso su ordinazione Principi Contabili Internazionali: documento n. 2 – Rimanenze documento n. 11 – Commesse a lungo termine
  4. 4. Rimanenze d’esercizio In generale, si tratta di beni di proprietà dell’azienda o destinati alla vendita o impiegati come fattori produttivi nel processo di produzione. Il concetto trova la sua ragion d’essere in processi economici incompleti, ovvero iniziati nel periodo in chiusura e destinati a completarsi nell’esercizio successivo attraverso la conclusione del processo produttivo o la vendita; rappresentano, quindi, un valore economico comune a due esercizi .
  5. 5. Rimanenze d’esercizio Le rimanenze sono componenti positivi di reddito in quanto costi sostenuti anticipatamente e da rinviare al futuro esercizio ( costi sospesi ). Si tratta di costi (di acquisto o di produzione) che l’azienda ha sostenuto nel periodo in chiusura, la cui competenza ricade sul periodo successivo, in quanto relativi a processi non conclusi alla fine dell’esercizio ma che si concluderanno in seguito. Costituiscono, inoltre, elementi del capitale di funzionamento dell’azienda.
  6. 6. Rimanenze d’esercizio Art. 2424 c.c.: stato patrimoniale C) Attivo Circolante I) Rimanenze 1) materie prime, sussidiarie e di consumo; 2) prodotti in corso di lavorazione e semilavorati; 3) lavori in corso su ordinazione; 4) prodotti finiti e merci; 5) acconti.
  7. 7. Rimanenze d’esercizio Art. 2425 c.c.: conto economico A) Valore della produzione: … 2) variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti; 3) variazioni dei lavori in corso su ordinazione; … B) Costi della produzione: … 11) variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci; …
  8. 8. Rimanenze d’esercizio <ul><li>DIRETTO – FISICO - DI FATTO </li></ul><ul><li>CERCARE </li></ul><ul><li>INVENTARIARE PER CLASI OMOGENEE </li></ul><ul><li>CONTRASSEGANRE </li></ul><ul><li>ESAMINARE LA CONSERVAZIONE DEI BENI </li></ul><ul><li>INDIRETTO – PERPETUO – CONTABILE </li></ul><ul><li>DA SCRITTURE CONTABILI </li></ul><ul><li>DIFFERENZE </li></ul>RIMANENZE DI MATERIE PRIME, PRODOTTO IN CORSO DI LAVORAZIONE, PRODOTTI FINITI INVENTARIO
  9. 9. <ul><li>Considerare: </li></ul><ul><ul><li>Beni in giacenza presso l’azienda </li></ul></ul><ul><ul><li>Beni presso terzi </li></ul></ul><ul><ul><li>Merci viaggianti di proprietà </li></ul></ul><ul><li>Non considerare: </li></ul><ul><ul><li>Beni di terzi in deposito </li></ul></ul><ul><li>CLASSI OMOGENEE - inserire anche: </li></ul><ul><ul><li>materiali di manutenzione, </li></ul></ul><ul><ul><li>materiale per pulizia </li></ul></ul><ul><ul><li>carburanti e lubrificanti </li></ul></ul><ul><ul><li>materiale pubblicitario e cancelleria. </li></ul></ul>Rimanenze d’esercizio
  10. 10. Rimanenze d’esercizio + Beni in magazzino (da inventario fisico) + Beni di proprietà presso terzi − Beni di terzi in magazzino = Beni di proprietà in magazzino + Beni da ricevere (per impegni di acquisto) − Beni da consegnare (per impegni di vendita) = Giacenze di magazzino Determinazione effettiva: inventario
  11. 11. Rimanenze d’esercizio <ul><li>VALUTAZIONE </li></ul><ul><li>NORMATIVA CIVILISTICA E PRINCIPI CONTABILI </li></ul><ul><li>Al COSTO di ACQUISTO o di PRODUZIONE </li></ul><ul><li>Al VALORE di REALIZZAZIONE se minore </li></ul>
  12. 12. Rimanenze d’esercizio Art. 2426, punto 9 c.c.: «Le rimanenze, i titoli e le attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni sono iscritti al costo di acquisto o di produzione , calcolati secondo il n. 1 [quanto previsto per le immobilizzazioni] ovvero al valore di realizzo desumibile dall’andamento del mercato, se minore; […]».
  13. 13. Rimanenze d’esercizio <ul><li>COSTO DI PRODUZIONE= </li></ul><ul><li>Costi diretti: </li></ul><ul><li>Costo materiali + trasporto </li></ul><ul><li>costo mano d’opera diretta </li></ul><ul><li>Imballaggi </li></ul><ul><li>Costi indiretti e spese generali di produzione: </li></ul><ul><li>mano d’opera indiretta </li></ul><ul><li>ammortamenti </li></ul><ul><li>manutenzioni </li></ul><ul><li>materiali di consumo </li></ul><ul><li>forza motrice </li></ul>
  14. 14. Rimanenze d’esercizio <ul><li>Sono esclusi dal calcolo del costo di produzione : </li></ul><ul><li>le spese generali di produzione che hanno carattere di eccezionalità o che sono considerate anomale, e che, pertanto, non hanno contribuito alla produzione; </li></ul><ul><li>i costi di distribuzione commerciale , in quanto si tratta di costi sostenuti al momento della vendita e quindi successivi all’immagazzinaggio; </li></ul><ul><li>i costi amministrativi , in quanto essendo relativi all’azienda nel suo complesso, sono spese ricorrenti e che devono comunque essere sostenute; </li></ul><ul><li>i costi di ricerca e sviluppo , in quanto solitamente tali costi sono sostenuti per produzioni future. </li></ul>
  15. 15. Rimanenze d’esercizio <ul><li>METODO DI DETERMINAZIONE DEL COSTO </li></ul><ul><li>COSTO SPECIFICO </li></ul><ul><li>COSTO MEDIO PONDERATO: </li></ul><ul><li> Per movimento </li></ul><ul><li> Per periodo </li></ul><ul><li>FIFO (FIRST IN –FIRST OUT) </li></ul><ul><li>LIFO CONTINUO (LAST IN – FIRST OUT) </li></ul><ul><li>LIFO A SCATTI </li></ul><ul><li> Se la quantità diminuisce = precedente valore unitario </li></ul><ul><li> Se la quantità aumenta = la quantità in eccedenza al </li></ul><ul><li> costo medio di periodo </li></ul>
  16. 16. Rimanenze d’esercizio <ul><li>NORMATIVA FISCALE </li></ul><ul><li>Primo esercizio = costo medio </li></ul><ul><li>Esercizi successivi = </li></ul><ul><ul><li>Costo specifico </li></ul></ul><ul><ul><li>Lifo </li></ul></ul><ul><ul><li>Fifo </li></ul></ul><ul><ul><li>Costo medio ponderato </li></ul></ul><ul><li>Se il valore normale dell’ultimo mese dell’esercizio è minore del costo medio, si applica il valore normale </li></ul>
  17. 17. Rimanenze d’esercizio ESEMPI METODO LIFO A SCATTI ANNUALI 1^ ESERCIZIO: sempre al COSTO MEDIO PONDERATO d’ESERCIZIO= Costo Complessivo Quantità Acquistato 50.000 unità al valore complessivo € 180.000 + oneri accessori……………………………… € 20.000 Totale Costo…………………………………… € 200.000 Costo Medio Ponderato= 200.000 : 50.000 = 4 Quantità in Rimanenza 31/12 2.000 unità Costo Unitario 4 cad. Valore Rimanenze Finali 2.000 X 4 = 8.000
  18. 18. Rimanenze d’esercizio ESERCIZI SUCCESSIVI: La quantità NON subisce variazioni : Rimanenze iniziali 2.000 X 4 = 8.000 Rimanenze finali 2.000 X 4 = 8.000 La quantità aumenta : (R.F. 6.500 unità; prezzo medio d’esercizio 5) Rimanenze iniziali 2.000 X 4 = 8.000 + Aumento 4.500 X 5 = 22.500 Rimanenze finali 30.500 La quantità diminuisce : (R.F. 1.000 unità; prezzo medio d’esercizio 5) Rimanenze iniziali 2.000 X 4 = 8.000 Rimanenze finali 1.000 X 5 = 5.000
  19. 19. Rimanenze d’esercizio METODO LIFO CONTINUO I carichi ai costi sostenuti Gli scarichi secondo gli ultimi acquisti effettuati 1.1 esistenza unità 1.000 € 100cad. 100.000 2.4 acquisto unità 200 € 120cad. 24.000 1.200 124.000 7.9 prelievo unità (200) € 120cad. ( 24.000 ) (totale 400) unità (200) € 100cad. ( 20.000 ) 800 80.000 15.10 acquisto unità 2.000 € 90cad. 180.000 2.800 260.000 20.12 prelievo unità (1.500) € 90cad. ( 135.000) Rimanenze finali unità 1.300 125.000 Rimanenze 1.300 unità idealmente riferite: 800 X 100 = 80.000 500 X 90 = 45.000
  20. 20. Rimanenze d’esercizio METODO FIFO CONTINUO I carichi ai costi sostenuti Gli scarichi secondo gli acquisti più vecchi 1.1 esistenza unità 1.000 € 100cad. 100.000 2.4 acquisto unità 200 € 120cad. 24.000 1.200 124.000 7.9 prelievo unità (400) € 100cad. ( 40.000) 800 84.000 15.10 acquisto unità 2.000 € 90cad. 180.000 2.800 264.000 20.12 prelievo unità (600) € 100cad. ( 60.000) totale 1.500) unità (200) € 120cad. ( 24.000) unità (700) € 90cad. ( 63.000) Rimanenze finali unità 1.300 117.000 Rimanenze 1.300 unità idealmente riferite 1.300 X 90 = 117.000
  21. 21. Rimanenze d’esercizio COSTO MEDIO PONDERATO PROGRESSIVO o PER MOVIMENTO I carichi ai costi sostenuti La giacenza dopo ogni acquisto valorizzata come segue: q.tà in giacenza X prezzo + q.tà acquistata X prezzo q.tà in giacenza + q.tà acquistata 1.1 esistenza unità 1.000 € 100cad. 100.000 2.4 acquisto unità 200 € 120cad. 24.000 1.200 € 103cad. 124.000 7.9 prelievo unità (400) € 103cad. (41.200) 800 € 103cad. 82.800 15.10 acquisto unità 2.000 € 90cad. 180.000 2.800 € 94cad. 262.800 20.12 prelievo unità (1.500) € 94cad. ( 141.000) Rimanenze finali unità 1.300 € 94cad. 121.800
  22. 22. Rimanenze d’esercizio COSTO MEDIO PONDERATO I carichi ai costi sostenuti La giacenza finale valorizzata come segue: q.tà in giacenza X prezzo + q.tà acquistata X prezzo q.tà in giacenza + q.tà acquistata Rimanenze iniziali 1.000; prezzo unitario 100 =100.000 Rimanenze finali 1.300 come segue: 1.1 esistenza unità 1.000 € 100cad. 100.000 2.4 acquisto unità 200 € 120cad. 24.000 1.200 7.9 prelievo unità (400) 800 15.10 acquisto unità 2.000 € 90cad. 180.000 2.800 20.12 prelievo unità (1.500) Rimanenze finali unità 1.300 Prezzo medio ponderato = 95 1000X100 + 200X120 + 2000X90 1000 + 200 + 2000 Valore Rimanenze Finali = 1.300 X 95 = 123.500
  23. 23. Rimanenze d’esercizio VALORE NORMALE o PREZZO CORRENTE Rimanenze iniziali unità 1.900-Valore complessivo € 216.000 Così composto: Anno 2002 unità 700 prezzo 100 70.000 Anno 2003 unità 1.000 prezzo 120 120.000 Anno 2004 unità 200 prezzo 130 26.000 1.900 216.000 Valore normale al 31.12.04 (prezzo corrente) = 110 Valore Rimanenze Finali = 1.900 X 110 = 209.000
  24. 24. Università degli Studi di Parma LAVORI IN CORSO SU ORDINAZIONE E DI DURATA PLURIENNALE
  25. 25. Rimanenze d’esercizio Sono lavori svolti per conto di terzi richiedenti tempi lunghi di esecuzione, ovvero commesse a lungo termine che possono riguardare, ad esempio, la costruzione di strade, ferrovie, edifici, ponti, navi, impianti, la predisposizione di un software , oppure la prestazione di servizi correlati alla costruzione di un’opera come, ad esempio, la sua progettazione. Da un lato, quindi, esiste un committente che ordina la realizzazione di un’unica opera o la fornitura unitaria di servizi, dall’altro, un’azienda che tipicamente svolge processi produttivi complessi e di lunga durata.
  26. 26. Rimanenze d’esercizio <ul><li>Caratteristiche: </li></ul><ul><li>alla base della prestazione esiste un contratto </li></ul><ul><li>formalizzato; </li></ul><ul><li>l’oggetto della prestazione è unico e definito nelle </li></ul><ul><li>caratteristiche in maniera specifica dal committente; </li></ul><ul><li>la durata della prestazione è solitamente ultra annuale. </li></ul>
  27. 27. Rimanenze d’esercizio Metodo della « percentuale di completamento »: Alla fine di ogni esercizio concorrono a formare il risultato di periodo i costi ed i ricavi sostenuti e conseguiti in proporzione all’ avanzamento dei lavori . <ul><li>Calcolo dell’ avanzamento lavori : </li></ul><ul><li>metodo del costo sostenuto ( cost-to-cost ); </li></ul><ul><li>metodo delle ore lavorate; </li></ul><ul><li>metodo delle unità consegnate; </li></ul><ul><li>metodo delle misurazioni fisiche. </li></ul>
  28. 28. Rimanenze d’esercizio Metodo della « commessa completata »: - valutazione del costo al minore tra il costo sostenuto per la commessa e il presumibile valore di realizzo; - contabilizzazione dei ricavi nell’esercizio in cui gli stessi sono conseguiti ovvero al completamento delle lavorazioni e dopo la consegna e l’accettazione delle stesse da parte del committente.
  29. 29. Rimanenze d’esercizio <ul><li>NORMATIVA CIVILISTICA E PRINCIPI CONTABILI </li></ul><ul><li>In base ai corrispettivi contrattuali maturati con ragionevole certezza </li></ul><ul><li>VALUTAZIONE AL COSTO COL METODO DELLA COMMESSA COMPLETATA </li></ul><ul><li>Il margine viene tutto attribuito alla fine del lavoro. </li></ul><ul><li>La valutazione è al costo. </li></ul><ul><li>Costi attribuibili alla commessa. </li></ul><ul><li>VALUTAZIONE AL RICAVO COL METODO DEI CORRISPETTIVI CONTRATTUALI O METODO DELLA PERCENTUALE DI AVANZAMENTO </li></ul><ul><li>Il margine è in funzione dell’avanzamento dell’attività. </li></ul><ul><li>Ci vuole un contratto vincolante. </li></ul><ul><li>Necessitano stime attendibili degli stati di avanzamento. </li></ul>
  30. 30. Rimanenze d’esercizio ESEMPI METODO della COMMESSA COMPLETATA Ricavi pattuiti 250 Costi necessari 200 Tempi di esecuzione 2 anni Avanzamento lavori primo anno 40% Valore delle rimanenze al primo esercizio Costo necessari X percentuale avanzamento lavori = 200 X 40% = 80 L’utile è imputato all’esercizio in cui la commessa è completata
  31. 31. Rimanenze d’esercizio METODO della PERCENTUALE DI AVANZAMENTO Ricavi pattuiti 250 Costi necessari 200 Tempi di esecuzione 2 anni Avanzamento lavori primo anno 40% Valore delle rimanenze al primo esercizio Ricavi pattuiti X percentuale avanzamento lavori = 250 X 40% = 100 L’utile è imputato di esercizio in esercizio all’avanzamento della commessa
  32. 32. Rimanenze d’esercizio NORMATIVA FISCALE Se sono previste maggiorazioni esse sono imputabili per il 50% se solo richieste; per il 100% se accettate. Se esiste un rischio contrattuale il valore può essere ridotto del 2% per prestazioni effettuate in Italia, del 4% per prestazioni all’estero.
  33. 33. Rimanenze d’esercizio IAS 2 - Rimanenze IAS 11 – Commesse a lungo termine Non esistono sostanziali differenze tra la disciplina italiana e quella internazionale. Soltanto un aspetto va menzionato con riferimento alle lavorazioni in corso su ordinazione: la disciplina internazionale non richiama esplicitamente il metodo della commessa completata e prevede l’applicazione del metodo della percentuale di completamento come unico metodo .

×