• Save
Protocollo di intesa
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Protocollo di intesa

on

  • 252 views

Il protocollo di intesa siglato stamattina da Faisa-Cisal e Cgil, in attesa che lo firmino anche le altre sigle.

Il protocollo di intesa siglato stamattina da Faisa-Cisal e Cgil, in attesa che lo firmino anche le altre sigle.

Statistics

Views

Total Views
252
Views on SlideShare
252
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Protocollo di intesa Protocollo di intesa Document Transcript

  • PROTOCOLLO D’INTESAPremesso:- che nei decorsi mesi, ad avvenuta costituzione dell’Azienda unica, sono stati attivatiappositi confronti tra l’Azienda e le OO.SS. per la messa a punto e/o definizione di alcuneproblematiche inerenti la nuova realtà aziendale;- che tali confronti hanno portato alla sottoscrizione di un accordo già nel mese didicembre 2010 con il quale sono stati definiti, seppure con una gradualità, nuovitrattamenti economici e l’omogeneizzazione normativa di una parte del personale(ex APM SpA);- che per altri aspetti, e, specificatamente per il confronto avviato per laomogeneizzazione del trattamento economico e normativo tra il personale provenientedalle Aziende fuse (APM – SSIT – ATC – FCU) e per l’organizzazione del lavoro nel nuovocontesto aziendale, non si è ancora addivenuti ad una conclusione positiva del confronto,per diversità di valutazione insorta tra le parti;- che, in ogni caso, per quanto precede una apposita proposta aziendale tesa allarisoluzione del problema della omogeneizzazione, con oneri aggiuntivi per la Società, per ilsolo personale viaggiante e ausiliario, con esclusione, in questa prima fase, del personaledel settore ferroviario e del personale tecnico/amministrativo, di circa € 1.000.000,00/anno,in un primo tempo non accettata dalle OO.SS. per divergenze sui criteri di ripartizionedelle risorse tra le diverse peculiarità presenti nelle ex aziende fuse, è stata poi sospesadalla Società per effetto delle forti preoccupazioni nel frattempo insorte per ilpreannunciato ridimensionamento delle risorse statali da destinare al trasporto pubblicolocale;- che, nelle more dell’acquisizione delle necessarie certezze in merito alle risorsedestinate al trasporto pubblico locale e della conseguente individuazione dei serviziche la Società sarà in grado di svolgere, appare opportuno, in coerenza conl’atteggiamento da sempre tenuto dalla Società, procedere, nel frattempo, alla stipula di unapposito protocollo di intesa tra Società e OO.SS. che impegna le parti a proseguire ilconfronto su tutte le problematiche inerenti il processo di integrazione.Ciò premesso tra la Società Umbria TPL e Mobilità, come sotto rappresentata, e leOO.SS., ugualmente come sotto rappresentate, si sottoscrive il seguente protocollo diintesa:1) l’ipotesi di accordo a suo tempo presentata da Umbria Tpl e Mobilità nel corso delconfronto con le OO.SS. per la omogeneizzazione del trattamento economico e normativo 1
  • del personale proveniente dalle Aziende fuse, comportante una spesa di circa €1.000.000,00/anno, potrà concretizzarsi in pratica attuazione con riconoscimento deirelativi incrementi economici, con effetto dal 1 gennaio 2013;2) quanto previsto al precedente punto sub 1) potrà avere una anticipata applicazionegià nel corso del secondo semestre dell’anno 2012, in presenza del verificarsi di situazionifavorevoli, rispetto alle previsioni e situazioni in essere, per quanto attiene il mantenimentodegli attuali livelli dei servizi e le correlate esigenze finanziarie della Azienda;3) a parziale modifica di quanto previsto al punto sub 1) in ordine alla decorrenza dellaomogeneizzazione, per le sole competenze variabili di seguito elencate:- buoni pasto- indennità di supero nastro- indennità lavoro domenicale- conguaglio 17 settimane- straordinario fuori dal turno- minuti forfettizzati per rifornimento autobusla omogeneizzazione avrà decorrenza in concomitanza con l’entrata in vigore dellaturnazione estiva 2012;4) nelle more della definitiva applicazione del processo di omogeneizzazione, previstocon il 01/01/2013, l’Azienda potrà procedere, per esigenze di servizio, a spostamenti dipersonale, in via prioritaria con turno a rimpiazzo (disposizione), dalla attuale propriaresidenza di servizio ad altre residenze, anche al di fuori del bacino di appartenenza, con ilriconoscimento, in favore del personale interessato allo spostamento delle competenzecontrattualmente spettanti (indennità di trasferta, ecc.) e con il mantenimento, fino al mesedi giugno 2012 delle competenze variabili legate al turno attualmente attribuito.5) le parti si impegnano ad avviare entro il 31 marzo 2012 un confronto sullaomogeneizzazione dei trattamenti economici e normativi del restante personale del settoreferroviario e tecnico/amministrativo, che avrà le medesime decorrenze di cui ai precedentipunti sub 1) e sub 2);6) le OO.SS. si impegnano al rinnovo delle rappresentanze sindacali dell’Aziendaunica entro il 30/04/2012; 2
  • 7) Umbria Tpl e Mobilità si impegna ad avviare il confronto con le OO.SS. firmatariedel presente protocollo sul “piano industriale”, già presentato alle stesse il 2 dicembre2011 entro il 29 febbraio 2012;8) In linea con il protocollo sottoscritto da tutti gli Enti proprietari e le OO. SS. Nellafase di costituzione dell’Azienda, la Regione dell’Umbria, unitamente agli altri Enti soci,soprattutto in presenza di una situazione di difficoltà e incertezza finanziaria, si impegna arendere partecipi le OO.SS., anche attraverso un apposito tavolo di confronto di taliproblematiche e sul prosieguo del percorso riferito alla costituzione e consolidamentodell’Azienda unica di trasporto regionale;9) un tavolo di confronto tra le parti verrà attivato in caso di inadeguatezza dellerisorse disponibili al fine di individuare gli opportuni interventi;10) le parti si impegnano ad attivare entro marzo 2012 un tavolo di confronto utile adefinire un nuovo modello organizzativo che, partendo dagli accordi sindacali esistentinelle ex Aziende, tenga conto delle mutate esigenze connesse con l’avvenuta unificazioneaziendale e con le eventuali innovazioni introdotte dal piano di bacino. A tale propositoeventuali benefici economici derivanti dal processo di razionalizzazione/riorganizzazioneaziendale, potranno essere parzialmente utilizzati per migliorare le condizioni lavorative ditutto il personale, una volta soddisfatte con carattere di priorità le esigenze di pareggio delbilancio, per la gestione ordinaria, della Società.Perugia, 17 febbraio 2012Per l’Azienda Per le OOSS____________________ FILT/CGIL _______________________________________________ FIT/CISL _______________________________________________ UIL Trasporti ___________________________ FAISA CISAL___________________________ ORSA ____________________________ 3