Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,197
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
30
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Attività di stage “BAROCCO e dintorni” Sovrintendenza dei Beni Culturali di Siracusa, Istituto Magistrale Statale “G. Lombardo Radice” Liceo Scienze Sociali Catania Responsabile del progetto: Prof.ssa S. Brincat Esperta esterna: Prof.ssa M.Teresa Di Blasi
  • 2. Obiettivi
    • Fare acquisire agli allievi un metodo di indagine autonomo e organizzato
    • Migliorare le loro abilità espressive e linguistiche e di selezione della terminologia specifica
    • Fornire loro gli strumenti necessari per:
    • Analizzare documenti e opere;
    • Produrre relazioni sulle tematiche e applicarne principi e regole;
    • Stabilire connessioni tra causa ed effetto;
    • Individuare interessi in modo da saper operare scelte consapevoli.
    • Far maturare agli allievi la capacità di :
    • Avere una visione completa delle problematiche in materia di beni culturali (tutela, conservazione, fruizione);
    • Riconoscere le implicazioni economiche e giuridiche, i limiti tecnici (dal punto di vista dei fondi disponibili), le possibilità e i rischi connessi ad un singolo intervento.
    Destinatari Alunni della 5° SA
  • 3. Contenuti e modalità di realizzazione
    • Prima Fase-Teorica:
    • Contenuti:
    • Stili Comunicativi;
    • Problematiche Socio-Estetiche-Figurative;
    • Seconda Fase-Stage:
    • Leggere:
    • La natura;
    • L’ambiente;
    • Il quartiere;
    • La città;
    • Il territorio;
    • Comprensione di alcuni linguaggi grafici-estetici;
    • Focalizzazione del significato estetico ed artistico di un’opera d’arte;
    • Conservazione e valorizzazione dei Beni culturali ed ambientali.
    • Fase conclusiva :
    • Elaborazione di una presentazione in Power Point che narri il percorso dalla fruizione del paesaggio agli spazi urbani e architettonici.
  • 4. Attraverso lezioni frontali in aula, Laboratorio di informatica, aula video. Modalità di valutazione del progetto
    • Agli alunni verrà rilasciato un attestato che certifichi i risultati attesi:
    • Capacità di avere una visione completa sulle problematiche in materia di beni culturali;
    • Acquisizione di un metodo di indagine autonomo e organizzato;
    • Abilità espressive e linguistiche e di selezione della terminologia più appropriata;
    • Capacità di analizzare documenti e opere d’arte;
    • Capacità di produrre relazioni sulle tematiche affrontate.
  • 5. La finalità principale
    • far prendere agli alunni coscienza delle caratteristiche del Barocco che inconsapevolmente essi riscontrano nei loro percorsi quotidiani e che accomunano tutte le opere barocche della Sicilia Orientale.
    • Analizziamo:
    • Cos’è il Barocco;
    • Dove e quando nasce;
    • Il Barocco in Sicilia;
    • Caratteristiche peculiari del Barocco in Sicilia;
    • Il Barocco in Sicilia dopo il terremoto del 1693;
    • Noto, capitale del Barocco;
    • Due massimi esempi del barocco netino: le chiese di San Nicolò e del SS. Crocifisso.
  • 6. Cos’è il Barocco
    • Aspetti sociali, politici ed economici dell’epoca che preannunciano la nascita del Barocco non solo come corrente architettonica e artistica ma anche come vero e proprio SPIRITO del Seicento.
    Dove e quando nasce
    • I luoghi del Barocco in Europa e in Italia.
    Il Barocco in Sicilia
    • Itinerario Barocco della Sicilia Orientale e il Val di Noto.
    Caratteristiche peculiari del Barocco in Sicilia
    • Tratti fondamentali dei palazzi e delle chiese barocche (balconate, scale esterne, facciate, campanili, decorazioni, interni, ecc.).
  • 7. Il Barocco in Sicilia dopo il terremoto del 1693
    • Conseguenze del terremoto, programmi di
    • ricostruzione urbana, il piano per la nuova Noto.
    Noto capitale del Barocco
    • Gli architetti della Noto settecentesca: Gagliardi, Sinatra e Labisi; il trattato di Gagliardi e la sua creatività disomogenea nei palazzi e nelle chiese netine.
    Le chiese di San Nicolò e del SS. Crocifisso
    • La cattedrale di Noto, il crollo della cupola del 1996,
    • ricostruzione e riapertura della cattedrale, la chiesa
    • del SS. Crocifisso in rapporto alla chiesa di San Nicolò,
    • assi viari di connessione, elementi architettonici
    • comuni e non delle due chiese nell’analisi degli
    • ambienti esterni e interni.
  • 8. Nei primi anni dell’800 i viaggiatori si accorgono che la Sicilia non è soltanto la terra dove la tradizione classica ha lasciato un formidabile repertorio. Questa, infatti, si sposa con il connubio Arabo- orientale e diventa fonte di nuovi richiami, che uniti alla raffinatezza e allo sfarzo del Barocco, attraggono i viaggiatori. Secondo questi ultimi, la via Etnea è la strada più bella di tutta l’Europa. Il viaggiatore del passato è attratto anche dalla natura incontaminata dei luoghi, dalle feste barocche, di cui quella di Sant’Agata mantiene ancora oggi le caratteristiche di tale stile. La Sicilia attraverso gli sguardi e le parole…
  • 9. Questions par la classe à Monsieur  Le Marchand
  • 10.
    • Comment êtes-vous arrivé en Sicile ?  
    • Qu’est-ce  vous  aimez de la Sicile ?
    • Qu’est-ce que les fr ançais pensent des siciliens ? 
    • Quelle est la différence  entre la France et la Sicile du point de vue culturel ?
    Comment les étrangeres voient la Sicile
    • Au début, je suis venu pour un projet de géographie entre la France et la Sicile. Le sujet était les voyageurs du “Grand Tour” en Sicile. En particulier, Jean Houël, un voyageur normand. 
    • J’aime les personnes amicales et les monuments. J’adore le patrimoine culturel qui est peu accessible.
    • Les français connaissent les siciliens à travers les films “Le Parrain” et “Le Guépard”.Le premier film diffuse une image glamour de la mafia.Le deuxième film diffuse une belle image de l’architeture et de l’aristocratie sicilienne.  
    • En France, c’est la culture qui va vers les personnes avec la publicité et la valorisation des œuvres d’art. Au contraire, en Sicile, si quelqu’un est intéressé par le patrimoine culturel il doit se documenter, être actif et volontaire .
  • 11. Il Barocco A partire dal XVIII sec., il termine BAROCCO assume carattere “pesante” e dispregiativo, diventando così, sinonimo di esagerato e bizzarro. In tal modo, la decorazione ha il sopravvento sulla struttura. Il gusto seicentesco prediligeva motivi architettonici a motivi scultorei, spesso con statue ed elementi ornamentali. La chiesa si serviva, quindi, di tutto ciò per affermare il proprio potere. Uno dei palazzi della via principale di Noto (Siracusa)
  • 12. Il barocco in Sicilia Duomo di Catania Il grande terremoto siciliano del 1693 danneggiò gravemente cinquantaquattro città, paesi e 300 villaggi. L'epicentro del disastro fu in Val di Noto , dove la città fu completamente rasa al suolo, mentre Catania fu danneggiata gravemente. Il programma di ricostruzione fu veloce. Si decretò che la ricostruzione avrebbe offerto piazze e strade principali ampliate, secondo uno schema a griglia, a base geometrica, come un quadrato o un esagono, tipico dell'urbanistica Barocca.
  • 13. La cattedrale di Noto sorge al centro della città e si innalza sulla sommità di una grandiosa scalea a tre rampe, che sembra spingerla verso l’infinito e che divide la piazza principale in due grandiosi spazi semicircolari. La costruzione fu iniziata subito dopo il terremoto del 1693 e si completò nel 1766. La facciata della chiesa è un’armoniosa ed omogenea fusione di barocco e neoclassicismo; è suddivisa in due superfici lineari, superiore ed inferiore, e propone 4 nicchie e due gruppi di quattro colonne corinzie, che creano contrasti di luci ed ombre, dando un dinamismo spaziale splendido. Due torri campanarie ai lati e un grande frontone centrale, ornati da quattordici vasi in pietra calcarea e quattro statue, completano il prospetto. Il Barocco di Noto
  • 14. In seguito al terremoto del 13 dicembre 1990 la chiesa subì danni strutturali. Principalmente a causa di un grave difetto costruttivo dei pilastri della navata centrale, riempiti con sassi di fiume invece che con conci in pietra squadrati. La sera del 13 marzo del 1996, uno dei piloni di destra rovinò al suolo, trascinando con se quasi l’intera cattedrale di cui rimase miracolosamente in piedi soltanto una piccola parte della cupola. Allora, come oggi, la corruzione e la speculazione economica, mettono in pericolo le strutture degli edifici sia privati che pubblici. 1990, crollo della cattedrale: ricostruzione o speculazione?
  • 15. Carta Italiana del Restauro
    • “ Tutte le opere d’arte di ogni epoca, nella accezione più vasta,che va dai monumenti architettonici a quelli di pittura e scultura, anche se in frammenti, e dal reperto paleolitico alle espressioni figurative delle culture popolari e dell’arte contemporanea, e qualsiasi persona o ente appartengano, ai fini della loro salvaguardia e restauro, sono oggetto delle presenti istruzioni che prendono il nome di Carta del restauro 1972”.
    • La carte del restauro contiene istruzioni per:
    • Salvaguardia ed il restauro delle antichità.
    • La condotta dei restauri architettonici.
    • L’esecuzione dei restauri pittorici e scultorei.
    • La tutela dei centri storici.
    • Professioni all’interno del settore dei beni culturali
    •   Storico dell’arte
    • Operatore dei beni culturali
    • Conservatore dei beni culturali
  • 16. I processi di restauro Il restauro viene preceduto da uno studio scientifico sul materiale per stabilire le cause del degrado e di quali materiali avvalersi per il restauro. L’alterazione è dovuta ad un insieme di processi naturali che provocano trasformazioni fisico- chimiche nelle rocce. Il degrado rappresenta una fase naturale del ciclo geochimico di trasformazione di una roccia legato alle condizioni di temperatura e pressione, e si divide in estrinseco ed intrinseco.
  • 17. Degrado dovuto all’acqua e all’aria. Il bene si degrada quando si spezza l’equilibrio con l’ambiente; si possono formare patine. Esempio di degrado I monumenti a Siracusa sono costruiti con pietre Pomice, che per le sue caratteristiche fisico- chimiche sono facilmente attaccate da agenti atmosferici.
  • 18. Antonello Da Messina: “L’annunciazione” L’opera, restaurata per la prima volta nel 1907, è stata oggetto di un ulteriore restauro tra il 2007 e il 2008. Costatato lo stato di fragilità del dipinto, dopo numerose indagini scientifiche, finalizzate alla conoscenza dello stato di conservazione dello stesso, si è cercato di operare sulle enormi quantità di lacune presenti per ricostruire al meglio la leggibilità dell’opera, evitando falsificazioni. L’opera esprime ancora la gravità del danno cui è stata nel tempo sottoposta.
  • 19. Caravaggio: “Il seppellimento di Santa Lucia” Pala Seicentesca che rappresenta il momento del funerale di Santa Lucia, collocata sull’abside dell’omonima chiesa. Questa collocazione ha determinato, nei secoli, problemi di distacco di alcune parti del dipinto, dovuti all’umido presente nella chiesa. Contrariamente a quanto stabilito dalla Carta Italiana del Restauro, dopo il ripristino, il dipinto è stato riposizionato nel luogo che ne aveva causato il degrado.
  • 20. Interpretazione psico-analitica dell’opera d’arte Per Freud l’opera d’arte è una manifestazione dell’inconscio e delle pulsioni fondamentali, sessuali e distruttive. Altri psicanalisti, hanno individuato i problemi interiori dell’artista connessi ad uno stato depressivo. Secondo le psicologie umanistiche la creatività è legata alla liberazione di spinte e motivazioni profonde dell’individuo.
  • 21. L’artista controlla le sue forze psichiche e si muove tra conscio e inconscio, razionale e irrazionale. Il tratto emotivo più interessante della persona creativa sembra essere la capacità di gestire la propria interiorità. Artemisia Gentileschi: “Susanna e i vecchioni”
  • 22. L’ artista riesce ad interpretare il clima culturale del momento storico ed a mediare tra le proprie istanze rivoluzionarie e le tendenze della cultura in cui vive, superando il filtro della repressione sociale. L’ attività creativa tende a rivoluzionare il sistema sociale; per questo la società di fatto reprime i comportamenti creativi, anche se ufficialmente li riconosce e li magnifica. Per Weber l’artista non trova lo spazio per esprimere la propria creatività, che tende all’originalità e all’insolito, poiché chiuso in un mondo razionale e prevedibile. Per Marx invece è il capitalismo che tende ad opporsi alla creatività poiché l’individuo non segue la sua attività lavorativa dalla progettazione al prodotto finito. L’interpretazione sociologica dell’arte
  • 23. Caravaggio: “Il bacchino malato” Questo quadro intitolato così a causa del colorito della pelle del soggetto, rappresenta il clima culturale del momento, che esprime il piacere dell’orrido e del macabro. La malattia attira perché ha un forte impatto, soprattutto visivo.
  • 24. Caravaggio: “Ragazzo morso da un ramarro” Quest’opera presenta un forte realismo volto a raffigurare la sofferenza e la sopraffazione del potente sul debole, attraverso la rappresentazione della perversione sessuale che si evince dal modello decisamente effeminato, con una rosa tra i capelli e la spalla destra sensualmente scoperta.
  • 25. L’artista da voce del “potere” a espressione della “sublimazione” dell’arte
    • La riflessione teorica sull’arte si concentra sul problema del giudizio di gusto, cioè come il soggetto valuta il “bello”.
    • L’arte nel corso della storia ha sempre mutato i suoi scopi:
    • In origine era mezzo di socializzazione in quanto, attraverso la rappresentazione di figure artistiche, gli uomini potevano comunicare;
    • Con Immanuel Kant, la teoria estetica assume compiutezza e piena consapevolezza di sé;
    • Con il romanticismo l’arte si afferma come bisogno ed espressione di libertà e come ricerca di sé e del mondo che diventa anche identificazione dei caratteri di un popolo;
    • Nell’età contemporanea vi è la tendenza a sublimare l’arte, poiché gli stati non utilizzano più l’arte per manifestare la propria potenza ed essa si è dovuta reggere sulle leggi del mercato;
    • Ancora oggi non riusciamo a dare una definizione precisa dell’arte, in quanto essa è un’attività individuale, ludica, creativa, rappresenta un rapporto tra artista e pubblico ed ha un legame con la tradizione e la cultura.
  • 26. Lo Stage per osservare , riflettere e progettare in modo creativo il “futuro” Esperienza svolta con la dott.ssa Anna Raudino presso il laboratorio della memoria-archeologia sperimentale di Testa Dell’acqua di Noto
  • 27. Come progettare creativamente il proprio lavoro: