Continuano le proteste e la presa di posizione ufficiale di alcuni Comunimarchigiani e dei Comitati contro il terminale pe...
come è stato pensato, non ha funzionato ed è tempo di considerare correzioni eintegrazioni affinché le Marche, e quindi i ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

CARI SINDACI

187
-1

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
187
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

CARI SINDACI

  1. 1. Continuano le proteste e la presa di posizione ufficiale di alcuni Comunimarchigiani e dei Comitati contro il terminale per lo scarico del metano chedovrebbe sorgere al largo della costa di Falconara.Adesso, purtroppo, è finalmente tutto chiaro! I lavoratori della raffineria, diretti eindiretti, sono soli con i loro sindacati.Da una parte c’è l’azienda che si confronta con una situazione economica moltodifficile e si propone una via d’uscita con un piano industriale che investe suproduzione elettrica e rifornimento di gas, pena la messa in crisi dell’occupazione.Dall’altra, la politica più locale, quella di alcuni amministratori comunali, continua adire indiscriminatamente NO a tale piano, senza tener conto dei continui chiarimentiavuti sia nei tavoli con l’azienda che in quelli con i sindacati.Noi, come lavoratori e rappresentanti dei nostri colleghi di raffineria, siamo attonitidi fronte a questo atteggiamento, inspiegabile vista la situazione. E pensiamo aLivorno, dove sindaci, assessori, istituzioni provinciali sono scesi a fianco deilavoratori della raffineria per contrastare la minaccia di chiusura. Evidentemente illavoro non è un valore riconosciuto allo stesso modo dalle nostre Istituzioni, o forse,diventa un valore solo quando non c’è più.Ma noi non vogliamo una politica che esprime solidarietà quando i cancelli delleaziende sono chiusi, una politica che ci sfila accanto nei cortei quando non c’è piùniente da fare. Chiediamo una politica costruttiva, che aiuti il territorio a crescere,garantendo occupazione, sicurezza e ambiente, mentre diciamo basta ad unapolitica che cerchi di mettere le pezze quando è troppo tardi e dopo aver rematocontro.Signori Sindaci, ci rivolgiamo a Voi ricordandovi che i lavoratori della raffineriavivono nei vostri comuni. Quindi, bloccare l’evoluzione industriale di questo sito, conconseguente perdita di oltre 1500 posti di lavoro, significa mettersi non solo contro ivostri cittadini, ma contro il vostro stesso comune, che dai redditi dei lavoratori traesostentamento.Sappiamo che la questione energetica per questa regione è un tema fondamentalee, proprio per questo, dobbiamo guardarci in faccia e non farci illusioni. Il Pear, così
  2. 2. come è stato pensato, non ha funzionato ed è tempo di considerare correzioni eintegrazioni affinché le Marche, e quindi i cittadini, non si trovino a scontarepesantemente questa carenza.A Falconara abbiamo un imprenditore pronto ad investire sul territorio, favorendol’occupazione dei cittadini di Falconara e dei territori limitrofi. E questo dovràavvenire nel rispetto delle leggi, nella tutela della salute e della sicurezza edell’ambiente, allora, Signori Sindaci, pensate bene alle decisioni che andrete aprendere nel prossimo futuro, perché da quelle non si torna indietro. RSU API RAFFINERIA28/06/2011

×