[CHANGE THE WORLD?]   1[Change the world?]LOVE onlusnote sull’attività istituzionale e sull’organizzazionebeloverevolution...
2   [CHANGE THE WORLD?]
[CHANGE THE WORLD?]                      3SommarioUn passo avanti ...........................................................
4   [CHANGE THE WORLD?]
[CHANGE THE WORLD?]                              5                                                        Lalbero della vi...
6       [CHANGE THE WORLD?]Una      valorizzazione           di       singoli,           a     scapito     «Le vie sono di...
[CHANGE THE WORLD?]                   7disposizione agire con rinnovato spirito sociale,          Volontariato e solidarie...
8      [CHANGE THE WORLD?]LOVE: all’ origineLove: amore dall’antico inglese, lufu, proto-            l’etimo da estrapolar...
[CHANGE THE WORLD?]   9Interessanti, da un punto di vista sempresemantico, le assonanze con il semitico amen,dall’ebraico:...
10      [CHANGE THE WORLD?]Forma giuridica e sediLOVE       onlus                   è una onlus costituita come       Rife...
[CHANGE THE WORLD?]                       11Attività socialeNel perseguire gli obiettivi stabiliti dall’art. 5            ...
12      [CHANGE THE WORLD?]                                                                       LONG LIFE LEARNING      ...
[CHANGE THE WORLD?]                   13•   “ I l l u p o e l a l u n a ” (Verona, febbraio 2012);      Dečani e nelle enc...
[CHANGE THE WORLD?]              14Riconoscimenti e PatrociniNel corso del tempo L O V E      onlus                       ...
[CHANGE THE WORLD?]                                15                                                                     ...
16     [CHANGE THE WORLD?]dell’Assemblea Parlamentare dell’Organizzazione                           In questo frangente, g...
[CHANGE THE WORLD?]   17Diario fotografico e rassegna stampaIn preparazione…:
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

LOVE - chi sei?

498 views
400 views

Published on

LOVE onlus
vision, forma giuridica e sedi, note sull'attività istituzionale
(versione giugno 2012)

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
498
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

LOVE - chi sei?

  1. 1. [CHANGE THE WORLD?] 1[Change the world?]LOVE onlusnote sull’attività istituzionale e sull’organizzazionebeloverevolution.org
  2. 2. 2 [CHANGE THE WORLD?]
  3. 3. [CHANGE THE WORLD?] 3SommarioUn passo avanti ................................................................................................................ 5V is io nComeV o lo n ta ria to e s o lid a rie tàLOVE: all’ origine ............................................................................................................ 8Forma giuridica e sedi .................................................................................................. 10Attività sociale ............................................................................................................... 11A c c e n d ia m o la S p e ra n z aA lfa b e tiz z a z io n e In fo rm a tic aE v e n ti C u ltu ra liN a ta le S o lid a le e d e v e n ti b e n e fic iS ito in te rn e t e d ia ri d i v ia g g ioRiconoscimenti e Patrocini .......................................................................................... 14In c o n tri istitu z io n a liDiario fotografico e rassegna stampa ........................................................................ 17
  4. 4. 4 [CHANGE THE WORLD?]
  5. 5. [CHANGE THE WORLD?] 5 Lalbero della vita, Fregio per il Palazzo Stoclet - Gustav Klimt 1905-1909Un passo avantiSocrate: «Se si concorda con qualcuno sulla giustezza Visiondi qualcosa, la si dovrà fare o evitare?»Critone: «La si dovrà fare»Platone, Apologia di Socrate «Perché?» … è questa la domanda che spesso ci sentiamo rivolgere da amici, parenti, colleghi … «Perché è giusto» … è la naturale risposta che ci scaturisce sempre dal cuore.LOVE onlus è un “passo avanti”, è la decisione diun gruppo di persone di assumersi la Con queste premesse cercheremo di sviluppare iresponsabilità di dare voce a chi non ha più voce, motivi che hanno portato uno straordinario gruppocon la volontà di concretizzare solidarietà in di amici a fondare L O V E onlus .giustizia, con l’impegno di fare fronte allaresponsabilità assunta compiendo quel passo “L’essenziale è invisibile agli occhi”avanti e avanzando dalla linea dove si è tutti Il Piccolo Principe Antoine De Saint-Exupéryschierati fino a quando non ci si impegna in primapersona per contribuire al cambiamento. Nella società cosiddetta “occidentale” degli ultimi decenni, sempre più atomica e asfissiante, il concetto della libertà è stato forzato e violentato tramutandolo in una concezione erronea, egoista e individualista.
  6. 6. 6 [CHANGE THE WORLD?]Una valorizzazione di singoli, a scapito «Le vie sono diverse, la meta è unica. Non sai che molte vie conducono a una sola meta? La meta non appartiene né alladell’identità del gruppo e delle comunità, miscredenza né alla fede; lì non sussiste contraddizioneaccompagnata da relazioni interpersonali sempre alcuna. Quando la gente vi giunge, le dispute e lepiù frammentarie e virtuali e da una rarefazione – controversie che sorsero durante il cammino si appianano; eo addirittura perdita – dei vincoli di reciprocità e chi si diceva l’un l’altro durante la strada "tu sei un empio"solidarietà propri delle società tradizionali. dimentica allora il litigio, poiché la meta è unica».In questo contesto L O V E onlus cerca, e crea, AKHMET YASSAWÎoccasioni per rafforzare il concetto di cittadinanzaattiva, o meglio di membri di una comunitàorganica, della solidarietà e dell’impegno Comevolontario, in un sistema che vogliamo Il nostro impegno e le nostre azioni hanno ilcaratterizzato e centrato sulla sussidiarietà: non carattere fondamentale della gratuità, che noncreando sovrastrutture ma potenziando e vuol dire “fare le cose gratis”, ma riaffermare lamoltiplicando gli effetti benefici dell’impegno. propria libertà rispetto ai concetti oggiLa mediazione dell’attuale classe dirigente, e della predominanti di mercato e utilitarismo, con lapolitica “occidentale” in genere, non è in più in ferma volontà di ripristinare il dominio dellogrado – semmai lo è stata – di cogliere e spirito sulla materia, affermando il concetto dellainterpretare l’articolazione dei bisogni delle condivisione.persone in difficoltà. La mediazione dello stato L’importanza del “dono” non è d’altro canto unnon è quindi sufficiente e talune volte nemmeno concetto nuovo: “Io ho quel che ho donato”auspicabile, perché spesso mosso da interessi e affermava D’Annunzio.obiettivi che stonano, e in certi casi si Il ruolo dei nostri soci e volontari è caratterizzatocontrappongono, al benessere stesso dei Popoli. dal “nulla chiedere”, dall’esercitare sinceramenteIl “mercatismo”, il libero mercato come soluzione un’attività solidale senza arrogarsi il diritto dia tutti i mali, ha dimostrato ampliamente i propri imporre determinate weltanschauung ma anzi nelgrandi limiti e non ha contribuito, se non in trovare, con grande rispetto e umiltà,minima parte, alla risoluzione dei problemi del arricchimento personale nell’azione che si stamondo o, più in generale, a un miglioramento del compiendo.tenore di vita in generale, che non sia Il ruolo del volontario non può che essereesclusivamente misurato su parametri economici. integrativo, promozionale e innovativo di unI consumatori/produttori del mondo moderno nei sistema di welfare e valoriale che superi unaconfronti delle ampliate sfide globali si ritrovano rigida impostazione burocratica e istituzionale e siimpreparati e senza guida adeguata, anche lo apra verso una visione più comunitaria e organicastesso sistema politico della democrazia riceve della società, influenzando non solo quindi leoggi, da più parti, feroci critiche sull’effettivo amministrazioni pubbliche ma gli stessi attorivantaggio apportato al benessere delle comunità economici e sociali, quegli stake holder, pubbliciche governa. o privati, che possano con gli strumenti a loro a
  7. 7. [CHANGE THE WORLD?] 7disposizione agire con rinnovato spirito sociale, Volontariato e solidarietàsolidaristico, redistributivo e meritorio. Il sostegno tra gli individui e la disponibilità versoVogliamo quindi assumerci e assolvere le nostre l’altro sono punti essenziali nell’azione di L O V Eresponsabilità sociali, fortemente affermando che onlus .oltre lo scambio c’è il dono. Il motto poundiano delle “idee che diventanoE la gratuità e il dono portano con sé l’assenza di azioni” si concreta e prende forma nei progetti eguadagno economico e la conseguente Libertà. Da nelle attività che quotidianamente i nostri sociogni forma di potere e d’interesse utilitaristico. compiono sul proprio territorio; in maniera pulita,LOVE onlus si sostanzia quindi come onesta, scevra da pregiudizi e schemi mentali.testimonianza credibile di libertà rispetto alle Instaurare relazioni segnate dalla molteplicità dilogiche dell’individualismo e dell’utilitarismo culture, territori e pensieri, mantenendo eeconomico. Riaffermando quella via alternativa e valorizzando le proprie tradizioni, con sinceraterza posizione rispetto a quei modelli di società amicizia e rispetto; è questo lo spirito con il qualecentrati esclusivamente sull’avere, sull’esistere e ci muoviamo nei progetti che sosteniamo al disull’apparire, in opposizione all’Essere e al fuori dei nostri territori, nell’ambito dellaVivere. solidarietà internazionale.Nell’epoca della globalizzazione e dell’instant Consci che solo dopo aver soddisfatto i bisogninews capita sempre più spesso che la disponibilità legati alle esigenze primarie psicofisiche, l’uomoverso l’altro venga relegata all’invio di sms, come possa rivolgersi con serenità a bisogni più elevati,forma di donazione di danaro veloce e indolore, cerchiamo nel nostro piccolo di contribuire allaperché colpiti – forse per brevissimo tempo – da soddisfazione di questi e, nei casi più tragici – chetragedie magari accadute a migliaia di chilometri spesso costituiscono la maggior parte -, difendereda noi, a popolazioni o persone di cui magari fino e promuovere la Libertà.a poco prima ignoravamo pure l’esistenza. Unalavatrice di coscienze, nulla più.Dal mondialismo a un senso d’impotenza e,tramite il meccanismo della saturazione,all’indifferenza, il passo è veramente breve.Noi riteniamo che l’approccio corretto non siaquello di fare le cose per gli altri, ma con gli altri.È per noi basilare il coinvolgimento diretto e ilprotagonismo dei beneficiari delle azioni e deiprogetti che costruiamo e sviluppiamo.
  8. 8. 8 [CHANGE THE WORLD?]LOVE: all’ origineLove: amore dall’antico inglese, lufu, proto- l’etimo da estrapolare sarebbe la radice: *m (a-m-germanico *lubo, tedesco liebe, russo любить or-s).(ljubit), dal proto-indoeuropeo *leubh- Non mancano studi che lo accosterebbero alla"desiderare, amare", corrispondente al latino radice proto-indoeuropea: *hmh "trattenersi", elubet, libet "far piacere" e al sanscrito - avestica: ama- "attaccare".lubhyati "desiderare". Tuttavia più calzanti, anche da un punto di vistaIn italiano, tuttavia, essendo una lingua semantico, sono le voci sanscrite: - kāmaindoeuropea con antichissime influenze proto- avente il significato di "desiderio" con accezionimediterranee, l’etimo si discosta da questa radice, di "piacere" e "amore sessuale". Tant’è che esistedando luogo a esiti abbastanza incerti. il teonimo, o nome di divinità, Kāma, da cuiA tal riguardo non manca una teoria che lo Kāma Sutra e - mitra (amico) dove –travorrebbe far derivare dalla locuzione latina: "a- è un suffisso (similmente al termine man-tra). Lemors", con alfa privativo – quindi di calco greco – cui radici sono rispettivamente, *kām e *mi, di cuidesignante la condizione di non-morte. In tal caso l’ultima ricorda la voce albanese mik, di certa ascendenza latina: ami-cus.
  9. 9. [CHANGE THE WORLD?] 9Interessanti, da un punto di vista sempresemantico, le assonanze con il semitico amen,dall’ebraico: ‫ אָמן‬e arabo: ‫ ,ﺁآﻡمﻱيﻥن‬āmīn, col ֵsignificato di "credere". Quindi con il mongoloамь-ami significante "vita".Ritornando all’accezione di amor come negazionedi mors, cioè morte, essa è anche palindromo diRoma, l’Urbe, la Città Eterna per antonomasia.Un accostamento sintomatico che, se da una partelo pone a fianco del calco eros-thanatos,l’endiadi-opposizione di libido e morte, propriadella psicanalisi, a sua volta debitrice allaclassicità di molti concetti. Dall’altra lo situa sullafalsariga dell’antitesi latina fra otium-negotium(neg-otium), da cui il secondo etimologicamentescaturisce come negazione del primo. Unarivisitazione dell’accostamento ossimorico dimatrice greca fra σχολή - scholè e ασχολία -ascholìa che designava la predilezione da partedelle civiltà del passato ed extraeuropee, in sensolato, per la vita privata e contemplativa rispettoagli oneri di quella pubblica.Conseguentemente all’otium, la dimensionearcadica, bucolica, la vita tranquilla ed esente daogni tipo di impegno, i giorni beati, gli otia diadescritti da Virgilio nelle Georgiche, connessi aSaturno, simbolo dell’età aurea e alle divinitàagro-pastorali, il Lazio conosce un lavoro forzatoe tirannico, denominato negotium, legato inveceallo sviluppo dei bisogni e dei mestieri agricoli,successivi alla civiltà pastorale.Un intreccio di contrapposizioni che, in definitiva,esaltano questa definizione di amore-morte,assolutizzandola, discostandola dall’ambito delleetimologie spontanee per farla assurgereall’empireo delle espressioni auliche e filosofiche.
  10. 10. 10 [CHANGE THE WORLD?]Forma giuridica e sediLOVE onlus è una onlus costituita come Riferimenti e contatti:“Organizzazione di Volontariato” secondo quantoprevisto dall’art. 8 della legge n. 266/91.L’atto di fondazione di L O V E ITALIA e LOVE T: +39 335 7022607SVIZZERA è avvenuto contestualmente il 10 M: beloverevolution@gmail.comfebbraio 2011, a Venezia. L’organizzazione LOVE ITALIAitaliana è stata formalmente registrata presso Organizzazione di Volontariatol’Agenzia delle Entrante il 29 luglio dello stesso Sede Nazionale: Via Albola, 1 – 38066 Riva del Garda (TN)anno. Sezione Regionale del Friuli Venezia GiuliaSecondo l’art. 5 dello Statuto: “L’associazione Via A. Zacco, 29 – 38077 Sacile (PN)non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente Sezione Regionale del Venetofinalità di solidarietà sociale, di solidarietà e Via Azzolini, 7 – 37012 Bussolengo (VR)cooperazione internazionale, di rispetto delle Sezione Regionale del Piemonte e Lombardia Via Veriago 6 – 28855 Masera (VB)tradizioni e dei popoli”. LOVE SVIZZERA Organizzazione di Volontariato Sede Nazionale: Viale Breggia, 13 , Morbio Inferiore 6834 , Ticino
  11. 11. [CHANGE THE WORLD?] 11Attività socialeNel perseguire gli obiettivi stabiliti dall’art. 5 dell’organizzazione culturale e della cooperazionedello Statuto, l’associazione si propone di: internazionale. Eventi culturali, corsi di formazione e impegni sociali hanno quindi visto• [OMISSIS] una programmazione intensa:• organizzare luoghi e momenti di confronto per la promozione del rispetto e della gioiosa accettazione solidarietà internazionale delle differenze tra popoli, persone e comunità; Progetto Accendiamo la Speranza• organizzare missioni all’estero per approfondire e diffondere la conoscenza delle realtà dei popoli, delle long life learning loro virtù e caratteristiche peculiari, nonché delle eventuali problematiche legate alla fruizione della Corso di Alfabetizzazione Informatica libertà;• organizzare, promuovere e valorizzare meeting, promozione della libertà e delle tradizioni workshop, manifestazioni, sit-in, flash-mob, dibattiti, eventi culturali a Venezia, Verona e Roma mostre, conferenze, viaggi, manifestazioni di tipo sportivo, feste popolari, sagre, concerti e altre forme di fund raising e momenti sociali comunicazione e condivisione tese all’affermazione natale solidale e cene di beneficenza della libertà;• [OMISSIS] webinformazione e documenti il sito internet e le testimonianze di viaggioSeppur di giovane costituzione L O V E ITALIA eLOVE SVIZZERA contano sulla pluriennaleesperienza dei propri soci e fondatori nel campo
  12. 12. 12 [CHANGE THE WORLD?] LONG LIFE LEARNING Alfabetizzazione Informatica Organizzati dal Coordinamento Provinciale ANTEAS di Treviso, i corsi di alfabetizzazioneSOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE informatica sono rivolti, non esclusivamente, allaAccendiamo la Speranza terza età, nell’ambito di quell’apprendimento“Accendiamo la Speranza” è il nome di un continuo che “mantiene giovani”. L O V E onluscoordinamento di progetti e associazioni contribuisce da diversi anni agli incontri fornendosviluppato a sostegno alle minoranze della regione un proprio docente.del Kosovo e Metochia assistito e coadiuvato daLOVE onlus .L’idea nasce dai fondatori dell’associazione nel2009 ed entra nella fase operativa l’annosuccessivo con i primi contatti sul territorio e ilprimo viaggio di solidarietà. L’adesione alprogetto, nelle sue finalità solidaristiche e info-formative, è libera, gratuita e non sottoposta aparticolari vincoli burocratici o gerarchici:l’obiettivo finale è infatti quello di essere utili a il prof. Massimo Cacciari all’incontro di Veneziapersone in difficoltà e la strategia seguita è quellasecondo la quale ogni aiuto è ben accetto. PROMOZIONE DELLA LIBERTÀ E DELLE TRADIZIONI Eventi CulturaliAlcuni dei soggetti coinvolti:(in ordine alfabetico) Nel corso del 2011 sono stati diversi gliAmbasciata d’Italia a Pristina appuntamenti culturali e solidali cui L O V E onlusAmbasciata della Repubblica di Serbia a Roma ha contribuito all’organizzazione, in particolareAmici di Decani – Associazione Culturale (Roma)ANTEAS – Ass.ne Nazionale Terza Età Attiva e Solidale ricordiamo:Associazione Albergatori di Abano TermeBarbara onlus – Associazione di Volontariato (Udine) • “L’eredità artistica, culturale eComunità Giovanile – onlus (Busto Arsizio) religiosa del Kosovo e Metochia”Condor – Gruppo Sportivo (Azzano X) (Venezia, dicembre 2011); conversazione tenuta aCroce Rossa Italiana Venezia, presso il Circolo Ufficiali della MarinaENEL SpA Militare Italiana, tra Padre Sava, abate del Monastero diHell’s Angels – gruppo motociclistico (Padova) Visoki Decani; il prof. Massimo Cacciari; il Gen. D.Istituto Specialità Terapeutiche srl – Calenzano (FI) Danilo Errico;Messaggero Veneto – redazione di Pordenone • “La minoranza serba nelle enclavi delMinistero per il Kosovo e Metochia – (Belgrado)Provincia Autonoma di Trento K o s o v o ” (Roma, gennaio 2012); incontro con l’On.Ronda della Carità – Verona Riccardo Migliori, Presidente della Delegazione italiana presso l’Assemblea parlamentare della Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE) e il Sen. Gen. Mauro Del Vecchio;
  13. 13. [CHANGE THE WORLD?] 13• “ I l l u p o e l a l u n a ” (Verona, febbraio 2012); Dečani e nelle enclavi del Kosovo e Metochia – incontro con l’autore. Pietrangelo Buttafuoco e il prof agli eventi benefici come cene (a Pordenone, Ermanno Visintainer, del think-tank italiano “Il Nodo Venezia e Verona) e aperitivi (a Spilimbergo) di Gordio”;• “Kosovo: conoscere il passato per vivere il presente e costruire il futuro” (Torino, maggio 2012); tavola rotonda con la partecipazione di Augusto Grandi, Il Sole 24 Ore; Padre Iossìf Restagno, protopresbitero e rettore della Parrocchia della Natività di S.G.Battista di Torino del Patriarcato di Costantinopoli. Rappresentante Ufficiale di S.E. l’Arcivescovo Ghennadios, Metropolita dItalia e Malta ed Esarca per lEuropa Meridionale; Padre SPAZI VIRTUALI DI INCONTRO Ambrogio Cassinasco, igumeno e parroco della Chiesa di S. Massimo di Torino del Patriarcato di Mosca; the LOVE factory Padre Gheorghe Vasilescu, economo stavroforo, The LOVE factory è un luogo virtuale di incontro, decano e parroco della Chiesa di S.ta Parasceve in è l’occasione di incontri costruttivi volti alla Torino del Patriarcato di Bucarest; Padre Lucian Roşu, conoscenza e alla comprensione dell’altro. arciprete e parroco della Chiesa di S.ta Croce in Torino del Patriarcato di Bucarest; Ugo d’Atri, Presidente WEBINFORMAZIONE E DOCUMENTI I.N.G.O.R.T.P.; Prof. Avv. Riccardo Scarpa, vicepresidente L.I.D.U. ( Lega Italiana per i Diritti Sito internet e diari di viaggio dell’Uomo). Il costante impegno dei volontari nel monitorare la situazione della regione del Kosovo e Metochia in generale e, in particolare il rispetto dei diritti delle minoranze, ha permesso la pubblicazione di note aggiornate sul portale ufficiale dell’associazione, così come su Face Book e Twitter. Oltre alla naturale comunicazione degli eventi dell’associazione, delle principali notizie e della rassegna stampa. Le esperienze dei Viaggi di Solidarietà,FUND RAISING ED EVENTI SOCIALI nell’ambito di “Accendiamo la Speranza” e degliNatale Solidale ed eventi altri momenti di visita della regione del Kosmet, inoltre, sono raccontante da diari di viaggiobenefici disponibili gratuitamente sul sito in formato .pdf,A sostegno delle iniziative di solidarietà il che costituisce un’importante testimonianza sulinternazionale coordinate dall’associazione, sono lavoro svolto e un continuo monitoraggio sullestate organizzate una molteplicità di attività sul realtà soggette degli aiuti del progetto.territorio, dall’iniziativa del Natale Solidale – chepromuoveva come regali solidali gli articoliprodotti artigianalmente nel monastero di Visoki
  14. 14. [CHANGE THE WORLD?] 14Riconoscimenti e PatrociniNel corso del tempo L O V E onlus ha ricevuto il patrocinio o il sostegno alle proprie attività da diversiorganismi e istituzioni, tra le quali ricordiamo:(aggiornato al 17 marzo 2012)
  15. 15. [CHANGE THE WORLD?] 15 con il Presidente Tadic, gennaio 2012PERSONALITÀ E ORGANISMI INTERNAZIONALI a oggi è stato svolto e intrapreso con i progetti diIncontri istituzionali solidarietà internazionale e il coordinamentoIl valore aggiunto riconosciuto alle attività "Accendiamo la Speranza" che da oramai tre annidell’associazione ha permesso l’incontro, nel è attivo nella regione. Un grande stimolo acorso del tempo, tra i responsabili di L O V E onlus continuare il lavoro e a cercare di essere sempree personalità di primo piano nello scenario più utili alle persone e alle famiglie che hanno uninternazionale. grande bisogno di sostegno.Ecco quindi l’incontro con il Presidente serboBoris Tadic, presso il Monastero di VisokiDečani, in occasione del Natale ortodosso agennaio 2012. Un’occasione importante arricchitadalla gioia della festa e dall’intimità familiarecreatasi presso le mura del Monastero che, perragioni di sicurezza dovute all’occasione, ospitavail Presidente e poche altre persone. Ban Ki Moon e Padre Sava, sulla destra Franceschini, luglio 2012La visita del Segretario Generale dell’ONU, BanKi Moon, nei Balcani nella regione di Kosovo e I patrocini dell’OSCE e la collaborazione inMetochia è stata un’altra importantissima alcune attività parallele permettono a oggi dioccasione di incontro, anche se informale, e di considerare l’on Riccardo Migliori, Presidentericonoscimento dell’impegno e del lavoro che fino
  16. 16. 16 [CHANGE THE WORLD?]dell’Assemblea Parlamentare dell’Organizzazione In questo frangente, gli incontri con il Colonnelloper la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, un Andrea Borzaga, Comandante del Contingentecaro amico dell’associazione e un punto di italiano in Kosovo, e il suo successore Colonnelloriferimento importante per la comprensione delle Sebastiano Longo, hanno confermato ladinamiche internazionali. professionalità, la correttezza e la preparazione dei militari italiani in missione all’estero. Cosi come dei Carabinieri raggruppati nella forza MSU (Multinational Specialized Unit) di base a Pristina. A questi ultimi, nella persona del Tenente Colonnello Vincenzo Giglio, siamo in particolare modo grati per l’aiuto concreto nella consegna degli aiuti sul territorio della regione. Villaggio Italia, incontro con il col. Borzaga, novembre 2011I Viaggi di Solidarietà e le normali “operazioni”esplorative ovvero di pubbliche relazioni nellaregione di Kosovo e Metochia hanno permesso distabilire fruttuosi contatti con il contingenteitaliano che, dal 1999, è presente sul territorio convari compiti tra cui la protezione dei Monasteri Silovo, foto di gruppo il Ten. Col. Giglio e collaboratori, agosto 2012ortodossi di Pec e di Decani, due luoghifondamentali per la cultura e la tradizione serbaoltre che Patrimonio dell’Umanità sottoprotezione dell’UNESCO. Villaggio Italia, incontro con il col. Longo, agosto 2012
  17. 17. [CHANGE THE WORLD?] 17Diario fotografico e rassegna stampaIn preparazione…:

×