Turismo 2.0 e nicchie di mercato
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Turismo 2.0 e nicchie di mercato

  • 1,012 views
Uploaded on

Estratto del mio Intervento alla IV edizione delle "Giornate di Formazione per Operatori" organizzate dall'Assessorato al Turismo di Porto Sant'Elpidio (20 marzo 2013)

Estratto del mio Intervento alla IV edizione delle "Giornate di Formazione per Operatori" organizzate dall'Assessorato al Turismo di Porto Sant'Elpidio (20 marzo 2013)

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
1,012
On Slideshare
1,010
From Embeds
2
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
18
Comments
0
Likes
2

Embeds 2

https://abs.twimg.com 1
https://twitter.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Turismo 2.0 e nicchie di mercatoLapproccio del marketing non-convenzionale Prof. Fabio Forlani Villa Baruchello Città di Porto SantElpidio 20 marzo 2013
  • 2. Agenda della giornata● Web 2.0 e Turismo 2.0● Lunga coda ed implicazioni manageriali● Le nicchie di mercato● Il marketing e la comunicazione non- convenzionale● Focus Group: Web 2.0, Social network, minaccia o opportunità? Prof. Fabio Forlani 2
  • 3. I mercati sono conversazioni, se ne parla dal 2000, ora ci siamo ... Prof. Fabio Forlani 3
  • 4. Dal Web 1.0 al Web 2.0: cosa cambia? Prof. Fabio Forlani 4
  • 5. La centralità del Prosumer Prof. Fabio Forlani 5
  • 6. Il protagonismo del consumatorepost-moderno e concetto di web 2.0• Il web 2.0 (OReilly, 2006) è la rete come piattaforma che consente di “liberare” le capacità creative e relazionali delle persone;• Le persone passano da fruitori a creatori di contenuti: User Generated Contents (UCG);• La rete come grande intelligenza creativa che genera contenuti attraverso le conversazioni. Prof. Fabio Forlani 6
  • 7. Impresa 2.0● Sta diventando vitale anche per le aziende collocarsi all’interno del World Wide Web per farsi pubblicità, attirare e comunicare i propri clienti, reali e potenziali.● Come il nuovo web si configura nella sua versione 2.0, così anche l’azienda diventa 2.0, adottando modelli di business che prediligono strategie più: Aperte - Dinamiche - Flessibili - Basate sulla condivisione tra i dipendenti, top manager e clienti Prof. Fabio Forlani 7
  • 8. Gli strumenti emergenti: Smartphone, Tablet e AppCos’è un’App?Nello specifico settore Mobile perApplicazione si intende un programma creatoper essere installato su dispositivi mobili(smartphone, tablet) in grado di interagirecon le componenti del dispositivo,arricchendone le capacità, e con l’utente. Prof. Fabio Forlani 8
  • 9. Gli strumenti emergenti: Le App, perché hanno successo?● Sono un sistema innovativo e funzionale, aumenta e migliora le capacità del dispositivo mobile;● Si propongono all’utente con una veste completamente nuova da ciò a cui è abituato;● Usano un sistema di propagazione non invasivo. L’utente decide autonomamente quale App installare sul dispositivo;● Sono utili, uniche e aggiornate. Prof. Fabio Forlani 9
  • 10. Gli strumenti emergenti:Smartphone, Tablet e App Prof. Fabio Forlani 10
  • 11. Gli strumenti emergenti: Smartphone, Tablet e App• Con i sistemi mobili lutilizzo del web e dei social network sta cambiando radicalmente: ● Accesso in ogni luogo ● Accesso in ogni momento ● Accesso rapidoQuali strumenti si utilizzano?• Le App• I social network• Google• Navigatore• Altro? Prof. Fabio Forlani 11
  • 12. Un modello per capire limpatto del web: la lunga coda (Anderson) MONDO DELLA SCARSITA’ F I L T R I MONDO DELL’ABBONDANZA Prof. Fabio Forlani 12
  • 13. Le tre potenti forze della Lunga Coda FORZA STRUMENTI RISULTATIDEMOCRATIZE THE TOOLS OF Personal computer PRODUCTION (nuove tecnologie)DEMOCRATIZE THE TOOLS OF Internet DISTRIBUTIONCONNECT SUPPLY AND DEMAND Filtri Prof. Fabio Forlani 13
  • 14. Filtri- Raccomandazioni (social network)- Classifiche (social network)- Sequenza dei risultati di ricerca (es. Google) “Senza i filtri la coda rischia di essere solo rumore” (C. Anderson, 2006) Prof. Fabio Forlani 14
  • 15. Dalle hits ai prodotti di nicchiaLa diminuzione dei costi di produzione e di distribuzione sposta l’attenzione dalle hits(testa) ai prodotti e servizi di nicchia (coda)“sebbene nessuno di questi venda in grandequantità, ci sono così tanti prodotti di nicchia che tutti insieme possono costituire un mercato in grado di competere con quello degli hits” (Anderson, 2006) Prof. Fabio Forlani 15
  • 16. area prodotto giro di affari in miliardi di euro per (escluso il viaggio) tu ris m o ba tu ln ea 10 12 14 16 18 0 2 4 6 8 ris re m o cu tu lt u ris ra m le o m on tu ta ris no m o la cu tu al ris e m o te rm al tu tu e ris ris m m o o en ve og rd as eProf. Fabio Forlani "turismi" tro no m ic tu ci o tu cl ris ris ot m m ur o o is pe de m re ic o ve ol nt le is zi on po is rti ti vi pa r ti co la ri La lunga coda del turismo testa coda 16
  • 17. La lunga coda del turismoCi sono così tanti prodotti turistici dinicchia, non ancora “sfruttati”, che unitiai “turismi” tradizionali, tipici di una località,possono creare occupazione anche neicosiddetti periodi di bassa stagione,portando ad un allungamento dellatradizionale alta stagione, o ad altre“alte stagioni” durante l’anno. Prof. Fabio Forlani 17
  • 18. Social Media e Turismo 2.0• I media sociali come Facebook, i blog, twitter, aiutano amici, familiari e colleghi a restare in contatto, comunicare e condividere informazioni in ambienti a loro confortevoli.• Con un tasso di crescita elevatissimo queste piattaforme sono diventate un luogo di incontro e di scambio di informazioni, impressioni esperienze.• Queste informazioni sono diventate i primi passi per la ricerca e la pianificazione del viaggio.• Ascoltare le conversazioni degli utenti ci aiuta a conoscere necessità, sensazioni, esperienze e ricordi ... prima durante e dopo il viaggio. Prof. Fabio Forlani 18
  • 19. Perché i social network hanno successo?• Perché i social network rappresentano una serie di opportunità nuove che aiutano amici, familiari e colleghi a comunicare e condividere informazioni in maniera efficace ed in un ambiente in cui si sentono a proprio agio ! Prof. Fabio Forlani 19
  • 20. I maggiori social network Prof. Fabio Forlani 20
  • 21. I social network turistici diffusi in Italia Prof. Fabio Forlani 21
  • 22. Raccomandazioni: influenzatori on-line e recensioni Prof. Fabio Forlani 22
  • 23. Influenzatori on-line e recensioni Prof. Fabio Forlani 23
  • 24. Il Web è democratico? No, aristocratico (Legge di Pareto 80-20; Regola 1-9-90) Fonte: Wikipedia Prof. Fabio Forlani 24
  • 25. Il Web è democratico? No, aristocratico (Legge di Pareto 80-20; Regola 1-9-90) “Participation Inequality” di Nielsen Prof. Fabio Forlani 25
  • 26. Il Web è democratico? No, aristocratico (Legge di Pareto 80-20; Regola 1-9-90)Il marketing consiglia di organizzarsi peressere nel 10% degli utenti attivi del web Prof. Fabio Forlani 26
  • 27. 2.0 in pratica? • Turista post moderno • Nicchie di mercato • Micro media • Nuovi linguaggi Prof. Fabio Forlani 27
  • 28. Nicchie e turista della III° generazioneLe nicchie sono:“gruppi ristretti di consumatori che hanno bisogni edesigenze molto ben definite rispetto alla generalità delmercato” (P.Kotler, 2003)Le nicchie sono “frequentate” dal cosiddetto “turistadelle terza generazione”:“[...] Una generazione, che se può, preferisceautorganizzarsi, o chiedere ai fornitori servizi moltomirati, che è piuttosto diffidente rispetto a tutto ciò cheè palesemente finto o artefatto, banale, e chiedeproposte diverse, esperienze” (Dall’Ara 2005, 15) Prof. Fabio Forlani 28
  • 29. “Meglio pochi ma buoni”Vantaggi delle nicchie: ● composte da consumatori identificabili singolarmente ● relazioni ● strutturata, ha una tema o un interesse ● fedeltà ● passaparola ● investimento per il futuro (la nicchia può crescere) Prof. Fabio Forlani 29
  • 30. “Meglio pochi ma buoni”Opportunità delle nicchie vs “turismi”:● maggiore facilità di gestione in termini di mktg● destagionalizzabili● deterritorializzabili● non è più importante la grandezza delle strutture e dei servizi● possono essere contattate direttamente (Internet)● sono disposte a riconoscere un premium price Prof. Fabio Forlani 30
  • 31. Principali differenze tra nicchia e segmento di mercatoNICCHIA SEGMENTOI. piccola I. ampioII. specializzata II. despecializzatoIII.bisogni facilmente III.bisogni difficili da individuabili individuareIV.passioni IV.bisogni “deboli”V. strumenti di V. mezzi pubblicitari comunicazione su VI.alti costi di contatto misuraVI.bassi costi di contatto Prof. Fabio Forlani 31
  • 32. Segmentare per “passione”• I “turismi” tradizionali sono troppo generici• Prevale un carattere personale dell’uso del tempo libero• Le motivazioni di viaggio sono più importanti delle destinazioni➔ la segmentazione si dovrebbe basare sulle “passioni” stesse di ciascun individuo, andando ad individuare micro-segmenti o nicchie non ancora presidiate e offrendo loro un’offerta chiara Prof. Fabio Forlani 32
  • 33. Spunti per la riflessione• Produttori di servizi ed esperienze turistiche, quali conseguenze con la maturità della rete?• Come gestire le connessioni di rete?• Che approccio e che ruolo devono assumere le singole persone e le singole imprese sui social network? Prof. Fabio Forlani 33
  • 34. Informazioni e domande: Prof. Fabio Forlani fabio.forlani@uniurb.it fabio.forlani Prof. Fabio Forlani 34