• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Strumenti per la tutela dei suoli (2009)
 

Strumenti per la tutela dei suoli (2009)

on

  • 757 views

 

Statistics

Views

Total Views
757
Views on SlideShare
397
Embed Views
360

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

1 Embed 360

http://nuovaeraurbana.wordpress.com 360

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Strumenti per la tutela dei suoli (2009) Strumenti per la tutela dei suoli (2009) Presentation Transcript

    • “Strumenti per la tutela dei suoli”23 maggio 2009 Fabio Cremascoli ITIS E. Majorana – Cesano Maderno
    • 1. Indirizzi comunitari2. Policy, Strategie, Norme 3. Strumenti operativi
    • 1. Indirizzi comunitari1992 – Conferenza di RIO – Sviluppo sostenibileprime indicazioni sulla protezione delle risorse naturali1994 – Convenzione delle nazioni unite per combattere la desertificazione °2001 – 6° programma comunitario di azione ambientaleNel 2001 la Strategia per lo Sviluppo Sostenibile dell’Unione Europea ed il 6° programma comunitario di azione ambientale hannosancito l’obiettivo di proteggere il suolo dall’erosione e dall’inquinamento evidenziando che il declino della fertilità del suolo è statocausa della riduzione della produttività di molte aree agricole in Europa2002 - Comunicazione COM (2002) 179 definitivo “Verso una Strategia Tematica per la Protezione del Suolo”•viene riconosciuto lo svolgimento di molte funzioni vitali dal punto di vista ambientale, quali la produzione di biomassa, lo stoccaggioe la trasformazione di elementi minerali, organici e di energia, il filtro per la protezione delle acque sotterranee e lo scambio di gas conl’atmosfera. Inoltre il suolo rappresenta il supporto alla vita ed agli ecosistemi, è riserva di patrimonio genetico e di materie prime,custode della memoria storica, nonché elemento essenziale del paesaggio.•Vengono messi in evidenza gli otto problemi principali che affliggono i suoli in Europa: erosione, diminuzione dellamateria organica, contaminazione, salinizzazione, compattazione, diminuzione dellabiodiversità del suolo, impermeabilizzazione, inondazioni e smottamenti.2003 - la Commissione ha dato il via allo sviluppo della Strategia Tematica per la Protezione del Suolo (STS - Soil ThematicStrategy), attraverso l’istituzione di Gruppi Tecnici di Lavoro2006 - EEA Report No 10/2006 urban sprawl in Europe: the ignored challenge (EEA Briefing 4/2006)“La sovraccrescita urbana o espansione urbana incontrollata si verifica quando il tasso di trasformazione d’uso del suolo supera ilquello di crescita della popolazione”2006 - la Commissione Europea, al fine di dare seguito alla strategia stessa, ha adottato una serie di strumenti.
    • 1. Indirizzi comunitariGli strumenti della strategia europeaProposta di Direttiva Quadro per la Protezione del SuoloCOM(2006) 232 definitivoTra le misure individuate per tutelare i suoli europei, vi è anche l’approccio al fenomenodell’impermeabilizzazione del suolo volto a garantire un utilizzo più razionale del terreno secondo quantostabilito dall’articolo 174 del trattato CE e a mantenere il maggior numero possibile di funzioni del suoloComunicazione della Commissione, COM(2006) 231 definitivoValutazione di impatto SEC (2006) 620Viene effettuata una stima dei costi del degrado del suolo
    • 1. Indirizzi comunitariValutazione di impatto SEC (2006) 620Vengono quantificati i costi annui per la Società:• erosione: 0,7 – 14,0 miliardi di euro• diminuzione della materia organica: 3,4 – 5,6 miliardi di euro• compattazione: non sono possibili stime• salinizzazione: 158 – 321 milioni di euro• smottamenti: fino a 1,2 miliardi di euro per evento• contaminazione: 2,4 – 17,3 miliardi di euro• impermeabilizzazione: non sono possibili stime• calo della biodiversità: non sono possibili stime.E’ stato calcolato che il degrado del suolo costa almeno 80 EURO ogni anno a ciascunabitante dell’Unione EuropeaQuesto costo non tiene conto dei costi aggiuntivi che possono derivare dalle voci di cuinon possibili stime.
    • 1. Indirizzi comunitariSuolo e cambiamenti climatici - focus nel 2008/20091) La legislazione è in una fase di stallo Nel 2006 la Commissione ha presentato una proposta legislativa a difesa dei suoli europei che ha ottenuto il sostegno del Parlamento europeo, ma attualmente è bloccata in Consiglio per2) “CLIMSOIL” – Report, dicembre 2008 lopposizione di alcuni Stati membri3) Comunicato del 5 marzo 2009Il suolo contiene circa il doppio del carbonio presente in atmosfera e tre volte quello trattenuto dalla vegetazione. I suolieuropei sono unenorme riserva di carbonio visto che ne contengono circa 75 miliardi di tonnellate che, se gestiti male,possono avere gravi conseguenze;Il suolo riveste unimportanza capitale per la lotta ai cambiamenti climatici: basti pensare che una perdita minima pari allo0,1% di carbonio emesso in atmosfera dai suoli europei equivale alle emissioni di carbonio prodotte da 100 milioni di auto inpiù sulle nostre strade – cioè un aumento pari a circa la metà del parco auto esistente.per ottenere un maggior sequestro (stoccaggio) di carbonio nel suolo occorre invertire lattuale andamento di degradodel suolo e migliorare le pratiche di gestione
    • 2. Policy, Strategie, Norme1° Esempio EPA -Agenzia Per la Protezione dell’Ambiente (Stati Uniti) “Smart growth” (“crescita sorridente”) E’ una politica orientata al contenimento dell’uso del suolo (anti-sprawl) che si è affermata negli USA a partire dagli anni ’90. Gli strumenti di pianificazione e progettazione si possono orientare attraverso le seguenti linee guida: 1. incentivare, negli interventi di trasformazione urbana, una pluralità di funzioni 2. adottare una progettazione che privilegi la compattezza insediativa 3. fornire opportunità di scelte abitative per una pluralità di abitanti (proprietari, inquilini, famiglie di diversa composizione ..) 4. creare unità di vicinato (abitazioni e servizi) percorribili a piedi 5. incentivare forme insediative che inducano senso di appartenenza e identità 6. preservare gli spazi aperti, i suoli agricoli, le bellezze naturali e le aree ambientalmente sensibili 7. investire risorse e opportunità nelle comunità esistenti, al fine di ottenere una crescita territoriale più equilibrata 8. prevedere una molteplicità di forme di trasporto 9. fare in modo che le scelte di pianificazione siano attuabili, eque e redditizie 10. incoraggiare, nei processi decisionali, la partecipazione dei cittadini e dei portatori di interesse
    • 2. Policy, Strategie, Norme2° EsempioLe politiche tedesche per la tutela dei suoliSeconda metà degli anni ‘80:sviluppo del dibattito sulla tutela del suolo (ricerche, progetti pilota)Fine anni ‘90 1998 - Programma di Politica Ambientale del Ministro Angela Merkel La strategia, condivisa da tutti gli schieramenti politici, fissa una quantità di consumo di suolo per usi urbani di 30 ettari al giorno, circa ¼ dei consumi registrati nel 2000 (129 ha) Viene considerata solo una misura intermedia per contrastare il fenomeno del consumo di suolo 1998 – Legge per la tutela dei suoli – codice dell’edilizia e dell’urbanistica 1999 – Legge sulla bonifica delle aree dismesse (riutilizzo, recupero, rigenerazione)Dal 2000 in poi… viene sviluppato il concetto di “crescita zero” entro il 2050 2002 – Nuova legge sulla protezione della natura – principio della compensazione ecologica Le sue disposizioni vengono riprese nel “Codice Edilizio” (BauGB) con la clausola del diritto di tutela della natura (compensazione ecologica) e attraverso il principio secondo il quale la terra ed il suolo devono essere trattati con parsimonia e cura.
    • 2. Policy, Strategie, Norme3° EsempioLe politiche inglesi per la tutela dei suoli 1998/2001 – PPG2 (Planning Policy Guidance 2 ) GREEN BELT – FASCE AGRICOLE DI CONTENIMENTO DELLO SVILUPPO DELLE CITTA’ 2000 – PPG3 (Planning Policy Guidance 3) Politica di HOUSING, attuata rispetto al reale fabbisogno di abitazioni, da realizzare recuperando le aree dismesse 4° EsempioLe politiche olandesi per la tutela dei suoli 1993 – La Compensazione ecologica è il principio fondante delle politiche nazionali di governo del territorio: Si applica alle infrastrutture. Il rapporto di compensazione è di 1:1 (mq)
    • 2. Policy, Strategie, NormeE in Italia?Differentemente da altri Stati, il suolo non ha un proprio statutoIl tema del consumo di suolo è diventato argomento di dibattito solo da pochi anniAlcuni gruppi politici parlamentari hanno presentato varie proposte di riforma dellalegge urbanistica nazionale (L.1150/42), inserendo il tema della tutela del suolo intermini di recupero preventivo delle aree dismesse o degradate prima di ogni nuovatrasformazione territorio
    • 2. Policy, Strategie, NormeA livello regionalePoche regioni hanno introdotto norme specifiche sulla tutela del suolo, si ricordano:EMILIA ROMAGNAl.r. 24 marzo 2000, n. 20 e smi – “Disciplina generale sulla tutela e l’uso del territorio”Tra i principi all’ Art.2, c.2, lett. F) “prevedere il consumo di nuovo territorio solo quando non sussistanoalternative derivanti dalla sostituzione dei tessuti insediativi esistenti ovvero dalla loro riorganizzazione eriqualificazione”Il PTCP definisce inoltre le condizioni di sostenibilità degli insediamenti in relazione alle risorse naturalidisponibili e gli spazi per la rigenerazione e la compensazione ambientaleVENETOl.r. 24 aprile 2004, n. 11 e smi – “Norme per il governo del territorio”Tra i principi, all’art. 2, c.1, lett. d) - l’utilizzo di nuove risorse territoriali avviene quando non esistonoalternative alla riorganizzazione e riqualificazione del tessuto insediativo esistenteTOSCANAL.R. 3 gennaio 2005, n. 1 e smi - “Norme per il governo del territorio”Art. 11 (Valutazione integrata – VAS), c.3 - spetta alla valutazione integrata verificare la compatibilità delpiano rispetto alle risorse essenziali del territorio
    • 2. Area delle Policy e delle StrategieTutela del suolo in Lombardial.r. 11 marzo 2005, n. 12 e smicome specificato nella dgr 6420/07, il Rapporto Ambientale del PGT deve in particolare evidenziare, ai sensi delcomma 2b, dell’art.8, della l.r. 12/05, che il Piano fornisca concrete risposte agli obiettivi prioritari di: riqualificazione del territorio; minimizzazione del consumo di suolo; utilizzazione ottimale delle risorse territoriali ed energetiche; ottimizzazione della mobilità e dei servizi.La proposta di PTR approvata dalla Giunta regionale con deliberazione n. n. 8/6447 del 16.01.08 contienealcuni obiettivi di sostenibilità rispetto alla risorsa suolo.Ob. n.16 - Tutelare le risorse scarse (acqua, suolo e fonti energetiche) indispensabili per il perseguimentodello sviluppo attraverso l’utilizzo razionale e responsabile delle risorse anche in termini di risparmio,l’efficienza nei processi di produzione ed erogazione, il recupero e il riutilizzo dei territori degradati e dellearee dismesse, il riutilizzo dei rifiutiOb. n. 17 - Garantire la qualità delle risorse naturali e ambientali, attraverso la progettazione delle retiecologiche, la riduzione delle emissioni climalteranti ed inquinanti, il contenimento dell’inquinamento delleacque, acustico, dei suoli, elettromagnetico e luminoso, la gestione idrica integrataContiene inoltre obiettivi tematici in cui spesso si fa riferimento alla tutela della risorsa suolo: gli stessisono declinati inoltre per Sistemi territoriali. Alla fine dei paragrafi riguardanti gli ob. per ST c’è un boxcui sono riportate azioni per l’uso del suolo.
    • 3. Strumenti operativiUn esempio applicativo (semplificato)I comuni possono fare riferimento alla l.r. 12/05, agli obiettivi del PTR, e a quelli deiPTCP provinciali per individuare nel documento di piano del PGT un set di obiettivi e diazioni per la tutela della risorsa suolo a livello comunale. PTR PTCP PGT (doc. piano) Ob.1 Ob.1.1 Ob. 1.1.1Nell’ambito della procedura di Valutazione Ambientale Strategica del PGT è inoltrepossibile fare la stessa operazione, declinando meglio, alla scala locale, gli obiettivi disostenibilità contenuti nei rapporti ambientali delle VAS degli strumenti pianificatori“sovraordinati” VAS - PTR VAS - PTCP VAS – PGT (doc. piano) Ob.Sost.a Ob.sost.a.a Ob. sost a.a.a
    • 3. Strumenti operativi Matrice di valutazione Obiettivi - Azioni di pianoFattori AmbientaliConsiderati:Direttiva VAS2001/42/CE Obiettivi di sostenibilità Azioni e criteri Per fattori ambientali considerati di sostenibilità
    • Alcuni documenti e siti utiliAgenzia Europea per l’Ambiente (urban sprawl): http://www.eea.europa.eu/publications/eea_report_2006_10ISPRA – Suolo: http://www.apat.gov.it/site/it-IT/Temi/Suolo_e_Territorio/Difesa_del_suolo_-_Strategia_Europea/Rete Rurale Nazionale – suolo: http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1034Quaderno del Piano territoriale n. 28 – Consumo di suolo, atlante della Provincia di MilanoOsservatorio Nazionale Consumi di Suolo: http://www.inu.it/attivita_inu/ONCS_2.htmlVAS Regione Lombardia: http://www.cartografia.regione.lombardia.it/sivas/Eddyburg/MALL: consumo di suolo elementi e casi: http://eddyburg.it/article/articleview/8952/0/194/Smart Growth: http://www.smartgrowth.orgAreaTerritorio: http://areaterritorio.wordpress.com Contatti: fabio.cremascoli@gmail.com