Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Introduzione al seminario CIBER 2008
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Introduzione al seminario CIBER 2008

  • 988 views
Published

Introduzione al seminario CIBER Amalfi 2008

Introduzione al seminario CIBER Amalfi 2008

Published in Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
988
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
26
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Amalfi 11-13 giugno 2008 Seminario residenziale CIBER B2 Introduzione al mondo della biblioteca 2.0. senza barriere, né temporali né spaziali A cura di Ezio Tarantino [email_address] bids.citicord.uniroma1.it
  • 2. Tecnologie nuove per internet librarians
    • Riassunto della puntata
    • Precedente
    • Introduzione al
    • [Web|Library] 2.0
  • 3. Riassunto della puntata precedente Syndication -> External Links Tagging (Folksonomies) -> Directories (Taxonomies) Wiki -> Content Management Participation -> Publishing Blog -> Personal Home Page Wikipedia -> Britannica Online Flickr -> MyFoto Web 2.0 -> Web 1.0
  • 4. Riassunto della puntata precedente Web 2.0 Termine coniato da Tim O’Reilly nel 2004 per indicare tutta una serie di fenomeni che denotano un’evoluzione del Web, sia a livello tecnologico che sociale
  • 5. Riassunto della puntata precedente
    • Feed RSS
    • Mash-up
    • Social networks
    • Opac “arricchiti”
    • Social networks
      • MySpace
      • Facebook
      • Anobii
      • Librarything
      • Flickr
      • YouTube
    • Social tagging e folksonomy
      • Del.icio.us
      • Connotea
  • 6. Riassunto della puntata precedente
    • Quindi…
    • Centralità dell’utente
    • Consumautore
    • “ L’utente non sta più vedendo le cose
    • È dentro le cose che sta vedendo”
    • Carlo Infante
  • 7. Il contesto 2.0
    • Non solo centralità dell’utente… ma
    • a transformation in the way library services are delivered to library users . It provides new tools to make the library space (both virtual and physical) more interactive , collaborative and driven by community needs . It encourages collaborative two-way social interactions between library staff and library customers .
    • Michael Casey
  • 8. Il contesto 2.0
    • “ Riconoscerò che l’universo della cultura dell’informazione sta cambiando rapidamente e che le biblioteche hanno bisogno di rispondere in modo positivo a questi cambiamenti per fornire le risorse e i sevizi che gli utenti vogliono e di cui hanno bisogno ”
    • Librarian’s 2.0 Manifesto
    • http://liblogs.albany.edu/library20/2006/11/a_librarians_20_manifesto.htm
  • 9. Il contesto 2.0
    • “ Educherò me stesso alla cultura dell’informazione dei miei utenti e cercherò il modo di incorporare quanto imparo nei servizi della mia biblioteca ”
    • Librarian’s 2.0 Manifesto
    • http://liblogs.albany.edu/library20/2006/11/a_librarians_20_manifesto.htm
  • 10. Il contesto 2.0
    • “ Riconoscerò che le biblioteche cambiano lentamente, e lavorerò con i miei colleghi per rendere più veloce la reazione al cambiamento.
    • Sarò coraggioso nel proporre nuovi servizi e nuovi modi di fornire servizi, anche se i miei colleghi dovessero opporre resistenza ”
    • Librarian’s 2.0 Manifesto
    • http://liblogs.albany.edu/library20/2006/11/a_librarians_20_manifesto.htm
  • 11. Il contesto 2.0
    • “ Non aspetterò a usare qualcosa fino a che non sia perfetta, e la modificherò basandomi sul feedback dei miei utenti.
    • Non mi lascerò spaventare da Google e dai servizi collegati, ma piuttosto mi avvantaggerò di questi servizi a beneficio dei miei utenti quando corrispondano ai bisogni dei miei utenti ”
    • Librarian’s 2.0 Manifesto
    • http://liblogs.albany.edu/library20/2006/11/a_librarians_20_manifesto.htm
  • 12. Il contesto 2.0
    • “ Eviterò di obbligare gli utenti a guardare le cose da un punto di vista bibliotecario, ma piuttosto conformerò i servizi in modo che riflettano le preferenze e le aspettative degli utenti.”
    • Librarian’s 2.0 Manifesto
    • http://liblogs.albany.edu/library20/2006/11/a_librarians_20_manifesto.htm
  • 13. Il contesto 2.0
    • “ Mi batterò per un OPAC aperto che fornisca servizi personalizzati e interattivi che gli utenti si aspettano negli ambienti dell’informazione online ”
    • Librarian’s 2.0 Manifesto
    • http://liblogs.albany.edu/library20/2006/11/a_librarians_20_manifesto.htm
  • 14. Il contesto 2.0
  • 15. Il contesto 2.0
    • Dal cosa al come , dal come al perché
    • Libri, CD, DVD… “sono i residui della vera conoscenza”
    • David Lankes (intervista a “Biblioteche oggi”, giugno 2007)
  • 16. Il contesto 2.0
    • Dal cosa al come , dal come al perché
    • Nella biblioteca 2.0 ha più importanza come gli utenti cercano le informazioni
  • 17. Il contesto 2.0
    • Dal cosa al come , dal come al perché
    • “ Ma soprattutto nella biblioteca come conversazione i bibliotecari debbono sapere perché l’utente inizia una conversazione ”
    • Questo porta i bibliotecari a preoccuparsi più di quello che bisogna trovare , piuttosto che quello che bisogna conservare
  • 18. Il contesto 2.0
    • Dal cosa al come , dal come al perché
    • Centralità dell’utente significa trasformare la biblioteca (digitale) da una serie di collezioni catalogate a una collezione di biblioteche personali dell’utente: materiali da condividere, linkare, bibliografie da citare.
  • 19. Il contesto 2.0
    • Dal cosa al come , dal come al perché
    • Il reference “classico” non è sufficiente: il rapporto con l’utente si basa su
      • Tecnologia
      • Organizzazione dell’informazione
      • Servizio
  • 20. Il contesto 2.0
    • Dal cosa al come , dal come al perché
    • Servizio è coinvolgere una comunità al fine di identificare i suoi bisogni e agire per facilitare il loro raggiungimento
  • 21. Il contesto 2.0
    • “ Mission” della biblioteca 2.0
    • “ Costruire la conoscenza di una identificata comunità attraverso la conversazione”
  • 22. Il contesto 2.0
    • Rischi
    • “ Awareness divide” (dell’utente e del bibliotecario)
    • Dispersione dell’informazione
    • Costi (tempo & denaro, “lacrime sudore e sangue”)
  • 23. Il contesto 2.0
    • Rischi
    • La domanda da farsi non è:
    • What’s the consequence if I try this?
    • What’s the consequence if I don’t try this ?
    • Kathryn Greenhill
    • LibrariansMatter.com
  • 24. Kathryn Greenhill http://librariansmatter.com Create the library
  • 25. Bypass us
  • 26. To laugh at us if we get defensive
  • 27. Il contesto 2.0
    • The question is not will there be a change, nor will it involve blood, sweat and tears. (…) The question is will librarians be driving the change, or simply reacting to it?
    • David Lankes
  • 28. Il contesto 2.0
    • “ Change is like heaven, everyone thinks it’s a good idea, but no one wants to go first”
    • Jeff Katzer
  • 29. E ora….
  • 30.
    • Buon appetito
    • e buon Seminario CIBER 2008!!