Modello operativo di approccio al donatore fundraising ez0511

2,322 views
2,245 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,322
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,417
Actions
Shares
0
Downloads
35
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Modello operativo di approccio al donatore fundraising ez0511

  1. 1. M O D E L L O O P E R AT I V O D I AP P R O C C I O AL D O N AT O R E( E Z 0 5 11 )D I E L E N A Z A N E L L ACOME STENDERE UN PIANODI RACCOLTA FONDI EFFICACE
  2. 2. CE L’HO. MI MANCA.@elenazanella - FUNDRAISING2Slide dopo slide, ecco gli ingredientida non dimenticare per stendere un pianodi raccolta fondi efficace.
  3. 3. 1ST STEP@elenazanella - FUNDRAISING3ASSERTIVITA’Lassertività (dal latino "asserere" che significa "asserire"), o asserzione (o ancheaffermazione di sé), è una caratteristica del comportamento umano checonsiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprieemozioni e opinioni senza tuttavia offendere né aggredire linterlocutore.OVVERO: credere in ciò che si dice.ASCOLTO E’ latto dellascoltare. È larte dello stare a sentire attentamente. Non èun atto superficiale.MISSION Gli obiettivi dell’ONP. Il motivo per cui l’ONP esiste. E’/SONO chiari?METODO L’attività svolta e le strategie sono organizzate in processi definiti?Presupposti necessari per un comportamento assertivo sono:•buona immagine di sé (autostima);•adeguata comunicazione;•libertà espressiva;•capacità di rispondere alle richieste e alle critiche;•capacità di dare e di ricevere apprezzamenti;•capacità di sciogliere i conflitti.
  4. 4. 2ND STEP@elenazanella - FUNDRAISINGOBIETTIVI CHIARI TANGIBILI MISURABILI VERIFICABILIOBIETTIVI ECONOMICI ATTESI DALLA PARTNERSHIPORGANIZZAZIONE PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA’ PASSO DOPO PASSO (TIMELINE)RENDICONTAZIONE DEI RISULTATIRECIPROCITA’4
  5. 5. 3RD STEP@elenazanella - FUNDRAISINGENFATIZZAZIONE (DELLA PARTNERSHIP NEL TEMPO) ADV BEYOND THE LINE REMEMBER THEMENTUSIASMO(APPROCCIO)EMPATIA(APERTURA ALL’ALTRO)EDUCAZIONE DELL’ENTE DEL DONATORE DI SE STESSI DEGLI STAKEHOLDER5
  6. 6. 1ST, 2ND, 3RD…@elenazanella - FUNDRAISINGASSERTIVITA’ASCOLTOMISSIONEMETODOOBIETTIVI di progetto ed economiciORGANIZZAZIONERENDICONTAZIONERECIPROCITA’ENFATIZZAZIONEENTUSIASMOETICAEMPATIAEDUCAZIONE6AMORE
  7. 7. PIANIFICARE CON “AMORE” (EZ0411)7ASSERTIVITA’ASCOLTOMISSIONEMETODOOBIETTIVIORGANIZZAZIONERENDICONTAZIONERECIPROCITA’ENFATIZZAZIONEENTUSIASMOETICAEMPATIAAMOREASSERTIVENESS/LISTENINGMISSIONMETHODOBJECTIVESORGANISATION/PLANNINGREPORTING/RESULTS/RECIPROCITYEMPHASIZEENTHUSIASMETHICS/EMPHATICEDUCATIONModello operativo distesura di unPIANO DIFUNDRAISINGEFFICACE eFUNZIONALE INQUANTO ADATTABILEA SECONDA DEI CASI.@elenazanella - FUNDRAISING
  8. 8. PERCHE’ UN MODELLO OPERATIVO8@elenazanella - FUNDRAISINGTutta la comunicazione si basa sumodelli operativi (CICLI E PIRAMIDI)e acronimi (USP, AIDA…).Sono più semplici da memorizzare e,di conseguenza, da usare nella propriaprofessione.In ultimo, FUNZIONANO perchéCOSTITUITI da step intermedi edobbligatori che li rendono EFFICACI(in termini di risultati) ed EFFICIENTI(rispetto al tempo impiegato).
  9. 9. @elenazanella - FUNDRAISINGNon pensare mai di doverti scusare per aver chiestoa qualcuno di donare per un progetto che vale!John D. Rockefeller9E SE LO DICEVA LUI…
  10. 10. TENIAMOCI IN CONTATTO@elenazanella - FUNDRAISINGhttp://elenazanella.wordpress.comhttp://www.linkedin.com/in/elenazanellahttp://twitter.com/elenazanella10

×