Crisi e ristrutturazioni:
dai segnali deboli alla
prevenzione e alla cura.
Sintesi dei principali risultati di ricerca
Pro...
Page 2 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Agenda
► ...
Page 3 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Agenda
► ...
Page 4 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Il morso ...
Page 5 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Il morso ...
Page 6 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: El...
Page 7 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Il morso ...
Page 8 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: IS...
Page 9 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: El...
Page 10 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: E...
Page 11 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: E...
Page 12 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: “...
Page 13 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Il morso...
Page 14 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Agenda
►...
Page 15 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Quel che...
Page 16 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Quel che...
Page 17 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: R...
Page 18 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Agenda
►...
Page 19 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 20 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Domanda ...
Page 21 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 22 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 23 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Fonte: D...
Page 24 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
► 433 so...
Page 25 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Immob. I...
Page 26 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 27 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 28 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 29 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 30 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 31 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 32 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 33 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 34 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 35 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 36 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 37 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 38 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 39 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 40 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 41 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 42 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 43 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 44 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 45 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
Page 46 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi
Le ricer...
EY | Assurance | Tax | Transactions | Advisory
EY
EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e
organizzaz...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura

524
-1

Published on

Sintesi dei risultati della ricerca sulle strategie di ristrutturazione aziendale e sulle possibilità di ritorno al valore presentata dal Prof. Maurizio Dallocchio del dipartimento di Finanza e CReSV (Centro Ricerche su Sostenibilità e Valore) dell’Università Bocconi in occasione del convegno "Le ristrutturazioni aziendali. Dalla crisi al rilancio: strumenti e procedure".

Per maggiori informazioni vi preghiamo di visitare:
http://www.ey.com/IT/it/Services/Transactions/Restructuring/Le-ristrutturazioni-aziendali

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
524
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura

  1. 1. Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. Sintesi dei principali risultati di ricerca Prof. Maurizio Dallocchio Dipartimento di Finanza e CReSV Milano, 27 febbraio 2014
  2. 2. Page 2 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Agenda ► Il «morso» della crisi: ► Dimensioni, esportazioni, ricerca, M&A, raccolta di capitale ► Quel che non ci si attende: le risorse che ci sono ► Stato e famiglie in prima fila ► Le ricerche e i risultati ► Il passato ► Il presente: campione, variabili, metodologie di analisi e risultati ► Il concordato in bianco, il caso del tribunale di Milano
  3. 3. Page 3 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Agenda ► Il «morso» della crisi: ► Dimensioni, esportazioni, ricerca, M&A, raccolta di capitale ► Quel che non ci si attende: le risorse che ci sono ► Stato e famiglie in prima fila ► Le ricerche e i risultati ► Il passato ► Il presente: campione, variabili, metodologie di analisi e risultati ► Il concordato in bianco, il caso del tribunale di Milano
  4. 4. Page 4 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Il morso della crisi Fonte: Elaborazioni su dati Eurostat (2012) MBAs SURVEY ON ECONOMIC / FINANCIAL / SOCIAL ISSUES ROLEX MBA’S CONFERENCE & REGATTA Santa Margherita Ligure, September 26th -29th, 2013
  5. 5. Page 5 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Il morso della crisi Fonte: Commissione Europea (2013) – Dati riferiti al 2010 Fonte: Elaborazioni su dati Eurostat (2012)
  6. 6. Page 6 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: Elaborazione Centro Studi CNA su dati Istat (2012) Il morso della crisi
  7. 7. Page 7 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Il morso della crisi Fonte: Internazionalizzazione delle PMI, UE (2009)
  8. 8. Page 8 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: ISTAT (2013) In Italia la spesa per ricerca e sviluppo incide per l’1,26% del PIL (2010). L’obiettivo fissato a livello europeo per il 2020 è 3% Spesa in R&S (%) delle imprese italiane per classi di addetti 6 12 10 73 9 13 9 69 Fino a 49 addetti 50 - 249 250 - 499 20102000 Il morso della crisi
  9. 9. Page 9 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: Elaborazioni CReSV su dati ISTAT (2009) Austria Belgio Bulgaria Danimarca Finlandia Francia Germania Grecia Irlanda ITALIA Lussemburgo Polonia Portogallo UK Rep.Ceca Slovenia Spagna Svezia Ungheria 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 0 2 4 6 8 10 12 14 SpesainR&S(%PIL) Numero medio di addetti Il morso della crisi
  10. 10. Page 10 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: Elaborazioni CReSV su dati ISTAT (2009) Source: IMAA – Institute of Mergers, Acquisitions and Alliances Il morso della crisi
  11. 11. Page 11 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: Elaborazioni CReSV su dati ISTAT (2009) Fonte: “The Italian banking industry: key figures, trends, state of health” ABI Aprile 2013 Il morso della crisi
  12. 12. Page 12 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: “The Italian banking industry: key figures, trends, state of health” ABI Aprile 2013 Il morso della crisi
  13. 13. Page 13 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Il morso della crisi
  14. 14. Page 14 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Agenda ► Il «morso» della crisi: ► Dimensioni, esportazioni, ricerca, M&A, raccolta di capitale ► Quel che non ci si attende: le risorse che ci sono ► Stato e famiglie in prima fila ► Le ricerche e i risultati ► Il passato ► Il presente: campione, variabili, metodologie di analisi e risultati ► Il concordato in bianco, il caso del tribunale di Milano
  15. 15. Page 15 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Quel che non si attende: le risorse che ci sono Fonte: Elaborazione dati Eurostat (2013) Debito pubblico miliardi di Euro 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 Unione Europea (27 Paesi) 5,697 5,849 6,006 6,257 6,608 6,952 7,200 7,315 7,790 8,778 9,812 10,422 11,011 Germania 1,232 1,243 1,295 1,384 1,455 1,526 1,575 1,582 1,649 1,767 2,057 2,088 2,166 Grecia 141 152 159 168 183 195 224 239 263 300 330 356 304 Spagna 374 378 383 382 389 392 390 381 437 565 643 735 883 Francia 826 852 911 1,003 1,077 1,145 1,150 1,212 1,319 1,493 1,595 1,717 1,883 Italia 1,300 1,358 1,369 1,394 1,446 1,514 1,584 1,602 1,666 1,763 1,842 1,897 1,988 Regno Unito 642 634 619 631 697 778 859 852 825 1,093 1,354 1,548 1700 Andamento del debito pubblico (2000=100)
  16. 16. Page 16 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Quel che non si attende: le risorse che ci sono Key variables Italian GDP (bn €) 1600 Italian Public Debt (bn €) 1920 Debt/GDP (%) 120% Italian Net Debt (bn €) 1600 Net Debt/GDP (%) 100% New key variables Total government additional inflows 735 New Italian Public Debt (bn €) 1185 New Debt/GDP (%) 74% New Net Debt/GDP (%) 49% Private Property Tax Net Financial Wealth (Financial assets - Financial Liabilities) (bn €) 2500 Household Real Estate (bn €) 6000 Italian Net Wealth tax (5%) 125 Household Real Estate tax (1%) 60 Sell-off Value of state assets (bn €) 571 Government assets sell-off (25%) 143 Target returns Current yield on state assets (bn €) 0.9% Target yield on state assets (%) 5.7% New value of state assets after sell-off (bn €) 428 Discount rate (%) 6% Perpetuity on state assets (bn €) 407
  17. 17. Page 17 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: Rielaborazione CRESV su dati OECD, Banca d’Italia, Istat (2011) Ricchezza netta delle famiglie: un confronto internazionale (attivo delle famiglie / reddito disponibile) Gli investimenti immobiliari delle famiglie italiane equivalgono a 5,6 anni di reddito, quasi 7 volte il loro indebitamento. In totale gli Italiani sono i più ricchi del G7 in termini relativi. Attività reali US: 2,14 Canada: 3,38 Giappone: 3,28 Germania: n.a. Francia: 5,45 UK: 5,14 Italia: 5,61 Attività finanziarie US: 4,00 Canada: 3,59 Giappone: 5,01 Germania: 3,01 Francia: 3,08 UK: 4,57 Italia: 3,47 Debiti finanziari US: 1,27 Canada: 1,48 Giappone: 1,26 Germania: 0,99 Francia: 1,07 UK: 1,71 Italia: 0,82 Ricchezza netta: US: 4,86 Canada: 5,49 Giappone: 7,04 Germania: n.a. Francia: 7,46 UK: 8,01 Italia: 8,27 Quel che non si attende: le risorse che ci sono
  18. 18. Page 18 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Agenda ► Il «morso» della crisi: ► Dimensioni, esportazioni, ricerca, M&A, raccolta di capitale ► Quel che non ci si attende: le risorse che ci sono ► Stato e famiglie in prima fila ► Le ricerche e i risultati ► Il passato ► Il presente: campione, variabili, metodologie di analisi e risultati ► Il concordato in bianco, il caso del tribunale di Milano
  19. 19. Page 19 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati
  20. 20. Page 20 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Domanda 1 • Quale procedura di ristrutturazione aziendale è utilizzata più frequentemente nel contesto italiano? Perché? Domanda 2 • Quali interventi hanno consentito una migliore performance post-ristrutturazione? Domanda 3 • Vi sono evidenze empiriche di una differente risposta di performance post-ristrutturazione tra le diverse procedure a disposizione? La più utilizzata è la ristrutturazione del debito (37% delle osservazioni) Gli interventi che hanno consentito una migliore performance sono la riduzione della leva finanziaria e le azioni intraprese in merito alle variabili operative. Nel caso di ristrutturazioni del debito è fondamentale la capacità di rinegoziare i tassi di finanziamento e di postergare le scadenze. Le ristrutturazioni di natura operativa hanno un peso determinante e spiegano buona parte della creazione del valore. Ogni tipologia di procedura ha diversi effetti sugli indici di redditività e di solidità. E’ compito delle imprese, dunque, scegliere l’alternativa più coerente con le caratteristiche intrinseche di ciascuna realtà e della crisi che stanno affrontando. Focus Le ricerche e i risultati
  21. 21. Page 21 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Procedure di ristrutturazione (86 aziende) Cessazione attività (86 aziende) Pre Anno Post Anno Attivo breve / Passivo breve 100% 80% 91% 72% EBITDA margin -6% -8% 8% -37% Costo personale / Fatturato 25% 24% 19% 18% Risultato di esercizio / Fatturato -11% -11% -7% -45% PFN / Equity 3,91 2,87 2,46 6,92 Oneri finanziari / PFN 19% 12% 9% 23% PFN / EBITDA n.s. n.s. 4,12 -10,08 ROI -1% -3% 3% -10% AFN / Attivo totale 48% 44% 42% 28% Concordato preventivo (32 aziende) Ristrutturazione del debito (38 aziende) Piano di risanamento (16 aziende) Pre Anno Post Pre Anno Post Pre Anno Post Attivo breve / Passivo breve 92% 60% 93% 108% 106% 95% 95% 64% 84% EBITDA margin -8% -9% 6% 2% -4% 5% -9% -11% 18% Costo personale / Fatturato 22% 33% 19% 19% 21% 18% 36% 16% 20% Risultato di esercizio/ Fatturato 13% -13% -8% -13% -9% -2% -15% -13% -12% PFN / Equity 2,80 3,22 2,93 5,41 2,77 2,39 4,07 2,36 1,43 Oneri finanziari / PFN 4% 9% 6% 24% 14% 11% 16% 13% 7% PFN / EBITDA n.s n.s. 2,29 2,17 n.s. 2,72 n.s. n.s. 3,95 ROI 1% -4% 6% -4% -4% 2% 2% 1% n.s. AFN / Attivo 45% 44% 38% 47% 41% 46% 48% 45% 43% Le società che accedono ad una procedura di ristrutturazione hanno fondamentali mediamente più solidi di quelle che cessano la propria attività. Questa relazione individua l’esistenza di “valori soglia” di gravità, oltre i quali è impossibile agire efficacemente per tornare a generare valore. Anche se non è possibile classificare le procedure esaminate in base all’efficacia manifestata, tutte le fattispecie offrono, in linea di principio, risultati positivi. In base alla tipologia di crisi che si affronta (ad esempio, di struttura finanziaria o di redditività), l’impresa dovrebbe scegliere la procedura che permette di risolvere le proprie esigenze specifiche.
  22. 22. Page 22 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati La nuova ricerca condotta dal CRESV mira a mettere in luce quali siano i «segnali deboli» che possono prefigurare la manifestazione di una crisi e della conseguente insolvenza. Ciò con l’obbiettivo di intercettare tempestivamente le situazioni di crisi potenziale, provvedendo per tempo ad intervenire per rafforzare le condizioni e scongiurare l’insolvenza.
  23. 23. Page 23 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Fonte: Doing Business Database (IFC – World Bank) – 2013 RANKING Recovery Rate Time (years) Cost (% of estate) Giappone = 92,8 Irlanda = 0,4 Norvegia = 1 Singapore = 91,3 Giappone = 0,6 Singapore = 1 Norvegia = 90,8 Canada = 0,8 Armenia = 4 Canada = 90,7 Singapore = 0,8 Bahamas = 4 Finlandia = 89,7 Belgio = 0,9 Belgio = 4 Olanda = 88,8 Finlandia = 0,9 Brunei = 4 Belgio = 88,7 Norvegia = 0,9 Canada = 4 UK = 88,6 Australia = 1 Danimarca = 4 Irlanda = 87,5 Belize = 1 Finlandia = 4 … … … Italia ≈ 60 Italia ≈ 1,8 Italia ≈ 22 Le ricerche e i risultati
  24. 24. Page 24 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi ► 433 società interessate da procedure di Legge Fallimentare (estratto dal database Aida – Bureau van Dijk) CAMPIONE PERIODO DI RICHIESTA DEI BENEFICI DELLE PROCEDURE DI L.F. ► 2007 – I semestre 2013 ► Con analisi dei 4 anni precedenti e successivi alla domanda PRINCIPALI TIPOLOGIE DI OPERAZIONE ► Amministrazione controllata e straordinaria ► Accordo di ristrutturazione dei debiti (182 bis) ► Concordato preventivo ► Concordato fallimentare ► Fallimento/liquidazione Le ricerche e i risultati
  25. 25. Page 25 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Immob. Immateriali/ Tot. attivo Immob. Materiali/ Tot. attivo Magazzino/ Attivo corrente Crediti commerciali/ Attivo corrente Cassa/ Tot. attivo Tot. debiti/ Patrimonio netto Banche/ Patrimonio netto Banche lungo/ Banche breve Fornitori/ Tot. debiti Debiti lungo/ Debiti breve ROS Oneri finanziari/ Banche Aliquota fiscale media ROE ROA L’analisi è stata condotta sia a livello settoriale che dimensionale. Essa si è inoltre estesa ad una comparazione fra le imprese che hanno cessato l'attività a fronte di fallimento/liquidazione e quelle ancora in attività dopo l’accesso alle procedure della legge fallimentare. Le fattispecie esaminate non ricomprendono i concordati in bianco per ragioni di ordine temporale. Le ricerche e i risultati
  26. 26. Page 26 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Andamento del quoziente Debiti/PN per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 e ancora attive
  27. 27. Page 27 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Andamento del quoziente Debiti consolidati/Debiti correnti per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 e ancora attive
  28. 28. Page 28 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Confronto del quoziente Debiti consolidati/Debiti correnti per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 ancora attive e non più attive 0,00 0,10 0,20 0,30 0,40 0,50 0,60 0,70 0,80 0,90 y+4y+3y+2y+1y0y-1y-2y-3y-4 Attive Non più attive
  29. 29. Page 29 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Andamento del quoziente Fornitori/Debiti per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 e ancora attive 20% 21% 22% 23% 24% 25% 26% 27% 28% 29% 30% y+4y+3y+2y+1y0y-1y-2y-3y-4
  30. 30. Page 30 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Confronto del quoziente Fornitori/Debiti per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 ancora attive e non più attive. 20% 22% 24% 26% 28% 30% 32% 34% y+4y+3y+2y+1y0y-1y-2y-3y-4 Attive Non più attive
  31. 31. Page 31 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Andamento del quoziente Scorte/Attivo corrente per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 e ancora attive 10% 15% 20% 25% 30% y+4y+3y+2y+1y0y-1y-2y-3y-4
  32. 32. Page 32 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Confronto del quoziente Scorte/Attivo corrente per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 ancora attive e non più attive
  33. 33. Page 33 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Andamento del quoziente Crediti commerciali/Attivo corrente per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 e ancora attive 40% 45% 50% 55% 60% 65% 70% y+4y+3y+2y+1y0y-1y-2y-3y-4
  34. 34. Page 34 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Confronto del quoziente Crediti commerciali/Attivo corrente per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 ancora attive e non piu’ attive
  35. 35. Page 35 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Andamento del quoziente Imm. Immateriali/Totale attivo per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 e ancora attive 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% y+4y+3y+2y+1y0y-1y-2y-3y-4
  36. 36. Page 36 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Confronto del quoziente Imm. Immateriali/Totale attivo per le società entrate in procedure di ristrutturazione in y0 ancora attive e non più attive
  37. 37. Page 37 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati I segnali deboli nel periodo precedente la crisi 1) Primi segnali visibili a (y-3), (y-4): valori non fisiologici degli indicatori di struttura finanziaria => D/E, PFN/EBITDA. 2) Scorte in accumulo non fisiologico e crescita del circolante per mancata selezione clientela e credito vs fornitori in contrazione per le imprese attive. 3) Indebitamento di fornitura in crescita per le imprese non piu’ attive, pur senza relazioni con la dinamica delle vendite. Ricorso a rinegoziazioni delle scadenze. 4) Incapacità di reperimento di risorse con scadenze prolungate. Le società non piu’ attive già a (y-4) mostrano squilibri temporali fra le fonti di finanziamento. 5) Valori di magazzino impattati dall'incapacità di alimentare la produzione e in discesa, soprattutto per le imprese non piu’ attive.
  38. 38. Page 38 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati I segnali nel periodo immediatamente ante crisi 1) Riduzione delle attivita’ consolidate a fronte di dismissioni. 2) Azioni sul circolante (svalutazione magazzino, politiche commerciali aggressive, debiti di fornitura erratici per incapacità di far fronte ai pagamenti o per taglio del credito …). 3) Sensibile riduzione di valore delle immobilizzazioni immateriali. 4) Riduzione «patologica» dell’indebitamento. 5) Riduzione della «durata» del debito; molto sensibile in prossimità dell’ y0. 6) Incremento della liquidità in prossimità dell’y0: non necessariamente un segnale positivo (dismissioni, politiche di circolante) e spesso associata a un calo di redditività. 7) Sensibile riduzione del debito di fornitura.
  39. 39. Page 39 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Le evidenze nel corso della procedura e nei periodi successivi 1) Le banche si sostituiscono ai fornitori e ai portatori di debito a lungo termine. 2) I clienti peggiorano le performance di pagamento (problema di «qualità», ma anche di comportamenti opportunistici). 3) Afflusso di risorse a titolo di patrimonio: aumenti di capitale; conferimenti/apporti; rinuncia a finanziamenti. 4) Non appare significativo il consolidamento del debito. 5) Si assesta e torna a crescere l’indebitamento complessivo (banche e fornitori). 6) Il ritorno alla redditività è lento/graduale. 7) Permane una limitata elasticità finanziaria e puo’ riproporsi il tema della sostenibilità.
  40. 40. Page 40 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati 0 100 200 300 400 500 600 700 800 LOM VEN TOS EMI LAZ MAR PIE CAM PUG SIC ABR LIG UMB FVG TAA CAL SAR MOL BAS AOS Proposte di ammissione al concordato Periodo: Sett 2012- Apr 2013 Fonte: elaborazione dai dati Cribis D&B 2013 Il boom di domande in bianco spinge i concordati, registrando un aumento del 76% su base annua. La possibilità di presentare una domanda priva del piano di risanamento e di bloccare le azioni esecutive, anche con effetti retroattivi, è stata molto apprezzata dalle imprese: tra l'entrata in vigore delle nuove norme e il 31 marzo u.s. si stima che siano state presentate 2.700 istanze, oltre il doppio dei concordati tradizionali (con piano) presentati in tutto il 2012.
  41. 41. Page 41 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Fonte: elaborazione dai dati Cribis D&B 2013 0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 Numero Aziende Distribuzione settoriale proposte di ammissione al concordato Periodo: Sett 2012 – Apr 2013
  42. 42. Page 42 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati 0 50 100 150 200 250 300 350 2010 2011 2012 2013 Domande di concordato presentate a Milano Periodo 2010-2013 N° concordati in bianco N° concordati Analizzando i dati del tribunale di Milano appare evidente un cospicuo incremento di concordati, che registrano un +211,7% dal 2010 a oggi. Tale incremento è determinato dall’introduzione delle domande di concordato in bianco. Queste, pari a 72 nel 2012 (circa il 50% del totale) crescono fino a raggiungere un valore pari a 285 nel 2013 (il 97,3% del totale) Fonte: elaborazione dai dati del Tribunale di Milano 2013
  43. 43. Page 43 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati 0 20 40 60 80 100 120 140 Gen-Mar 2012 Apr-Giu 2012 Lug-Set 2012 Ott-Dic 2012 Gen-Mar 2013 Apr-Giu 2013 Lug-Set 2013 Ott-Dic 2013* Numero concordati per trimestre Con l’entrata in vigore, l’11 settembre 2012, della legge sui concordati in bianco, si è registrato un aumento vertiginoso del numero dei concordati. Nel trimestre Lug-Set 2012 si è raggiunto un numero pari a 62 (valore determinato per più del 50% dalle domande presentate a settembre), e tale valore ha toccato nel trimestre successivo un massimo pari a 117. Tale trend crescente ha subito un lieve rallentamento solo nei mesi estivi e le previsioni dell’ultimo trimestre del 2013 sono perfettamente in linea con l’anno precedente. Fonte: elaborazione dai dati del Tribunale di Milano 2013
  44. 44. Page 44 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 50 2010 2011 2012 2013 Stato attuale dei concordati preventivi Concordato omologato Concordato chiuso Concordato inammissibile Concordato Revocato Incompetenza Concordato ammesso Esame domanda di ammissione Pre concordato Fonte: elaborazione dai dati del Tribunale di Milano 2013
  45. 45. Page 45 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Fonte: elaborazione dai dati del Tribunale di Milano 2013 0 20 40 60 80 100 120 140 2012 2013 Distribuzione concordati in bianco Concordato omologato Concordato chiuso Concordato inammissibile Concordato Revocato Incompetenza Concordato ammesso Esame domanda di ammissione Pre concordato
  46. 46. Page 46 | Crisi e ristrutturazioni: dai segnali deboli alla prevenzione e alla cura. | CReSV – Università Bocconi Le ricerche e i risultati Conclusioni 1) E’ necessario interrompere il circolo vizioso che porta alla crisi le imprese italiane: ► agendo sulle dimensioni; ► irrobustendo la struttura finanziaria (utilizzando le risorse disponibili); ► favorendo la ricerca e l’innovazione e la penetrazione internazionale. 2) Gli strumenti per la gestione della crisi si stanno rivelando efficaci, tuttavia i risultati degli interventi sono legati alla tempestività dell’azione; 2) Imprenditori, banche, finanziatori devono intercettare i segnali di crisi assai prima del manifestarsi dell’insolvenza/rischio dissesto. COERENTEMENTE
  47. 47. EY | Assurance | Tax | Transactions | Advisory EY EY è leader mondiale nei servizi professionali di revisione e organizzazione contabile, assistenza fiscale e legale, transaction e consulenza. La nostra conoscenza e la qualità dei nostri servizi contribuiscono a costruire la fiducia nei mercati finanziari e nelle economie di tutto il mondo. I nostri professionisti si distinguono per la loro capacità di lavorare insieme per assistere i nostri stakeholder al raggiungimento dei loro obiettivi. Così facendo, svolgiamo un ruolo fondamentale nel costruire un mondo professionale migliore per le nostre persone, i nostri clienti e la comunità in cui operiamo. “EY” indica l’organizzazione globale di cui fanno parte le Member Firm di Ernst & Young Global Limited, ciascuna delle quali è un’entità legale autonoma. Ernst & Young Global Limited, una “Private Company Limited by Guarantee” di diritto inglese, non presta servizi ai clienti. Per maggiori informazioni sulla nostra organizzazione visita ey.com. © 2014 EY. All Rights Reserved. Questa pubblicazione contiene informazioni di sintesi ed è pertanto esclusivamente intesa a scopo orientativo; non intende essere sostitutiva di un approfondimento dettagliato o di una valutazione professionale. EYGM Limited o le altre member firm dell’organizzazione globale EY non assumono alcuna responsabilità per le perdite causate a chiunque in conseguenza di azioni od omissioni intraprese sulla base delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Per qualsiasi questione di carattere specifico, è opportuno consultarsi con un professionista competente della materia. ey.com
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×