Celenterati

8,272 views
7,947 views

Published on

I celenterati, o cnidari, rappresentano un phylum marino poco evoluto dal punto di vista della complessità morfologica. Le specie presenti risultano essere prive di scheletro con una locomozione perlopiù passiva dettata dalle correnti marine. Una caratteristica peculiare dei celenterati è data dalla differente morfologia che varia in base alla fase della loro vita; la forma, difatti, varia in base al ciclo vitale e riproduttivo che è di tipo metagenico.

Published in: Education, Technology
0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
8,272
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
130
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Celenterati

  1. 1. Phylum Cnidaria<br />I Celenterati<br />
  2. 2.
  3. 3. Organismi pluricellulari acquatici<br />Almeno 11.000 specie conosciute, la maggior parte marina<br />Comprendono, i coralli, le meduse e le idre<br />Diblastici a simmetria radiale, presentano una cavità gastrovascolare con singola apertura che funge sia da bocca sia da ano<br />Riproduzione sessuata e asessuata<br />
  4. 4. Cnidaria: istologia<br />Due tessuti distinti:<br />Epidermide, esterno.<br />Gastroderma, interno.<br />Tra i due tessuti è presente la mesoglea, matrice gelatinosa.<br />epidermide<br />mesoglea<br />Cavità gastrovascolare<br />gastroderma<br />
  5. 5. Cnidaria: morfologia<br />Il piano strutturale di base del corpo è una sacca provvistà di una cavità digestiva centrale, la cavità gastrovascolare.<br />Cavità gastrovascolare<br />La cavità gastrovascolare comunica con l’esterno con una singola apertura, che funge sia da bocca sia da ano.<br />
  6. 6. Cnidaria: la cavità gastrovascolare<br /> La cavità gastrovascolare o celenteron, svolge due funzioni:<br />•Digestiva vi si riversano succhi digestivi prodotti dalle cellule che lo rivestono <br />•Vascolarefornisce ossigeno e rimuove anidride carbonica e sostanze di rifiuto.<br />
  7. 7. Cnidaria: morfologia<br />Due varianti del piano strutturale corporeo: il polipo e la medusa.<br />Polipo <br />sessile<br />Medusa <br />mobile<br />
  8. 8. Cnidaria: il polipo<br />Forma cilindrica, presenza di tentacoli fluttuanti nell’acqua.<br />
  9. 9. Cnidaria: la medusa<br />Si muove nell’acqua sia per galleggiamento passivo sia per le contrazioni del suo corpo.<br />Corpo appiattito , a forma di ombrello.<br />Rappresenta la versione capovolta del polipo.<br />
  10. 10. Cnidaria: nematocisti<br />Organi urticanti, per la presenza di tossine racchiusi in cellule <br />ectodermiche, le cnidocisti o cnidociti.<br />Servono all&apos;animale per difesa e per paralizzare le prede. <br />Cnidocita con al suo interno la nematocisti<br />
  11. 11. Cnidaria: nematocisti<br />Costituite da una capsula e da un filamento urticante, il cnidociglio che, allo stato di riposo, è posto all’interno della capsula.<br />
  12. 12. Cnidaria: nematocisti<br /> Lo cnidociglio se stimolato, provoca l’aumento della pressione nella capsula urticante, quindi il filamento si estroflette come una molla e la secrezione di tossine attraverso un piccolo orifizio posto all&apos;estremità del filamento.<br />nematocisti carica<br />nematocisti scarica<br />
  13. 13. Cnidaria: fisiologia<br />ALIMENTAZIONE<br />Carnivori, utilizzano i tentacoli, muniti di cnidociti, per catturare le prede., che vengono introdotte nella cavità gastrovascolare.<br />
  14. 14. Cnidaria: fisiologia<br />DIGESTIONE<br />Extracellulare  cavitàgastrovascolare.<br />Intracellulare per mezzo delle cellule del gastroderma.<br />SCAMBI GASSOSI <br />ESCREZIONE<br />Avvengono tramite la cavità gastrovascolare<br />
  15. 15. Cnidaria: fisiologia<br />SISTEMA NERVOSO<br />Rete nervosa associata a strutturesensoriali: statocisti (equilibrio), ocelli (fotosensibilità).<br />
  16. 16. Cnidaria: riproduzione<br />Rigenerazione<br />Gameti maschili e femminili in uno stesso individuo<br />
  17. 17. Cnidaria: riproduzione asessuata<br />Gemmazione.<br />Scissione.<br />Rigenerazione.<br />La riproduzione asessuata permette la rapida colonizzazione di piccoli territori quando le condizioni ambientali sono favorevoli .<br />Tuttavia non si creano nuove combinazioni geniche che possano bilanciare il sopraggiungere di nuove condizioni ambientali.<br />
  18. 18. Cnidaria: riproduzione sessuata<br />Nel ciclo vitale più comune, i gameti prodotti dalle meduse (che possono essere ermafrodite o avere sessi separati) sono liberati in acqua, dove ha luogo la fecondazione. Dall&apos;uovo fecondato si sviluppa una larva ciliata, detta planula, che dopo un breve periodo si fissa a un substrato e si trasforma in polipo. Quest&apos;ultimo, attraverso la riproduzione asessuata, produce meduse, chiudendo il ciclo. Il ciclo riproduttivo può variare da gruppo a gruppo e talvolta mancare di una delle due fasi, polipoide o medusoide.<br />medusa con all’interno una planula<br />planula<br />
  19. 19.
  20. 20.
  21. 21.
  22. 22. Cnidaria: ecologia<br /> Sono diffusi nei mari di tutte le fasce climatiche. Occupano un posto importante nella rete alimentare marina, come predatori che attaccano piccoli crostacei, altri invertebrati e pesci. <br />A loro volta sono preda di diversi animali, tra cui crostacei, molluschi, echinodermi e pesci. <br />Nelle acque dolci sono presenti con una cinquantina di specie, appartenenti alla classe degli idrozoi. <br />I polipi si riuniscono spesso in colonie all&apos;interno delle quali ogni individuo si specializza a svolgere funzioni particolari, come quella alimentare o quella riproduttiva. Sono comuni i casi di simbiosi in cui alcune specie di celenterati sessili, in particolare le attinie, offrono ospitalità a piccoli invertebrati o addirittura a pesci, come il pesce pagliaccio.<br />
  23. 23. Cnidaria: classificazione<br />
  24. 24. Cnidaria: HYDROZOA<br />Presenza di fasi alternanti di polipo e medusa, oppure una delle due fasi <br />è ridotta o assente. <br />La maggior parte delle specie sono marine, <br />solo poche (Hydra) vivono in acque dolci. <br />Il più noto idrozoo è l&apos;Hydra. <br />Le specie di questo genere non presentano <br />lo stadio medusoide, ma trascorrono l&apos; intero ciclo vitale come polipi. <br />
  25. 25. Cnidaria: HYDROZOA<br />Molti idrozoi sono coloniali. Le loro <br />colonie, generalmente comprendono individui morfologicamente e fisiologicamente differenziati <br />(gastrozooidi, gonozoidi,) <br />gonozooide<br />gastrozooide<br />
  26. 26. Cnidaria: HYDROZOA<br />Alcuni idrozoi coloniali sono sessili mentre altri conducono vita planctonica e possono essere confusi con vere meduse ma queste colonie, a differenza delle meduse, sono costituite da diversi individui, ciascuno specializzato per funzioni differenti. <br />caravella portoghese<br />velella<br />
  27. 27. Cnidaria: SCYPHOZOA<br />Presentano la fase di medusa dominante.<br />
  28. 28. Cnidaria: ANTOZOA<br />Include i coralli,costruttori delle barriere coralline, <br />E gli anemoni di mare.<br />Gli Antozoi, con oltre 6000 specie conosciute,rappresentano la classe più ampia del phylum degli cnidari. <br />Presentano esclusivamente stadi polipoidi. <br />
  29. 29. Cnidaria: CUBOZOA<br />I Cubozoi comprendono gli unici <br />cnidari mortali anche per l&apos;uomo.<br />Le meduse di forma cubica, sono <br />Di piccole dimensioni e trasparenti. <br />Sono particolarmente comuni nell&apos; <br />Area Indo-Pacifica e lungo le coste <br />dell&apos; Australia. Delle 20 specie marine,<br />solo una è presente nel Mediterraneo: <br />Carybdeamarsupialis. <br />
  30. 30. Cnidaria: CUBOZOA<br />Una particolar e cubomedusa, <br />(Chironexfleckeri), nota anche come <br />&quot;vespa di mare&quot; o &quot;box jellyfish&quot; è lo <br />cnidario più velenoso tra quelli <br />conosciuti. <br />
  31. 31. Cnidaria: La síndrome di Irukandji<br />La sindrome Irukandji rappresenta la conseguenza della puntura di una medusa, la Carukiabarnesi<br />Il nome Irukandji prende origine dal nome di una tribù australiana e indica il luogo, nel Nord del Queensland, dove è facile trovare tali meduse.<br />Carukiabarnesi<br />20 mm. di diametro<br />25 mm l’altezza dell’ombrello<br />La sintomatologia è caratterizzata da:<br />Dolori lancinanti.<br />Nausea , vomito e convulsioni.<br />Elevata ipertensione arteriosa.<br />Liberazione di noradrenalina e senso di panico.<br />
  32. 32. Cnidaria: La síndrome di Irukandji<br />Il veleno neurotossico, cardiotossico e necrotizzante viene rapidamente assorbito passando nel torrente circolatorio.<br />La morte può sopraggiungere in pochi minuti, dal manifestarsi dei sintomi, per paralisi respiratoria e blocco cardiaco.<br />

×