web2.0  a scuola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

web2.0 a scuola

on

  • 3,545 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,545
Views on SlideShare
3,527
Embed Views
18

Actions

Likes
9
Downloads
105
Comments
6

5 Embeds 18

http://www.slideshare.net 12
http://vicenconsell.blogspot.com 3
http://www.plaxo.com 1
http://twitter.com 1
http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Web 2.0 Meme Map - Tim O'Reilly Another useful model is the O'Reilly "Web 2.0 Meme Map"; while not specifically about learning, this model identifies a number of core patterns that identify the current shift in web technologies towards personal, decentralised collaborative technology. Patterns such as "Granular Addressability" and "User behaviour not predetermined" are a useful conceptual reference model, and could be used alongside the more specific patterns for Personal Learning Toolkits included in the PLE reference model. O
  • Personal Learning Environment - Jeremy Hiebert Hiebert, influenced by the models of both Wilson and Farmer, and also by experiences of e-Portfolios, offered this model in 2006. Hiebert concentrates on the processes that the PLE supports rather than on the architecture of the network in which the learner is a participant. The processes of the learner's toolkit are to collect, connect, reflect and publish. This is similar to an earlier version of the PLE Reference Model which was concerned with Collect, Connect, and Create. Again we see the essential requirement for symmetric (or at least, less asymmetric) two-way communication facilities. The use of a temporal dimension is also interesting, and this is something that was identified within the Prototype as an important set of functions - for archiving past activities, and for identifying new activities.

web2.0  a scuola web2.0 a scuola Presentation Transcript

  • Web2.0 a scuola #wee-learning Eleonora Pantò – Torino, 16 febbraio 2010
  • Il percorso di oggi
    • Nativi vs migranti digitali: è davvero così?
    • Blog e social network: partecipazione attiva e passiva
    • Personal Learning Environment
    • Produzione collaborativa di documenti
    • Creative Commons e Open Educational Resources
  • 1. Nativi e migranti digitali
  •  
  •  
  • La crisi investe i modelli di leadership, di organizzazione…
  • Il futuro del lavoro sarà diverso dai modelli consolidati Per il lavoro del futuro, servono nuove competenze
  •  
  • “ Non routine savants ”
    • Analytical reasoning
    • Communications skills
    • Willingness to experiment
    • Team players
    • Passion and leadership
    Jonathan Rosenberg, Senior VP – (7/15/2008)
  • http://www.youtube.com/watch?v=B393pjQj3RQ
  • A scuola!
    • Alzi la mano l'adulto che tornerebbe volentieri a scuola: sveglia alle sei; tragitto in autobus con cartella da 15 chili sulle spalle; cinque ore in classe con l'incubo dell'interrogazione, circondati da adolescenti brufolosi e professori sadici; ore di studio pomeridiano che sottraggono tempo alle cose veramente importanti, come il Fantacalcio e Pamela Anderson. Solo l'incoscienza della gioventù consente di sopravvivere a medie e liceo. Poi però allo studente si schiudono meravigliose opportunità, tipo iscriversi a Scienze Politiche o Filosofia e passare i successivi dieci anni a far colazione a mezzogiorno.
    • Studenti. Perché nessuno nasce imparato di Soffiati Daniele
  • Alfabetizzazione e creatività http://www.ted.com/talks/lang/ita/ken_robinson_says_schools_kill_creativity.html
  • http://www.youtube.com/watch?v=3kHXhrXhKRE
  • http://current.com/items/91496872_file-4-generazione-facebook.htm
  • Il dibattito in Italia
    • :: Il mito dei nativi digitali - Antonio Fini :: I nativi digitali esistono ma... c'è chi è più nativo di loro - Antonio Saccoccio :: Nati digitali? - Pier Cesare Rivoltella :: Il marziano della rete che c’è in noi - Maria Grazia Fiore :: I nativi digitali non esistono (parte seconda) - Gianni Marconato :: Digital Generation 2.0: ragazzi, scuola e tecnologie - Osservatorio permanente contenuti digitali, 2007 :: Nativi digitali, la scuola li annoia - Dario Zucchini :: Nativi parte terza: una bufala parziale - Agati Mario :: Scuola, lavagne, web20 - Giorgio Jannis
  • .. e in Europa? Il sistema scolastico e European Schoolnet
  • Economia basata sulla conoscenza Le competenze necessarie
    • Saper comunicare nella lingua madre;
    • Saper comunicare in lingue straniere;
    • Competenze matematiche e competenze di base scientifiche e tecnologiche;
    • Competenze digitali;
    • Imparare ad imparare;
    • Competenze sociali e civiche;
    • Spirito di iniziativa e imprenditoriale;
    • Consapevolezza culturale e capacità d’esprimersi.
    http://www.indire.it/db/docsrv//PDF/raccomandazione_europea.pdf - 18 luglio 2006
  •  
  • a View on Europe’s educational systems http://eacea.ec.europa.eu/education/eurydice/documents/key_data_series/107EN.pdf
    • What is European Schoolnet (EUN)?
    Dedicated to Support schools in bringing about the best use of technology in learning Promote the European dimension in schools and education Improve and raise the quality of education in Europe Network of 28 Ministries of Education in Europe
  • What is European Schoolnet (EUN)? Specific objectives Contributes to development of technology-enhanced learning in schools Disseminates good practice and investigates new models for schooling and learning Provides services, content and tools based on ICT to members and partner networks Offers pedagogical and information services with European added value to schools in Europe Supports professional development of teachers Fosters and supports collaboration and cooperation among schools in Europe
  • School services International education network
    • EU cooperation & citizenship
    • eTwinning
    • Spring Day
    • Global issues
    • DYP
    • GENIE
    • eSafety
    • Teachtoday
    • Insafe
    • Competitions & campaigns
    • eLearning Awards
    • Euro
    • MST actions
    • eSkills
    • Xplora
    www.eun.org http://insight.eun.org www.xplora.org www.futurenergia.org www.xperimania.net www.saferinternet.org www.teachtoday.eu http://games.eun.org
  • MIUR - Scuola Digitale
    • LIM -
    • Centri di acquisto
    • Formazione
    • Scuole secondarie di 1 grado 2009/10
    • 3.731 scuole
    • 11.234 LIM
    • 41.850 insegnanti
    • Scuole secondarie di 2 grado e primarie 2010/2011
    • 6000 scuole primarie
    • 3000 Scuole superiori
    • 22.000 Insegnanti
    “ Classi 2.0” 156 classi 30.000 euro (connessioni, dispositivi, arredi) 3 anni
  • Cl@ssi 2.0: il processo Thanks to Rosella.schietroma@istruzione.it Agenzie Nazionali Università Miur Scuole Fondazioni Imprese, Associazioni
  • Carta dello studente 2.0
    • Dal Bando:
    • A tal proposito, destinatari della presente iniziativa sono, in modo particolare, tutte le istituzioni scolastiche che hanno adottato, o che hanno intenzione di adottare, sistemi di rilevazione delle presenze degli alunni, integrati a sistemi per la comunicazione scuola/famiglia, per i quali si auspica di utilizzare la Carta dello Studente quale mezzo di accesso ai sistemi di rilevazione, ciò anche allo scopo di evitare la duplicazione di badge identificativi per gli allievi. La Carta dello Studente – versione 2.0, infatti, prevede l’uso di un layout grafico rinnovato che, oltre ai dati identificativi dei ragazzi, include anche il nome dell’istituzione scolastica che la emette.
    • Il web2.0 non c’entra nulla!!!!
    http://iostudio.pubblica.istruzione.it/alfresco/d/d/workspace/SpacesStore/e12311c2-ee5b-11de-81c0-8f213b98cd64/Lettera%20-%20Bando%20Versione%202.0.pdf
  •  
  • Information literacy La valutazione dei documenti e delle fonti di informazione […] è una necessità irrinunciabile, senza il quale crollerebbero il nostro universo cognitivo, la nostra stessa società, la possibilità di votare un partito, di fare ricerca, di convivere civilmente.
  • Attendibile o verificabile? Coloro che sanno, e soprattutto coloro che più sanno, beneficiano enormemente del web [..], mentre coloro che sanno di meno finiscono col saperne ancora di meno […] Così la rete, proprio per i suoi meccanismi egalitari di accesso diretto di tutti a tutto, finisce con l’aumentare anziché diminuire la differenziazione cognitiva.
  • Wikipedia Piccola Esercitazione
  • La dimensione dialogica …… . che il pieno sviluppo delle caratteristiche umane, e non solo cognitive, avvenga grazie all’interazione sociale [G. Longo]
  • Alfabetizzazione e social network L’alfabetizzazione digitale è uno dei problemi centrali della cultura partecipativa . Le capacità devono essere acquisite, condivise e apprese nel contesto di comunità raccolte attorno al contenuto creato dagli utenti come youtube
  • Cosa si intende per alfabetizzazione L’alfabetizzazione dei media non è qualcosa che appartiene agli individui ma un sistema che permette e forma la partecipazione […] La cultura partecipativa premia impegno produttivo e performativo, ma come riconoscere altre forme più tranquille di partecipazione
  • 2. Blog e social network: partecipazione attiva e passiva
  • Web 2.0 Meme Map - Tim O'Reilly
  • Megatrend
    • Il web è la piattaforma
    • Aumenta il tempo-reale web
    • La nuvola e le applicazioni mobili
    • Social media e l’economia della condivisione sono disrupting per l’economia tradizionale
    • Economia dell’attenzione
    • Appiattimento delle gerarchie, riorganizzazione delle strutture organizzative
    • Interesse verso nuove forme di fundraising
  • Tassonomia di Bloom (1956) http://www.edscuola.it/archivio/ped/bloom.html Esprimere opinioni e giudizi Ricordare Tradurre, interpretare, extrapolare Comprensione Praticare Applicazione Scomporre Analisi Produrre Sintesi Esprimere opinioni e giudizi Valutazione Comportamenti Capacità
  • Tassonomia per l’apprendimento in rete (1996-”Internet per la didattica” - Petrucco-Pantò) Abilità Obiettivi Strumenti Ricerca: bibliografica, documentale, ipertestuale Ricercare e selezionare informazioni (interagire con sw) Www, motori di ricerca, indici strutturati Participazione critica alle discussioni one-to-one Ricercare e selezionare info (interagire con persone) Posta elettronica Participazione critica alle discussioni one-to-many Apprendere insieme ad altri Liste di discussione, News, Moo/Mud Responsabilità, senso di appartenenza, comprensione obiettivi progetto, rispetto tempi e metodi Collaborare/cooperare a un progetto in rete Tutti gli strumenti precedenti Abilità di sintesi, di valutazione, empatia Coordinare un progetto Tutti gli strumenti precedenti
  • Tassonomia di Bloom rivisitata da Anderson (2001) Riconoscere, elencare, descrivere Ricordare Interpretare, riassumere, inferire Capire Implementare, svolgere, eseguire Applicare Confrontare, decostruire, strutturare Analizzare Confrontare, fare ipotesi, Valutare Progettare, pianificare, costruire Creare Comportamenti Capacità
  • Tassonomia di Bloom e web 2.0 http://techlearning.com/article/article.aspx?Id=8670 Utilizzare tecniche di presentazione del testo che favoriscono la memorizzazione, saper utilizzare sistemi di social bookmarking e tecniche di ricerca Riconoscere, elencare, descrivere, identificare, ritrovare, etichettare, localizzare, trovare Ricordare Tenere un blog ma anche saper micro-bloggare e commentare quelli altrui Interpretare, riassumere, inferire, parafrasare, classificare, comparare, spiegare, esemplificare Capire Saper eseguire un’applicazione, caricare e scaricare file implementare, portare a termine, eseguire, usare Applicare Utilizzare mashup, verificare le fonti C onfrontare, organizzare, decostruire, attribuire, schematizzare, strutturare, integrare Analizzare Collaborare in rete, Moderare forum, Testare applicazioni e procedure Controllare, ipotizzare, criticare, esperimentare, giudicare, provare, ricercare, monitorare Valutare Videomaking, creare mashup, programmare, creare e aggiornare un wiki Progettare, costruire, pianificare, produrre, inventare, immaginare, produrre Creare
  •  
  • Ricordare, Localizzare, Trovare
  • Ricerche Visual e Tag
    • Immagini per Tag - Galaxy http://taggalaxy.de/ (Sfera)
    • Ricerca immagini http://www.cooliris.com/ (Parete)
    • Ricerca immagini http://www.search-cube.com/ (Cubo)
    • Google Wonder Wheel / Google Sequenza Temporale
    • Ricerca booleana visuale http://www.boolify.org/
    • Dizionario VisuWords – http://www.visuwords.com
    • Effetti sonori Soungle http://www.soungle.com/
    • Search cloudlet http://www.getcloudlet.com/
  • Social bookmarking, TAG, RSS Esercitazione Del.icio.us Digg - Twine PageFlakes Netvibes
  • Interpretare, spiegare, esemplificare
  • La disuguaglianza nella partecipazione http://www.useit.com/alertbox/participation_inequality.html
    • Il blog non nasce da una sorta di big bang della rete, ma poggia solidissimamente su un ricco retroterra di esperienze di community networks.
    • E’ il risultato cioè di un lungo processo culturale di adattamento delle tecnologie al bisogno sociale di espressione (storicamente mutevole).
    • [De Rosa, 2009]
    Blog
  • I Weblog – Web log - We blog! – Blog…
    • I blog sono siti web dinamici che contengono, nella loro forma tipica:
      • Post (articoli) su un’unica pagina: il più recente è in testa
      • Categorie
      • Tag (con cui l’autore “addiziona” i post o le pagine)
      • Pagine statiche
      • Motore di ricerca interno per archivio e tags
      • Commenti (per il dialogo con i lettori)
      • Trackback (per sapere dove si è stati citati)
      • Link (Importantissimi) per creare la social network
      • Plug in vari (sono tantissimi, dalle radio, alle gallerie di foto, alle chat, ai sistemi di statistica)
      • I post possono essere:
        • Testuali, Grafici (disegni e foto), Video (Video blog, Video Clip), Audio (Mp3, Podcast, Audipost)
  • Esempio di Blog Titolo post Categorie Foto gallery Tag Cloud Commenti Tag Link Pagine statiche Post Feed
  • Consigli per un giovane blogger
    • individuate le vostre passioni e possibilmente focalizzatevi solo su una di queste per il blog
    • fatevi un'idea degli altri blog esistenti sull'argomento
    • scegliete un nome e una “tag line” (descrizione) che sia facile da ricordare e curiosa
    • definite le keyword – parole chiave, non più di tre o quattro per farvi trovare dai motori di ricerca .
  • Differenza tra blog e Forum? B log F orum Può essere aperto o chiuso Può essere pubblico, i commenti possono essere consentiti o no E’ legato a un gruppo o a un argomento E’ legato all’autore (agli autori) – la sensazione di essere ospiti; la censura è arbitraria Favorisce la discussione ma può essere complesso seguire la discussione Lettura sequanziale Argomenti in categorie e tag I feed RSS sono rari I feed RSS ci sono sempre Interfaccia “rigida” Interfaccia non “rigida”, personalizzata
  • Contesti d’uso per il blog educativo 1) Anne Davis in “La scuola davanti al blog” Webquest, compiti di piccoli gruppi Collettivo per progetti di apprendimento collaborativo Blog condiviso Svolgere i compiti, opinioni, commenti Portfolio, diario di formazione Blog dello studente Consigli ai colleghi, vita in classe, Blog dell’insegnante Compiti, programma, risultati, Informazioni sulla classe/materia Blog di classe informativo Attualità, diario, comunicare con altre classi discussione, riflessione Blog di Classe
  • Contesti d’uso per il blog educativo 2) Monica Banzato in “La scuola davanti al blog” Comunicazione collaborazione Web publishing Classi aperte / altre classi In classe / per la classe Gruppi di lavoro e comunità di apprendimento Gruppi di lavoro e comunità di classi in rete Giornale della classe Giornale del docente / studente
  • Contesti d’uso per il blog educativo 3) Chiara Friso in “La scuola davanti al blog” Environment Tool Open Close Progetti didattici / vita di classe / tematici / disciplinare Docenti/docenti Docenti/studenti Scuole/scuole Gruppi eterogenei Giornale / Bacheca / Vetrina / Contenitore E-portfolio Studente Docente Gestione classe
  • Usare il blog nell’insegnamento
    • 1. Pubblicare materiali e risorse
    • 2. Ospitare discussioni
    • 3. Creare una pubblicazione di classe
    • 4. Sostituire una newsletter 5. Fare in modo che gli studeni scrivano
    • 6. Condividere le vostre lezioni
    • 7. Integrare descrizioni multimediali
    • 8. Organizzare, organizzare, organizzaer
    • 9. Ricevere feedback
    • 10. Creare un sito con molte funzionalità
    http://edublogs.org/10-ways-to-use-your-edublog-to-teach/
  • Twitter
  • 10 modi di usare Twitter per insegnare
    • Twi-bacheca avvisi
    • Twi-riassunti – con 140 caratteri è difficile
    • Twi link
    • Twitter stalking – personaggi, eventi
    • Twitter for history
    • Micro meet
    • Micro writing
    • Lingua tweet
    • Tweming - create un meme
    • Tweming pals
    • .
    Thank to http://steve-wheeler.blogspot.com/2009/01/teaching-with-twitter.html
  • @Twhistory
  •  
  • Social Networking Identità online e norme sociali ovvero perché la scuola non li può ignorare
  • La dimensione spazio temporale … pare che i sincronismo tipico del web sopprima la dimensione temporale annullando il passato e appiattendo tutto sul presente G. Longo
  • Norme culturali
    • Trasparenza
    • Collaborazione
    • Attribuzione
    • Ci si aspetta la conversazione
    • Sfiducia nelle autorità e nel marketing
    • Fiducia nei pari, gente come noi, anche stranieri
    • La fiducia si acquista facilmente e si perde altrettanto facilmente
  • L’assimetria dei SN
        • I propri dati personali e relativi all’uso dei servizi siano registrati e riutilizzati per fornire un servizio più personalizzato
        • Siano registrate informazioni sul comportamento anche dai siti collegati
        • Si accetta di ricevere informazioni pubblicitarie
        • Siano consegnati informazioni alle autorità se richiesti
        • Tutti i materiali caricati sul sistema diventano di proprietà di chi offre il servizio (che può riusarli o venderli)
  • I siti di social network sono magazzini di dati
  • http://www.repubblica.it/2008/03/sezioni/scienza_e_tecnologia/social-networking/social-reputazione/social-reputazione.html “ Ma cosa cercano esattamente questi "curiosi autorizzati"? Secondo CareerBuilder le informazioni più desiderate sono quelle sull'abuso di alcol e droga, magari corredate da foto o video compromettenti. Seguono la capacità di comunicazione e l'adeguatezza al ruolo, ma anche i collegamenti ad attività criminali e le rivelazioni sui passati impieghi stuzzicano la curiosità dei cacciatori di teste.” 60% dei datori di lavoro cerca in rete informazioni sui candidati
  • Oggi al lavoro, non ho fatto niente
      • Si pensa di agire come all’interno di un “club” ma non è così, e questo può avere ripercussioni impreviste sulla propria vita
      • Nuove problematiche:
        • Mancanza di controllo sulla sequenza di azioni che si compiono in rete (activity stream)
        • Disvelamento di informazioni che non si vorrebbe divulgare
        • De-anonimizzazione attraverso operazioni di inferenza
    • Facebook: il futuro della pubblicità, il passaparola
      • “ La gente si abituerà al marketing virale e lo vedrà come una cosa buona”
      • “ Due ore dopo avere comprato l’anello su Overstock.com , ricevette un sms dalla moglie: Per chi è quell’anello? ”
    • CoComment:
    • “… .. tutti i tuoi commenti raggruppati in un unico punto, comprese le lamentele verso la tua banca”
    • Google: Google Talk
    • “ Tutti quelli con cui chatti sono tuoi amici e possono vedere tutti i tuoi Feed rss ”
      • Bisogno di comunità, di creare esperienze comuni
      • Bisogno di confrontare opinioni e crearsi una reputazione
      • Le informazioni personali sono al centro della relazione: su di esse che si costruisce intimità (non sui dati personali ma sulle informazioni su di sè)
      • Dati VERAMENTE personali
      • preferenze, rappresentazione visiva,
      • affiliazioni, attività, sessualità, identità
    Costruirsi un’identità attraverso le relazioni
  • Paradosso della privacy
    • Un esempio: 43% degli utenti dichiara di leggere il regolamento della privacy prima di comprare sui siti di ecommerce - solo il 26% lo fa davvero
    • Ci preoccupa della propria privacy, ma non dei propri dati disponibili online. Ci si registra dati veri e si è preoccupati dal furto di identità.
    • Ci si fida delle tecnologie o si è costretti a farlo?
  • Le ragioni del paradosso
      • Mancanza di controllo legale; non esistono diritti di proprietà dei propri dati
      • Non esiste possibilità di contrattare: il contratto fa parte del prodotto
      • Distorsioni del mercato: informazioni incomplete e asimmetrice
      • I dati personali sono una merce
  • On the global information highways, personal information is increasingly becoming “the new currency”. I firmly believe that at least the profiles of minors must be private by default and unavailable to internet search engines. No European should carry a chip in one of their possessions without being informed precisely what they are used for, with the choice to remove or switch it off at any time. Weekly message – 13 aprile 2009 – Vivianne Reading
  • IDENTITA DIGITALE IDENTITA DIGITALE IDENTITA FISICA 2005 IDENTITA DIGITALE 2009 IN UN FUTURO VICINO
  • Identità personale online
      • Affermazione di una identità digitale (tutti)
        • Non valgono le modalità tradizionali, servono più tempo, più informazioni, triangolazione attraverso la rete
      • Processo di formazione della propria identità (giovani)
        • Costruzione di identità e status, apprendimento modalità culturali e norme sociali,
      • Il Tecno Pessimismo vede i siti di social networking (SN) come luoghi pericolosi che rappresentano una minaccia per i bambini, gli adolescenti e i giovani
      • Molti studi dimostrano la carenza di responsabilità e di conoscenza dei rischi connessi nel rendere pubbliche informazioni private
      • Ciò implica che i giovani siano stupidi, male informati, che gli adulti siano più responsabili e che i giovani debbano accettare i valori di quelli più vecchi come moralmente superiori .
      • Le persone possono essere molestate, pedinate, aggredite nella vita non-virtuale: ma anche se sono consapevoli dei rischi che corrono per strada, non prendono in considerazione la possibilità di non uscire di casa. Se non uscire di casa non è un’opzione, allo stesso modo non usare le SN non è un’opzione realistica per molte persone .
      • Il Tecno Ottimismo (TO) attacca il TP accusandolo di voler controllare gli adolescenti e di divulgare l’idea che Internet sia pericoloso per motivare esigenze di controllo, di una morale conservativa e puritana, e proibire o limitare il divertimento.
      • Ciò implica che le SN dovrebbero essere spazi autonomi che aiutano i giovani a rafforzarsi, a costruire una propria autonomia necessaria per diventare adulti.
      • Sottolinea il potenziale della tecnologia come mezzo per lo sviluppo personale, la liberata, la formazione, l’appartenenza alle comunità, amore e amicizia.
      • Entrambi gli approcci sono riduttivi: le SN non sono esclusivamente un rischio né un rafforzamento.
      • Non si può prescindere da un’analisi del contesto culturale, dalla situazione economica e politica globale
      • Le reti sociali sono solo in un fase iniziale: si verificherà la tenuta a lungo termine di questi servizi ma saranno originati nuovi modelli di “validazione sociale” dell’identità.
  • 3. Personal Learning Network
  • Come cambiano i processi formativi ONLINE? Online è un luogo diverso Gli obiettivi dell’insegnamento sono gli stessi, Ma la cultura e le regole dello spazio online sono specifiche
  • E-learning è ancora innovativo? E-learning Analogico o Digitale Legato o Mobile Isolato o Connesso Generico o Personale Consumo o Creatività Chiuso o Aperto
  • http://zope.cetis.ac.uk/members/scott/blogview?entry=20050125170206 Future Virtual Learning Environment – Scott Wilson 2005
  • Personal learning environment
  • Dave Tosh: Personal Learning Landscape
  •  
  • Teorici del learning 2.0 e del PLE
    • Stephen Downes
    • Graham Attwel
    • David Wyley
    • George Siemens
  • http://is.jrc.ec.europa.eu/pages/Learning-2.0.html
  •  
  • Social Learning Environment
  • Case Study: Open education Course David Wyley 2007 http://opencontent.org/wiki/index.php?title=Intro_Open_Ed_Syllabus#INST_7150_Introduction_to_Open_Education.2C_Fall_2007
  • Case Study: CCK08 Connectivism and Connective Knowledge 1600 iscritti
  • Corso Connectivism and Connective Knowledge
  • Case Study Mozilla Open Education Course https://wiki.mozilla.org/Education/EduCourse
  • 4.Produzione collaborativa di documenti
  • Progettare, costruire, pianificare ,
  • Google Docs http://www.youtube.com/watch?v=eRqUE6IHTEA
  • Google Wave
  • Pbworks
  •  
  • Podcast e VodCast
  • I giochi….
  • 5. Creative Commons e Open Education Resources
  • 1994- Wayne Hodgins Learning Object riusabili, ricombinabili, standard che consentono di trovare e riusare contenuti didattici 1998- David Wyley Open content – l’idea che i principi che stanno alla base del movimento opensource possano essere applicabili anche ai contenuti 1998- Nuove licenze - Open Public license 2001 – Creative Commons Open Education FLOSS Proprietà Intellettuale Elearning
  • 2001 Le licenze Creative Commons Le 4 R Reuse Redistribute Revise (modificare) Remix (combinare) http://www.creativecommons.it/
  • “ The fundamental principle underlying both FOSS and OER is the freedom to share knowledge - whether this takes the form of making software code open for collaborative modification and improvement, or allowing unrestricted access to learning materials." (Vukovic and Martin, 2009) http://oerwiki.iiep-unesco.org/index.php?title=UNESCO_OER_Toolkit/Background_to_Open_Educational_Resources Open Education Resources
  • Una possibile classificazione Giving Knowledge for Free - Jan Hylén, 2007 Tools Open source software for development and delivery of resources Content Materials published for learning or reference Implementation resources Content Management Systems (CMS) - EduCommons Development Tools - Connexions Social software - Wikis - H20 - OSLO research Learning Management Systems - Moodle - Sakai Learning Resources Learning Objects - MERLOT - Connexions - ARIADNE Courseware - MIT OCW - ParisTech - Japan OCW Consortium Reference Collections - Internet Archive - Google Scholar - Library of Congress - Wikis Licensing Tools - Creative Commons - GNU Free Documentation License Interoperability - IMS - SCORM - OKI Best Practices - CMU (design principles)
  • … oltre i contenuti, oltre la classe
    • Introduction to open content
    • Peoples-uni
    • Peer to Peer University
    • Wikiversity
    • Wikieducator
    • Netgeners.net
  • Copyright/Copyleft
    • Diritto d’autore
    • Licenze aperte
      • Creative Commons
      • GNU Free Documentation License
      • Incompatibilità OER REMIX - giocare con le licenze http://www.opencontent.org/game/ logo-small.png
    • OER e terze parti
      • Remove
      • Replace
      • Relicense
  • OpenEd Italia
  • Nuovi ruoli per i mediatori del sapere
  • Medioevo 2.0 […] siamo entrati in un’epoca in cui le barriere fra autore e lettore stanno cadendo: le figure di intermediazione come i giornalisti e i bibliotecari devono essere riprogettate; la validazione, quando esiste ancora, non avviene più prima della pubblicazione ma dopo […]
  • La scuola, il sapere, la narrazione La scuola è l’organo di riproduzione della società, poiché ne replica il sapere e le conoscenze G. Longo
  • http:// www.slideshare.net/courosa/open-networked-teaching-a-transformative-journey
  • Libri consigliati
  • Grazie a tutti voi!
  • Crediti
    • Nascere digitali. Verso un mutamento antropologico ? di Giuseppe O. Longo (18 p. in .pdf ), a, è pubblicato anche on line sulla rivista “ Mondo digitale ”, dicembre 2009.
    • Rosanna De Rosa, Corso Online di Comunicaizone Politica, Federica – http://www.federica.unina.it
    • Perché non mi piacciono le condizioni di uso di Facebook http://www.giornalismi.info/gubi/articoli/art_1182.html
    • Undermining Privacy in social Network http://w2spconf.com/2008/ papers /s3p2.pdf
    • Christian Fuchs, Social Networkig Sites and The Surveillance Society http:// fuchs.icts.sbg.ac.at /SNS_Surveillance_Fuchs.pdf
    • Web-Based Inference Detection http://www2.parc.com/ csl / members / jstaddon / publications /USENIX07Full.pdf
    • Feeling Betrayed, Facebook Users Force Site to Honor Their Privacy http://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2007/11/29/AR2007112902503_pf.html
    • Wainer Lusoli, Caroline Miltgen, Young People and Emerging Digital Services An Exploratory Survey on Motivations, Perceptions and Acceptance of Risks http://ftp.jrc.es/EURdoc/JRC50089.pdf
    • Alcune immagini sono tratte da Stock.xchng www.sxx.hu
    • La foto di Richard S. Fuld, Jr., Presidente Lehman Brothers è di Susan Walsh / AP fil
    • La copertina del Time è del 25 maggio 2009
    • La slide Open Teaching - Network Sherpa è di Alec Courosa http://www.flickr.com/ photos / courosa /3293199214/ sizes /o/in/ photostream /
    • I marchi sono proprietà riservata dei relativi proprietari
  • Crediti fotografici
    • Sentiero del Venda http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/66/Sentiero_del_venda.JPG
    • Dolcevita zen http://www.flickr.com/ photos / auro /234894602/
    • txt'ing http://www.flickr.com/ photos / courosa /2831891520/ sizes /l/in/set-72157603986790944/
    • Charlemagne is back http://www.flickr.com/photos/e3000/2735834124/sizes/l/
    • Three ladies in conversation http://www.flickr.com/photos/90664717@N00/28225950/
    • Kids conversation http://www.flickr.com/photos/11739182@N03/1263985679/
    • Wyoming and south dakota sky http://www.flickr.com/photos/davebluedevil/17508904/
    • Sombre sky http://www.flickr.com/photos/flavijus/543987511/
    • Sea smoke 1 http://www.flickr.com/ photos / lunaspin /2094563164/
    • On my working morning http://www.flickr.com/photos/leafy/3826214063/in/set-72157622908887072 /
  • [email_address] @epanto www.csp.it www.dschola.it www.associazionedschola.it www.puntopanto.it Blog.puntopanto.it Oeritaly.ning.com Opened.creativecommons.it