Letture domenica delle palme

436 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
436
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Letture domenica delle palme

  1. 1. Musica: Canto bizantino di Settimana Santa 1 aprile 2012 Domenica delle PalmeEbrei davanti al Muro Occidentale, pregando in un giorno di festa
  2. 2. Gesù uscì da Betania, andò a Betfage ed entrò certamente,per dove ora si trova la Porta Dorata, subito nel Tempio.
  3. 3. Benedetto colui che viene nel nome del Signore(Vangelo della Processione:)Quando furono vicini a Gerusalemme, verso Bètfage e Betània, presso ilmonte degli Ulivi, Gesù mandò due dei suoi discepoli e disse loro: «Andatenel villaggio di fronte a voi e subito, entrando in esso, troverete un puledrolegato, sul quale nessuno è ancora salito. Slegatelo e portatelo qui. E sequalcuno vi dirà: “Perché fate questo?”, rispondete: “Il Signore ne habisogno, ma lo rimanderà qui subito”». Andarono e trovarono un puledrolegato vicino a una porta, fuori sulla strada, e lo slegarono. Alcuni deipresenti dissero loro: «Perché slegate questo puledro?». Ed essi risposeroloro come aveva detto Gesù. E li lasciarono fare. Portarono il puledro daGesù, vi gettarono sopra i loro mantelli ed egli vi salì sopra. Moltistendevano i propri mantelli sulla strada, altri invece delle fronde, tagliatenei campi. Quelli che precedevano e quelli che seguivano, gridavano:«Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore!Benedetto il Regno che viene, del nostro padre Davide! Osanna nel più altodei cieli!». Mc 11, 1-10 A sinistra del Monte degli Ulivi si trova la via che da Betània,scende vicino alla Basilica di Getsemani, ed entra nella Città.
  4. 4. Prima lettura EucaristiaIs 50,4-7 Il Signore Dio mi ha dato una lingua da discepolo,perché io sappia indirizzare una parola allo sfiduciato. Ognimattina fa attento il mio orecchio perché io ascolti come idiscepoli. Il Signore Dio mi ha aperto l’orecchio e io non hoopposto resistenza, non mi sono tirato indietro. Hopresentato il mio dorso ai flagellatori, le mie guance a coloroche mi strappavano la barba; non ho sottratto la faccia agliinsulti e agli sputi. Il Signore Dio mi assiste, per questo nonresto svergognato, per questo rendo la mia faccia dura comepietra, sapendo di non restare confuso.Interno del Cenacolo. Ambiente probabilmenteautentico, ma la costruzione è del tempo delle crociate.
  5. 5. Ulivo millenario, forse nato dalla radice di uno di quelli che si trovavano qui a Getsemaniquando furono tagliati dall’esercito romano dopo la rivolta del 70. Salmo 21 Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato? Si fanno beffe di me quelli che mi vedono,storcono le labbra, scuotono il capo:«Si rivolga al Signore; lui lo liberi,lo porti in salvo, se davvero lo ama!».
  6. 6. Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato? Un branco di cani mi circonda, mi accerchia una banda di malfattori; hanno scavato le mie mani e i miei piedi. Posso contare tutte le mie ossa.Per questa via dovete passare Gesù prigioniero verso la casa di Anna
  7. 7. Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?Si dividono le mie vesti,sulla mia tunica gettano la sorte.Ma tu, Signore, non stare lontano,mia forza, vieni presto in mio aiuto. La via dolorosa nella Gerusalemm d’oggi, la strada attuale risulta molto rialzata sull’origine.
  8. 8. Mio Dio, mio Dio, perché mi hai abbandonato?Annuncerò il tuo nome ai miei fratelli,ti loderò in mezzo all’assemblea.Lodate il Signore, voi suoi fedeli,gli dia gloria tutta la discendenza di Giacobbe.Particolare del plastico che si trova nell’hotel Holy Land, Gerusalemme, dove vediamo laporta di Beniamino, dove Gesù uscì verso la crocifissione.A sinistra la ROCCIA delCALVARIO.
  9. 9. Interno della Basilica di Getsemani. La roccia ricorda il luogo dove Gesù rimase a pregare mentre i discepoli dormivano.Fil 2,6-11 Cristo Gesù, pur essendo nella condizione di Dio, nonritenne un privilegio l’essere come Dio, ma svuotò se stessoassumendo una condizione di servo, diventando simile agliuomini. Dall’aspetto riconosciuto come uomo, umiliò se stessofacendosi obbediente fino alla morte e a una morte di croce.Per questo Dio lo esaltò e gli donò il nome che è al di sopra diogni nome, perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghinei cieli, sulla terra e sotto terra, e ogni lingua proclami:«Gesù Cristo è Signore!», a gloria di Dio Padre. Seconda lettura Eucaristia
  10. 10. Piazza attuale all’ingresso della Basilica del Santo Sepolcro.Canto al Vangelo: ”Per noi Cristo si è fatto obbedientefino alla morte, e alla morte di croce. Per questoDio l’ha esaltato e gli ha dato il nome che è sopraogni altro nome”.
  11. 11. Altare della Crocifissione nella Basilica del Santo Sepolcro Gesù, dando un forte grido, spirò. Testo: Passione di nostro Signore Gesù Cristo secondo Marco (Mc 14,1-15,47)
  12. 12. Luogo tradizionale dove si crede fosse la Croce de Gesù.
  13. 13. Interno del SANTOSEPOLCRO. Sotto le due lastre piatte di marmo riposerebbe il CORPO di CRISTO

×