Polo Itc 25 Maggio

792 views

Published on

Presentazione Progetto Polo ICT e Servizi ad alto contenuto tecnologico promosso da Confindustria Pescara Sezione Terziario Avanzato Incontro del 11 maggio 2010

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
792
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
13
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Polo Itc 25 Maggio

  1. 1. Polo ICT e dei Servizi ad alto valore aggiunto Progetto promosso dalla Sezione Terziario Avanzato
  2. 2. Nome Cognome Gruppi di lavoro claudio arbib domini tecnologici preziuso maurizio domini tecnologici rossano marchesani domini tecnologici mauro montanari domini tecnologici Gruppi di lavoro martino piccinato domini tecnologici franco scalpelli servizi marcello sonaglia domini tecnologici paolo campana domini tecnologici fabio fioravanti domini tecnologici antonio teti domini tecnologici Team leader paolo bocci governance Team leader Massimo Di Bernardo governance luca moscardelli governance giovanni sgandurra project management giuseppe luciani project management Team leader christian sciarretta project management antonio procaccini project management renato de ficis servizi davide cilli servizi marcello sabatini servizi valentina del cimmuto servizi chiara meo servizi nicola di marcoberardino servizi Team leader Progettp Polo ITC 2
  3. 3. I 4 ELEMENTI DELLA VISION DI UN POLO DI INNOVAZIONE  SERENDIPITA’  DIVERSITA’  INCUBATORE DI NETWORK  COMUNITA’ PROFESSIONALE VIRTUALE Il gruppo Project Management 3
  4. 4. serendipità  Come creare gli ambienti adatti a far succedere le cose  Come aiutare nuove combinazioni di competenze ad emergere  Come attirare le diversità,  Come incoraggiare le persone verso una maggiore interazione,  Come promuovere la collaborazione,  ……………………………………………. Il gruppo Project Management 4
  5. 5. DIVERSITA’  Incrementare la diversità è la chiave per un maggior valore delle innovazioni (Lee Fleming)  Significa: ◦ Approccio multidisciplinare ◦ Combinazioni diverse di profili di competenza e di utenti ◦ Fasce di età differenti ◦ Costruire team multinazionali Il gruppo Project Management 5
  6. 6.  Una struttura incuba network se: ◦ Prese le imprese A e B, con l’aiuto di contatti personali “C” e del Polo “D” (con le sue competenze, valori e consulenza) ◦ Nasce l’impresa “E”: ◦ E= {A,B,C,D, competenze, valori, consulenza} ◦ che acquisisce nuovi clienti e mercati Incubatore di network Il gruppo Project Management 6
  7. 7. Il polo é un ecosistema Il gruppo Project Management 7
  8. 8. un Polo è un centro di innovazione se fornisce  Un ambiente adatto a far emergere idee innovanti  Sostegno alla creazione e all’emersione di nuove combinazioni di competenza  Collaborazione e interazione tra persone, università ed aziende  Multidisciplinarità e combinazione di diversi profili di competenza e di utenti  La migliore innovazione che ottimizzi le realizzazioni individuali  La generazione di valore attraverso l’interazione, la condivisione e la collaborazione Il gruppo Project Management 8
  9. 9. ◦ Visibilità ◦ Riconoscibilità ◦ Socialità ◦ Gruppo di pressione ◦ Gruppo di acquisto ◦ Specializzazione ◦ Incubatore di nuove iniziative imprenditoriali ◦ Facilitatore per la costituzione di Reti di aziende ◦ Formazione e competenze ◦ Selezione tecnologie abilitanti ◦ Promozione della innovazione ◦ Trasferimento dell’innovazione obiettivi Progettp Polo ITC 9
  10. 10. Negli ultimi anni sempre maggiore è l’interesse e l’attenzione suscitata dai programmi “Open Source”. Molti grandi player del settore informatico operano nell’ambito dell’Open Source ed hanno gruppi di ricerca dedicati. Anche il legislatore italiano (Decreto Stanca) ha deciso di dedicare attenzione all’argomento. Il motivo di tanta considerazione e che lo sviluppo che lo stesso ha avuto permette, a chi necessita di trovare soluzioni, di partire da una base di sviluppo sulla quale partire spendendo risorse solo per le personalizzazioni, con evidenti vantaggi in termini di costi o di tempi Tecnologia abilitante – OPEN SOURCE Progettp Polo ITC 10
  11. 11. L’idea principale consiste nel creare un gruppo di ricerca dedicato all’individuazione dei migliori software in termini di:  Efficienza  Efficacia  Facilità d’utilizzo  Adattabilità  Finalizzato ad offrire soluzioni alle aziende e agli enti abruzzesi attraverso le società di software aderenti al Polo. Tecnologia abilitante – OPEN SOURCE Progettp Polo ITC 11
  12. 12. Punti di forza:  Acquisizione di un know-how di alto contenuto specialistico da parte di maestranze abruzzesi;  Affrancamento da posizioni monopoliste o oligopoliste;  Innovazione e significative ricadute sul territorio. L’analisi principale va rivolta alla individuazione di soluzioni che possano migliorare la competitività e l’efficienza dei comparti più rappresentativi della economia abruzzese (il polo ITC dovrà essere fortemente integrato e funzionale agli altri Poli);  Miglioramento dell’efficienza della PA (abbattimento dei costi e miglioramento dei servizi resi) Tecnologia abilitante – OPEN SOURCE Progettp Polo ITC 12
  13. 13. I domini tecnologici identificati, che risultano particolarmente nevralgici sia per il contesto regionale che nazionale, sono rispettivamente: i domini tecnologici ed obiettivi strategici Il gruppo dei Domini Tecnologici
  14. 14. E-Health Educational e Domini E-Automotive Media E-Cities Il gruppo dei Domini Tecnologici
  15. 15. i domini tecnologici ed obiettivi strategici In fase successiva i criteri che dovrebbero condurre ad una individuazione definitiva dei Domini tecnologici e delle aree di competenza afferenti, sono: •inclusione di settori di cui ci si aspetta una forte crescita; •esistenza di importanti fondi/bandi europei riguardo a temi specifici •caratterizzazione del Polo ICT rispetto ad altri già esistenti •competenze esistenti o creabili in tempi compatibili con le dinamiche di mercato •esigenze di mercato presenti sul territorio •sinergie con altri Poli (o istituzioni similari) del territorio (e non) Il gruppo dei Domini Tecnologici
  16. 16. Aree tematiche Aree di competenza • malattie sociali, riabilitazione e handicap • software embedded • assistenza medica e pronto intervento • applicazioni aptiche • controllo e gestione della spesa sanitaria • ambienti virtuali di riabilitazione • gestione di emergenze ambientali • banche dati, applicazioni di BI e EPM • chirurgia ed emergenze • prototipazione in ambito sanitario • veterinaria • elaborazione di immagini • agroalimentare • piattaforme informative ed ECM • applicazioni di telemedicina • terminalistica e software elettromedicale • applicazioni enterprise 2.0 • sistemi per la sicurezza informatica in ambito sanitario Dominio e-healt – life science Progettp Polo ITC 16
  17. 17. Aree tematiche Aree di competenza • formazione superiore e certificazione • new media interfaces • intrattenimento • augmented - virtual reality • educazione continua in medicina • business games e simulatori • editoria multimediale • digital interactive television • ambienti virtuali per la didattica a • piattaforme OS per la didattica distanza • applicazioni di groupware • new media devices • tecnologie per il copyright • ICT Management • applicazioni di podcasting • applicazioni web 2.0 • ebook e reader • sicurezza informatica Dominio educational e media Progettp Polo ITC 17
  18. 18. Aree tematiche Aree di competenza • consumi energetici • tecnologie per la sicurezza • qualità della vita • applicazioni OS per la PAL • mezzi di trasporto • piattaforme wireless e networking • reti tecnologiche • eco-software e sistemi di recupero di eco- • sicurezza dei cittadini energia • pubblica amministrazione locale • domotica e sistemi di telecontrollo • mobilità • intelligenza d'ambiente • Location Based Services • Service Oriented Architecture all'utente mobile • sistemi di pagamento elettronici Dominio e-cities Progettp Polo ITC 18
  19. 19. Aree tematiche Aree di competenza • sistemi attivi di sicurezza • sensoristica • piattaforme veicolari IT aperte • sistemi di controllo automatici • diagnostica veicolare • architetture veicolari IT aperte (HMI, etc) etc) • veicoli ibridi ed elettrici • connettività wireless • sicurezza pubblica • firmware • sistemi di trasporto sostenibile • infrastrutture IT per ubiquitous devices • sistemi cooperativi audio/video per le emergenze • tecnologie per diversamente abili • sicurezza informatica • simulatori di guida Dominio e-automotive Progettp Polo ITC 19
  20. 20. Mappa dei servizi La mappa che segue individua i possibili servizi del polo innovazione ICT. Per quanto attiene la fruizione di detti servizi sono state individuate dal gruppo di studio tre modalità di fruizione:  Servizi base/istituzionali. Sono i servizi minimi continuativi che il polo deve garantire agli associati a fronte della quota annuale di iscrizione. Si ritiene che tali servizi debbano essere il minimo indispensabile in modo da creare una struttura fissa molto snella.  Servizi Pay per Use. Sono servizi continuativi che il polo mette a disposizione degli associati a fronte del pagamento di una fee di uso.  Servizi a Progetto. Sono servizi non continuativi che vengono attivati su progetti specifici in aree tematiche specifiche. Sono il “core” dei servizi forniti dal polo. Il gruppo dei Servizi
  21. 21. Mappa dei servizi Il gruppo dei Servizi
  22. 22. Governance Si è scelto di strutturare giuridicamente il Polo sotto forma di Consorzio Il Consorzio. Consorzio non avrà scopi di lucro. Tale società opererà direttamente quale soggetto gestore. Capitale sociale: In fase di costituzione si determina una quota che è valida per tutti. Ciascun socio non può detenere più di una quota sociale. Il gruppo dei Servizi
  23. 23. Governance Organi di gestione Sono costituiti da: Assemblea ordinaria e straordinaria; Consiglio di amministrazione (3 – 7 elementi nominato dall’assemblea). Durata biennale, rieleggibile; Il consiglio nomina il presidente ed un Amministratore delegato; Il consiglio ha diritto al rimborso delle spese vive sostenute; Normalmente il consiglio non prevede emolumenti ma l’assemblea può comunque deliberarne un compenso, non può mai essere deliberata una liquidazione per le attività di amministrazione. Il gruppo dei Servizi
  24. 24. Costi quote Parametri dimensionali come da moltiplicatore normativa europea (euro) Ditta Individuale X1 Ditta Individuale € 100,00 Micro Imprese X3 Micro impresa € 300,00 Associazione X2 Associazione € 200,00 Piccola impresa X7 Piccola impresa € 700,00 Media impresa X20 Media impresa € 1.800,00 Grande impresa € 10.000,00 Grande impresa X100 Organismi di ricerca e assimilati € 2.700,00 Organismi di ricerca e assimilati X27

×