finanza etica, finanzcapitalismo, economia etica

  • 310 views
Uploaded on

Dalla finanza etica le risposte sono ormai limitate e insufficienti, è possibile una finanza etica solo in un'economia etica

Dalla finanza etica le risposte sono ormai limitate e insufficienti, è possibile una finanza etica solo in un'economia etica

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
310
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Finanza Etica, strumento dipartecipazione e di equità sociale Enrico Bigli Borgomanero 19.10.2012
  • 2. Finanza etica – la storia deifondi etici Charity Fund (storno parziale commissioni) Pioneer Fund (chiese metodiste e quacchero anni 30) Socially responsible investment (boom negli anni 60 durante la guerra in Vietnam) Pax World Fund nel 1971 (contro razzismo e dittature)
  • 3. Le responsabilità sociali elegali Responsabilità sociale L’etica capitalistica (no a monopoli si a public company, imprese che operano nei paesi democratici) Rsponsabilità legale Imprese che tutelano i diritti umani, i diritti sindacali, il rispetto della legislazione ambientale
  • 4. Si o No? Ricerca di un giudizio finale sintetico da EEE a E- I nuovi benchmark DJSGI (200 società in 60 settori) – Domini social equity fund 400 società. E le performance? Simili a qualsiasi altro fondo, le inevitabili leggi del mercato-
  • 5. Fondi azionari islamici Gli unici in fortissima crescita (+15% all’anno) Rispettosi della Sharia – hanno comitati di gestione religiosi (dow jones islamic index 35) Difficile l’uso e lo sviluppo di derivati, negli ultimi anni hanno performato meglio dei fondi tradizionali
  • 6.  La finanza islamica si basa su principi forti che dovrebbero renderla alquanto diversa da quella convenzionale:  ogni transazione finanziaria deve essere legata a una transazione reale; è vietato il tasso d’interesse e quindi il prestito ( riba); ogni guadagno implica l’accettazione dei rischi e quindi delle perdite possibili; si afferma il diritto/dovere alla trasparenza e chiarezza dei contratti; sono vietati l’azzardo e la scommessa (maisir) e i guadagni unilaterali; ogni vendita deve essere immediata e certa (gharar). Nella realtà, tuttavia, le strutture contrattuali basate sulla condivisione dei profitti e delle perdite (mudàraba e mushàraka) sono molto poco utilizzate. Mentre il 90 per cento dell’attivo delle banche è composto da contratti di scambio (muràbaha), che prevedono il pagamento di commissioni di fatto equivalenti a un tasso d’interesse predeterminato; le obbligazioni islamiche (sukuk) sono, in molti casi, a tutti gli effetti delle cartolarizzazioni in cui il possessore del titolo non ha alcun diritto sul bene sottostante il sukuk;
  • 7. Microcredito 1976 Muhammad Yunus fonda la Grameen Bank (oggi quinta banca dal Bangladesh), nel 2006 nobel per la pace Diritto al credito come diritto umano Lula e la nuova vita
  • 8. Nel mondo 14 banche aderiscono alla Global Alliance on Banking Values 20 i paesi in cui operano 55 miliardi di finanziamenti a progetti socialmente responsabili 195 milioni di clienti nel mondo
  • 9. Esperienze italiane Charity italiani , San Paolo 4 fondi etici MAG e Banca Etica 36.000 cittadini coinvolti Banca popolare Etica nasce nel 1999, nel 2000 si costituisce Etica sgr, raccordo tra raccolta e impieghi 740 milioni finanziamenti erogati 5500 progetti
  • 10. La crisi del “microcredito” Inchiesta della TV norvegese a carico di Yunus per distrazione di fondi Richiesta di commissariamento da parte del primo ministro del Bangladesh Suicidi di massa in India durante il 2010 di contadini che non riuscivano a pagare le rate del microcredito (a volte consigliati dalle istituzione di microfinanza per incassare 1rate premi assicurativi). Tassi medi del 17,5% a volte raggiungono il 40%-70% per far fronte al rischio. E in Italia?Ingresso in massa delle istituzioni finanziarie per il finanziamento no-profit, c’è vero credito ai poveri e ai soggetti non bancabili?
  • 11.  Il microcredito e la finanza etica accusano difficoltà La finanza del terzo millennio è diventata così grande e pervasiva da scuotere ogni cittadino Oggi dobbiamo dire che è impossibile la finanza etica senza una economia etica
  • 12. Le dimensioni eccessive delsistema finanziario 1980 attivi finanziari e PIL erano uguali 27.000 miliardi 2007 attivi finanziari 241.000 contro 54.000 miliardi di PIL Il denaro crea se stesso
  • 13. I derivati Nel 2000 92.000 miliardi nel 2012 683.000 (12 volte il PIL) I micidiali CDS (circa il 5% del totale)
  • 14.  Questo alto indebitamento è conseguente delle politiche espansive attuate sino al 2006, dell’autorizzazione alle banche a rivendere il debito Dal 2008 l’alto indebitamento per salvare le istituzioni finanziarie, La creazione di denaro nelle sue molteplici forme è sfuggita ad ogni controllo, nessuno ne sa più l’entità, causa le banche e i derivati, nessuno conosce l’entità dei derivati OTC
  • 15. Le cento bolleDai subprime al crack delle banche quel terribile 2008;Ma si prosegue dall’Islanda alla Grecia passando per Dubai.La crisi del debito sovrano europeo-Consumatori e spacciatori, chi dobbiamo perseguire
  • 16. Fondamenti fragili del sistema L’indebitamento complessivo è oltre due volte il PIL, negli ultimi vent’anni il PIL mondiale è cresciuto in media del 3% e l’indebitamento l’8% si spende molto più di quello che si produce
  • 17. Il sistema finanziario è non più regolabilea causa della sua complessità Le SIV ne esistono di diversi tipi per portare fuori bilancio gli attivi, molte sono domiciliate nei paradisi fiscali I titoli strutturati, i CDO, mostruosi conglomerati opachi
  • 18. E’ il sistema riformabile? Drastica riduzione della dimensione globale del sistema finanziario Drastica riduzione della dimensione delle banche Registrar tutte le transazioni OTC e creare dei prodotti standard Limitare la cartolarizzazioni Reintrodurre la separazione tra banche commerciali e banche di investimento
  • 19. E’ sufficiente la riduzione delsistema finanziario? No, non può bastare occorre un riequilibrio dei redditi (questo sistema ha portato a una fortissima polarizzazione) Le tensioni sociali che si profilano sono difficilmente soffocabili E’ il sistema sociale del finazcapitalismo che va smantellato
  • 20.  Mega-macchine sociali: sono le grandi organizzazioni gerarchiche che usano masse di esseri umani come componenti o servo-unità. Esistono da migliaia di anni. Le piramidi dellantico Egitto sono state costruite da una di esse capace di far lavorare unitariamente (appunto come parti di una macchina) decine di migliaia di uomini per generazioni di seguito. Era una mega-macchina lapparato amministrativo- militare dellimpero romano. Formidabili mega-macchine sono state, nel Novecento, lesercito tedesco e la burocrazia politico- economica dellUrss. Come macchina sociale, il finanzcapitalismo ha superato ciascuna delle precedenti, compresa quella del capitalismo industriale, a motivo della sua estensione planetaria e della sua capillare penetrazione in tutti i sottosistemi sociali, e in tutti gli strati della società, della natura e della persona. Perché il finanzcapitalismo ha come motore non più la produzione di merci ma il sistema finanziario. Il denaro viene impiegato, investito, fatto circolare sui mercati allo scopo di produrre immediatamente una maggior quantità di denaro. In un crescendo patologico che ci appare sempre più fuori controllo.
  • 21. Benedetto XVI e la Charitas inveritate Rerum Novarum risposta alla rivoluzione industriale, Populorum progressio al fordismo: Charitas in veritate al crollo del muro e alla globalizzazione al finanzcapitalismo
  • 22. I beni comuni Ridare valore e gestire come comunità i beni comuni, dare ad essi una tutela costituzionale.
  • 23. Le relazioni umane Sono un nuovo bene (innovazione di prodotto) Fine degli schemi gerarchici e inizio di quelli cooperativi (innovazione di processo) Cambia la gerarchia dei valori nei prodotti il dono da fare e ricevere diventa uno dei prodotti più ambiti
  • 24. Fondi pensioni – un nuovoruolo Uscire dall’egemonia del mercato, non più maggior rendimento ma una vita più appetibile
  • 25. Se le relazioni umane, i benicomuni, diventano produttori divalore da ricomprenderenell’analisi economica,bisogna anche rifondarel’economia come scienza
  • 26. Per una nuova economia? Dal sistema economico della mano invisibile, della ricerca dell’arricchimento individuale di Adam Smith Al sistema economico degli obblighi e responsabilità morali di fronte alla società