0
Il senso della misura Gavirate 13 marzo 2010
Dall’economia dello scambio all’economia del dono. Il passaggio dalla competitività alla cooperazione Enrico Bigli
L’enorme crescita del debito
 
Le cento bolle <ul><li>Dai subprime al crack delle banche quel terribile 2008; </li></ul><ul><li>Ma si prosegue dall’Islan...
La crisi finanziaria e l’economia del debito <ul><li>Il 1929 è stata un’altra cosa </li></ul><ul><li>Non si esce dal debit...
Da Wall Street a Main Street  <ul><li>Non è solo questione dei riflessi della crisi finanziaria sull’economia reale; </li>...
La folle corsa <ul><li>Il mercato si è allargato al mondo con la globalizzazione </li></ul><ul><li>Si corre alla ricerca d...
Benedetto XVI e la Charitas in veritate <ul><li>Rerum Novarum risposta alla rivoluzione industriale, Populorum progressio ...
I 4 nodi <ul><li>Economico – sociale </li></ul><ul><li>Ricchezza – lavoro </li></ul><ul><li>Democrazia – mercato </li></ul...
<ul><li>Le alternative nella produzione (energia), commercio, finanza </li></ul><ul><li>Nel consumo: il riemergere del val...
<ul><li>Nella vita ci sono tre domande fondamentali </li></ul><ul><li>Da dove veniamo? </li></ul><ul><li>Dove andiamo? </l...
Crescita e decrescita <ul><li>Il PIL, le sue stranezze e il suo errato bilancio </li></ul><ul><li>Perché adottarlo in nega...
Stili di vita <ul><li>Recuperare l’impronta ecologica </li></ul><ul><li>Restaurare l’agricoltura contadina (incoraggiare u...
Sviluppo <ul><li>Gli indicatori quantitativi </li></ul><ul><li>L’indice di Gini, il riequilibrio senza crescita  </li></ul...
I cicli di Kondratieff <ul><li>1771 rivoluzione industriale </li></ul><ul><li>1829 il vapore e la ferrovia </li></ul><ul><...
????? <ul><li>Innovazione di prodotto? </li></ul><ul><li>Non ne abbiamo già troppi? </li></ul><ul><li>Innovazione di proce...
Le relazioni umane <ul><li>Un nuovo bene (innovazione di prodotto) </li></ul><ul><li>Fine degli schemi gerarchici e inizio...
Relazioni umane e rete <ul><li>Il prodotto più nuovo  la rete  è anche l’anticipazione della nuova economia </li></ul><ul>...
Relazioni umane e agricoltura <ul><li>Parlare della natura, della terra, degli alberi, dell’acqua </li></ul><ul><li>Agrico...
Economia della felicità?
Il bene relazionale è tale solo se gratuito <ul><li>una caratteristica sintetica dei beni relazionali è la gratuità, nel s...
Se le relazioni umane diventano produttrici di valore da ricomprendere nell’analisi economica, bisogna anche rifondare l’e...
Per una nuova economia? <ul><li>Dal sistema economico della mano invisibile, della ricerca dell’arricchimento individuale ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Dall'economia competitiva a quella cooperativa

432

Published on

La crisi ci insegna.

Dall'economia dello scambio a quella del dono, dalla competizione alla cooperazione

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
432
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Dall'economia competitiva a quella cooperativa"

  1. 1. Il senso della misura Gavirate 13 marzo 2010
  2. 2. Dall’economia dello scambio all’economia del dono. Il passaggio dalla competitività alla cooperazione Enrico Bigli
  3. 3. L’enorme crescita del debito
  4. 5. Le cento bolle <ul><li>Dai subprime al crack delle banche quel terribile 2008; </li></ul><ul><li>Ma si prosegue dall’Islanda alla Grecia passando per Dubai. </li></ul><ul><li>Consumatori e spacciatori, chi dobbiamo perseguire </li></ul>
  5. 6. La crisi finanziaria e l’economia del debito <ul><li>Il 1929 è stata un’altra cosa </li></ul><ul><li>Non si esce dal debito facendo altro debito </li></ul><ul><li>La riscoperta keynesiana è inadeguata </li></ul>
  6. 7. Da Wall Street a Main Street <ul><li>Non è solo questione dei riflessi della crisi finanziaria sull’economia reale; </li></ul><ul><li>E’ la crescita drogata che ha finito la corsa </li></ul><ul><li>CRISI DIALETTICA o CRISI ENTROPICA ? </li></ul>
  7. 8. La folle corsa <ul><li>Il mercato si è allargato al mondo con la globalizzazione </li></ul><ul><li>Si corre alla ricerca di nuove merci per potere continuare </li></ul><ul><li>Diventano merci sanità, educazione e i beni comuni </li></ul>
  8. 9. Benedetto XVI e la Charitas in veritate <ul><li>Rerum Novarum risposta alla rivoluzione industriale, Populorum progressio al fordismo: </li></ul><ul><li>Charitas in veritate al crollo del muro e alla globalizzazione </li></ul>
  9. 10. I 4 nodi <ul><li>Economico – sociale </li></ul><ul><li>Ricchezza – lavoro </li></ul><ul><li>Democrazia – mercato </li></ul><ul><li>Profitto - capitalismo </li></ul>
  10. 11. <ul><li>Le alternative nella produzione (energia), commercio, finanza </li></ul><ul><li>Nel consumo: il riemergere del valore d’uso contro quello di scambio </li></ul>
  11. 12. <ul><li>Nella vita ci sono tre domande fondamentali </li></ul><ul><li>Da dove veniamo? </li></ul><ul><li>Dove andiamo? </li></ul><ul><li>Cosa mangiamo questa sera? </li></ul><ul><li>Woody Allen </li></ul>
  12. 13. Crescita e decrescita <ul><li>Il PIL, le sue stranezze e il suo errato bilancio </li></ul><ul><li>Perché adottarlo in negativo? </li></ul><ul><li>Consumi da ridurre e consumi da aumentare </li></ul><ul><li>Non giudicare la bontà dell’azione di governo dalla crescita del PIL </li></ul>
  13. 14. Stili di vita <ul><li>Recuperare l’impronta ecologica </li></ul><ul><li>Restaurare l’agricoltura contadina (incoraggiare una produzione locale, stagionale, naturale, tradizionale) </li></ul><ul><li>Trasformare l’aumento di produttività in riduzione dell’orario </li></ul><ul><li>Ridurre gli sprechi energetici </li></ul>
  14. 15. Sviluppo <ul><li>Gli indicatori quantitativi </li></ul><ul><li>L’indice di Gini, il riequilibrio senza crescita </li></ul><ul><li>2009 -5,1% di PIL per chi? </li></ul><ul><li>Gli indicatori qualitativi </li></ul><ul><li>HDI, HPI, </li></ul><ul><li>Speranza di vita, educazione, salute, mortalità infantile, malattie (AIDS, Malaria) </li></ul>
  15. 16. I cicli di Kondratieff <ul><li>1771 rivoluzione industriale </li></ul><ul><li>1829 il vapore e la ferrovia </li></ul><ul><li>1875 acciaio elettricità industria pesante </li></ul><ul><li>1908 petrolio automobile produzione di serie </li></ul><ul><li>1971 informazione e telecomunicazioni </li></ul><ul><li>2010 ??????? </li></ul>
  16. 17. ????? <ul><li>Innovazione di prodotto? </li></ul><ul><li>Non ne abbiamo già troppi? </li></ul><ul><li>Innovazione di processo? </li></ul><ul><li>La destrutturazione e globalizzazione non sono già arrivate al massimo? </li></ul><ul><li>Cercare una risposta passando dal ragionamento lineare al caos creativo </li></ul>
  17. 18. Le relazioni umane <ul><li>Un nuovo bene (innovazione di prodotto) </li></ul><ul><li>Fine degli schemi gerarchici e inizio di quelli cooperativi (innovazione di processo) </li></ul><ul><li>Cambia la gerarchia dei valori nei prodotti il dono da fare e ricevere diventa uno dei prodotti più ambiti </li></ul>
  18. 19. Relazioni umane e rete <ul><li>Il prodotto più nuovo la rete è anche l’anticipazione della nuova economia </li></ul><ul><li>Su internet è quasi tutto gratis, open source e wikipedia </li></ul><ul><li>Il peer to peer </li></ul><ul><li>Chi regala il proprio lavoro, i propri file sulla rete stà facendo un dono ? </li></ul><ul><li>E QUI ? </li></ul>
  19. 20. Relazioni umane e agricoltura <ul><li>Parlare della natura, della terra, degli alberi, dell’acqua </li></ul><ul><li>Agricoltura locale come utilizzo del territorio e stop al suo consumo </li></ul><ul><li>Alimentazione e identità culturale </li></ul><ul><li>Un diverso modello economico con punti vendita locali gestiti direttamente dai contadini </li></ul>
  20. 21. Economia della felicità?
  21. 22. Il bene relazionale è tale solo se gratuito <ul><li>una caratteristica sintetica dei beni relazionali è la gratuità, nel senso che il bene relazionale è tale se la relazione non è “usata” per altro, se è vissuta in quanto bene in sé , se nasce da motivazioni intrinseche . Ecco perché, come dice la filosofa Martha Nussbaum, il bene relazionale è un bene dove la relazione è il bene , una relazione che non è un incontro di interessi ma un incontro di gratuità. </li></ul>
  22. 23. Se le relazioni umane diventano produttrici di valore da ricomprendere nell’analisi economica, bisogna anche rifondare l’economia come scienza
  23. 24. Per una nuova economia? <ul><li>Dal sistema economico della mano invisibile, della ricerca dell’arricchimento individuale di Adam Smith </li></ul><ul><li>Al sistema economico degli obblighi e responsabilità morali di fronte alla società </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×