Your SlideShare is downloading. ×
0
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Metal Packaging & Marketing
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Metal Packaging & Marketing

2,969

Published on

Trend di vendita e nuovo marketing per i prodotti alimentari in scatole di Banda Stagnata

Trend di vendita e nuovo marketing per i prodotti alimentari in scatole di Banda Stagnata

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,969
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Metal Packaging & Marketing Trend di vendita e nuovo marketing per i prodotti alimentari in scatole di Banda Stagnata 1
  • 2. Cos’è la Banda Stagnata? Spiegato in modo molto semplice la banda stagnata è un sottile foglio di acciaio rivestito, su entrambe le facce, da un ancora più sottile strato di stagno. Il sistema di stagnatura è a ciclo continuo; un lungo nastro di acciaio da ricoprire viene fatto passare attraverso una serie di vasche contenenti un anodo di stagno. L’aspetto dell’acciaio stagnato è grigio opaco; con la brillantatura gli viene conferito però l’aspetto brillante. Il nastro viene fatto passare attraverso una serie di rulli che portano il rivestimento di stagno alla fusione e poi raffreddato. 2
  • 3. Un po’ di storia La “scatoletta” di banda stagnata si diffonde tra gli eserciti sia durante la prima che la Seconda Guerra Mondiale. Dopo l’ultima guerra l’Italia viene letteralmente invasa dalle scatolette portate dai soldati americani: i grandi pacchi del Piano Marshall contengono infatti scatolette di carne, biscotti e minestre pronte. Gli alimenti in scatola, in principio associati a un regime di emergenza, nel dopoguerra entrano a far parte della vita degli italiani. Negli anni ’50 si diffonde l’uso dei pelati in scatola e dell’olio d’oliva, che in Italia sono prodotti per l’esportazione fin dall’inizio del secolo. Nel 1960 in Italia si cominciano a consumare prodotti surgelati. Questo nuovo concorrente nell’industria della conservazione alimentare è forse di spinta per cercare nuove forme di impiego della scatoletta. Negli anni ’60 sul mercato compaiono così nuovi prodotti in scatola: il tonno sott’olio, le bibite, la birra e le bombolette spray. A partire dalla fine degli anni ’70 anche il cibo per animali inizia a seguire la via della scatola di latta. 3
  • 4. Perché la Banda Stagnata? Il principale pregio degli imballaggi in Banda Stagnata è la chiusura ermetica: l’ERMETICITA’ garantisce l’ERMETICITA’ l’isolamento del prodotto da agenti esterni e quindi la conservazione del prodotto per anni. Fino a quando non viene aperta, la SCATOLETTA E’ COME UNA CASSAFORTE DELLA NATURA, che NATURA, mantiene intatte tutte le caratteristiche e le proprietà nutrizionali dell’alimento inscatolato e non ha bisogno di essere conservata in frigo. Ha buone caratteristiche di impermeabilità ai gas, resistenza alle alte temperature di sterilizzazione e capacità di loro trasmissione all’alimento; lo stagno è un metallo chimicamente inerte e non tossico. La forma, che ne consente l’IMPILAMENTO (disposizione dei contenitori messi uno sopra l’altro) e ciò facilita il l’IMPILAMENTO magazzinaggio e il trasporto. in secondo luogo la scatoletta è resistente, il che riduce le perdite durante il trasporto. inoltre il prodotto conservato all’interno della scatoletta E’ PROTETTO DALLA LUCE che è causa di deterioramento del cibo. La scatoletta E‘ VERSATILE nella forma e si presta quindi ad usi molto diversi; la possibilità di stampare l’etichetta direttamente sul metallo ne fa un oggetto comunicativo. Infine, dopo l’utilizzo, LA SCATOLA E’ COMPLETAMENTE RICICLABILE. RICICLABILE. 4
  • 5. Un materiale a “più vite” La seconda vita della “scatoletta”: Quello dello smaltimento dei rifiuti è uno dei problemi più grandi che il nostro pianeta sembra dover affrontare nei prossimi decenni. I rifiuti oggi vengono smaltiti in discarica o inceneriti, ma il limitato numero di stazioni preposte all’incenerimento, unito all’impossibilità (per mancanza ormai di spazio) da parte delle discariche di ricevere quotidianamente tonnellate e tonnellate di spazzatura, comportano spesso un ammassamento di rifiuti; questo accumulo rappresenta una seria e preoccupante minaccia di inquinamento permanente. Una parte consistente dei rifiuti prodotti nelle nostre città è costituita dagli imballaggi (circa 11 milioni di tonnellate annue, di cui 600 mila tonnellate fatti in acciaio). Il riciclaggio degli imballaggi in banda stagnata è facilitato dal fatto che l’acciaio ha proprietà magnetiche e quindi può essere separato dagli altri rifiuti utilizzando un magnete. La separazione da rifiuti diversi può essere quindi effettuata localmente, con una raccolta differenziata (come già si fa per il vetro, per la carta e per la plastica) oppure nelle stazioni di raccolta e selezione dei rifiuti, mediante un magnete. La maggioranza degli imballaggi in acciaio, oltre il 95%, viene recuperata attraverso la raccolta differenziata. Dopo la raccolta gli imballaggi, prima di essere avviati in acciaieria o in fonderia per essere utilizzati come materia prima per la produzione di nuovo acciaio, devono essere puliti e compressi. Queste operazioni vengono effettuate da ditte specializzate nella lavorazione dei rottami attraverso due possibili procedimenti. Il primo: gli imballaggi in banda stagnata attraverso un processo chimico sono separati dallo stagno ottenendo così due elementi, lo stagno ed il rottame di acciaio. Il secondo: gli imballaggi vengono utilizzati tali e quali e in questo caso sono solo spezzettati e puliti. Solo il 5% attualmente viene recuperato dopo l’incenerimento. 5
  • 6. Un mercato in espansione Come ha reso noto ANFIMA (l’Associazione che raggruppa i fabbricanti di imballaggi metallici italiani), il 2007 è stato caratterizzato da risultati soddisfacenti per quanto riguarda il consumo di banda stagnata in Italia. Entrando più nello specifico, a fronte di una produzione nazionale di acciaio per imballaggio attestatasi sulle 300.000 t, il consumo di banda stagnata è stato di 900.000 t. il comparto degli imballaggi metallici leggeri ha chiuso l’esercizio con 1,5 miliardi di euro di ricavi. Ulteriore nota di merito la percentuale di imballaggi in acciaio riciclata, ammontata al 66%, ossia a 594.000 t 6
  • 7. La produzione in Europa di alimenti in scatola in Banda Stagnata Le produzioni di alimenti preparati in scatola (2007) in Europa (million/tons) Pasta secca di albicocche 503 Varie preparazioni di alimenti 4 337 Altre frutte da marmellata 3 117 Cetrioli preparati con l'aceto 2 907 Vari prodotti a base di pomodoro 3 720 Olive (non preparate o conservate con l'aceto) 1 523 Verdure (non preparate o conservate con l'aceto) 1 413 Verdure omogeneizzate (non preparate o conservate con l'aceto) 1 120 Altri frutti di verdure 1 095 Olive preparate o conservate con l'aceto 793 Cipolle preparate o conservate con l'aceto 786 Patate 434 Ketchup e altre salse di pomodoro 263 Concentrati di proteine 154 Albicocche conservate 1120 Minestre 89 Varie salse 78 Pets food 1050 7
  • 8. ./. segue Le precedenti statistiche indicate e riguardanti la produzione sono quelle del tonnellaggio globale dell’industria degli alimenti preparati in scatola che, è molto sottostimato. Le esportazioni dall’Italia di alimenti preparati in scatola nel 2007, ad esempio, è di 72.000 tonnellate, dato che è il doppio della media della produzione annuale negli ultimi anni, secondo un rapporto dell’ICE. Tuttavia, le statistiche ufficiali indicano che la produzione tende ad essere stabile negli anni 2001/2007 presi appunto in esame. 8
  • 9. Il marketing per le scatole in Banda Stagnata? A partire dagli anni ’50 la “scatoletta” entra a far parte della vita di ogni giorno degli italiani ma essenzialmente in tutta Europa si sviluppa il mercato dei prodotti in scatola, complice anche il proliferare dei Supermercati e della Grande Distribuzione Organizzata. La scatoletta vuota diventa da subito materiale con il quale i bambini italiani costruiscono giocattoli poveri. Nel mondo dei fumetti diventano celebri le scatolette ripiene di spinaci di Braccio di Ferro, l’irascibile marinaio inventato dal disegnatore americano Elzie Crisler Segar. Negli anni ’60 le scatolette di zuppa pronta marca Campbell ritratte nei quadri del pittore pop Andy Warhol lasciano perplessa la critica americana, ma poi diventeranno famose e quotatissime dai collezionisti d’arte moderna. Inevitabilmente nasce poi l’esigenza di meglio reclamizzare questo o quel prodotto e sempre più si è iniziato ad utilizzare le tecniche di marketing per lanciare o propagandare le vendite. I prodotti in scatola, che hanno anche il pregio di essere facilmente impilabili, quindi possono essere molto ben esposti al pubblico, entrano di prepotenza nel settore pubblicitario. 9
  • 10. Migliorare le vendite con gli strumenti del marketing Il sogno di tutti gli operatori di marketing è quello di creare un prodotto talmente forte da venire richiesto senza propaganda, come ad esempio la Coca Cola, la Nutella, i prodotti DelMonte. Oggi i consumatori sono più attenti e preparati, anche a causa della congiuntura economica sfavorevole, e nella dinamica della scelta si sta verificando una perdita di peso del valore della marca ed una grande attenzione al prezzo. Il settore del marketing deve quindi capire quale è la “soglia di rispetto” alla quale il consumatore è disposto a pagare per la marca. Il nuovo punto focale è lo spostamento dell’attenzione verso il consumatore, il fine è avere un profitto ma attraverso la soddisfazione del Cliente. La promozione nei punti vendita è aumentata a causa degli enormi costi dei canali editoriali e televisivi; nei punti vendita si cerca di ottimizzare il tempo per comunicare il più possibile sull’azienda e i suoi prodotti. In Inghilterra ad esempio se si vende un nuovo tipo di sugo, è d’uso spiegare come cucinare la pasta. Una nuova frontiera del marketing è allora diventata la promozione diretta sul punto vendita ed il coinvolgimento dei consumatori anche per sviluppare il packaging. Non esiste quasi più la differenza tra marketing e comunicazione o meglio, le due aree aziendali devo andare sempre a più stretto contatto e la comunicazione su un prodotto ha lo scopo essenziale di farlo vendere meglio. 10
  • 11. Una storia di successo sul punto vendita: i prodotti in scatola LA DORIA Il gruppo La Doria ha sperimentato una diversa campagna di marketing, che coinvolgeva numerosi punti vendita di medie e grandi dimensioni, per incrementare l’acquisto dei prodotti a loro marchio. Lo strumento che La Doria ha scelto di utilizzare consiste nell’esposizione preferenziale all’interno dei punti vendita, nel “far uscire il prodotto dallo scaffale”, con il duplice obiettivo di rendere più visibile il marchio La Doria tra le corsie dei supermercati e farlo conoscere meglio ai consumatori. L’esposizione preferenziale si è realizzata collocando, all’interno dei punti vendita numerosi pall box contenenti i diversi prodotti. Isole promozionali brandizzate e fasce pallet aiuteranno i consumatori ad individuare nel punto vendita i prodotti La Doria e a scoprire le caratteristiche che lo distinguono nel mondo da altri. Per spiegare le qualità dei prodotti, La Doria ha optato inoltre per il dialogo con il consumatore attraverso un tour all’interno di alcune gallerie dei centri commerciali. Nell’area dedicata si è parlato soprattutto ai bambini di prodotto, ma anche di rispetto per l’ambiente e di riciclabilità dei contenitori. NOTA: Il gruppo La Doria è leader nella produzione e commercializzazione di derivati del pomodoro, di legumi e pasta in scatola, di succhi e bevande di frutta e di altri prodotti complementari, con stabilimenti in Campania e a Faenza RA (ex Confruit). Presente nelle più importanti catene della Grande Distribuzione e del Discount, La Doria si caratterizza per essere un'Azienda che ha saputo sfruttare pienamente le crescenti prospettive di sviluppo offerte dal segmento delle "Private Labels" (marchi delle catene distributive) e del "Discount". Il Gruppo è il primo produttore italiano di legumi in scatola ed il secondo produttore di derivati del pomodoro e succhi di frutta. In questo settore il gruppo opera, oltre che nella produzione delle private label, anche con le proprie marche: VIVI G - VIVI G BIO - LA DORIA - CAPRISONNE (su licenza) - MELINDA JUICE (su licenza). Nel 2007 La Doria ha realizzato un fatturato consolidato di circa 400 milioni di euro. Le vendite sono composte per il 27% dalla linea "rossa", per il 33% dalla linea frutta e per il 19% dalla linea legumi, vegetali e pasta in scatola; le "altre vendite" generano il 22% del fatturato. 11
  • 12. Un brand globale: i prodotti in scatola DEL MONTE Il marchio DEL MONTE appare in California (USA) nel 1886, su una confezione di caffè creata per l’Hotel DEL MONTE a Monterey e nel 1909 viene creata la prima scatola a marchio DEL MONTE. Nel 1920 la California Packing Corporation (CalPak) stabilisce severe specifiche di qualità per il suo premo prodotto di marca, Del Monte. Nasce il primo slogan per rassicurare i Clienti: "Non è un etichetta, ma una garanzia”. Nei primi anni 70 diventa una Industria globale ed è il primo marchio ad indicare sulle etichette delle scatole di prodotti alimentari, le informazioni nutrizionali. Fresh Del Monte Produce è uno dei leader a livello mondiale verticalmente integrata con produttori, venditori e distributori di alta qualità, così come uno dei principali produttori e distributori di preparati di frutta e verdura, succhi di frutta, bevande, snack e dolci, in Europa, Africa e Medio Oriente. Commercializza e distribuisce i prodotti ai negozi al dettaglio, società alimentari, grossisti, distributori e operatori del foodservice in più di 90 paesi in tutto il mondo. Occupa approssimativamente più di 40.000 persone. Del Monte è da più di 100 anni il marchio più riconosciuto dai consumatori in tutto il Mondo per la qualità, la freschezza e l'affidabilità. Ha un fatturato globale di più di 3,5 miliardi di Dollari americani. E’ quotata al New York Stock Exchange (“NYSE”) con il simbolo FDP. 12
  • 13. ./. segue E’ un esempio di come il consumatore “riconosce” il marchio dando “valore” all’Azienda che peraltro ha sin dalla sua nascita garantito elevati standard di qualità dei prodotti. E’ quindi interessante notare come il marchio abbia “fidelizzato” il consumatore proponendosi sempre come leader dei prodotti freschi che vengono raccolti ed inscatolati superando numerosi controlli e soddisfacendo le norme delle Autorità preposte in tutto il Mondo. 13
  • 14. I nostri recapiti 14

×