Your SlideShare is downloading. ×
0
Decreto crescita 2.0       (DL 179/2012)Le novità in materia di giustizia             digitale                         Bar...
Il quadro normativo  DL 179/2012 del 18.10.2012, pubblicato sulla    Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19.10.2012             ...
Art. 16    Biglietti di cancelleria,comunicazioni e notificazioni per         via telematica
Le modifiche al c.p.c.                                                            Art. 136.                               ...
Le modifiche al c.p.c.                                       Art. 45. Disposizioni di attuazione                          ...
Quando si perfeziona una comunicazione o una notifica telematica ?                           Art. 16 DM Giustizia 44/2011 ...
Cosa succede se la consegna non va a buon fine ? Fermo quanto previsto dallarticolo 20, comma 6, e salvo il caso fortuito ...
Le modifiche al c.p.c.                                                      Art. 149-bis. (1)                             ...
Il nuovo regime                                   Art. 16 comma 4Nei procedimenti civili le comunicazioni e le notificazio...
In caso di problemi: commi 6 e 86. Le notificazioni e comunicazioni per i soggetti per i quali lalegge prevede lobbligo di...
Entrata in vigore delle normea) immediata per le comunicazioni e le notificazioni a cura della cancelleria di cuisono dest...
Aumento dei diritti di copia cartaceiLart. 16 comma 15 modifica anche il TU spese di giustiza(DPR 115/2002) al quale è agg...
Gli obblighi per gli avvocati                                     Art. 20 DM 44/20111. Il gestore di posta elettronica cer...
Avv. Emilio Curci      www.emiliocurci.netwww.tecnologiaediritto.blogspot.it   emiliocurci@emiliocurci.net
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Le novità introdotte dal DL 179/2012 in materia di giustizia digitale

579

Published on

presentazione utilizzata per la relazione tenuta dall'Avv. Emilio Curci in data 22.11.2012 presso il Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Bari dal titolo "Le novità del DL Crescita 2.0 in tema di giustizia digitale"

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
579
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Che cosa succede se l’assegnatario di un dominio muore? La risposta è semplice: il dominio viene trasferito all’ “erede”! Nell’ipotesi di successione universale, l’erede dovrà inoltrare alla Registration Authority:1) i propri dati identificativi2) una dichiarazione sulla base della quale risulti essere erede universale del precedente assegnatario3) il certificato di morte di quest’ultimo Nell’ipotesi di successione particolare (quando cioè viene lasciato in eredità solo il dominio), la dichiarazione è sostituita da una copia della disposizione testamentaria
  • Afghanistan nel 2005. Su richiesta della famiglia del soldato la Probate Court della Oakland County del Michigan, ordinò al provider statunitense Yahoo di consegnare ai genitori tutta la corrispondenza giacente nella casella di posta elettronica dello sfortunato giovane militare. Una circostanza contribuì a rendere il caso particolarmente interessante sul piano giuridico: secondo le condizioni generali d’uso di Yahoo (così come quelle di molti altri gestori di posta e servizi on line), in caso di morte del titolare la casella deve essere soppressa insieme all’intero suo contenuto.
  • Transcript of "Le novità introdotte dal DL 179/2012 in materia di giustizia digitale"

    1. 1. Decreto crescita 2.0 (DL 179/2012)Le novità in materia di giustizia digitale Bari, 22 novembre 2012
    2. 2. Il quadro normativo DL 179/2012 del 18.10.2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19.10.2012 Sezione VI giustizia digitale Artt. 16, 17 e 18Non è possibile considerare internet, né tantomeno i social networkcome uno spazio virtuale sospeso nel vuoto delle regole giuridiche. in vigore dal 20.10.2012«Ciò che è illegale fuori della rete rimane illegale anche sulla rete». (in attesa di conversione)comunicazione della Commissione Europea del 16.10.1996
    3. 3. Art. 16 Biglietti di cancelleria,comunicazioni e notificazioni per via telematica
    4. 4. Le modifiche al c.p.c. Art. 136. (Comunicazioni) Il cancelliere, con biglietto di cancelleria (1) fa le comunicazioni che sono prescritte dalla legge o dal giudice al pubblico ministero, alle parti, al consulente, agli altri ausiliari del giudice e ai testimoni, e dà notizia di quei provvedimenti per i quali è disposta dalla legge tale forma abbreviata di comunicazione. Il biglietto è consegnato dal cancelliere al destinatario, che ne rilascia ricevuta, ovvero trasmesso a mezzo posta elettronica certificata, nel rispetto della normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici. (2) Salvo che la legge disponga diversamente, se non è possibile procedere ai sensi del comma che precede, il biglietto viene trasmesso a mezzo telefax, o è rimesso all’ufficiale giudiziario per la notifica. (3) (...) (4) (1) Le parole: "in carta non bollata" sono state soppresse dallart. 16, D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 (G.U. 19 ottobre 2012, n. 245), in attesa di conversione. (2) Comma modificato dalla L. n. 263/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006, e successivamente così sostituito dalla L. 12 novembre 2011, n. 183. (3) Comma aggiunto dalla L. n. 263/2005, con decorrenza dal 1 marzo 2006, e successivamente così sostituito dalla L. 12 novembre 2011, n. 183. (4) Il comma: "Tutte le comunicazioni alle parti devono essere effettuate con le modalità di cui al terzo comma." è stato aggiunto dal D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla L. 14 settembre 2011, n. 148 e successivamente abrogato dalla L. 12 novembre 2011, n. 183.
    5. 5. Le modifiche al c.p.c. Art. 45. Disposizioni di attuazione (Forma delle comunicazioni del cancelliere)Quando viene redatto su supporto cartaceo il biglietto, (1) col quale il cancelliere esegue le comunicazioni a norma dellarticolo 136 del codice, si compone di due parti uguali una delle quali deve essere consegnata al destinatario e laltra deve essere conservata nel fascicolo dufficio.Il biglietto contiene in ogni caso lindicazione dellufficio giudiziario, della sezione alla quale la causa è assegnata, dellistruttore se è nominato, del numero del ruolo generale sotto il quale
    6. 6. Quando si perfeziona una comunicazione o una notifica telematica ? Art. 16 DM Giustizia 44/2011 Comunicazioni per via telematicaLa comunicazione per via telematica si intende perfezionata nel momentoin cui viene generata la ricevuta di avvenuta consegna breve da parte delgestore di posta elettronica certificata del destinatario e produce gli effettidi cui agli articoli 45 e 48 del codice dellamministrazione digitale.
    7. 7. Cosa succede se la consegna non va a buon fine ? Fermo quanto previsto dallarticolo 20, comma 6, e salvo il caso fortuito o la forza maggiore, si procede ai sensi dellarticolo 51, comma 3 del decreto legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni, nel caso in cui viene generato un avviso di mancata consegna previsto dalle regole tecniche della posta elettronica certificata. Le ricevute di avvenuta consegna e gli avvisi di mancata consegna vengono conservati nel fascicolo informatico. DEPOSITO IN CANCELLERIA
    8. 8. Le modifiche al c.p.c. Art. 149-bis. (1) (Notificazione a mezzo posta elettronica)Se non è fatto espresso divieto dalla legge, la notificazione può eseguirsi a mezzo posta elettronica certificata, ancheprevia estrazione di copia informatica del documento cartaceo.Se procede ai sensi del primo comma, lufficiale giudiziario trasmette copia informatica dellatto sottoscritta con firmadigitale allindirizzo di posta elettronica certificata del destinatario risultante da pubblici elenchi o comunque accessibilialle pubbliche amministrazioni. (2)La notifica si intende perfezionata nel momento in cui il gestore rende disponibile il documento informatico nella caselladi posta elettronica certificata del destinatario.Lufficiale giudiziario redige la relazione di cui allarticolo 148, primo comma, su documento informatico separato,sottoscritto con firma digitale e congiunto allatto cui si riferisce mediante strumenti informatici, individuati con appositodecreto del Ministero della giustizia. La relazione contiene le informazioni di cui allarticolo 148, secondo comma,sostituito il luogo della consegna con lindirizzo di posta elettronica presso il quale latto è stato inviato.Al documento informatico originale o alla copia informatica del documento cartaceo sono allegate, con le modalitàpreviste dal quarto comma, le ricevute di invio e di consegna previste dalla normativa, anche regolamentare,concernente la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici trasmessi in via telematica.Eseguita la notificazione, lufficiale giudiziario restituisce allistante o al richiedente, anche per via telematica, lattonotificato, unitamente alla relazione di notificazione e agli allegati previsti dal quinto comma.(1) Articolo inserito dal D.L. 29 dicembre 2009, n. 193, convertito nella L. 22 febbraio 2010, n. 24.(2) Le parole: "o comunque accessibili alle pubbliche amministrazioni" sono state inserite dallart. 16, D.L. 18 ottobre2012, n. 179 (G.U. 19 ottobre 2012, n. 245), in attesa di conversione.
    9. 9. Il nuovo regime Art. 16 comma 4Nei procedimenti civili le comunicazioni e le notificazioni a cura della cancelleria sono effettu ate esclusi vamen te per via telema tica allindir izzo di posta elettro nica certific ata risulta nte da pubbli ci elench
    10. 10. In caso di problemi: commi 6 e 86. Le notificazioni e comunicazioni per i soggetti per i quali lalegge prevede lobbligo di munirsi di un indirizzo di postaelettronica certificata, che non hanno provveduto ad istituire ocomunicare il predetto indirizzo, sono eseguiteesclusivamente mediante deposito in cancelleria.Le stesse modalita si adottano nelle ipotesi di mancataconsegna del messaggio di posta elettronica certificata percause imputabili al destinatario.8. Quando non e possibile procedere ai sensi del comma 4 percausa non imputabile al destinatario, nei procedimenti civili siapplicano larticolo 136, terzo comma, e gli articoli 137 eseguenti del codice di procedura civile e, nei procedimentipenali, si applicano gli articoli148 e seguenti del codice diprocedura penale.
    11. 11. Entrata in vigore delle normea) immediata per le comunicazioni e le notificazioni a cura della cancelleria di cuisono destinatari i difensori, nei procedimenti civili pendenti dinanzi ai tribunali e allecorti dappello che, alla predetta data sono gia stati individuati dai decreti ministerialiprevisti dallarticolo 51, comma 2, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito,con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;b) dopo 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge diconversione per le comunicazioni e le notificazioni di cui alla lettera a), per iprocedimenti civili pendenti dinanzi ai tribunali ed alle corti di appello che alla data dientrata in vigore del presente decreto non sono stati individuati dai decretiministeriali previsti dallarticolo 51, comma 2, del decreto-legge 25 giugno 2008, n.112 convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;c) dopo 300 giorni dalla data di entrata in vigore della legge diconversione per le comunicazioni e le notificazioni di cui ai commi 4 e 7, dirette adestinatari diversi dai difensori nei procedimenti civili pendenti dinanzi ai tribunali edalle corti di appello;d) a decorrere dal quindicesimo giorno successivo a quello dellapubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana deidecreti di cui al comma 10 per le notificazioni a persona diversa dallimputato anorma degli articoli 148, comma 2-bis, 149, 150 e 151, comma 2, del codice diprocedura penale, e per gli ufficigiudiziari diversi dai tribunali e dalle corti dappello
    12. 12. Aumento dei diritti di copia cartaceiLart. 16 comma 15 modifica anche il TU spese di giustiza(DPR 115/2002) al quale è aggiunto allart. 40, il comma 1 terche prevede:"Limporto del diritto di copia, aumentato di dieci volte, édovuto per gli atti comunicati o notificati in cancelleria nei casiin cui la comunicazione o la notificazione al destinatario non sié resa possibile per causa a lui imputabile".
    13. 13. Gli obblighi per gli avvocati Art. 20 DM 44/20111. Il gestore di posta elettronica certificata del soggetto abilitato esterno, fermirestando gli obblighi previsti dal decreto del Presidente della Repubblica 11febbraio 2005, n.68 e dal decreto ministeriale 2 novembre 2005, recante «Regoletecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, dellaposta elettronica certificata», e tenuto ad adottare software antispam idoneo aprevenire la trasmissione di messaggi di posta elettronica indesiderati.2. Il soggetto abilitato esterno e tenuto a dotare il terminale informatico utilizzato disoftware idoneo a verificare lassenza di virus informatici per ogni messaggio inarrivo e in partenza e di software antispam idoneo a prevenire la trasmissione dimessaggi di posta elettronica indesiderati.3. Il soggetto abilitato esterno e tenuto a conservare, con ogni mezzoidoneo, le ricevute di avvenuta consegna dei messaggi trasmessi aldominio giustizia.4. La casella di posta elettronica certificata deve disporre di uno spazio discominimo definito nelle specifiche tecniche di cui allarticolo 34 (ovvero 1 GB,n.d.r.).5. Il soggetto abilitato esterno e tenuto a dotarsi di servizio automatico di avvisodellimminente saturazione della propria casella di posta elettronica certificata e averificare la effettiva disponibilità dello spazio disco a disposizione.
    14. 14. Avv. Emilio Curci www.emiliocurci.netwww.tecnologiaediritto.blogspot.it emiliocurci@emiliocurci.net
    1. A particular slide catching your eye?

      Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

    ×