• Save
Polarion UC 2010 - Reale Mutua Assicurazioni - Il Change Management Applicativo in ambiente distribuito
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Polarion UC 2010 - Reale Mutua Assicurazioni - Il Change Management Applicativo in ambiente distribuito

on

  • 742 views

 

Statistics

Views

Total Views
742
Views on SlideShare
742
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Polarion UC 2010 - Reale Mutua Assicurazioni - Il Change Management Applicativo in ambiente distribuito Polarion UC 2010 - Reale Mutua Assicurazioni - Il Change Management Applicativo in ambiente distribuito Presentation Transcript

  • Il Change Managemet Applicativo in ambiente distribuito POLARION USER CONFERENCE 2010 Badia di Campoleone Green Resort - Capolona (AR) 5 - 6 ottobre 2010Relatore: Roberto PadelloE-mail: roberto.padello@realemutua.itSito Internet: www.realemutua.it
  • Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni2
  • Reale Mutua Assicurazioni La più grande assicurazione in forma di mutua italiana •  Reale Mutua Assicurazioni è la più grande compagnia italiana in forma di mutua, autorizzata ad esercitare tutti i rami di assicurazione. •  Gli assicurati prendono il nome di “soci” e ricevono annualmente, su delibera del Consiglio di Amministrazione, i benefici di mutualità, ovvero sconti di polizza per i rami che hanno registrato le migliori performances nel corso dell’anno precedente. Dati di Reale Mutua •  Costituita il 31/12/1828: 180 anni di storia •  Sede Centrale: Torino •  1.235 dipendenti •  350 agenzie, dislocate su tutto il territorio nazionale •  Circa 1.430.000 soci-assicurati •  45 C.L.D. (Centri Liquidazione Danni) ubicati su tutto il territorio italiano3
  • Dati del Gruppo Reale Mutua Reale Mutua è Capogruppo di un Gruppo Italo – Spagnolo operante nei settori assicurativo, bancario ed in quelli derivati •  Dipendenti: circa 2.800 •  Agenzie: 850 (in Italia) •  Raccolta premi 2009: 3.375 milioni di Euro •  Utile 2009: 43 milioni di Euro •  Margine di solvibilità: 1.500 Milioni di Euro Le realtà italiane e quelle spagnole sono supportate da due funzioni informatiche distinte4
  • Il Gruppo RMA5
  • Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni6
  • Struttura della Direzione I.C.T. del Gruppo RMA Sistemi Informativi Integrazioni soluzioni IT Architetture Sicurezza e continuità del Gestione tecnica contratti business Governo IT Canali di vendita Servizi applicativi Servizi tecnologici7
  • Struttura della Direzione I.C.T. del Gruppo RMA Servizi applicativi Servizi e Danni Vita Test amministrazione Servizi tecnologici Gestione del Evoluzione Esercizio Servizi di supporto cambiamento tecnologica e della config.8
  • Ciclo di vita del software DEMAND MANAGER SERVIZI APPLICATIVI Accettazione richiesta Analisi e sviluppo ESERCIZIO TEST Modifica in produzione Verifica GESTIONE DEL CAMBIAMENTO E DELLA CONFIG. Approvazione change9
  • Ciclo di vita del pacchetto standard10
  • L’esigenza MAIN FRAME SISTEMI DISTRIBUITI SVILUPPO SVILUPPO UNIT UNIT INTEGRATION INTEGRATION INTEGRATION SYSTEM SYSTEM SYSTEM ESERCIZIO ESERCIZIO ESERCIZIO11
  • Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni12
  • Gli obiettivi degli interventi effettuati Gli interventi effettuati si sono basati POLARION, SUBVERSION e IBM TWS avvalendosi della consulenza di EMERASOFT. Gli obiettivi perseguiti si possono riassumere in: •  Uniformità del repository dei sorgenti •  Standardizzazione nella messa in produzione degli applicativi sui sistemi distribuiti •  Incremento della qualità obbligando il passaggio in tutta la filiera di test •  Conformità al modello organizzativo previsto •  Sincronizzazione dei passaggi in produzione tra ambienti diversi (in corso di realizzazione)13
  • Fasi progettuali Sono state avviate, in momenti successivi, due fasi progettuali con risultati concretamente misurabili: •  La prima fase ha visto la creazione di una banca del software utilizzando Subversion come unico repository per contenere tutti i sorgenti dei software applicativi che precedentemente erano dispersi in diversi contenitori. Questa fase ha messo al sicuro in nostro patrimonio software anche sul sito di Disaster Recovery. •  La seconda fase, attualmente in fase di roll out, consiste nell’inserimento in Polarion delle varie applicazioni gestite sull’ambiente distribuito rendendone il rilascio conforme con il modello organizzativo previsto.14
  • Come si lavorava prima … •  I sorgenti venivano depositati in vari contenitori, in casi estremi lo stesso pc dello sviluppatore •  I rilasci in test potevano avvenire in qualunque momento •  Non esisteva alcun modo di mettere in relazioni rilasci su diversi ambienti e/o applicazioni •  Il rilascio in Esercizio poteva essere effettuato senza il passaggio da test e non era in alcun modo legato all’attività batch •  Gli ambienti di test erano spesso indisponibili per via dei rilasci in corso •  Il coordinamento del rilascio in Esercizio avveniva solamente per via organizzativa e non strumentale15
  • … e come si è lavorato dopo •  I sorgenti sono su un unico repository replicato in sito di Disaster Recovery •  I rilasci in test avvengono in precisi momenti governati da applicazioni TWS •  Si possono creare dipendenze e legami tra rilasci di applicazioni anche in ambienti diversi •  Il rilascio in Esercizio avviene nella finestra notturna coordinato con l’attività batch attraverso il TWS •  Gli ambienti di test sono stabili •  Il coordinamento dei rilasci viene coadiuvato dagli strumenti •  Il gestore dei rilasci ha sotto controllo la situazione16
  • Come lo abbiamo fatto INTEGRATION SYSTEM ESERCIZIO17
  • Attività su Polarion •  Integration Testing •  Test Waiting for Approval •  System Testing •  Waiting for Test •  Production Deploy •  Test Running •  Test completed | Test Failed •  Closed18
  • Ruoli e funzionalità assegnate Sono stati definiti su Polarion alcuni ruoli per la gestione del pacchetto di rilascio: •  Sviluppatore: può creare un nuovo work item e inserire il deploy e richiedere il rilascio in un ambiente di test •  Responsabile dell’applicazione: oltre alle fasi precedenti può decidere di saltare l’ambiente di integration e system e richiedere il passaggio in esercizio •  Change manager: approva il passaggio nei vari ambienti19
  • Cosa avviene in pratica Creazione pacchetto Richiesta Deploy Approvazione Deploy Pronto per il Deploy si si Deploy OK? Esercizio Test OK? no no Closed Closed20
  • Cosa avviene in pratica Creazione pacchetto Richiesta Deploy Approvazione Deploy Il Deploy avviene attraverso il TWS che, Pronto per in orari prestabiliti, analizza i rilasci da il Deploy effettuare, li raggruppa per application si server e predispone i task e le siapplicazioni per realizzare l’installazione. Deploy OK? Esercizio Test OK? Al termine verifica il risultato e lo no no comunica a Polarion modificando lo stato del workitem. Closed Closed21
  • Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni22
  • Esperienze future •  L’introduzione della build con controllo di qualità •  La gestione dei test •  Il collegamento con il sistema di demand e ticketing •  La gestione delle change tecnologiche •  La gestione del CMDB23