Polarion UC 2010 - Reale Mutua Assicurazioni - Il Change Management Applicativo in ambiente distribuito

890 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
890
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Polarion UC 2010 - Reale Mutua Assicurazioni - Il Change Management Applicativo in ambiente distribuito

  1. 1. Il Change Managemet Applicativo in ambiente distribuito POLARION USER CONFERENCE 2010 Badia di Campoleone Green Resort - Capolona (AR) 5 - 6 ottobre 2010Relatore: Roberto PadelloE-mail: roberto.padello@realemutua.itSito Internet: www.realemutua.it
  2. 2. Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni2
  3. 3. Reale Mutua Assicurazioni La più grande assicurazione in forma di mutua italiana •  Reale Mutua Assicurazioni è la più grande compagnia italiana in forma di mutua, autorizzata ad esercitare tutti i rami di assicurazione. •  Gli assicurati prendono il nome di “soci” e ricevono annualmente, su delibera del Consiglio di Amministrazione, i benefici di mutualità, ovvero sconti di polizza per i rami che hanno registrato le migliori performances nel corso dell’anno precedente. Dati di Reale Mutua •  Costituita il 31/12/1828: 180 anni di storia •  Sede Centrale: Torino •  1.235 dipendenti •  350 agenzie, dislocate su tutto il territorio nazionale •  Circa 1.430.000 soci-assicurati •  45 C.L.D. (Centri Liquidazione Danni) ubicati su tutto il territorio italiano3
  4. 4. Dati del Gruppo Reale Mutua Reale Mutua è Capogruppo di un Gruppo Italo – Spagnolo operante nei settori assicurativo, bancario ed in quelli derivati •  Dipendenti: circa 2.800 •  Agenzie: 850 (in Italia) •  Raccolta premi 2009: 3.375 milioni di Euro •  Utile 2009: 43 milioni di Euro •  Margine di solvibilità: 1.500 Milioni di Euro Le realtà italiane e quelle spagnole sono supportate da due funzioni informatiche distinte4
  5. 5. Il Gruppo RMA5
  6. 6. Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni6
  7. 7. Struttura della Direzione I.C.T. del Gruppo RMA Sistemi Informativi Integrazioni soluzioni IT Architetture Sicurezza e continuità del Gestione tecnica contratti business Governo IT Canali di vendita Servizi applicativi Servizi tecnologici7
  8. 8. Struttura della Direzione I.C.T. del Gruppo RMA Servizi applicativi Servizi e Danni Vita Test amministrazione Servizi tecnologici Gestione del Evoluzione Esercizio Servizi di supporto cambiamento tecnologica e della config.8
  9. 9. Ciclo di vita del software DEMAND MANAGER SERVIZI APPLICATIVI Accettazione richiesta Analisi e sviluppo ESERCIZIO TEST Modifica in produzione Verifica GESTIONE DEL CAMBIAMENTO E DELLA CONFIG. Approvazione change9
  10. 10. Ciclo di vita del pacchetto standard10
  11. 11. L’esigenza MAIN FRAME SISTEMI DISTRIBUITI SVILUPPO SVILUPPO UNIT UNIT INTEGRATION INTEGRATION INTEGRATION SYSTEM SYSTEM SYSTEM ESERCIZIO ESERCIZIO ESERCIZIO11
  12. 12. Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni12
  13. 13. Gli obiettivi degli interventi effettuati Gli interventi effettuati si sono basati POLARION, SUBVERSION e IBM TWS avvalendosi della consulenza di EMERASOFT. Gli obiettivi perseguiti si possono riassumere in: •  Uniformità del repository dei sorgenti •  Standardizzazione nella messa in produzione degli applicativi sui sistemi distribuiti •  Incremento della qualità obbligando il passaggio in tutta la filiera di test •  Conformità al modello organizzativo previsto •  Sincronizzazione dei passaggi in produzione tra ambienti diversi (in corso di realizzazione)13
  14. 14. Fasi progettuali Sono state avviate, in momenti successivi, due fasi progettuali con risultati concretamente misurabili: •  La prima fase ha visto la creazione di una banca del software utilizzando Subversion come unico repository per contenere tutti i sorgenti dei software applicativi che precedentemente erano dispersi in diversi contenitori. Questa fase ha messo al sicuro in nostro patrimonio software anche sul sito di Disaster Recovery. •  La seconda fase, attualmente in fase di roll out, consiste nell’inserimento in Polarion delle varie applicazioni gestite sull’ambiente distribuito rendendone il rilascio conforme con il modello organizzativo previsto.14
  15. 15. Come si lavorava prima … •  I sorgenti venivano depositati in vari contenitori, in casi estremi lo stesso pc dello sviluppatore •  I rilasci in test potevano avvenire in qualunque momento •  Non esisteva alcun modo di mettere in relazioni rilasci su diversi ambienti e/o applicazioni •  Il rilascio in Esercizio poteva essere effettuato senza il passaggio da test e non era in alcun modo legato all’attività batch •  Gli ambienti di test erano spesso indisponibili per via dei rilasci in corso •  Il coordinamento del rilascio in Esercizio avveniva solamente per via organizzativa e non strumentale15
  16. 16. … e come si è lavorato dopo •  I sorgenti sono su un unico repository replicato in sito di Disaster Recovery •  I rilasci in test avvengono in precisi momenti governati da applicazioni TWS •  Si possono creare dipendenze e legami tra rilasci di applicazioni anche in ambienti diversi •  Il rilascio in Esercizio avviene nella finestra notturna coordinato con l’attività batch attraverso il TWS •  Gli ambienti di test sono stabili •  Il coordinamento dei rilasci viene coadiuvato dagli strumenti •  Il gestore dei rilasci ha sotto controllo la situazione16
  17. 17. Come lo abbiamo fatto INTEGRATION SYSTEM ESERCIZIO17
  18. 18. Attività su Polarion •  Integration Testing •  Test Waiting for Approval •  System Testing •  Waiting for Test •  Production Deploy •  Test Running •  Test completed | Test Failed •  Closed18
  19. 19. Ruoli e funzionalità assegnate Sono stati definiti su Polarion alcuni ruoli per la gestione del pacchetto di rilascio: •  Sviluppatore: può creare un nuovo work item e inserire il deploy e richiedere il rilascio in un ambiente di test •  Responsabile dell’applicazione: oltre alle fasi precedenti può decidere di saltare l’ambiente di integration e system e richiedere il passaggio in esercizio •  Change manager: approva il passaggio nei vari ambienti19
  20. 20. Cosa avviene in pratica Creazione pacchetto Richiesta Deploy Approvazione Deploy Pronto per il Deploy si si Deploy OK? Esercizio Test OK? no no Closed Closed20
  21. 21. Cosa avviene in pratica Creazione pacchetto Richiesta Deploy Approvazione Deploy Il Deploy avviene attraverso il TWS che, Pronto per in orari prestabiliti, analizza i rilasci da il Deploy effettuare, li raggruppa per application si server e predispone i task e le siapplicazioni per realizzare l’installazione. Deploy OK? Esercizio Test OK? Al termine verifica il risultato e lo no no comunica a Polarion modificando lo stato del workitem. Closed Closed21
  22. 22. Agenda   Il Gruppo Reale Mutua   Il contesto organizzativo e tecnologico   Gli interventi progettuali per il Change Management   Possibili evoluzioni22
  23. 23. Esperienze future •  L’introduzione della build con controllo di qualità •  La gestione dei test •  Il collegamento con il sistema di demand e ticketing •  La gestione delle change tecnologiche •  La gestione del CMDB23

×