Your SlideShare is downloading. ×
ChiesaOrtodossa_5A
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

ChiesaOrtodossa_5A

567
views

Published on

Published in: Spiritual

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
567
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. DI LISA FANARI E BEATRICE MOFFA
  • 2. La chiesa ortodossa, che insieme a quella cattolica e protestante sono dette chiese “sorelle”, è una delle manifestazioni più importanti del Cristianesimo; quella cattolica, attualmente fa riferimento a Papa Francesco e quella ortodossa ha come riferimento il patriarca Michele I Cerulario . INTRODUZIONE
  • 3. Il Cristianesimo è una religione monoteistica che si basa sulla nascita di Gesù di Nazareth, figlio del Dio d’Israele, incarnato, morto e risorto per la salvezza di tutti gli uomini (il Messia).
  • 4. I cristiani sono uniti dalla fede nella CHIESA, nella quale si entra mediante il BATTESIMO.
  • 5. LIBRO SACRO è la BIBBIA divisa in Antico e Nuovo Testamento. I cristiani la considerano PAROLA DI DIO
  • 6. IL GRANDE SCISMA Per molteplici ragioni storiche, politiche e dottrinali la Chiesa nel corso dei secoli si è divisa in: Chiesa cattolica, ortodossa e protestante. Decaduto l’impero romano (476 d.C.), tutta la vita sociale, religiosa e politica di quei luoghi si sposta lentamente verso l’Oriente, in particolare nella città di Costantinopoli. Qui nasce la Chiesa, con grandi ed importanti comunità cristiane e dove si sono svolti i primi Concili ecumenici. Intorno all’anno 1000 d.C. le incomprensioni all’interno della chiesa si fanno sempre più profonde e Papa Leone IX manda nella città una delegazione, capeggiata dal Cardinale Umberto al fine di riappacificare gli animi con il Patriarca di Costantinopoli (Michele Cerulario), ma purtroppo gli effetti risultano opposti a quelli sperati: infatti si scomunicarono a vicenda il 16 luglio del 1054 d.C. . Questo evento è denominato “Il grande scisma”, ovvero la divisione all’interno della Chiesa tra Cristiani d’Oriente e quelli dell’Occidente. Da questo momento si parlerà di Cristiani Cattolici e di Cristiani Ortodossi.
  • 7. Il termine ortodosso, significa «Retta Dottrina»
  • 8. I fedeli delle chiese ortodosse sono circa 200 milioni, l’8% di tutti i cristiani. La maggior parte degli ortodossi (48%) vive nella Russia europea, il 37% in Grecia, in Bulgaria, in Romania e in Serbia. Altri negli Stati Uniti. DIFFUSIONE
  • 9. LE CHIESE: Divise da Roma dal 1054, professano, insieme alla Chiesa cattolica, la fede in Cristo, nella Trinità, nella Bibbia. Si dividono in: AUTOCEFALE: (cioè aventi in sé il proprio capo) queste comunità sono in comunione fra loro, ma agiscono indipendentemente le une dalle altre scegliendo i propri vescovi, compreso il patriarca o il metropolita o l’arcivescovo. AUTONOME: si amministrano da sole, ma il loro metropolita viene consacrato da una Chiesa autocefala.
  • 10. I SIMBOLI • Croce a tre braccia (riferimento alla Trinità) loro pensano che Gesù abbia due chiodi nei piedi • Buon pastore, ancora, pesce, agne llo, pellicano, pane e vino. • Le icone hanno un posto privilegiato ("rendono presente" il mistero di Dio).
  • 11. • Gli ortodossi danno particolare risalto alla resurrezione, alla Trinità e allo Spirito Santo che, a differenza del credo cattolico, ritengono procedente dal Padre attraverso il Figlio. • Riconoscono il sacerdozio, l’episcopato, la vita monastica e il culto dei santi. Un’attenzione particolare è riservata a Maria, riconosciuta come "Tuttasanta", "Immacolata", "Senza macchia", venerata come Madre di Dio e sempre raffigurata insieme a Gesù. LA DOTTRINA
  • 12. La funzione religiosa si svolge la domenica in Chiesa. Quando entrano, fanno per tre volte il segno della croce con la mano destra, riunendo il pollice, l'indice e il medio allungati, mentre l’anulare e il mignolo sono ripiegati assieme in fondo al palmo. Quindi, venerano l'icona in mezzo alla chiesa, l'icona di Cristo a destra e l'icona della Madre di Dio a sinistra. Fanno ogni volta il segno della croce e si inchinano prima di baciare l'icona. IL CULTO
  • 13. Bisogna attendere la fine della Liturgia e andare a baciare la Croce nella mano del prete. Dopo la Croce, baciano la mano del prete, che attraverso l'ordinazione ha ricevuto la grazia di Dio che trasmette agli altri. Dopo la comunione, si ascolta attentamente le preghiere di ringraziamento che si leggono alla fine della Liturgia. L’Eucarestia è celebrata con grande solennità: uso di incenso, canti, benedizioni, luci di candele. Durante la consacrazione, il sacerdote è nascosto da un paravento chiamato iconostasi. La comunione è somministrata sotto le specie del pane e del vino. Il pane è lievitato. IL CULTO
  • 14. Gli ortodossi durante la lettura del Vangelo devono inclinare il capo in segno di ascolto attento così come quando i doni sono portati al tavolo della preparazione al Santo Altare. Si mettono in ginocchio e abbassano il capo fino a terra per esprimere la penitenza. iconografia ortodossa rappresentante Cristo e i 12 apostoli, risalente al XVI secolo, conservata al Museo bizantino di Atene. IL CULTO
  • 15. Gli ortodossi hanno gli stessi sacramenti dei cattolici. Il rito del Battesimo prevede la triplice immersione. I preti ortodossi, "Pope", possono essere anche sposati, a differenza dei vescovi e dei monaci. Le chiese ortodosse russa e serba seguono il calendario giuliano e celebrano il Natale il 7 gennaio, e la Pasqua la domenica successiva alla Pasqua cattolica. IL CULTO
  • 16. ALCUNE DIFFERENZE IN SINTESI • Le differenze tra cattolicesimo e ortodossia risultano essere sottili, ma comunque non rappresentano poca cosa: I SETTE SECRAMENTI • Battesimo: è valido solo per triplice immersione. La formula non dice: "Io ti battezzo", ma: "Tu sei battezzato" (la formula è passiva anche nella confessione, in quanto il sacerdote si deve sentire semplice "strumento di Dio"). • Confessione: i preti sono visti come padri spirituali (terapia dell’amicizia) • Comunione: la fanno fare anche ai bambini piccoli. L’ostia può essere somministrata solo da un prete ortodosso. Viene offerta con pane fermentato e vino rosso • Cresima: la può celebrare anche un prete • Matrimonio: indossano una corona che simboleggia quella indossata da Gesù • Estrema unzione: la danno anche a chi soffre • Ordine: i preti si possono sposare e la chiamano tonsura monastica LA VERGINE MARIA: gli ortodossi negano il dogma dell’Immacolata Concezione, affermando che la Vergine sarebbe stata concepita con il peccato originale, ma che poi sarebbe stata purificata al momento del concepimento del Verbo Incarnato.
  • 17. DIGIUNO E QUARESIME. Nei giorni di digiuno non mangiano cibi di origine animale, quindi niente carne, pesce, uova, latticini (formaggio, latte). Non bevono vino, e non usano olio d'oliva negli alimenti. Vino e olio d'oliva sono sempre permessi al sabato e alla domenica. Il pesce è permesso nelle feste dell'Annunciazione e della Domenica delle Palme . I quattro periodi di digiuno sono: •La Grande Quaresima - 6 settimane prima di Pasqua •La Quaresima dei Santi Apostoli - da 8 giorni dopo Pentecoste fino alla festa degli Apostoli Pietro e Paolo (29 giugno / 12 luglio) •La Quaresima della Dormizione – due settimane prima della Dormizione della Madre di Dio (15 / 28 agosto) •La Quaresima del Natale - sei settimane prima della Natività (25 dicembre / 7 gennaio).
  • 18. I MINISTRI DI CULTO
  • 19. INDUMENTI SACRI TIPICI IL DIACONO È il primo dei cosiddetti "Ordini Maggiori". Con quelli che lo seguono (Presbiterato, Episcopato) è di certa istituzione apostolica. Ha generalmente una funzione ecclesiastica di assistenza e servizio (dal greco = diakonia). Nelle Celebrazioni liturgiche unisce il popolo al presbitero. Segni liturgici diaconali: 1. STICARIO Corrisponde alla Dalmatica occidentale 2. ORARIO Corrisponde alla Stola diaconale occidentale 3. SOPRAMMANICHE (Epimanikia) Sono delle fasce di stoffa con una croce ricamanta. La loro funzione è quella di mantenere le maniche aderenti al polso. (Nella figura non sono visibili).
  • 20. IL SUDDIACONO Aiuta nella liturgia il Diacono. È il secondo dei cosiddetti “Ordini Minori”. Anche se non pare di istituzione apostolica la sua origine è molto antica. il Suddiaconato si rese quasi subito necessario per aiutare il Diacono nelle onerose incombenze di servizio verso la Comunità cristiana dei primi secoli.
  • 21. IL PRESBITERO Il termine Presbyteros significa anziano. Il suo compito è quello di amministrare tutti i Sacramenti (tranne quello dell'Ordine) per la crescita spirituale di tutti i cristiani. Segni liturgici presbiterali: 1. TUNICA Corrisponde al Camice occidentale 2. STOLA Corrisponde alla Stola presbiterale occidentale 3. SOPRAMMANICHE Non sono visibili nel disegno 4. EPIGONATIO Indica la dignità dell'Arciprete 5. CINTURA Corrisponde al Cingolo occidentale e serve per stringere al corpo la stola. 6. FELONIO Corrisponde alla Casula occidentale. Le antiche Casule occidentali erano quasi identiche a quelle orientali. Nell'Impero Romano quest'abbigliamento aveva una funzione di soprabito.
  • 22. L'EPISCOPO L'Episcopo, o Vescovo, è colui che "scruta dall'alto" (dal gr. episkopos). Il suo compito è quello di reggere la Diocesi che gli è stata affidata mantenendola fedele al Vangelo e alla Tradizione ecclesiastica. Amministra per questo anche il Sacramento dell'Ordine con il quale può fare Diaconi e Presbiteri. Segni liturgici episcopali: 1. EPIGONATIO 2. SACCO Questo paramento è simile a quello che aveva l'Imperatore costantinopolitano quando assisteva alle Liturgie 3. OMOFORIO Segno distintivo episcopale. Corrisponde al Pallio utilizzato dai Metropoliti occidentali. 4. MITRA La foggia di questo copricapo emula il Diadema dell'Imperatore costantinopolitano 5. PASTORALE Questo tipo di pastorale era anche quello occidentale del primo millennio.
  • 23. LA CHIESA ORTODOSSA LA CHIESA CATTOLICA
  • 24. IL CREDO ORTODOSSO Credo in un unico Dio, Padre onnipotente, Creatore del cielo e della terra, e di tutte le realtà sia visibili che invisibili. E un unico Signore: Gesù Cristo, il Figlio di Dio, l'unigenito, il generato dal Padre prima di tutti i secoli. Luce da Luce; Dio vero da Dio vero; generato, non creato; coessenziale al Padre; mediante cui tutte le realtà presero esistenza. Che per noi uomini e per la nostra salvezza discese dai cieli e si incarnò dallo Spirito santo e dalla Vergine Maria, e si fece uomo. E fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, e soffrì, e fu sepolto. E risuscitò il terzo giorno, secondo le Scritture. E risalì ai cieli e siede alla destra del Padre. E di nuovo verrà con gloria a giudicare i vivi e i morti; il cui regno non avrà fine. E nello Spirito, che è santo, Signore, vivifico, procede dal Padre, insieme con il Padre e con il Figlio è adorato e glorificato, parlò per mezzo dei Profeti. Ed un'unica, santa, cattolica e apostolica Chiesa. Confesso un unico Battesimo per la remissione dei peccati. Aspetto la risurrezione dei morti. E la vita del secolo venturo. Amen.
  • 25. IL CREDO CATTOLICO Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore Gesù Cristo unigenito figlio di Dio nato dal Padre prima di tutti i secoli. Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre. Per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto e il terzo giorno è resuscitato secondo le Scritture ed è salito al Cielo e siede alla destra del Padre e di nuovo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti ed il suo Regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo che è Signore e dà la vita e procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre ed il Figlio è adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti. Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica. Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati e aspetto la resurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen.