Storia della Pedagogia 03

9,015 views
8,802 views

Published on

Corso di Storia della Pedagogia

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
9,015
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
341
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Storia della Pedagogia 03

  1. 1. CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Prof.ssa Eleonora Guglielman SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico Pedagogia e Scienze dell’Educazione nella cultura contemporanea
  2. 2. 03. Le teorie del curricolo
  3. 3. Le teorie del curricolo <ul><li>Negli anni ’50 vengono condotti degli studi per definire un modello scolastico mirato al potenziamento dell’intelligenza tramite a una speciale attenzione alla costruzione dell’itinerario formativo o curricolo </li></ul>
  4. 4. Obiettivi delle teorie del curricolo <ul><li>innalzare il livello del successo formativo </li></ul><ul><li>superare le disuguaglianze iniziali fra gli allievi </li></ul><ul><li>migliorare le metodologie didattiche dal punto di vista sia dell’insegnamento sia dell’apprendimento </li></ul>
  5. 5. B.S. Bloom <ul><li>Il più noto sostenitore del Mastery Learning si occupa anche del curricolo in due direzioni: gli obiettivi e le prassi didattiche . </li></ul><ul><li>Nella definizione degli obiettivi si determinano in criteri di individuazione dei contenuti, delle procedure didattiche e delle prove di verifica. </li></ul>
  6. 6. Le variabili prese in considerazione <ul><li>caratteristiche dell’allievo </li></ul><ul><li>istruzione </li></ul><ul><li>risultati dell’apprendimento </li></ul><ul><li>cognitive </li></ul><ul><li>affettive </li></ul><ul><li>psicomotorie </li></ul><ul><li>apprendimento </li></ul><ul><li>qualità dell’istruzione </li></ul><ul><li>risultati </li></ul><ul><li>ritmi apprenditivi </li></ul>
  7. 7. Le tassonomie <ul><li>Nel 1956 Bloom elabora tre tassonomie (classificazioni) delle abilità e competenze. Le tassonomie riguardano tre dimensioni: affettiva, cognitiva e psicologica. </li></ul><ul><li>Le tassonomie nascono dall’analisi comportamentista dell’insegnamento. </li></ul>
  8. 8. I presupposti di una tassonomia: <ul><li>Ogni obiettivo deve riguardare esclusivamente lo sviluppo di una capacità specifica </li></ul><ul><li>Gli obiettivi sono disposti secondo una difficoltà crescente: la capacità precedente è propedeutica a quella successiva sul piano apprenditivo. </li></ul>
  9. 9. La tassonomia degli obiettivi cognitivi è quella che ha conosciuto maggiore successo tassonomie cognitiva affettiva psicologica
  10. 10. Le 6 dimensioni della tassonomia di Bloom <ul><li>Valutazione </li></ul><ul><li> Sintesi </li></ul><ul><li> Analisi </li></ul><ul><li> Applicazione </li></ul><ul><li>Comprensione </li></ul><ul><li>Conoscenza </li></ul>
  11. 11. CONOSCENZA <ul><li>Capacità di richiamare informazioni e dati precedentemente memorizzati a prescindere se l’allievo abbia o no compreso effettivamente il loro significato </li></ul><ul><li>Esempio: l’allievo conosce la data di un particolare evento </li></ul>
  12. 12. COMPRENSIONE <ul><li>Capacità di cogliere il significato di una conoscenza e saperla esprimere in una forma diversa da quella in cui è stata acquisita. </li></ul><ul><li>Esempio: saper tradurre l’enunciazione di un teorema dalla forma verbale a quella simbolica o viceversa. </li></ul>
  13. 13. APPLICAZIONE <ul><li>Capacità di impiegare nozioni e concetti conosciuti per risolvere problemi nuovi </li></ul>
  14. 14. ANALISI <ul><li>Capacità di scomporre in elementi un problema o un discorso, per evidenziarne le parti costitutive e per individuare le relazioni che intercorrono tra le parti </li></ul>
  15. 15. SINTESI <ul><li>Capacità di riunire elementi differenti di conoscenza per formare una nuova struttura unitaria organizzata. </li></ul><ul><li>Esempio: realizzazione di un elaborato scritto </li></ul>
  16. 16. VALUTAZIONE <ul><li>Capacità di formulare giudizi di valore esplicitando in base all’evidenza interna (es. giudicare un’opera d’arte basandoli sulle sue caratteristiche proprie osservabili) o in base a criteri esterni (es. il valore dell’opera d’arte è determinato dalla sua collocazione in una corrente artistica, in un periodo storico, ecc.). </li></ul>
  17. 17. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/deed.it

×