Your SlideShare is downloading. ×
E-LEARNING ACCESSIBILE. Progettare per l'inclusione con l'Universal Design.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

E-LEARNING ACCESSIBILE. Progettare per l'inclusione con l'Universal Design.

754
views

Published on

Presentazione al IX Convegno Nazionale Società Italiana di e-Learning, Roma, 13 dicembre 2013.

Presentazione al IX Convegno Nazionale Società Italiana di e-Learning, Roma, 13 dicembre 2013.


0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
754
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
30
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. E-LEARNING ACCESSIBILE Progettare per l’inclusione con l’Universal Design ELEONORA GUGLIELMAN
  • 2. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Alcune premesse • Sempre più Università offrono corsi interamente online o blended, con ricorso ad attività collaborative e di interazione sociale • L’accesso alle tecnologie da parte di tutte le persone, comprese quelle con disabilità, costituisce una priorità nazionale ed europea • A tutti gli studenti deve essere garantito il pieno accesso a tutte le attività didattiche, sia in presenza sia online • 2 milioni 600mila persone con disabilità in Italia, 12.403 dei quali iscritti all’Università (2007-08, dati Istat e Miur)
  • 3. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Studenti con disabilità all’Università Incremento degli studenti con disabilità: +91,8% in sei anni accademici. Macrocategorie di disabilità: •Cecità e disabilità visive •Sordità e disabilità uditive •DSA •Disabilità motorie •Difficoltà mentali
  • 4. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 L’accessibilità: che cos’è? L’accessibilità è la capacità di un dispositivo, risorsa o servizio di essere fruibile con facilità da qualsiasi utente. A livello tecnologico il concetto si declina principalmente in 3 aree: Ausili e tecnologie assistive Piattaforme e-learning Standard web e software
  • 5. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Due dimensioni di accessibilità Esistono due dimensioni dell’accessibilità; solo la prima, l’accessibilità tecnologica, è adeguatamente definita e realizzata attraverso standard e parametri Accessibilità tecnologica Accessibilità tecnologica (accesso ad hardware e software): (accesso ad hardware e software): Accessibilità dei siti web, delle Accessibilità dei siti web, delle piattaforme e-learning, dei piattaforme e-learning, dei contenuti contenuti WCAG 2.0, ISO 9241, IBM, ETSI, IMS WCAG 2.0, ISO 9241, IBM, ETSI, IMS Accessibilità metodologicoAccessibilità metodologicodidattica: didattica: Accesso aacontenuti e risorse Accesso contenuti e risorse Accesso aastrumenti di Accesso strumenti di interazione e collaborazione interazione e collaborazione (chat, forum, wiki, blog) (chat, forum, wiki, blog) Accesso alle attività: laboratori, Accesso alle attività: laboratori, lavori collaborativi, discussioni, lavori collaborativi, discussioni, simulazioni simulazioni
  • 6. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Tre livelli di accessibilità Esistono diversi livelli di accessibilità, ciascuno dei quali costituisce il presupposto per quelli successivi Accesso alle attività Accesso ai contenuti Accesso al VLE Effettuare il login Effettuare il login Entrare nella Entrare nella Home Page Home Page Navigare Navigare Leggere le Leggere le informazioni informazioni Leggere testi Leggere testi Convertire ii contenuti Convertire contenuti in altri formati in altri formati Effettuare download di Effettuare download di contenuti (PDF, DOC, contenuti (PDF, DOC, PTT, materiali PTT, materiali multimediali) multimediali) Comunicare Comunicare Interagire Interagire Collaborare Collaborare Condividere saperi Condividere saperi Costruire collettivamente Costruire collettivamente nuovi significati nuovi significati Utilizzare gli strumenti del Utilizzare gli strumenti del web 2.0 web 2.0
  • 7. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Ipotesi di lavoro Formulare linee guida per la progettazione di corsi e-learning accessibili sia in senso tecnologico sia in senso metodologico-didattico può efficacemente contribuire a una piena partecipazione degli studenti con bisogni educativi speciali Linee guida dinamiche, flessibili e impostate secondo il paradigma dell’Universal Design consentono l’accesso: a)Alla piattaforma b) Ai contenuti c) Alle attività
  • 8. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Universal Design Universal Design (UD): Servizi e ambienti devono essere progettati in modo che siano accessibili e usabili per tutti Nasce in ambito architettonico alla fine degli anni ‘80; si basa sui principi di equità e inclusione, è coerente con gli approcci della social justice education e della multicultural education A fianco dell’UD si è sviluppato, nello stesso periodo, il Design for All, introdotto per la prima volta nel 1995 nell’assemblea generale dell’European Institute for Design and Disability e adottato dalla Commissione Europea a partire dal 2000, anno in cui è stato inserito nel 5° Programma Quadro in quanto una delle cinque linee strategiche trasversali di ricerca.
  • 9. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Principi dell’UD 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. uso equo: progettare per l’usabilità in modo che tutti possano avere le stesse possibilità, facendolo in modo identico per tutti dove possibile e in modo equivalente dove no; uso flessibile: far sì che quanto progettato si adegui alle preferenze e alle capacità delle persone; uso semplice e intuitivo: progettare in modo comprensibile, a prescindere dall’esperienza, la conoscenza e la lingua degli utenti; informazioni facili da percepire: le informazioni devono raggiungere l’utente in modo efficace, a prescindere dalle sue capacità sensoriali o dalle condizioni ambientali; tolleranza per l’errore: ridurre al minimo le conseguenze di azioni accidentali o non intenzionali; minimo sforzo fisico: l’interazione con l’ambiente deve essere efficiente, confortevole e richiedere la minima fatica; dimensioni e spazio adeguati all’approccio e all’uso: massimizzare l’approccio e le capacità di manipolazione a prescindere dalla taglia, la postura e la mobilità dell’utente
  • 10. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Declinazioni in campo educativo Possiamo individuare 5 diversi approcci progettuali derivanti dall’UD: •Universal Design for Instruction •Universal Design for Learning •Universal Course Design •Universal Instructional Design. Si tratta di approcci analoghi e complementari, che hanno dato vita a framework diversi ma tutti basati basati sui medesimi principi
  • 11. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Universal Design for Learning L’Universal Design for Learning (UDL) è un paradigma educativo basato sulla ricerca nelle scienze educative e nelle neuroscienze e sull’apporto che le tecnologie possono offrire, e si fonda sull’idea di sviluppare ambienti di apprendimento flessibili all’interno dei quali accomodare le differenze di apprendimento individuali. A differenza degli altri approcci, non è una “traduzione” a livello educativo dei principi dell’UD, pur ispirandosi ad essi.
  • 12. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Fondamenti dell’UDL Il modello strutturale riproduce tre reti neuronali per l’apprendimento: Le reti di riconoscimento (percepire e attribuire significato ai modelli, comprendere informazioni, idee e concetti) Le reti strategiche (generare e controllare i modelli mentali e motori) Le reti emozionali (valutare i modelli e attribuire ad essi un significato emotivo).
  • 13. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Principi dell’UDL I principi dell’UDL sono stati elaborati negli anni ’90 : •fornire molteplici modalità di rappresentazione per dar modo allo studente di acquisire conoscenze e informazioni in diversi modi; •fornire molteplici modalità di azione ed espressione per dare agli studenti la possibilità di dimostrare ciò che sanno in diversi modi; •fornire molteplici modalità di coinvolgimento per rispondere agli interessi degli studenti, motivandoli ad apprendere.
  • 14. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Metodologia di ricerca Ricerca qualitativa di tipo costruttivista, con ricorso a strumenti sia quantitivi sia qualitativi Rilevazioni dei dati:
  • 15. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 L’indagine Web survey: 112 esperti, Web survey: 112 esperti, tutti utilizzatori a vario tutti utilizzatori a vario titolo di piattaforme e titolo di piattaforme e risorse di e-learning. Il 62% risorse di e-learning. Il 62% ha seguito o erogato corsi ha seguito o erogato corsi online in ambito online in ambito universitario. universitario. Dalla web survey emerge una forte Dalla web survey emerge una forte sensibilità verso il tema sensibilità verso il tema dell’accessibilità in chiave dell’accessibilità in chiave metodologico-didattica (formati metodologico-didattica (formati alternativi, attività universalmente alternativi, attività universalmente accessibili) accessibili)
  • 16. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 In che direzione lavorare per l’accessibilità? Sia la web survey sia l’intervista ai 9 testimoni privilegiati confermano che è necessario progettare ambiente e attività secondo linee guida flessibili e dinamiche per l’accessibilità metodologico-didattica E’ fondamentale il supporto in piattaforma da parte di tutor, docenti e impatta sulle non personale dei servizi disabilità: l’accessibilità impatta sulle persone, non solo sulla tecnologia
  • 17. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Il framework
  • 18. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Le linee guida
  • 19. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Panoramica delle linee guida
  • 20. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Linee guida generiche
  • 21. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Linee guida DSA
  • 22. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Comparazione con linee guida UD
  • 23. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Conclusioni e sviluppi Il presente lavoro costituisce uno studio preliminare e un tentativo di dare i primi contributi per la realizzazione di linee guida che forniscano indicazioni strategiche e operative per la realizzazione di attività didattiche online accessibili. In seguito sarà necessario: ••Declinare le linee guida per le specifiche disabilità Declinare le linee guida per le specifiche disabilità ••Testare, validare, riprogettare le linee guida nei corsi Testare, validare, riprogettare le linee guida nei corsi online in vista della loro adozione online in vista della loro adozione ••Formare le figure dello staff del corso e descrivere le aree Formare le figure dello staff del corso e descrivere le aree e i icluster di competenze e cluster di competenze ••Contribuire alla diffusione della cultura dell’Universal Contribuire alla diffusione della cultura dell’Universal Design Design ••Ipotizzare una nuova figura professionale: ililtutor esperto Ipotizzare una nuova figura professionale: tutor esperto di accessibilità di accessibilità
  • 24. Eleonora Guglielman, E-LEARNING ACCESSIBILE IX Convegno Nazionale SIE-L, Roma, 13 Dicembre 2013 Grazie per l’attenzione! Altri articoli e materiali: www.guglielman.com