polare

apolare
ALCOOL ETILICO
Le monoamine cerebrali, noradrenalina, dopamina e serotonina coinvolte dall’alcool
Effetto ...
FENILISOPROPILAMINE
Deplezione dopamina (Parkinson simile)
Aumento dinorfina vs. addiction

Inibizione reuptake
ap.vescico...
Alogeno o tio
sostituzioni

fenilisopropilaminici

analogie:

benzilisochinolinici
Firing da dopamina: depolarizzazione
di membrana lineare per intervalli ristretti
L' L.S.D. produce nausea, vertigini e tachicardia: i disturbi psichici e comportamentali
sono: cambiamenti della coscienza...
α2 vasocostrizione:
Ischemia, alt. endoteli vasali, infarti

COCAINA
Stimolatore cerebrale
Anestetico analgesico
Inibizion...
La cocaina inibisce il reuptake della dopamina e della nor-adrenalina (con attivazione della
tirosinidrossilasi), la sinte...
sostenimento dell’attività respiratoria, in caso di depressione sospettare una contemporanea assunzione
di oppiacei, usare...
Il piacere: un evento psicofisico complesso
Condizione necessaria per rinnovare il piacere

Inibizione interneuroni
GABAer...
I recettori µ mediano:
analgesia spinale corna dorsali (µ2), sovraspinale (µ1)
rostro-ventrale, grigia periacquiduttale de...
inib
attivazione della proteina Gi
AMPc e assetto dei secondi m.(chinasi) e terzi (CREB,
poi geneticamente modulato dall’u...
Sist. Mesolimbico corticale (area ventrale tegmentale)
Mediatori:
dopamina, serotonina e altri peptidici
Qui avviene la co...
ADDICTION

Dal latino ad-dicere. Si riferisce ad una pena del diritto romano: il
debitore insolvente veniva “addetto” al c...
Il Dolore prende il sopravvento…
Nel tossicomane, l’esperienza del dolore diventa attesa fondata sul bisogno di
riprodurre...
Nella clinica: effetti acuti
dell’uso e.v.di eroina
Sintomi psichici
Intensa euforia, flash: amplificazione e distorsione
...
Il craving:
E’ appreso attraverso un condizionamento operante e presenta una sindrome clinica
con correlati fisici, psicol...
Patologie correlate al prolungato uso di eroina e.v.

Edema polmonare

lipofuscine

granulomi silicei

HIV/AIDS, epatite B...
Terapia farmacologica
Il Metadone (Mt) è un oppioide di sintesi (-L) agonista del recettore µ. (media l’az. analgesica
sov...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

An molec

55
-1

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
55
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

An molec

  1. 1. polare apolare ALCOOL ETILICO Le monoamine cerebrali, noradrenalina, dopamina e serotonina coinvolte dall’alcool Effetto bifasico: in seguito si manifesta inibizione sui recettori degli aminoacidi eccitatori (NMDA) e a un incremento della azione GABAergica con un prevalere del GABA e della acetilcolina; il release di dopamina, insieme con la secrezione dei peptidi oppioidi sarebbe responsabile della azione gratificante dell’etanolo e della sua capacità di indurre dipendenza. esposizione cronica: compromissione della trasmissione GABAergica e un prevalere di quella glutamatergica, forse responsabili della tolleranza, e un deficit dell’attività colinergica probabilmente connesso con i problemi della memoria. attivazione dei recettori oppioidi in relazione alla sua azione sulla fluidità della membrana neuronale HPA, GH, PRL Tiroide endocrino s.immunitario
  2. 2. FENILISOPROPILAMINE Deplezione dopamina (Parkinson simile) Aumento dinorfina vs. addiction Inibizione reuptake ap.vescicole assone FIRING HPA, GH Release anti shock proteins protettive sul miocardio Nei primati, la scomparsa dei markers del sistema della serotonina persiste a lungo termine e può, in alcune aree del cervello, essere permanente Le dosi di MDMA sufficienti a provocare effetti neurotossici nei primati sono simili alle dosi che vengono assunte con finalità “ricreazionali” dagli umani ipertermia, danno epatico, disidratazione. CID, rabdomiolisi, epatite fulminante, Blocco funzione renale Recettori 5HT danno cellulare
  3. 3. Alogeno o tio sostituzioni fenilisopropilaminici analogie: benzilisochinolinici
  4. 4. Firing da dopamina: depolarizzazione di membrana lineare per intervalli ristretti
  5. 5. L' L.S.D. produce nausea, vertigini e tachicardia: i disturbi psichici e comportamentali sono: cambiamenti della coscienza, dell'umore e della personalità (sdoppiamento del corpo) dello spazio e del tempo, distorsioni della visione, alternanza di depressione ed euforia. Questi disturbi permangono fino a 12/14 ore, L' L.S.D. ha un effetto caratteristico che si ripresenta anche a distanza di settimane o di mesi chiamato flashback che consiste nel ritorno di depressione profonda, angoscia e paura di impazzire. Ketamina (superK) Non esistono cure, per ora, per chi fa uso di sostanze psicostimolanti. chi fa uso di sostanze d’abuso spesso utilizza più sostanze contemporaneamente (psicostimolanti, alcool, nicotina, sedativi) rendendo il quadro neurochimico ancora più complicato L’LSD inibisce il firing serotoninergico e rispetto ad altri allucinogeni agisce su 5HT2. Essendo inibitorio si ha iperattivazione, ma sembra che influenzi anche i recettori dopaminergici. I neuroni serotoninergici sono presenti nel rafe ma anche nel locus coeruleus, che modula la sensibilità perchè invia assoni in tutto l’encefalo.Tunnelling.
  6. 6. α2 vasocostrizione: Ischemia, alt. endoteli vasali, infarti COCAINA Stimolatore cerebrale Anestetico analgesico Inibizione reuptake (D1,D2) FIRING Up regulation µoppioidi e serotonina Nucleo accumbens Inib.recettori GABA Inib.linfociti T aumento prolattina Inib.diacilglicerolo: aumento domanda di ossigeno: con vasocostrizione necrosi
  7. 7. La cocaina inibisce il reuptake della dopamina e della nor-adrenalina (con attivazione della tirosinidrossilasi), la sintesi del neuropeptide Y e di DNA, con conseguente euforia, diminuzione della risposta motoria, dell’ansietà, del senso critico e di valutazione. I neuroni dopaminergici del mesencefalo ventrale (gratificazione) sono iperattivati dall’alto livello di dopamina, nel nucleo accumbens e nella corteccia prefrontale: base per il craving. Ad alte dosi quadri allucinatori ed psicotici (microzoopsie) soprattutto in associazione ad altri psicotropi e alcool etilico (metabolita epatotossico cocaetilene). L’azione sul sistema colinergico è quindi evidente. La cocaina inibisce il firing dei neuroni serotoninergici del rafe dorsale, inibisce i recettori muscarinici di tipo M nell’ippocampo ed appare provvista di recettori specifici in corteccia e nello striato, probabilmente σ L’azione sulla serotonina è poi responsabile delle cefalee
  8. 8. sostenimento dell’attività respiratoria, in caso di depressione sospettare una contemporanea assunzione di oppiacei, usare l’antagonista naloxone (1-5 fiale e.v. da 0,4 mg,) controllo dell’equilibrio acido-base ECG per monitorare aritmie, in caso di extrasistoli a coppia o di tachicardia ventricolare fenitoina o difenilidantoina 100 mg e.v. ogni 5’ fino a scomparsa dell’aritmia, fino a 1 gr. per evitare atassia, diplopia e vertigini. Non usare come antiaritmico lidocaina, perchè è spesso usata come sostanza di taglio di cocaina per gli stati convulsivi diazepam o clonazepam lentamente e in perfusione per l’ipertermia coperta refrigerante, tenendo conto che il raffreddamento deve essere lento: in caso contrario l’effetto vasocostrittivo impedisce lo scambio di calore nell’ipertermia maligna emodialisi con soluzione di dialisi refrigerata l’ipertensione arteriosa va trattata con vasodilatatori: Na nitroprussiato o fentolamina che come α−litico agisce più intensamente sul distretto venoso che su quello arterioso, β−bloccanti (labetalolo che agisce sui recettori adrenergici sia a che b); in alternativa si possono anche utilizzare Ca antagonisti (nifedipina, nimodipina in caso di angiospasmo cerebrale, controllando i valori pressori) controllo della diuresi, rischio di necrosi tubulare acuta (allarme con iperKemia): diuretici attivi sull’ansa (furosemide) e, per Kemia sopra 5,5 mEq/L polistiren-sulfonato di Na o Na bicarbonato mantenere i volumi di scambio senza brusche variazioni per il rischio di edema polmonare. Up regulation µoppioidi e serotonina Nucleo accumbens Craving Divezzamento neurolettici, antagonisti della dopamina (risultati incostanti), la tirosina e il triptofano per compensare la deplezione dopaminergica, il metilfenidato, la bromocriptina come agonista dopaminico postsinaptico, (come l’amantadina), quest’ultimi efficaci anche contro il craving. Le complicanze psichiatriche: sindromi allucinatorie delirio di persecuzione, distorsione dell’immagine corporea, della relazione interpersonale.
  9. 9. Il piacere: un evento psicofisico complesso Condizione necessaria per rinnovare il piacere Inibizione interneuroni GABAergici Scarica efficace flash depressione SNC flash Dolore attesa eroina il piacere nella ripetizione “del buco” che produce il flash; si è perduta la capacità di simbolizzazione. Il flash sostituisce, finchè può, la carenza. Al posto dell’investimento la compulsione all’agire, cercando e assumendo la sostanza.
  10. 10. I recettori µ mediano: analgesia spinale corna dorsali (µ2), sovraspinale (µ1) rostro-ventrale, grigia periacquiduttale del mesencefalo, area limbica e corticale;depressione respiratoria (µ2) (nucleo rosso) rid. motilità intestinale (µ2) euforia per inibizione neuroni GABA modulazione endocrina. I recettori κ mediano: analgesia spinale (κ1), sovraspinale (κ3);effetti sull'appetito con sedazione e inibizione psicomotoria, rilascio di dopamina nell’area limbica. I recettori δ mediano: analgesia sovraspinale attraverso il sistema limbico, analgesia midollare (δ2) effetti cardiocircolatori (ipotensione) depressione respiratoria effetti endocrini euforia (c.s.) Recentemente è stato evidenziato un gruppo di recettori ad espressione 180 mista e polimorfa, σ , con relazioni sia all’azione degli oppioidi che della 5HT, 0.5 0.5 0.5 0.5 e che media a livello dei nuclei della base importanti funzioni di interconnessione. 0.1 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 1
  11. 11. inib attivazione della proteina Gi AMPc e assetto dei secondi m.(chinasi) e terzi (CREB, poi geneticamente modulato dall’uso cronico di oppiacei). La Gi agisce anche sui canali ionici modificando la conduttanza per il K e inibendo l’uptake di Ca (chiusura per attivazione µ−δ−κ), con iperpolarizzazione delle membrane dei neuroni target e riduzione delle frequenza di scarica e modificazione del release di neurotrasmettitori. l’apertura dei canali K porta ad un aumento della elettronegatività (iperpolarizzazione) abbassamento della risposta al dolore A livello C terminale dei r. oppioidi siti fosforilabili des.ne rec. per uso cronico di oppiacei, e sottoregolazione rec. δ e κ . base del fenomeno della tolleranza i neuroni mesencefalici per il rilascio di dopamina non posseggano recettori per gli oppioidi, ma sono regolati da interneuroni GABAergici che invece ne sono provvisti: pertanto gli oppiacei inibiscono il controllo GABAergico, con scarica a livello del nucleo accumbens. L’azione in realtà è più complessa, in quanto coinvolge l’intera area limbica e la sfera emotiva
  12. 12. Sist. Mesolimbico corticale (area ventrale tegmentale) Mediatori: dopamina, serotonina e altri peptidici Qui avviene la complessa integrazione neurofisiologica (fisica) sulla quale si fonda il corrispettivo psichico, emotivo, istintivo e comportamentale, da cui deriveranno emozioni, affetti, memoria; tutto quello che, in sintonia, permette di sentire e comunicare il VISSUTO di un’esperienza. Impulsività Intolleranza affettiva e al dolore Diminuita tolleranza alla frustrazione Gravi disturbi nelle relazioni interpersonali Difficoltà nel differire le gratificazioni Affettività e funzioni intellettive fortemente distorte Sentimento di grandiosità Grave disturbo nell’adattamento sociale Passività e isolamento Politossicomania Rabbia Difficoltà progettuale
  13. 13. ADDICTION Dal latino ad-dicere. Si riferisce ad una pena del diritto romano: il debitore insolvente veniva “addetto” al creditore e ne diventava schiavo finchè con il lavoro non avesse estinto il debito. Le regole del piacere Scriveva Freud che la pulsione sessuale ha come meta la pacificazione, che avviene attraverso la scarica della tensione. L’aumento della tensione appare come condizione dell’efficacia della scarica e dell’appagamento; al contrario l’anestesia, cioè l’assenza di tale intensità, è patogena. Il tossicomane sposta la meta della pulsione sul picco dell’intensità (flash) per cui non vive la pacificazione ma lo stordimento e, paradossalmente, attraverso l’esacerbazione dell’intensità trova il vuoto dal p.d.v. psichico e il dolore dal p.d.v. fisico, deviando dalla regola naturale del piacere e impedisce di utilizzare il dolore psichico come “spazio” utile per strutturare l’esperienza. Il piacere quindi è un limite da raggiungere.
  14. 14. Il Dolore prende il sopravvento… Nel tossicomane, l’esperienza del dolore diventa attesa fondata sul bisogno di riprodurre il “buco”e non sulla speranza come atteggiamento verso il futuro, non c’è un orizzonte oltre il quale valga la pena guardare: la realtà possibile è umiliata e svalutata. Il flash è un piacere che non nasce dal fare esperienza nel mondo e niente del mondo potrà competere. Come tutte le illusioni, differenti dall’esperienza, il meccanismo della tolleranza rende via via meno intenso il flash: la tolleranza è l’unico contatto con la realtà del mondo, con le regole del mondo naturale, del limite fisico. Il craving è il desiderio di ripetere un atto che non raggiungerà l’obiettivo, vissuto con una nostalgia struggente che ritrova il filo del dolore anzichè quello del piacere. Il craving esprime in senso figurato la “fame” del sistema di gratificazione regolato dai neurotrasmettitori e modula il comportamento antisociale dell’eroinomane nella fase della ricerca della sostanza. E’ il sintomo patognomonico della dipendenza; si associa ad una perdita di controllo della realtà.
  15. 15. Nella clinica: effetti acuti dell’uso e.v.di eroina Sintomi psichici Intensa euforia, flash: amplificazione e distorsione dei sensi ; “padronanza” del meraviglioso. Aumento della gratificazione e del tono dell’umore Riduzione dell’ansia Riduzione dello stato di coscienza, della percezione, attenuazione dei sentimenti di rabbia e opposizione, distacco dalla realtà, Segni fisici deficit della capacità critica, Sedazione analgesia condizionamento della memoria, sentimento di indifferenza, depressione respiratoria disforia fino all’ apatia ipotensione inibizione della peristalsi acinesia eloquio indistinto miosi
  16. 16. Il craving: E’ appreso attraverso un condizionamento operante e presenta una sindrome clinica con correlati fisici, psicologici e comportamentali: Sintomi neurovegetativi (tremore, sudorazione, tachicardia) Ansia, insonnia, rabbia, aggressività, bassa autostima, anoressia, disforia Ideazione polarizzata Passività e non collaborazione nelle relazioni interpersonali Esprime la massima intensità del dolore psichico per la mancanza improvvisa di eroina dopo un uso prolungato e l’induzione della dipendenza. Astinenza Sintomi • Craving • Ansia, insonnia • Irrequietezza, irritabilità • Aumentata sensibilità al dolore • Nausea, crampi addominali • Artralgie, mialgie • Disforia • Incapacità a portare a termine compiti anche semplici Segni • Midriasi • Sudorazione • Piloerezione • Tachicardia • Ipertensione • Vomito, diarrea • Sbadigli • Febbre
  17. 17. Patologie correlate al prolungato uso di eroina e.v. Edema polmonare lipofuscine granulomi silicei HIV/AIDS, epatite B e C, meningiti Infezioni (polmonite, TBC) Ascessi,endocarditi, infezioni valvolari Artriti ed altre affezioni reumatologiche Residui insolubili (iniettabili) vegetali e animali
  18. 18. Terapia farmacologica Il Metadone (Mt) è un oppioide di sintesi (-L) agonista del recettore µ. (media l’az. analgesica sovra e sottospinale la depressione respiratoria e gli effetti “psichici”) La dose efficace viene calcolata clinicamente entro i primi 15 gg di trattamento Emivita plasmatica 36 h (vs. eroina:1,5h)I metaboliti inattivi Gli effetti sono prevedibili e controllabili, in funzione della tolleranza individuale. La saturazione dei recettori µ col metadone (dose di “blocco”) non induce gli effetti (flash) a cascata tipici dell’eroina/morfina (attivazione prot. G i) L’uso terapeutico del Mt non induce tolleranza, offrendo la possibilità di controllare clinicamente la malattia e di mantenere il dosaggio nel tempo. La terapia con Metadone è di lungo periodo, ha lo scopo di allontanare nel tempo gli effetti del flash dell’eroina, favorisce l’adesione dell’utente ai diversi programmi riabilitativi e l’intervento sui disturbi psichiatrici (doppia diagnosi) I farmaci agonisti sono efficaci pur inducendo una dipendenza Differenze di risposta a eroina e metadone. Nell’uso di eroina, contrariamente al metadone,si presenta una forte oscillazione giornaliera fra euforia e sofferenza. stato fisiopsichico e non i livelli plasmatici del farmaco
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×