Docenti connessi

  • 1,135 views
Uploaded on

Relazione presentata al Convegno "Didattica Digitale", Tordandrea d'Assisi (PG), 18 Maggio 2011

Relazione presentata al Convegno "Didattica Digitale", Tordandrea d'Assisi (PG), 18 Maggio 2011

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
1,135
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
20
Comments
0
Likes
3

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. DOCENTI CONNESSI
  • 2. ALBERTO MANZI (1924-1997) PRIMO ESEMPIO DI FORMAZIONE A DISTANZA NON E' MAI TROPPO TARDI
  • 3. Quale setting di apprendimento per il maestro Manzi?
    • Estensione dello spazio Aula (tutta Italia)
    • Utilizzo didattico della Televisione
    • Erogazione di contenuti attraverso strumenti diversi dal libro (filmati, disegni...)
  • 4. Quale Setting di apprendimento oggi? Classe tecnologicamente avanzata
  • 5. Non più un laboratorio come spazio autonomo rispetto alla classe ma Laboratorio in classe come metodo e strategia didattica
  • 6. perché …. le tecnologie esistono, …. perché i nativi digitali, …. perché non se ne può fare a meno, …. perché altrimenti siamo dinosauri.., … perchè …. il Dirigente lo impone “ Siete le maestre più buone del mondo perché di solito quelle VERE non fanno venire i computer in classe!” Una bambina di una Cl@sse2.0 perché LE TECNOLOGIE? PERCHE’ LE TECNOLOGIE?
  • 7. D TECNOLOGIE pervasive trasparenti Tools nella cassetta degli attrezzi di ogni docente
  • 8. Utilizzare le tecnologie richiede... - un'attenta progettazione delle attività - modifica organizzativa e gestionale del lavoro in aula - nella progettazione di un ambiente significativo il software è solo una delle componenti -il contesto diventa l'elemento fondamentale Ricordando che I fattori per il cambiamento sono i metodi non le tecnologie Il fine dell'azione didattica non è lo strumento tecnologico
  • 9. QUALI FONTI DI INFORMAZIONE?
  • 10. Vocabolario del Web2.0 . ..embeddare ...taggare ...microblogging ...mashup
  • 11. Risorsa didattica: Condivisione Co-partecipazione Co-costruzione di conoscenza Cultura partecipativa, H.Jenkins
  • 12. Quali docenti? ( P.Ferri ) Cyberstruzzi (non accettano il cambiamento) Pragmatici neutri (approccio “informaticista”) Neodigitali (cercano di vincere le diffidenze dei colleghi)
  • 13. Quali competenze digitali per i docenti? - Capacità di negoziazione e di condivisione -Capacità di documentare processi e prodotti con strumenti digitali -Creare e gestire ambienti di apprendimento virtuali -Creare risorse aperte -Sperimentare, selezionare e costruire
  • 14. Abitare la rete...ma quali luoghi? ...software collaborativi ...social repository … community
  • 15. Quali ambienti costruire? Mondi virtuali per rappresentare la conoscenza
  • 16. Quali ambienti costruire? Piattaforma Moodle
  • 17. Quali ambienti costruire? Wikispaces http://www.wikispaces.com/ -Favorire la scrittura collaborativa -Creare documentazione didattica - Creare pagine private come repository -Creare Area di classe virtuale - Monitorare chi/cosa
  • 18. Studio di caso: Il Blog delle Classi2.0- Scuole Primarie umbre http://duepuntozeroumbria.blogspot.com/ Nasce dall'esigenza di “fare gruppo” anche in rete, dopo il Seminario a Rimini di Classi2.0, nel mese di Febbraio
  • 19. LE FINALITA' Perchè Documentare? Per riuscire a valutare i processi e non il prodotto finale Per attivare consapevolezza riflessiva Per condividere con gli altri il nostro lavoro
  • 20. GEOTAG DELLE CLASSI2.0 - CommunityWalk - Google Map - Openstreet Map
  • 21. UN ESEMPIO DI GEOTAG IN CLASSE Progetto di Geotag realizzato dall'ISAAG di Terni
  • 22. Costruire storia collettiva con il Geotag: HistoryPin http://www.historypin.com/
  • 23. La Biblioteca della classe in Rete: Anobii http://www.anobii.com/
  • 24. “ Servono buoni docenti che tra le loro molteplici competenze abbiano anche quelle tecnologiche. Non per innovare, ma semplicemente per insegnare.” Antonio Fini, http://www.fininformatica.it/wp/