• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
01 didattica delle lingue moderne 2011  2012
 

01 didattica delle lingue moderne 2011 2012

on

  • 3,683 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,683
Views on SlideShare
3,683
Embed Views
0

Actions

Likes
2
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    01 didattica delle lingue moderne 2011  2012 01 didattica delle lingue moderne 2011 2012 Presentation Transcript

    • Didattica delle lingue moderne Dicembre 2011 Lezioni di Elisabetta Bonvino Primi 6 CFU di 12
    • Gli argomenti del corso: che cosa vuol dire imparare un’altra lingua
      • Concetti fondamentali
              • Imparare / Conoscere / Usare una lingua
              • Interlingua
      • Prima capire / poi parlare
      • Intercomprensione
              • Intercomprensione fra lingue romanze
              • Eurom4 e Eurom5
          • Informazione Convegno 20-21 ottobre 2011
      • Linguistica acquisizionale
              • La modularità/ la variabilità/teorie
    • Gli argomenti del corso
      • Le abilità linguistiche
              • Leggere, Ascoltare, Parlare, Scrivere
      • Le nuove tecnologie
      • Concetti fondamentali del QCER
              • Politica linguistica e plurilinguismo
              • Approccio Azionale
              • Livelli comuni di riferimento
    • Testi d’esame
      • Camilla Bettoni, Imparare un’altra lingua, Ed. Laterza
    • Dispense sull’Intercomprensione
      • BONVINO Elisabetta (2009), “Intercomprensione: passato, presente e futuro” in Edoardo LOMBARDI VALLAURI e Lunella MEREU (a cura di) Spazi linguistici, Roma, Bulzoni.
      • BONVINO Elisabetta (2010), “Intercomprensione. Percorsi di apprendimento/insegnamento simultaneo di portoghese, spagnolo,catalano, italiano e francese” in Marco Mezzadri (a cura di), Le lingue dell’educazione in un mondo senza frontiere, Perugia, Guerra edizioni.
      • JAMET Marie-Christine (2005), “Le strategie cognitive nel processo di intercomprensione. Scritto e orale a confronto” in Antonella BENUCCI (a cura di), Le lingue romanze. Una guida per l’intercomprensione, Torino, UTET Libreria.
      • Punto di vista del processo di apprendimento
        • Testo di C. Bettoni Imparare un’altra lingua
      • Punto di vista dell’apprendimento/insegnamento + apporto nuove tecnologie
        • Testo di P. Nobili Oltre il libro di testo (seconda parte del corso)
    • Imparare un’altra lingua
      • L2 (lingua seconda / lingua straniera)
      • L1 (lingua materna)
      • Quali differenze ci sono tra L1 e L2?
    • L1 / L2
      • Cronologia
      • Competenza
      • Uso
      • Ragioniamo in termini di prototipicità
      • Ci sono molte eccezioni
      • Stereotipi: velocità / sforzo / esito finale
    • Apprendimento
      • Apprendimento spontaneo / guidato
      • ( Apprendimento spontaneo > Acquisizione)
      • Intenzionalità e consapevolezza
    • Sapere una lingua
      • Linguisticamente e comunicativamente competente
      • Modularità
        • Livelli diversi
        • Interdisciplinare
    • Che cosa è un prototipo?
      • Un prototipo combina le caratteristiche più rappresentative di una determinata categoria .
      • È il miglior esemplare tra i membri di una categoria e serve come punto di riferimento cognitivo rispetto al quale gli altri membri possono venire categorizzati.
    • Abilità linguistiche
      • (Macro) abilità
      • Acoltare
      • Parlare
      • Leggere
      • Scrivere
      • Abilità metalinguistica
      • Intuizioni sulla propria lingua più o meno consapevoli
    • CAPIRE Orale Scritto Ricezione Ascoltare Leggere Produzione Parlare Ricettive
    • Comprendere
    • Contestualizzazione
      • Situazione dell’interazione
      • L’ambiente culturale
      • La scena spazio-temporale
      • I partecipanti
      • Lo scopo
      • L’argomento
      • L’input è sempre contestualizzato
      • Il ruolo del contesto è variabile
    • Compensazione Massima Comprensione Minima Comprensione Informazione linguistica C O N T E S T O
    • STRUTTURATO
      • Conoscenze generali del linguaggio
      • Conoscenze specifiche della propria L1
      • Conoscenze parziali della L2
      • Eventuali conoscenze di altre L2
      • Un enunciato è scomponibile in parole
      • I fonemi sono divisi in consonanti e vocali
      • Le sillabe tendono ad avere un nucleo vocalico che è affiancato da consonanti
      • Vocali e consonanti tendono ad alternarsi in sillabe CVCV
      • Parole: lessicali vs grammaticali
      • Una parola = un significato
    • Input saliente
      • Frequenza
      • Posizione
      • Struttura prosodica
    • L’input è modificabile
      • Quando lo modifichiamo?
          • Foreigner talk
      • Riguardano tutti i livelli di analisi
      • Risultare da strategie diverse
      • Variare moltissimo
    • Processi formali
      • SEMPLIFICAZIONE
      • ELABORAZIONE
    • Foreigner talk
      • Omissione
      • Espansione
      • Sostituzione/riorganizzazione
          • Caratteristiche universali
    • Teacher Talk
      • Non è “srgammaticato”
      • Basato sui bisogni dell’apprendente: input ricco
      • Fonologico
        • Elaborazione: pronuncia più accurata (no ipoarticolazione); eloquio lento; maggiore uso di pause e accenti; gamma intonazionale più ampia
      • Morfologia e sintassi
        • Riduzione: enunciati più brevi e meno complessi; pratassi; più verbi con riferimento temporale presente
        • Elaborazione: enunciati ben formati; meno disfluenze; ordine canonico; relazioni grammaticali più esplicite
      • Lessico
        • Riduzione: poche forme lessicali; minor uso di espressioni idiomatiche; nomi e verbi di alta frequenza
        • Uso di sinonimi, ripetizione e parafrasi; ripetizione delle parole più importanti
    • L’input è negoziabile
      • La negoziazione dell’input ne promuove la comprensione
    • Strategie comunicative degli apprendenti
      • Strategie di conseguimento
        • Obiettivo comunicativo mantenuto
          • Circonlocuzione
            • Definizioni funzionali
            • Descrizioni
            • Identificazioni topografiche
          • Termini semanticamente imparentati o simili
          • Ricorso a paragoni o a esempi
          • Creazione nuove parole
      • Strategie di elusione
        • Riduzione formale
        • Riduzione funzionale