• Like
  • Save
Forum giovani ais_09_risi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Forum giovani ais_09_risi

  • 440 views
Published

Presentazione Forum Giovani AIS 2009

Presentazione Forum Giovani AIS 2009

Published in Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
440
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • Può essere evocativa l’immagine di attori sociali - la cui realizzazione di scopi e desideri sia inserita in contesti competitivi - che si mostrano consapevoli della fallibilità di azioni intraprese e meriti acquisiti; in essi sorgono sentimenti di impotenza, frustrazione (ri-sentimento) che spingono a ri-valersi nei confronti di qualcuno/qualcosa (meccanismo persecutivo) oppure a ri-volgersi verso se stessi (meccanismo depressivo).
  • Wishful thinking

Transcript

  • 1. Emotions sharing : precarizzazione del lavoro e trame di risentimento in Rete Forum AIS 2009 – Giovani Ricercatori Dr.ssa Elisabetta Risi
  • 2. Ordinatori dello sguardo risentimento Sociologia delle emozioni approccio costruzionista risposte emozionali antecedenti sociali Passioni tristi Mutamento sociale Teorie sui nuovi media nuove disuguaglianze sociali Social shaping of technology dal futuro promessa al futuro minaccia racconti di risentimento in Rete narrazioni online Sociali network individualismo competizione flessibilità lavorativa precarietà rapporti sociali fragili nuove forme di relazione depressione maggiore libertà incertezza
  • 3. Oggetto della ricerca
  • 4. Nodi concettuali sul risentimento
    • sentire legato al desiderio di raggiungere un oggetto di valore (utilizzando un termine di Girard, 1999) che non si ha la possibilità di ottenere a causa di uno o più responsabili (più o meno determinati) dell’ ingiusta situazione esperita;
    • matrice mimetica ;
    • valori, bisogni e desideri sono considerati come costrutti sociali determinati storicamente e culturalmente, condivisi all'interno di una società (di origine anche mediale)
    • allargarsi il divario tra aspettative crescenti di realizzazione soggettiva ed il vissuto professionale esperito e diffusione della precarietà come ambito (di studio) di potenziale emergenza del risentimento
    Sicherheit Lavoratore precario Oggetto di valore Modello (una persona o il gruppo di riferimento comparativo) Persona risentita
  • 5. Emotions sharing
    • Adozione sociale della tecnologia: contenuti generati dagli utenti non solo come repositories , ma anche come ambiti di
      • narrazione di sé agli altri
      • condivisione sociale delle emozioni, altrimenti difficilmente possibile
      • ricerca di un destinatario (virtuale) con cui condividere i contenuti emozionali dell’esperienza
    • costruzione di trame di risentimento condivise che portano traccia di esperienze collettive (di una società o di un gruppo)
  • 6. Metodologia 10 blog (diaristici e a più voci) 5 forum di discussione 10 gruppi Facebook (post in bacheca) Motori di ricerca indicizzati
    • ricercabilità (primi posti tra quelli risultati attraverso ricerca della parola chiave “precariato”)
    • ricchezza dei contenuti (maggiore numerosità di post)
    Analisi dei post contenuti in:
  • 7. Analisi quali quantitativa del contenuto
    • Scheda dalla cui analisi emergono:
    • contenuti narrativi
    • il ruolo dell’Altro (referente, destinatario): il precario come me
    • funzioni assolte: comunicative (esporre, esprimere), mnestica, propositiva, identitaria
    • sentimenti esplicitati: arrabbiarsi, incazzati, vergogna, sentimento di ingiustizia, disprezzo, sentirsi disarmati, sentirsi offesi
    • Risentimento non-mezionato
    inconsapevolezza e complessità composito
  • 8.
    • pur non corrispondendo a nessuna storia effettivamente rintracciata nel materiale analizzato, consentono di sintetizzare in un canovaccio euristico
      • la caratteristiche e gli elementi del risentimento
      • e della sua oggettivazione nei racconti in Rete
    Ricostruzione delle storie prototipiche - Il precario si racconta: … come vittima  categoria atta a giustificarne le cariche emotive negative … che subisce un’ ingiustizia  esperienze raccontate come ingiuste (in relazione a meriti, aspettative, aspirazioni) … legata al mancato raggiungimento di un oggetto di valore  sicurezza … a causa di alcuni colpevoli  pluralità e difficoltà di individuazione … a cui viene imputata la responsabilità dell’esperienza subita  capri espiatori “lontani” e colpe parziali (multinazionali, organi sovranazionali, immigrati)
  • 9. Condivisione sociale del risentimento online Riconoscimento mediato tentativo di costruzione di forme di appartenenza pluralità di forme e proposte di protesta ed espressione (poco presenti tracce di attuazione ed esito) Mancato accendersi della miccia emozionale che favorisca il passaggio tra la proposta/protesta a progetto/azione sociale Dissipazione e depotenziamento dell’emozione Network io-centrati basati su legami deboli (socialità e supporto) Oggettivazione del risentimento, creazione di una distanza dal risentimento raccontato nei post Riconoscimento immediato : condivisione spazio fisico Linguaggio comune (dal caso alla causa) Progettualità, visione di un futuro Identità collettive (es. di classe) Componenti emozionali nelle dinamiche di movimento sociale
  • 10. Il finale della storia
    • Espressione dei vissuti e condivisione sociale delle emozioni attraverso un intreccio di storie online
    • Pratiche d’uso rendono questi ambienti online spazi di potenziale sfogo ed elaborazione del risentimento : “comunità espressive ”
    • La condivisione sociale delle esperienze di risentimento assume i toni di una ruminazione collettiva : singole voci che non convergono in un’unica trama, tante proposte che non sfociano in un progetto condiviso