Your SlideShare is downloading. ×
Elena Silverio - Le Public Utilities in Italia. Il caso Enel. Caratteristiche ed evoluzioni.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Elena Silverio - Le Public Utilities in Italia. Il caso Enel. Caratteristiche ed evoluzioni.

995
views

Published on

Presentazione per tesi magistrale in Economia Aziendale - Audit e valutazioni aziendali.

Presentazione per tesi magistrale in Economia Aziendale - Audit e valutazioni aziendali.

Published in: Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
995
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
13
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Università degli studi “Roma Tre” Facoltà di Economia “Federico Caffè” Corso di Laurea Magistrale in Economia Aziendale TESI DI LAUREA IN Modelli di governance nelle istituzioni internazionali e nella P.A. Le Public Utilities in Italia. Il caso Enel. Caratteristiche ed evoluzioni Relatore: Chiar.ma Prof.ssa Lidia D’Alessio Correlatore: Gent.ma Dott.ssa Lucia Biondi Laureanda: Elena Silverio Matricola: 278818 Anno accademico 2012/2013
  • 2. GOVERNANCE Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 Il coordinato insieme delle funzioni manageriali tese a raggiungere gli obiettivi aziendali con l’apporto complessivo di tutta la struttura organizzativa La Governance nella Pubblica Amministrazione Caratteristiche • Partecipazione • Negoziazione • Coordinamento • Responsabilità • Trasparenza • Efficienza/Efficacia • Coerenza Strumenti di attuazione • Coinvolgimento dei cittadini- amministrati • Cooperazione con gli stakeholders locali • Decentramento istituzionale e funzionale • Gestione del pubblico secondo criteri manageriali privati Diffusione logiche di gestione privatistiche nel settore pubblico: il New Public Management Passaggio dalla centralità della norma alla centralità del risultato Maggiore autonomia decisionale e responsabilizzazione Naturale evoluzione è la Public Governance, fondata sulla partecipazione attiva e la cooperazione degli attori socio-economici
  • 3. PRIVATIZZAZIONE DI AZIENDE PUBBLICHE Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 Passaggio di proprietà e del controllo dal settore pubblico a quello privato Ragioni principali Miglioramento efficienza operativa impresa Riduzione debito pubblico e disavanzo Sprechi e inefficienze delle impree pubbliche Sviluppo mercati finanziari e azionariato popolare Modifiche dei prezzi e maggiore internazionalizzazione mercati Apertura monopolio a concorrenza Necessità istituto della Golden Share per la tutela degli interessi della collettività in società di settori strategici 11% 10% 64% 15% Tecniche di dismissione in Italia OPV Diretta Mista Altro Le ragioni in Italia (dal 1992) • Crisi politica I Repubblica • Rallentamento economia • Vincoli dovuti a entrata in Euro • Necessità diminuzione presenza pubblica in economia stati membri
  • 4. PUBLIC UTILITY Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 Società (ente, azienda statale) che soddisfa la domanda di servizi essenziali per una comunità Requisiti dei servizi di pubblica utilità*: *Natura pubblica del servizio e natura pubblica della proprietà differiscono Universalità Adattamento ai bisogni Tariffe accessibili Standard qualitativi Dal monopolio alla concorrenza Problemi gestionali Performance insoddisfacenti (finanziarie, qualità servizi) Crisi anni ’90 del regime di monopolio Trasformazione quadro normativo Liberalizzazione delle public utilities, caratteristiche e obiettivi P.A. solo ruolo di regolamentazione Controllo e gestione ad authority indipendenti Abbassare barriere di entrata Consumatori scelgono proprio fornitore Unbundling tra diverse attività della filiera
  • 5. E-UTILITIES, IL SETTORE ELETTRICO Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 La filiera elettrica Strategie Approvvigionamento •Generazione •Importazione Infrastrutture •Trasmissione •Distribuzione Commercializzazione •Vendita a clienti finali Rilevanza economie di scala/coordinamen to/densità Rete per erogazione dei servizi Fornitura continua del servizio Energia non immagazzinabile Problematiche di trasporto Fattori critici di successo • Presenza territoriale • Alleanze • Innovazione strategica • Customer oriented • Risorse finanziarie • Arricchimento offerta • Marketing Espansione geografica Integrazione verticale Specializzazione (Focalizzazione) Diversificazione
  • 6. IL CASO ENEL Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 La più grande azienda elettrica d’Italia Seconda utility quotata d’Europa (per capacità installata) Dal servizio al paese (monopolio legale) alla vocazione internazionale (dimensione globale)
  • 7. EVOLUZIONE Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 1962 1996 Gerarchico funzionale 2002 Divisionalizzazione e Diversificazione Rifocalizzazione e Internalizzazione STRATEGIE ORGANIZZATIVE Globale NASCITA S.P.A. 20071992 1999 PRIVATIZZAZIONE LIBERALIZZAZIONE TOTALE DEL MERCATO 2010
  • 8. ASSETTO DEL MERCATO ELETTRICO ITALIANO Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 PRE LIBERALIZZAZIONE (1962 – 1999*) POST LIBERALIZZAZIONE (1999 – OGGI) GENERAZIONE 73% ENEL CAMPIONE NAZIONALE 25% ENEL PRODUZIONE BUSINESS IN CONCORRENZA TRASMISSIONE 95% ENEL UNICA RETE A.T. OLTRE 90% TERNA S.P.A. BUSINESS REGOLATO (AEEG) DISTRIBUZIONE 93% ENEL 86% ENEL DISTRIBUZIONE BUSINESS REGOLATO (AEEG) VENDITA UTENTE NON PUO’ SCEGLIERE IL FORNITORE CIRCA 250 SOCIETA’ * Approvazione “Decreto Bersani” con apertura del mercato
  • 9. MODELLO GERARCHICO-FUNZIONALE (‘62-’96) Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 DIREZIONE GENERALE Uffici centrali con compiti speciali Compartimenti Distretti ed esercizi distrettuali Zone Direzioni centrali • Struttura organizzativa fortemente integrata verticalmente per aree geografiche. • Compartimenti con responsabilità diretta su intera filiera. Direzione gerarchica polifunzionale territoriale. • Sfruttamento economie di scala • Sistemi operativi formalizzati
  • 10. MODELLO DIVISIONALE (1996 – 2002) Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 STRUTTURE CORPORATE Unità strategiche e finanziarie dedite a pianificazione, coordinamento e monitoraggio STRUTTURE OPERATIVE TECNICHE Sei strutture servizi che generano economie di scala Produzione Trasmissione Distribuzione Tre divisioni con autonomia e Responsabilità gestionale • Struttura meno gerarchica, più decentrata e flessibile • Razionalizzazione investimenti, riduzione costi di esercizio • Baricentro di Enel cambia dal “prodotto” al “cliente” e alla “rete” Decreto Bersani (D.lgs. 79/99), recepimento Direttiva Europea 96/92/CE
  • 11. LA DIVERSIFICAZIONE (1997 – 2002) Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 HOLDING INDUSTRIALE Settori tradizionali Telecomunicazioni Acqua Gas • Ridimensionamento e societarizzazione attività core • Orientamento al mercato e ai risultati • Sviluppo di business sinergici e non-core • Introduzione nuove tecnologie • Processo di integrazione orizzontale
  • 12. L’INTERNAZIONALIZZAZIONE (2002 – 2010) Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 Consiglio di Amministrazione Amministratore Delegato GEM Mercato Infrastrutture e Reti Internazionale Ingegneria e Innovazione Iberia e America Latina Funzioni Corporate Presidente Dicembre 2007 Due fattori istituzionali: • Integrazione Europea • Limiti imposti ad attività domestiche da autorità italiane 2007: Ingresso in ENDESA (acquisizione pieno controllo nel 2009) 2008: Enel Green Power 2009: 1° multinazionale nelle E-utility al mondo per capitale investito 2004 Dismissione attività non-core Crescita all’estero nel core business (elettrica + gas) Investimento nelle rinnovabili (Enel Green Power)
  • 13. NUOVA ORGANIZZAZIONE DEL GRUPPO ENEL Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 ICT Globale Acquisti Globali Servizi Globali per il Business Servizi Globali Consiglio di amministrazione Presidente Amministratore Delegato HOLDING Linee di Business Generazione – Energy management Mercato Infrastrutture e Reti Iberia e America Latina Energie Rinnovabili Internazionale Ingegneria e Ricerca Upstream Gas Carbon Strategy
  • 14. IL PROGETTO ONE COMPANY (2010 – OGGI) Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 Project leader Project office Compliance Amm. Finanza e Controllo Audit Relazioni esterne Servizi di Business Risk Management Personale e organizzazione ITC Legale e Segreteria Acquisti Regolamentazione Ambiente e Innovazione Efficientamento e snellimento dei processi Risparmi per circa 400 mln € / anno dal 2016 Team funzionali
  • 15. LE SMART GRID Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 Consumo Orientare in tempo reale la domanda in base a variazioni di prezzo e indicatori di consumo Anticipare le richieste Distribuzione Immissione in una rete intelligente dell’energia prodotta in eccesso Produzione Generazione distribuita Interazione produttori / consumatori Nuove reti interattive del futuro Sistema basato su cliente-consumatore come parte attiva (smart customer) Reti smart in grado di trasmettere dati oltre all’elettricità Necessità di Demand response efficace contro intermittenza fonti rinnovabili Necessità di investimenti cospicui, rischio di situazione di stallo
  • 16. Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 L’ENEL VERSO IL FUTURO Rafforzare la posizione nei paesi “core” (Italia – Iberia) 20-20-20 •20% produzione da rinnovabili •20% risparmio energetico •Entro il 2020 Completare percorso di trasformazione in multinazionale dell’energia integrata su scala mondiale Crescita dell’influenza tra gli attori principali energetici europei Miglioramento qualità e competitività mix energetico in Italia Consolidamento attività acquisite e integrazione suo business
  • 17. Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 CONCLUSIONI • Il gruppo Enel è una E-Utility strategica per l’economia italiana, dalla quale dipende in buona misura la competitività del nostro paese • L’unico modo per rimanere competitivi sul mercato (a causa della stagnazione delle economie avanzate e il parallelo avanzamento delle economie emergenti) è adottare una strategia di tipo globale • Il suo futuro dipenderà da come saprà implementare la nuova governance One Company
  • 18. “L’energia non è solo quella generata dalle fonti naturali ma è anche quella prodotta dalla nostra mente” Alan Garcia, 2012 Elena Silverio, tesi magistrale – Università degli studi “Roma Tre” – Facoltà di Economia– A.A. 2012/2013 FINE