Museo San Marco
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Museo San Marco

on

  • 316 views

 

Statistics

Views

Total Views
316
Views on SlideShare
316
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as OpenOffice

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Museo San Marco Museo San Marco Presentation Transcript

  • Museo di San Marco
      Piazza San Marco 3, 50121 Firenze
  • Storia
      La struttura nasce nel 1300 come monastero dei frati silvestrini. Nel 1808 il complesso viene espropriato da Napoleone, successivamente torna proprietà dei monaci per divenire infine demanio del Regno d'Italia nel 1866. Rimangono proprietà della Chiesa, i locali che si affacciano sul chiostro di San Domenico, dove attualmente vivono i frati benedettini. Il convento viene aperto come museo nel 1869.
  • Struttura
      Piano terreno :
    • Refettori
    • Ospizio
    • Sala del capitolo
    • Primo piano :
    • Celle
    • Biblioteca
  • Piano terreno
    • Ospizio : la sala era adibita all'accoglienza di pellegrini e malati. Oggi funge da pinacoteca e ospita la famosa Pala della deposizione .
    • Sala del capitolo : qui si riunivano i capi del monastero per prendere le decisioni più importanti; si affacciava sul chiostro con due grandi finestre attraverso le quali i monaci potevano assistere ai dibattiti.
    • Refettorio : locale in cui i monaci si riunivano per mangiare. A volte se ne trovavano due:
    • Piccolo: per gli ospiti
    • Grande: per i monaci
      L'affresco tipico di queste sale è l' Ultima Cena.
  • Primo piano
    • 44 celle affrescate da Beato Angelico
    • Biblioteca: non compariva nel progetto originale, ma fu annessa solo nel 1440. I volumi conservati nella biblioteca furono lasciati in eredità a Cosimo il Vecchio da Niccolò Niccoli.
  • Affluenza visitatori nell'anno 2009
  • Orari e prezzi