Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Like this? Share it with your network

Share

Notificazioni e termini del processo civile (L. 69/09). Agg.a L.24/10 e C.Cost. 3/10 dell'avv. Mauro Criscuolo

  • 871 views
Uploaded on

Il corso offre una panoramica completa ed esaustiva delle novità normative e giurisprudenziali in tema di notifiche, con particolare riguardo al discusso problema del perfezionamento delle stesse, e ...

Il corso offre una panoramica completa ed esaustiva delle novità normative e giurisprudenziali in tema di notifiche, con particolare riguardo al discusso problema del perfezionamento delle stesse, e di termini e rimessioni in termini. La lezione ripercorre i profili critici e le interpretazioni consolidate e in itinere che la giurisprudenza ha attribuito agli interventi del legislatore succedutisi dal 2005 al 2009.

http://www.elearning.giuffre.it/e-learning/dettaglio/40-notificazioni_e_termini_nel_processo_civile__l__69_09___agg__a_l__24_10_e_c_cost__3_10/

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
871
On Slideshare
871
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Notificazioni e Termini nel processo civile ( novità legislative e giurisprudenziali ) Mauro Criscuolo Giudice del Tribunale di Napoli
  • 2. Novità normative e giurisprudenziali in tema di notifiche
    • Il decreto legge 29 dicembre 2009 n. 193 conv. in legge 22 febbraio 2010 n. 24
    • Art. 4 co. 1: fissazione con D.M., entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto, di regole tecniche per assicurare che le comunicazioni e notificazioni per via telematica siano effettuate, nei casi consentiti, mediante posta elettronica certificata, ai sensi del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni, del decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68
    • Effetti: passaggio dalla CPECPT ( casella posta elettronica certificata processo telematico ) alla ordinaria PEC ( posta elettronica certificata) di cui al D.L. n. 185/08, conv. in L. n. 2/2009, con mutamento del gestore del servizio ( prima il Punto di accesso di cui all’art. 11 del DM 17 luglio 2008, oggi tutti i gestori iscritti nell’elenco CNIPA).
    • Minori garanzie di certezza sulla certificazione dello status del titolare della PEC: art. 4 co. 3 con previsione di aggiornamento con cadenza giornaliera degli indirizzi delle PEC con trasmissione al CNF ed al Ministro della Giustizia in via telematica.
    • Ribadita la previsione della trasmissione esclusiva in via telematica di cui al D.L. n. 112/2008, ma con inserzione su apposito sito internet di atti contenenti dati sensibili
  • 3. Il momento del perfezionamento della notifica
    • Illegittimità costituzionale dell’art. 140 c.p.c.
    • Corte Costituzionale del 14 gennaio 2010 n. 3 dichiara illegittimo l’art. 140 c.p.c. nella parte in cui prevede che la notifica si perfeziona, per il destinatario, con la spedizione della raccomandata informativa, anziché con il ricevimento della stessa o, comunque, decorsi dieci giorni dalla relativa spedizione.
    • Viene ribadito il principio della scissione del momento di perfezionamento e si evidenzia che ai fini di tutela della posizione del destinatario, i termini che decorrono dalla notifica devono partire dall’effettiva ricezione della raccomandata ovvero dopo dieci giorni dalla spedizione.
    • Tertium comparationis rappresentato dalla nuova disciplina delle notifiche a mezzo posta, che risulta maggiormente garantista per il destinatario, senza penalizzare il mittente che non corre i rischi connessi ai tempi del procedimento notificatorio.
    • Necessità di rivedere le precedenti decisioni nelle quali si era ritenuto l’art. 140 c.p.c. conforme alle norme costituzionali, e quindi impossibile ricollegare il perfezionamento della notifica ad un momento anteriore a quello di concreta conoscibilità dell’atto per il destinatario