Your SlideShare is downloading. ×
primo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

primo

347
views

Published on




Promozione di Primavera ! Stampa le tue foto nei formati 13x17 e 13x19 a soli 0,11 eiuro.

http://photo.tiscali.it


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
347
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. APPRENDIMENTO COOPERATIVO Cooperative Learning
  • 2.
    • “ La conoscenza è costruita
    • nella mente di colui che impara”
  • 3. APPRENDIMENTO COOPERATIVO
    • Coinvolgimento attivo dello studente nell’apprendimento
    • Costruzione radicale della conoscenza (Teoria costruttivista)
    • La costruzione della conoscenza è un processo dinamico aperto alla competizione intellettuale
  • 4. APPRENDIMENTO COOPERATIVO definizione:
    • Processo di istruzione che coinvolge gli studenti attraverso un lavoro di gruppo
    • Comprende i seguenti elementi:
      • Positiva interdipendenza
      • Responsabilità individuale
      • Interazione tra membri
      • Uso appropriato delle potenzialità della collaborazione
      • Valutazione del lavoro
  • 5. APPRENDIMENTO COOPERATIVO FORMALE
    • E’ la metodologia utilizzata da noi nel progetto Back to school
    • A differenza della modalità informale noi utilizziamo l’apprendimento cooperativo come parte fondamentale del nostro progetto e non come modalità “accessoria”
  • 6. APPRENDIMENTO COOPERATIVO punti chiave:
    • Ci sono dei ruoli necessari all’interno dei gruppi come il Leader/Coordinatore , lo Scettico (che deve porre domande per far analizzare il problema) e il Controllore che controlla i lavori.
    • Attenzione ai conflitti interpersonali che possono nascere all’interno dei gruppi
    • Dare delle attività che stimolino il gruppo e lo motivino a portare a termine il lavoro
    • E’ l’insegnante che propone i problemi da i tempi e fornisce spunti di risoluzione dei problemi nel caso che gruppi chiedano aiuto
  • 7. APPRENDIMENTO COOPERATIVO BASATO SUL COMPUTER
    • PREMESSA
    • Anche con questa modalità la conoscenza di acquisiste attraverso l’interazione di gruppo
    • Vi è una costruzione attiva della conoscenza
    • Ci deve essere interdipendenza
  • 8. APPRENDIMENTO COOPERATIVO supporti tecnici
    • La prima cosa che bisogna fare è progettare l’ambiente di apprendimento
    • Ci sono tre classi di tecnologie che si possono utilizzare:
      • Sistemi di comunicazione
      • Sistemi per la condivisione di risorse
      • Sistemi di supporto a processi di gruppo
  • 9. SISTEMI DI COMUNICAZIONE
    • In tempo reale:
    • Tecnologia per la comunicazione sincrona es audio-video conferenza
    • Possibilità di un contatto visivo tra i partecipanti
    • In tempo differito:
    • Conferenze telematiche asincrone
  • 10. SISTEMI PER LA CONDIVISIONE DI RISORSE
    • Il software che consente di condividere le risorse in tempo reale comprende strumenti per la condivisione dello schermo e lavagne elettroniche intelligenti basate su uno spazio pubblico accessibile da tutti i partecipanti
  • 11. SISTEMI DI SUPPORTO AI PROCESSI DI GRUPPO
    • Sono tutti quegli strumenti utilizzati per la gestione di progetti: diari e calendari condivisi
    • Gli strumenti per generare e stabilire la priorità tra le idee
    • Strumenti per socializzare per rendere il gruppo più compatto
  • 12. CONCLUSIONI
    • Il dialogo scritto: dire-scrivendo dove la conversazione procede a rallentatore; abbastanza veloce e spontanea per motivare le persone al coinvolgimento e per schiarire le idee, abbastanza lenta per permettere la riflessione durante lo scambio stesso e sul suo significato.