Your SlideShare is downloading. ×
0
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Patrick Norguet
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Patrick Norguet

183

Published on

Published in: Design
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
183
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. CHI É?Nato a Tours nel 1969, Patrick Norguet puòessere considerato uno spirito libero del designfrancese per la sua capacità di sviluppare unapproccio progettuale basato sull’eclettismo.La sua progettazione industriale è caratterizzatada una costante ricerca di equilibrio e affidabilitàmirata a realizzare oggetti semplici e funzionali.Cerca di lavorare sui sentimenti e l’intuizione perportare una ventata d’aria fresca sul soggettoprendendo in considerazione il suo contesto.
  • 2. RAINBOW Cappellini, 2000 CHAIRSedia realizzata interamente in metacrila-to, formata da lastre di colore e spessoredifferente incollate fra loro ad ultrasuoni.Adatta ad un ambiente più che contempo-raneo, questa sedia dal costo spropositato,16,000 $, è attualmente esposta al MoMAdi New York ed al Philadelphia Museum Art.
  • 3. POULE Kristalia, 2011Il tavolino Poule ha un’anima legge-ra e scherzosa, ad iniziare dal nomeispirato dalla forma del piedistallo.Anche la sua natura è molto pra-tica, realizzato in trafilati di allu-minio ed elementi pressofusi nel-lo stesso inalterabile materiale.Ha il piano pieghevole per essere ri-posto anche in spazi molto ridotti. Di-sponibile in due altezze, ha strutturain alluminio verniciato a polvere bian-co o nero per l’utilizzo outdoor e pia-no in laminato rotondo o quadrato.
  • 4. LILLAArtifort, 2007Lilla è un invito a sedersi ridotto alla sua forma più semplice. Un tronco d’albero; ergono-mia a beneficio del corpo. Ecco come si evolve questo oggetto al centro di uno spazio perfornire un semplice elemento ludico come posto a sedere dal colore e materiale originale.
  • 5. MAKIL AlkiSobrio ed elegante, Makil è una sedia impila-bile in legno di rovere. Makil è un rompicapoin legno in cui sono utilizzate al meglio le tec-niche di piegatura. Dimostra in pieno la passio-ne del designer per il gusto semplice e raffinato.
  • 6. KOBI Alias, 2012Presentata al Salone del Mobile 2012, laseduta Kobi è leggera, versatile e fun-zionale. Si caratterizza come una pro-posta adatta ai vari ambienti della casa.Kobi appare come una architettura so-spesa, composta dalla scocca formata datondini in acciaio saldato a cui si unisce ilsostegno, costituito in fusione di allumi-nio che abbraccia la seduta avvolgendola.
  • 7. DEGREE Kristalia, 2011Degree, è un oggetto ironico e versatile, presentato alSalone del Mobile 2011, che associa alla funzione di ta-volino anche quella di piccolo contenitore. Realizzatoin sughero si trasforma in tavolo grazie a un coloratopiano d’appoggio, in polipropilene rotazionale, che so-miglia ad un tocco, un cappello accademico da laurea.Il piano del tavolino è in materiale plastico realizza-to con tecnologia rotazionale. Degree è un versati-le elemento d’arredo e una divertente scultura pop.
  • 8. APOLLO e LITTLE APOLLO Artifort, 2002 Artifort, 2004 Apollo nasce come una poltrona vera e propria nel 2002, successivamente nel 2004 Norguet rivisi- ta la sua creazione adattandola anche ad una se- duta più piccola ed ad una seduta a sgabello. E’ costituita da una scocca in legno ricoperta da schiuma poliuretanica sostenuta da una base in allu- minio, che varia nelle diverse versioni del prodotto.
  • 9. EDOARDO ACCIVILE e FRANCESCO CONFORZI ringraziano per l’attenzione

×