Wikipedia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Wikipedia

on

  • 4,429 views

Presentazione di Wikipedia

Presentazione di Wikipedia

Statistics

Views

Total Views
4,429
Views on SlideShare
4,376
Embed Views
53

Actions

Likes
2
Downloads
45
Comments
0

4 Embeds 53

http://santovitosavino.altervista.org 41
http://www.slideshare.net 10
file:// 1
http://www.santovitosavino.altervista.org 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Wikipedia Wikipedia Presentation Transcript

  • Quintavalle | de Nichilo | Sasanelli Manzari | Marinelli | Di Leo 1
  • Wikimedia – Mission “Imagine a world in which every single human being can freely share in the sum of all knowledge. That's our commitment.” “Immaginate un mondo in cui ogni singolo essere umano può liberamente condividere la somma di tutte le conoscenze. Questo è il nostro impegno.” 2
  • Storia 3
  • Wikimedia – La storia L’origine della Wikimedia Foundation Inc. si deve al successo del progetto “Wikipedia”, che nasce formalmente il 15 gennaio del 2001 in lingua inglese, sul sito Wikipedia.com, ma esisteva già dal 10 gennaio come servizio di Nupedia.com. Nupedia venne fondata dalla società Bomis il 9 marzo 2000 in collaborazione con Jimmy Wales, allora CEO della Bomis, e Larry Sanger, editore capo di Nupedia. Nupedia era un progetto ambizioso, che differiva dalle enciclopedie già esistenti: il suo era un contenuto aperto e aveva quindi carattere libero, in quanto edito sotto licenza GFDL; si trovava sul web, il che eliminava tutte le limitazioni di spazio tipiche del formato cartaceo; era libera da pregiudizi per la sua natura pubblica e per la base potenzialmente ampia dei suoi collaboratori: tutte queste caratteristiche ne facevano un prodotto del tutto nuovo. Le voci di Nupedia venivano prodotte attraverso un processo di revisione delle voci scandito in sette passaggi eseguiti da esperti scelti di varie materie, i quali si dedicavano volontariamente ad un minuzioso ed intenso lavoro di ricerca. In seguito, ciò venne indicato come il motivo principale della lentezza nello sviluppo del progetto, il quale, al termine della sua esistenza, aveva prodotto solo 24 voci in tre anni. La GNU FDL è una licenza creata per distribuire la documentazione di software e materiale didattico. Stabilisce che ogni copia del materiale, anche se modificata, deve essere distribuita con la stessa licenza. Tali copie possono essere vendute e, se riprodotte in gran quantità, devono essere rese disponibili anche in un formato che faciliti successive modifiche.
  • Nel suo primo anno di vita Wikipedia guadagnò i suoi primi collaboratori da: Nupedia Annunci presenti su Slashdot Indicizzazioni sui motori di ricerca. Alla fine del suo primo anno di esistenza arrivò ad avere esattamente 19.598 voci su 18 edizioni in lingue differenti (quella principale rimaneva quella inglese). Raggiunse 26 edizioni alla fine del 2002, 46 alla fine del 2003 e 161 alla fine del 2004. Nupedia e Wikipedia coesistettero finché i server della prima furono chiusi definitivamente nel 2003 e i suoi testi incorporati in Wikipedia. 5
  • Un wiki è un sito Web (o comunque una collezione di documenti ipertestuali) che viene aggiornato dai suoi utilizzatori e i cui contenuti sono sviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hanno accesso. La modifica dei contenuti è aperta, nel senso che il testo può essere modificato da tutti gli utenti (a volte soltanto se registrati, altre volte anche anonimi) procedendo non solo per aggiunte, ma anche cambiando e cancellando ciò che hanno “Yesterday” scritto gli autori precedenti. “Today” Ogni modifica è registrata in una cronologia che permette in caso di necessità di riportare il testo alla versione precedente; lo scopo è quello di condividere, scambiare, immagazzinare e ottimizzare la conoscenza in modo collaborativo. Il termine wiki indica anche il software collaborativo utilizzato per creare il sito web e il server. 6
  • IL TASTO “DISCUSSION” CI COLLEGA AD UNA PAGINA DOVE È POSSIBILE PORRE DOMANDE E LASCIARE COMMENTI PER MIGLIORARE L’ARTICOLO (ARGOMENTI DA AGGIUNGERE, MODIFICARE O ELIMINARE) IL TASTO “EDIT THIS PAGE” CI PERMETTE APPUNTO DI EDITARE, ATTRAVERSO L’USO DI UN EDITOR L’ARTICOLO CHE SI STAVA VISIONANDO IL TASTO “HISTORY” NON È ALTRO CHE UNA CRONOLOGIA CHE TIENE TRACCIA DELLE VARIE MODIFICHE APPORTATE ALL’ARTICOLO NEL TEMPO, ED È POSSIBILE TORNARE AD UNA VERSIONE PRECEDENTE. STRUTTURA E ARGOMENTI DELL’ARTICOLO I LINK “ROSSI”, INDICANO GLI ARGOMENTI PER CUI MANCANO ARTICOLI POSSIBILITÀ DI VISUALIZZARE L’ARTICOLO IN ALTRE LINGUE 7
  • LA PRESENZA DI QUESTO SIMBOLO INDICA CHE QUESTO ARTICOLO FA PARTE DELLO SPOKEN WIKIPEDIA PROJECT. PROGETTO IN CUI ALCUNI VOLONTARI PROVVEDONO AD INSERIRE, PER GLI ARTICOLI DI MAGGIOR INTERESSE, UNA “LETTURA” DELLO STESSO. PERMETTENDO COSÌ A PERSONE CON DISABILITÀ VISIVE E NON IN GRADO DI LEGGERE DI ASCOLTARNE IL CONTENUTO. LA PRESENZA DI QUESTO SIMBOLO INDICA CHE QUESTO ARTICOLO È STATO SELEZIONATO TRA GLI OLTRE 2000 SCELTI DALLA COMUNITÀ DI WIKIPEDIA PER L'ECCELENZA DELLA SCRITTURA, DELLE IMMAGINI E DELLE REFERNZE. OGNI GIORNO SU WIKIPEDIA, UNO DI QUESTI ARTICOLI VIENE PUBBLICATO SULLA PRIMA PAGINA. 8
  • 2001 2002 2003 9
  • 2004 2005 2006 • Grazie ai miglioramenti adottati, i vandalismi calano notevolmente e la crescita dell'enciclopedia varia dalle 3.000 alle 6.000 voci al giorno. • Wikipedia è valutata come uno dei migliori marchi 2006 e viene spesso citata e usata da tutti, inclusi i mass media. • Wikipedia e Wikimedia foundation sono ormai dei marchi privati. • Viene creato un DVD con una  selezione  di articoli  della  Wikipedia inglese, il cui ricavato  viene devoluto alla fondazione 10
  • 2007 2008 2009 • Si aggiunge la licenza libera Creative Commons alla GNU Free Documentation License, che permette un più agevole interscambio di contenuti con le altre realtà della rete, grazie alla maggiore diffusione delle licenze CC. • L'edizione inglese, supera i 3 milioni di voci. Tra tutte le edizioni le voci sono circa 13 milioni. • L’edizione italiana supera le 600.000 voci (sesta edizione per numero di voci). 11
  • COSA SONO LE CREATIVE COMMONS? Le licenze Creative Commons sono state anticipate dalle licenze Open Publication License (OPL) e GNU Free Documentation License (GFDL). Creative Commons nasce ufficialmente nel 2001 per volere del professore Lawrence Lessig, ordinario della facoltà di Giurisprudenza di Stanford e riconosciuto come uno dei massimi esperti di diritto d'autore negli Stati Uniti. Nel marzo 2009, viene rilasciata la prima versione per la licenza Creative Commons 0. Con questa licenza, l'autore rinuncia a qualunque diritto sull'opera, che può essere utilizzata da tutti, in qualunque modo, per sempre e senza condizioni. Scompare pure l'obbligo di citare l'autore. La legislazione, al momento, non prevede che vi sia un ente preposto dove l'autore possa depositare l'opera prima di distribuirla. È più difficile per l'autore dimostrare la paternità dell'opera, nel caso in cui qualcuno applichi successivamente il diritto d'autore, e a limite accusi di averlo violato quanti fruiscono l'opera stessa. Rispetto alla licenza, prevale la legislazione, che nei Paesi di diritto latino prevede che resti l'obbligo di citare l'autore, e che i diritti morali sulle opere siano per questi irrinunciabili. 12
  • CRESCITA DEL NUMERO DEGLI ARTICOLI 13
  • Foundation 14
  • Wikimedia – Foundation Wikimedia è una fondazione non-profit che gestisce Wikipedia e altri progetti fratelli riguardanti conoscenza libera. La fondazione nasce due anni dopo la creazione di Wikipedia, per garantire ai progetti di conoscenza libera su internet un lungo futuro. La fondazione ora ha sede a San Francisco, e mantiene tutte le infrastrutture tecnologiche, software e server che permettono a milioni di persone ogni giorno di utilizzare liberamente e gratuitamente Wikipedia e i suoi progetti fratelli. 15
  • Wikimedia – Board of Trustees Presidente Michael Snow (In carica fino al Luglio 2010) Fondatore Jimmy Wales Vice-Presidente Jan-Bart de Vreede (In carica fino al dicembre 2009) Segretario esecutivo Kat Walsh (In carica fino al Luglio 2011) Tesoriere Stu West (In carica fino al dicembre 2009) Membri Ting Chen, Arne Klempert, Matt Halprin, Samuel Klein La Wikimedia Board of Trustees gestisce la fondazione e supervisiona la disponibilità e il reperimento delle donazioni. 16
  • LIBERTÀ ACCESSIBILITÀ E QUALITÀ Un elemento essenziale della missione riguarda La libertà di modificare o distribuire contenuti l’incoraggiamento dello sviluppo di risorse didattici, che risultano inutili se gli utenti non educative basate su contenuti liberi che possono possono accedervi. Questo avviene 24 ore al essere creati e utilizzati dalla comunità. giorno, 7 giorni su 7 VALORI Essendo una fondazione non-profit, necessita di donazioni, sovvenzioni e sponsorizzazioni per Anche avendo sede negli USA, l’organizzazione poter portare avanti il proprio lavoro. È molto internazionale è nella sua natura. Per questo importante restare liberi da ogni influenza e per motivo tutti i membri dello staff a partire dal questo motivo la fondazione stessa si riserva il consiglio di amministrazione sono scelti senza diritto di rifiutare le donazioni che potrebbero nessun tipo di discriminazione generare vincoli. INDIPENDENZA APERTURA E DIVERSITÀ 17
  • Schema di Coda 3 4 SUCCESSO SOCIALE 1 2 SUCCESSO ECONOMICO 18
  • Wikimedia - Support Major Benefactors ($50,000+) Anonymous (2) Alan Bauer Bing The Hellman Family Foundation Patrons ($15,000 to $49,000) Anonymous (4) Aidan Products, LLC Ryan and Lisa McCorvie Ron Unz Two Sigma Investments, LLC …. I maggiori introiti, vengono dalle donazioni, che possono essere effettuate da chiunque. 19
  • Wikimedia - Support Wikimedia Italia (Italy) Frieda Brioschi, President Luca Sileni, Vicepresident Giulia Clonfero, Secretary Alessio Guidetti, Treasurer Nicola Izzo, Head of projects Legenda Existing chapters (dark blue), Planned chapters (green), Chapters in discussion (light blue) as of 4 July 2009. Un’altra modo per supportare la Wikimedia Foundation sono le varie associazioni nazionali e locali, chiamate Wikimedia chapters. Attività di organizzazione di conoscenze libere, i cosiddetti Open contents, come quella svolta dalla Wikimedia, hanno visto negli ultimi tempi crescere progressivamente la propria visibilità e l'interessamento nei propri riguardi degli ambienti politici ed economici. A oggi sono costituite 26 associazioni nazionali, nonché quella di NYC, altre 10 stanno per costituirsi e altre 14 sono in fase di definizione. 20
  • Nel 2009/2010 la Wikimedia Foundation aumenterà i ricavi del 43% rispetto al 2008/2009 per un totale di 10,6 milioni di dollari. La spesa prevista per il 2009/2010 è di 9,4 milioni di dollari. L’incremento della spesa è dovuto a: Maggiore larghezza di banda e attrezzature: per supportare il pubblico in crescita Nuovo staff tecnico: per poter corregge problemi in maniera più rapida Nuova campagna di comunicazione: Campagna volta ad aumentare la comprensione della fondazione e della sua missione 21
  • WikiProject 22
  • Wikitionary È un progetto collaborativo per produrre un dizionario online libero e multiligue, in tutte le lingue, con significati, etimologie e pronunce. Wikizionario è un compagno lessicale di Wikipedia. Seguendo un'idea nata da Daniel Alston il progetto (originariamente solo in inglese) ha visto la luce il 12 dicembre 2002. I primi Wikizionari multilingue creati, sono stati quello francese e quello polacco, entrambi il 29 marzo 2004; a febbraio 2005 ci sono Wikizionari in 146 lingue. Fino all'1 maggio 2004 il progetto è stato ospitato su un URL temporaneo, poi spostato all'attuale indirizzo. Il 3 maggio 2004 è nata la versione italiana, che a febbraio 2005 contava già 12.000 articoli. 23
  • NUMERO DI ENUNCIATI LUGLIO 2009 1600000 1400000 1200000 1000000 800000 600000 Nazioni 400000 200000 0 Diversamente da molti dizionari che sono mono o bilingue, Wikizionario è un dizionario multilingue e internazionale, il che significa che il suo ambizioso scopo è raccogliere ogni parola per ogni lingua nota. 24
  • Wikibooks Inizialmente chiamato Wikimedia Free Textbook Project e Wikimedia-Textbooks, è un progetto multilingue per la raccolta di e-book gratuiti e dal contenuto libero, rivolti in particolare agli studenti, come libri di testo, manuali e libri commentati, di pubblico dominio. Esso mira ad aiutare l'istruzione di studenti e insegnanti. Avviato il 10 luglio 2003, al febbraio 2008 contava circa 3100 moduli di libri nella versione in lingua italiana. Il progetto è stato attivato in seguito a una richiesta di Karl Wick per avere un luogo dove iniziare a costruire dei libri di testo open content, al fine di ridurre i costi ed altre limitazioni inerenti ai materiali di apprendimento. Alcuni dei primi libri erano completamente originali, altri testi copiati da altre fonti libere. I contenuti del sito vengono rilasciati in GFDL. I contributi rimangono proprietà dei loro creatori, mentre la licenza copyleft garantisce che i contenuti rimarranno sempre liberamente distribuibili e riproducibili. 25
  • Wikisource È un progetto multilingue per la raccolta di testi e fonti gratuite e dal contenuto libero. Si pone come obiettivo la raccolta di una biblioteca virtuale di testi in diverse lingue e di pubblico dominio o che sono rilasciati nei termini della licenza Creative Commons. Il progetto è stato lanciato il 24 novembre 2003 con l'URL temporanea http://sources.wikipedia.org e spostato in seguito sul dominio http://wikisource.org. Nel giro di due settimane dall'avvio del progetto, più di 1000 erano le pagine create, di cui circa 200 veri e propri articoli. All'inizio del 2004, il sito aveva 100 utenti registrati. All'inizio del luglio 2004 gli articoli erano oltre 2400, con più di 500 utenti registrati. 26
  • Wikiquote È uno dei progetti basati su wiki promossi dalla Wikimedia Foundation ed utilizza lo stesso software MediaWiki di Wikipedia. Nato da un'idea di Daniel Alston e sviluppato da Brion Vibber, l'obiettivo del progetto è quello di produrre in modo collaborativo un'ampia raccolta di citazioni di persone famose, opere letterarie, cinematografiche, teatrali o musicali, memoriali, proverbi, epitaffi ecc., e di fornire approfondimenti su di essi. È il secondo wiki (dopo Wikipedia) più conosciuto. Nel 2007 le citazioni di Wikiquote in italiano sono state coinvolte in un esperimento scientifico dell'Universidad Politécnica de Valencia, Spagna; lo scopo era verificare se sia possibile identificare automaticamente le frasi comiche. La versione italiana è al secondo posto tra quelle con più citazioni. 27
  • Wikispecies È un progetto che si propone di operare una raccolta delle specie viventi in un archivio multimediale. Il progetto fu proposto da Benedikt Mandl nel 2004. Attualmente, il progetto contiene 118000 pagine ed esiste in 131 lingue. 28
  • Wikinews È un progetto che si propone come fonte di notizie di attualità alla cui stesura può contribuire chiunque. La sua missione è quella di "creare un ambiente eterogeneo dove i wiki-giornalisti possano diffondere notizie su una vasta gamma di eventi attuali“. 29
  • Commons È un archivio di immagini, suoni ed altri file multimediali con licenza libera. I file possono essere usati direttamente da tutti gli altri progetti che si trovano sui server di Wikimedia, come se fossero caricati localmente su ogni singolo progetto (è però possibile che l'uso di certe immagini sia vietato in specifici progetti a causa di problematiche legislative dovute a leggi locali). Nato il 7 settembre 2004. È stato anche il primo progetto Wikimedia ad utilizzare il software MediaWiki. Il linguaggio predefinito per Commons è l'inglese; l'interfaccia però può essere configurata nelle preferenze utente per utilizzare qualsiasi altra lingua. Molte pagine sono già state tradotte in varie lingue. Dal 2005 Wikimedia Commons non permette il caricamento di file con licenze non libere, incluse le licenze che limitano l'uso commerciale del contenuto multimediale o che sono rilasciati in fair use. Il sito ha accumulato un'ampia collezione. Raccoglie oltre 10.000 riproduzioni di dipinti di pubblico dominio dai tempi antichi ai moderni, oltre 7.000 file di pronuncia in varie lingue, centinaia di registrazioni di pubblico dominio di musica classica e una collezione in crescita di filmati di discorsi storici. 30
  • Wikiversity Progetto pensato come un centro per la creazione e l'uso di materiale per il libero apprendimento. I suoi obiettivi primari sono: • Creare ed ospitare un insieme di materiali e risorse per l'apprendimento liberi e multilingue, per tutti i gruppi di età • Ospitare progetti di studio e apprendimento e comunità che forniscano tali materiali. Il modello della Wikiversità pone l'accento sui "gruppi d'apprendimento" e il "learning by doing". L'idea è che queste comunità di partecipanti attivino i progetti di apprendimento e tale apprendimento si realizza attraverso la collaborazione sui progetti e la modifica delle pagine della Wikiversità. La Wikiversità consiste di un insieme di pagine wiki riguardanti lo studio di un certo argomento. I partecipanti esprimono i loro obiettivi di apprendimento e la comunità collabora a sviluppare delle attività e dei progetti che permattano il raggiungimento di tali obiettivi. Le risorse sono sviluppate da singoli o gruppi, o di loro iniziativa o come parte di un progetto di apprendimento ed includono sussidi didattici, piani di lezioni, piani di studio, link esterni ad altre risorse ed elenchi di letture . I gruppi con interessi in ciascuna area creano una rete di risorse che forma la base di discussione e attività della Wikiversità. 31
  • La Wikiversità in lingua inglese iniziò ufficialmente il 15 agosto 2006, mentre quella italiana è stata avviata il 18 maggio 2007. Sono attualmente attive nove Wikiversità: • inglese, • francese, • tedesca, • spagnola, • ceca, • portoghese, • greca, • giapponese, • italiana. Altre sono attualmente in fase di sviluppo. La Wikiversità, in futuro, potrebbe anche ospitare dei progetti di ricerca, ma tale parte dell'attività è ancora oggetto di dibattito e non è stata ancora avviata. 32
  • Competitors 33
  • Google Knol Knol, il nome del progetto, è l'abbreviazione di 'knowledge' (conoscenza) e punta a intaccare il ricco mercato di visitatori di Wikipedia, che secondo hanno toccato a ottobre negli USA un record di 56,1 milioni di unità, meno della metà di Google (131,6 milioni di unità), il motore di ricerca su internet più usato al mondo. Knol - nasce con "l'obiettivo di incoraggiare le persone che conoscono una materia particolare a scrivere un articolo autorevole sul tema". Google Knol sarà un insieme di schede monotematiche, ognuna ospitata da una pagina Web dedicata, scritte da utenti che abbiano una profonda conoscenza dell'argomento: ogni scheda è un'unità di conoscenza, un Knol, che Google, inserirà tra i risultati delle ricerche dando visibilità all'autore. Futuro 34
  • How to Work Google Knol fornirà un framework che permetterà ai singoli autori di concentrarsi di più sui contenuti, per dare fornire alla comunità online informazioni sempre aggiornate, evitandogli di doversi occupare di aspetti come l'usabilità e il design. Il progetto è leggermente diverso da Wikipedia, infatti inviterà gli internauti a firmare i propri articoli, che saranno affiancati dalla fotografia di ciascun autore, Quindi avremo un singolo autore per articolo, ma sarà possibile creare altri articoli sullo stesso argomento, ma da autori differenti. La conoscenza che Google vuole diffondere è monetizzabile, Google infatti si può definire una repubblica basata sulla pubblicità e se l'autore di ogni knol lo consentirà, i propri articoli potranno includere i classici Google Adverties. In altre parole Knol darà la possibilità di poter guadagnare soldi grazie al sistema di annunci pubblicitari AdSense e guadagnare a seconda delle visite al proprio articolo. 35
  • La pornografia e articoli di carattere esclusivamente promozionale o pubblicitario sono proibiti, come pure i contenuti violenti o discriminatori e gli articoli privi di contenuto sostanziale e utilità, creati unicamente per generare entrate pubblicitarie tramite il servizio AdSense , al contrario degli articoli creati per promuovere imprese, prodotti o servizi che saranno ammessi. Considerazioni Questo approccio alla conoscenza pensata come un libero mercato rappresenta un aspetto davvero intrigante di Knol, ma è anche il maggiore problema che Google si troverà ad affrontare. Infatti, man mano che la qualità dei contenuti generati dagli utenti aumenterà, ci sarà sempre minor necessità di doversi affidare ai motori di ricerca tradizionali per cercare le informazioni che ci servono su un dato argomento. Meno ricerche significherà per Google meno guadagni e la necessità di trovare altre aziende disposte ancora ad investire in pubblicità. 36
  • Knol vs Wikipedia Google insiste sulla la visibilità data all'autore di ogni knol: i nomi infatti saranno messi in evidenza proprio come si farebbe per un libro. Ne risulta una maggiore responsabilizzazione di chi scrive oltre che il senso di orgoglio per vedere il proprio lavoro pubblicato online; in più, il nome di un esperto con titolo accademico o job title, porta autorevolezza ai contenuti. Sarà anche dotato di strumenti di gestione comunitaria dei contenuti, e le persone che vorranno usarlo saranno abilitate ad inserire commenti su qualsiasi contenuto esistente al suo interno, ma anche a porre domande ed immettere contenuti aggiuntivi. Ogni singolo contenuto potrà altresì essere valutato e recensito da chiunque, e potrà includere annunci pubblicitari a discrezione dell’autore Nel mese di ottobre 2008 Google ha inaugurato l'utilizzo di Knol anche come forum di discussione e ne  ha attivato le versioni francese, italiana e tedesca, per poter incrementare il numero di contatti che  sembrava ristagnare.  37
  • Citizendium vs Wikipedia Il progetto è originato da Larry Sanger, co-fondatore di Wikipedia, che in merito al progetto ha previsto che i migliori utenti di Wikipedia potrebbero passare a Citizendium poiché quest'ultimo pone vincoli contro il dilettantismo e l'anonimato visitatori. Citizendium nasce nel settembre 2006 sulla base di Wikipedia, con la prospettiva di assumere nel tempo una sua vita propria. Come Wikipedia, è un progetto non profit, accetta donazioni e sponsorizzazioni non intrusive. Le caratteristiche principali che differenziano Citizendium da Wikipedia sono: responsabilità: possono contribuire solo utenti registrati con i loro nomi reali; affidabilità: gli utenti devono fornire il proprio curriculum a garanzia delle informazioni immesse nel testo. L'iniziativa "scismatica" è semplice: creare una piattaforma collaborativa "differente", nata sulle fondamenta degli articoli provenienti da Wikipedia, la cui autorevolezza è spesso stata messa in dubbio. Attraverso la sospensione dei contributi anonimi da parte degli utenti, Citizendium mira a fornire informazioni più accurate e corrette. 38
  • Citizendium Il progetto Citizendium (citizen's compendium, il "compendio del cittadino") è un progetto wiki che combina la partecipazione degli utenti sotto la direzione di esperti permettendo loro di iniziare o modificare gli articoli pubblicati online, introducendo alcune variazioni. Per prima cosa, gli autori dovranno fornire il proprio nome e cognome, senza nascondersi dietro a un nickname. Il nuovo progetto chiede cioè ai redattori un impegno più professionale, dove nome e curriculum andranno a far da garanzia per quanto immesso. In secondo luogo, in quelle aree dove è necessaria una conoscenza specifica, ogni contributo verrà verificato da un pool di esperti. Citizendium conterrà informazioni su tutto, dalla storia persiana alla cinematografia contemporanea, argomenti scientifici ma anche argomenti più leggeri. La sua navigazione è pressoché identica a quella di Wikipedia, ma il nuovo sito è ancora ben lontano dall'aver raggiunto la completezza del fratello maggiore. Attualmente sono online circa 1800 articoli, solo in lingua inglese, e una serie di link ai temi che sono in lavorazione. Insomma, in una ipotetica competizione, allo stato attuale delle cose Wikipedia vince alla stragrande. Il motivo è semplice e riguarda l' incredibile quantità di contenuti dettagliati e corredati di immagini, grafici, link, senza i quali è impossibile attrarre nuovi visitatori. 39
  • Partnership 40
  • Orange e la Wikimedia Foundation hanno annunciato un ampia partnership strategica destinata al reciproco vantaggio degli utenti di ciascuna organizzazione, estendendo così le modalità con cui la gente può accedere conoscenza libera. Chi è Orange? Orange  è il marchio principale di France Telecom, uno dei principali operatori mondiali leader  di telecomunicazioni. Con 123 milioni di clienti, il marchio Orange ora copre Internet,  televisione e servizi di telefonia mobile nella maggior parte dei paesi in cui il Gruppo opera.  Alla fine del 2008, France Telecom ha registrato un fatturato consolidato di 53,5 miliardi di  euro e una base clienti di oltre 182 milioni di clienti in 30 paesi. Questi includono 122 milioni i  clienti mobili in tutto il mondo e 13 milioni di clienti Internet a banda larga (ADSL) in Europa.  Orange è il terzo operatore di telefonia mobile e il primo fornitore di servizi Internet a banda  larga in Europa e, sotto il marchio Orange Business Services, è uno dei leader mondiali nella  fornitura di servizi di telecomunicazione ad aziende multinazionali. Fornirà un accesso rapido e semplice per i contenuti co-branded dalla Wikimedia Foundation, un servizio che inizialmente sarà fornito ai soli clienti di Francia, Regno Unito, Spagna e Polonia. 41
  • La partership include: La creazione di specifici canali di Wikipedia sui portali di telefonia mobile e web di Orange. Arricchire le sezioni del web e portali di telefonia mobile Orange, con i collegamenti alle informazioni pertinenti di Wikipedia. Sviluppo di telefonia mobile e web-based widget, che permettono ai clienti di accedere ai contenuti di Wikipedia direttamente dalla propria homepage mobile di Orange o di rete. La seconda fase del contratto prevede una collaborazione per creare una serie di semplici ma nuovi servizi innovativi avvalendosi delle competenze di Orange come un provider globale di comunicazione attraverso internet mobile e la televisione. Inoltre, la partnership verrà implementato anche sul resto della impronta europea di Orange. Questa collaborazione è parte integrante della strategia di Orange per fornire contenuti più popolari e interessanti per i propri clienti e aumentare la portata dei servizi di Wikimedia, in particolare nel mercato europeo di telefonia mobile, in un momento in cui l'uso di Internet mobile è in forte aumento. Attraverso questa partnership Orange oltre a sostenere la mission della Wikimedia Foundation, rafforza ed espande la portata di Wikipedia e degli altri progetti di conoscenza collaborativa per i nuovi utenti. E' probabile che a spingere Orange ad interessarsi ai  servizi offerti da Wikipedia, sia stata La possibilità di conoscere i percorsi di navigazione dei propri utenti, indirizzando quindi loro pubblicità ad hoc. 42
  • Future 43
  • Prospettive per il Futuro La caratteristiche della crescita di Wikipedia e gli sviluppi delle iniziative collaterali come molti siti wiki che si basano sullo stesso software MediaWiki e sviluppano qualche forma di simbiosi, inducono a pensare che le attività intorno alla enciclopedia libera abbiano conseguenze molto rilevanti sull'intera società. Il dibattito sul suo futuro, oltre che sulle numerose pagine che le iniziative Wikimedia dedicano alle discussioni, si inizia a sviluppare su media e ambienti accademici. Analizzando i vari aspetti della crescita delle iniziative Wikimedia, tenendo conto della sinergia tra le versioni di wikipedia nelle diverse lingue e avendo presente la perdurante crescita delle strutture trasmissive e procedurali del Web (dalla crescita della banda larga e del wireless, ai potenziamenti dei linguaggi e del software per la rete) è ragionevole prevedere che nel giro di pochi anni per tutte le lingue maggiori le enciclopedie generaliste più estese e autorevoli saranno wikipedie. 44
  • La crescita dei contenuti della wikipedia in italiano da un paio d'anni può contare su una base di contributi regolari, anche se sarebbe auspicabile che fossero ancor più numerosi i "wikipediani" che si impegnano nel suo sviluppo, quando si tenga conto del patrimonio culturale conservato nella lingua italiana e nel nostro territorio. Molte voci in italiano sono ottenute traducendo voci dall'inglese e da alcune altre lingue (francese, tedesco, spagnolo, polacco, ...); la perdurante forte crescita dei sostenitori e la continua crescita del numero medio di interventi sulle voci fa pensare che alle traduzioni si aggiungeranno sempre più spesso informazioni di completamento rivolte specificamente ai lettori italiani. Non sono comunque rare le voci in italiano più complete e ragionate delle omologhe nelle altre lingue; anzi interi gruppi di voci in italiano vengono ripresi in altre lingue. Per previsioni a più lungo termine occorre anche tenere presente la prospettiva di potenziamenti e ampliamenti rilevanti per il software che sostiene lo sviluppo e la distribuzione dei contenuti aperti. Come è successo per lo sviluppo del software, è lecito pensare che si potrà contribuire a Wikipedia attraverso ambienti di sviluppo che consentiranno di operare su più finestre e disporranno di prestazioni di monitoraggio e di accessibilità facilitata sulle pagine da migliorare, di funzioni di ricerca su wikipedia e altri wiki, su biblioteche digitali e su altri depositi di contenuti aperti dotati di strutture coerenti. È anche auspicabile che si possano ottenere nuovi effetti visivi e nuove capacità espressive tramite nuovi marcatori che consentano una tipografia più variata, richiami di componenti a scomparsa, inserimento di grafici vettoriali ed elementi dinamici. Insieme a questi arricchimenti si possono prospettare anche estensioni nei browser che consentano un accesso generalizzato a pagine con questi arricchimenti. Ha iniziato a diffondersi la possibilità di accedere a Wikipedia attraverso dispositivi mobili tascabili. 45
  • La crescente disponibilità di risorse di conoscenza aperte, alla quale Wikipedia sta dando un rilevante contributo diretto ed indiretto, fa nascere una ulteriore aspettativa: quella della disponibilità di risorse di conoscenza che siano riutilizzabili in modo sempre più efficace e diretto per attività produttive ed amministrative, e quindi per affrontare problemi di vasta portata. 46
  • Wikinomics 47
  • Wikinomics - Contesto e Sviluppo Alla fine del 2006, nella stessa settimana in cui è uscito il libro “Wikinomics”, la rivista Time ha messo in risalto: • l’esplosione del social networking; • la crescita esponenziale degli utenti su mySpace; • il numero di studenti universitari statunitensi con un profilo su Facebook. • la nascita di un nuovo blog al secondo, 24 ore su 24. •Navigare su Internet non significa più solo conoscere gente nuova online. •Grazie al Web 2.0 le imprese stanno iniziando a ideare, progettare, sviluppare •I “contenuti media generati dagli utenti” ed erogare prodotti e servizi in modo e il social networking, in realtà, sono •Sta nascendo una nuova modalità profondamente diverso. solo la punta dell’iceberg. produttiva. Il vecchio principio secondo cui bisogna attirare i migliori talenti, farli crescere e convincerli a restare entro i confini di una determinata impresa sta perdendo ogni significato. Grazie al netto e costante calo dei costi associati alla collaborazione e all’Open Source, le imprese possono attingere sempre più facilmente a un vasto bacino globale di talenti per trarne idee, innovazioni e menti altamente qualificate. 48
  • Wikinomics – Open Source In informatica, la dicitura open source indica un software i cui autori ne permettono e ne favoriscono il libero studio e l'apporto di modifiche. La collaborazione di più parti permette al prodotto finale di raggiungere una complessità maggiore di quanto potrebbe ottenere un singolo gruppo di lavoro. Le piattaforme Open source sono entrate nei contesti “mission critical”. Circa il 43% delle aziende del mondo stanno usando software Open source in contesto bancario, delle telecomunicazioni, etc. 49
  • Ma perché bisogna andare verso l’Open Source? • Per supportare la soluzione di problemi e la raccolta di contributi • Per ridurre i costi • Per migliorare il prodotto • Per avere la possibilità di generare business sulla fornitura di servizi correlati (es: IBM, SUN - Sviluppo strutturale del mercato) • Per comunicare (far conoscere le proprie soluzioni) In generale, dall’analisi del fenomeno dell’Open Source si evince che “Si rafforzeranno le aziende preparate e che avranno sperimentato le logiche collaborative” “WIKINOMICS - How Mass Collaboration Changes Everything” Al movimento open source si ispira quello open content: in questo caso ad essere liberamente disponibili sono i contenuti editoriali. Wikipedia è un chiaro esempio dei frutti di questo movimento. 50
  • Wikinomics – Principi Questo cambiamento, portato dalla logica collaborativa da luogo ad un movimento conosciuto sotto il nome di WIKINOMICS, che è un nuovo modo di fare economia e creare valore basato sulle collaborazione distribuite. Possiamo dire che la Wikinomics si fonda su 4 pilastri: Apertura (openness): trasparenza, condivisione di informazioni, opinioni ed esperienze con tutti gli stakeholder, clienti, partner, dipendenti, fornitori e collaboratori. Un esempio è la case history di Goldcorp, una azienda mineraria in crisi che è diventata la più importante azienda nel settore dell’estrazione dell’oro, dopo aver deciso di divulgare i dati relativi alle proprie mappe geologiche e chiedendo su Internet a chiunque ne avesse la capacità di interpretarle per avere nuove indicazioni di ricerca. In settori meno duri, Amazon, Google, e-bay sono tutte imprese di successo che hanno deciso di aprire le loro infrastrutture e le loro applicazioni di successo allo scopo di sviluppare vasti ecosistemi di business. Relazione tra pari (peering): da attuare non solo all’interno dell’azienda ma soprattutto all’esterno, con altre aziende e altri collaboratori, in un contesto di co-creazione del valore che nasce proprio dalla collaborazione orizzontale, differentemente dal tradizionale flusso della catena del valore. Un caso lampante è dato dall’alleanza IBM-Linux: IBM cede centinaia di software proprietari agli sviluppatori di Linux, ottenendo in cambio un valore di diversi miliardi di dollari in sviluppo. 51
  • Condivisione (sharing): anche degli asset considerati strategici e segreti, i brevetti e le licenze, ossia la proprietà intellettuale. Ogni azienda dovrebbe possedere una sorta di portafoglio delle sue proprietà intellettuali e alcune di queste varrebbe la pena di condividerle con altre aziende per generare profitti o valore. È il caso di Procter&Gamble, che ha ricavato milioni di dollari vendendo i propri brevetti e invitando altre aziende a collaborare per sviluppare nuovi prodotti, aderendo al programma “Connect and Develop” Azione globale e non solo locale (global action): le aziende devono comportarsi come player globali non solo nazionali o multinazionali. Tecnologie e processi di business e IT attuali permettono una modalità di azione e comunicazione su scala mondiale. Le aziende che agiscono globalmente, tendono a diventare di successo. Boeing ha scoperto che tutti i costi, i rischi e l’expertise implicati nell’esecuzione e nella progettazione di un nuovo aeroplano possono venire drasticamente ridotti cedendo il controllo di migliaia di componenti ad altrettanti operatori dislocati in tutto il mondo. 52
  • La teoria discute inoltre di sette nuovi modelli di collaborazione diffusa: Peer pioneers [innovatori paritetici]: 1 Le persone che si dedicano alla peer production applicano i principi dell’open source allo scopo di creare prodotti fatti di bit, dai sistemi operativi alle enciclopedie. I casi di Linux e Wikipedia hanno dimostrato che migliaia di volontari sparsi in tutto il mondo possono dare vita a progetti fluidi, rapidi ed innovativi. New Ideagoras [fori per le idee]: 2 Le ideagorà consentono alle imprese di accedere a un mercato globale di idee, innovazioni e menti dotate delle competenze più ricercate, in modo da poterle utilizzare per ampliare le loro capacità di problem solving. Prosumers [produttori-consumatori] : 3 Le comunità di prosumers possono costituire una fonte incredibile di innovazione, qualora le imprese offrano ai clienti tutti gli strumenti di cui hanno bisogno per prendere parte alla creazione di valore. Il caso di Second Life, costruito per il 99% dagli stessi partecipanti è emblematico. Ma sono ormai molte le case automobilistiche, a partire da BMW, che fanno disegnare i loro modelli direttamente dai clienti. Nel settore delle moto, l'italiana Ducati è stata una grande anticipatrice su questo fronte. 53
  • New Alexandrians [I nuovi alessandrini]: 4 Stanno introducendo un nuovo modello di scienza collaborativa, che porterà ad una riduzione di costi e ad una accelerazione del progresso tecnologico. Esperienze estremamente importanti come il Progetto Genoma Umano e le attività di ricerca dei colossi del settore farmaceutico ormai tutte fortemente orientate verso queste soluzioni aperte dimostrano quanto i principi della Wikinomics stanno incidendo sulla ricerca scientifica. Platforms for participation [Le piattaforme partecipative]: 5 Istituiscono un palcoscenico globale nel quale ampie comunità di partner hanno la possibilità di creare valore o nuove imprese. Global plant floor [L’ambiente produttivo globale]: 6 Consente di sfruttare il capitale umano al di là dei confini organizzativi e delle frontiere. Wiki workplace [Le Wikimprese]: 7 Accrescono l’innovazione e migliorano il morale facendo breccia attraverso le gerarchie organizzative con modalità non ortodosse (ad esempio favorendo la comunicazione interna attraverso videogiochi on line). 54
  • Wikinomics Nella storia del business, le grandi imprese si sono sempre organizzate in base a una rigida struttura gerarchica. Ciascuno era subordinato a qualcun altro Benché non si possa affermare che le gerarchie stiano sparendo, una serie di profondi cambiamenti nella natura stessa della tecnologia, lo sviluppo demografico e l’economia globale stanno facendo emergere nuovi, importanti modelli di produzione basati sulla collettività, la collaborazione e l’organizzazione autonoma al posto della gerarchia e del controllo. Milioni di patiti dei media, oggi, fanno ricorso ai blog, ai wiki, alle chat e al personal broadcasting per aggiungere la propria voce a un flusso continuo di dialoghi e dibattiti chiamato “blogosfera”. I dipendenti delle imprese incentivano la performance collaborando con i peer, ovvero i loro pari, al di là dei confini organizzativi, dando vita a quella che chiamiamo “wikimpresa”. I clienti si trasformano da consumer in prosumer, collaborando alla creazione di beni e servizi invece di limitarsi a consumare il prodotto finito. Le cosiddette supply chain (catene di fornitura) funzionano più efficacemente quando i rischi, i benefici e la capacità di portare a termine progetti di vasta portata – compresi i prodotti altamente complessi come le automobili, le motociclette e gli aeroplani – vengono distribuiti all’interno di una rete planetaria di partner che collaborano alla pari. 55
  • Wikinomics Le imprese “illuminate” stanno incoraggiando, invece di contrastarla, la vivace crescita di enormi comunità online, molte delle quali sono emerse all’improvviso dai margini della Rete fino ad attirare decine di milioni di partecipanti. Persino le aziende che si fanno una concorrenza accanita stanno collaborando a progetti scientifici altamente innovativi, con l’obiettivo di accelerare il processo di ricerca nell’ambito del proprio settore. In verità, a mano a mano che un numero crescente di imprese si renderà conto dei benefici della collaborazione di massa, questa nuova modalità organizzativa finirà per sottrarre alle strutture aziendali tradizionali il ruolo di motore primario per la creazione della ricchezza. Questo nuovo modello economico si estende già al di là del software, della musica, dell’editoria, dei farmaci e di altri settori guida fino a coprire quasi ogni area dell’economia globale. Prevedibilmente, tuttavia, i nuovi paradigmi creano straniamento e confusione. Spesso vengono accolti con freddezza o, peggio ancora, con scherno od ostilità bella e buona. Gli interessi costituiti si oppongono al cambiamento. I leader del vecchio mondo hanno molte difficoltà ad accogliere favorevolmente quello nuovo. Secondo il Sunday Times: “la ‘wikinomics’ è il nuovo motore che sta facendo aggregare le persone in Rete con l’obiettivo di dar vita a una sconfinata mente collettiva”. 56
  • Wikinomics – Esempi Parallelamente all’evoluzione di questo processo, molti manager sono giunti alla conclusione che la nuova collaborazione di massa sia un fenomeno tutt’altro che positivo. Alcuni critici osservano i progetti open source di successo come, ad esempio, Linux e Wikipedia e li considerano un attacco al legittimo diritto (nonché alla necessità) delle imprese di realizzare un profitto. Altri vedono questa nuova abbondanza di partecipazione all’economia come una minaccia alla propria esistenza (qualcuno di voi ha comprato un CD musicale, di recente?). Noi vogliamo delineare un quadro molto diverso. È vero, vi sono alcuni casi di crisi e difficoltà fra i settori e le aziende che, finora, non hanno saputo cogliere le nuove logiche economiche, tuttavia la rete è piena di storie di gente comune e di aziende che stanno interagendo attraverso modalità nuove e creative per promuovere l’innovazione e il successo. Di seguito analizzo il fenomeno dell'intelligenza collettiva attraverso alcuni casi in cui le aziende hanno saputo sfruttare questo fenomeno. 57
  • Wikinomics – Esempi Chi usa l'intelligenza (degli utenti) trova l'oro Il primo caso, presente anche nel libro “Wikinomics”, riguarda Rob McEwen amministratore delegato della Goldcorp, società di ricerca d'oro, che si rivolse alla comunità virtuale per risolvere un problema pressante. La Goldcorp stava esaurendo i suoi giacimenti d'oro e i suggerimenti e le indicazioni che venivano dall'interno dell'azienda, per individuare nuovi giacimenti, non stavano dando risultati. Rob McEwen decise allora di sfruttare internet e organizzò un concorso tra gli utenti, il Goldcorp challenge con un montepremi complessivo di 575 mila dollari. La cosa forse più azzardata, oltre al fatto di rivolgersi a degli sconosciuti, fu quella di condividere i dati geologici relativi alle proprietà dell’impresa, cosa assolutamente “non convenzionale”. La risposta degli internauti non si fece attendere oltre 1.400 scienziati, ingegneri, geologi, persone comuni di 50 paesi scaricarono i dati della società, e iniziarono ad analizzare i dati e a cercare “virtualmente” l'oro senza essere sul posto. Il risultato del concorso fu l'individuazione di 110 possibili zone di ricerca nella proprietà di Red Lake, la metà delle quali non erano neanche stati presi in considerazione dalla Goldcorp. Da queste 110 possibili zone oltre l'80% si fruttò grandi quantità d'oro. 58
  • Wikinomics – Esempi Innovazione con incentivi per l'intelligenza risolve problemi e riduce i costi Innocentive nasce nel 2001 come start-up della Eli Lilly, multinazionale farmaceutica, per rispondere ad una doppia sfida, risolvere problemi (di ingegneria, informatica, matematica, chimica,...) e ridurre i costi interni di ricerca e sviluppo. Come funziona? Sul sito Innocentive vengono presentati una serie di quesiti divisi per ambito con indicazione della società richiedente (tra i clienti vi sono società come Boeing, DuPont e Procter & Gamble) e l'ammontare del premio messo in palio per la risoluzione del problema. La gara è aperta a chiunque voglia provare a fornire la propria soluzione iscrivendosi al sito e sottoponendo la sua soluzione. I Premi vanno da un minimo di $5,000 fino ad un massimo di $1,000,000 in base alla difficoltà del problema. Il tutto con un doppio vantaggio: Risolvere problemi a cui la struttura interna non riesce a trovare una soluzione Ridurre i costi relativi alla ricerca e sviluppo per la ricerca di una soluzione interna del problema. 59
  • Wikinomics – Esempi Il miglioramento dei prodotti passa attraverso l'intelligenza degli utilizzatori Nel 2007 la società Dell ha lanciato due iniziative per coinvolgere i suoi clienti, e migliorare i suoi prodotti. La filosofia di queste iniziative è ben sintetizzata da Michael Dell: "Noi ascoltiamo, impariamo e quindi miglioriamo e innoviamo in base a ciò che i nostri clienti vogliono.” Sembra proprio che lo facciano, infatti vista l'insistenza degli utenti i computer Dell sono stati equipaggiati anche con il sistema operativo Linux e non più solo con quello di casa Microsoft. LE INIZIATIVE La prima si chiama Ideastorm: si tratta di un sito internet attraverso il quale si possono proporre miglioramenti e opinioni per migliorare i prodotti dalla Dell. La seconda, si chiama Studio Dell: si tratta di una sezione del sito internet dove si possono visionare video su come utilizzare al meglio i prodotti della Dell. C’è anche una sezione, la sezione “Your Stories”, dove i consumatori possono contribuire personalmente a spiegare l’utilizzo delle tecnologie della Dell, inviando i propri video. 60
  • Wikinomics – Esempi Tutti questi esempi provengono dall'estero … ma a livello italiano cosa succede? Diciamo che non siamo stati proprio alla finestra. Una prima azienda a sfruttare intelligenza collettiva, e la partecipazione degli utenti per la risoluzione dei problemi e lo sviluppo e' stata la Ducati. La società emiliana ha saputo coinvolgere e “utilizzare” l'intelligenza collettiva dei propri clienti - utilizzatori - prosumer - fan. Identificandone i bisogni, coinvolgendoli nello sviluppo di nuove idee ma non solo, come illustra la ricerca “Collaborating to create: the internet as a platform for customer engagement in product innovation” 61
  • Wikinomics – Esempi In sintesi, Ducati ha saputo coinvolgere e sfruttare l'intelligenza dei suoi “fan” attraverso diversi canali virtuali e non come : Il “Tech Cafè” un forum dedicato alla scambio di conoscenze tecniche, di idee per la personalizzazione delle moto, ma anche il luogo in cui i ducatisti forniscono suggerimenti per il miglioramento dei prodotti con la possibilità di allegare dei file di testo o grafici. Non è solo un luogo in cui scambiarsi le conoscenze tecniche e aiutarsi reciprocamente (cosa che ha ridotto le chiamate al call center della società visto l'aiuto reciproco nella soluzione di problemi e la segnalazione delle proprie competenze) , ma è anche uno strumento di conoscenza del “fan” e delle sue esigenze oltre che uno strumento di fidelizzazione (visto che chi ha aiutato alla creazione di un prodotto è più incline a comprarlo). Feedback e sondaggi su prodotti e attività di marketing specifiche. Iniziative come “Design your dream Ducati” in cui l'apporto dei fan poteva essere utilizzato per definire meglio le aspettative e i desideri del cliente. 62
  • Wikinomics – Considerazioni Studi da più circa 7 milioni di dollari, realizzati tra il 2000 ed il 2005, hanno esaminato l’ascesa di una Rete sempre più mobile e pervasiva, il suo impatto sui modelli di business, la trasparenza del web ed il cambiamento della progettazione aziendale e delle dinamiche competitive. La conclusione è sorprendente e fortemente positiva. Oggi, miliardi di individui interconnessi sono in grado di partecipare all’innovazione, alla creazione della ricchezza e allo sviluppo sociale, e quando una massa così vasta di persone collabora collettivamente può far progredire le arti, la cultura, la scienza, l’educazione, il governo e l’economia in modi sorprendenti e redditizi. Le imprese che hanno a che fare con queste comunità web-enabled in rapido sviluppo stanno già scoprendo i reali benefici della capacità e dell’ingegno collettivo. Per conquistare e mantenere il successo, non basterà limitarsi a intensificare le attuali strategie di management. I leader sono chiamati a “riprogrammare” la propria visione del business e resistere alla tentazione di innalzare barricate e mettersi a combattere le dinamiche volte all’organizzazione autonoma che si sviluppano all’interno del loro settore. I manager devono cambiare il loro modo di pensare alla concorrenza e alla redditività, nonché assimilare una nuova arte/scienza della collaborazione che prende il nome di wikinomics. Essa va al di là dell’open source, della creazione di reti sociali, del cosiddetto crowdsourcing o di altre idee che riguardano questo tema. Piuttosto, ci stiamo riferendo ai profondi cambiamenti strutturali e operativi che la grande impresa e la nostra economia stanno vivendo, cambiamenti basati su nuovi principi competitivi come l’apertura, il peering, la condivisione e l’azione su scala globale. 63
  • Awards 64
  • Premi e Riconoscimenti Wikipedia ha vinto due premi importanti nel maggio 2004: Il primo è stato un Golden Nica per le Comunità Digitali all'interno del Prix Ars Electronica di Linz in Austria, in cui annualmente sono consegnati premi nel campo dell'arte elettronica ed interattiva, dell'animazione al computer, della cultura digitale e della musica. Questo premio fu accompagnato da un finanziamento di 10.000 euro e da un invito a presenziare al PAE Cyberarts Festival di quell'anno. Il secondo è stato un Webby Award (premio annuale per i migliori siti web) proposto dalla giuria per la categoria "Comunità". Wikipedia è anche stata nominata per il premio della categoria "Migliori attività". Ha vinto, inoltre, il premio Aretê (Forum per la comunicazione responsabile 2007) nella categoria "Internet". La cerimonia è avvenuta il 5 novembre 2007 a Roma, presso la Sala delle Conferenze della Camera dei Deputati. Motivazione: per l’impegno in favore della diffusione della conoscenza e del sapere universale, in maniera libera, gratuita, partecipata e costruttiva, nel vero spirito degli ideali originari della Rete. 65