• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Web  tourism innovation
 

Web tourism innovation

on

  • 1,614 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,614
Views on SlideShare
1,614
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
10
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Web  tourism innovation Web tourism innovation Presentation Transcript

    • WEB TOURISM INNOVATION Ryanair
    • RELATORI
      • Catinella Michele (capo gruppo)
      • Numerato Alessandro
      • Salvatore Mugnano
      • Domenico De Giglio
    • LA RIVOLUZIONE TURISTICA
      • Il turismo ormai da qualche anno si sviluppa attraverso internet avvalendosi dei suoi vantaggi indiscussi: velocità, interazione, condivisione. Per cui chiunque voglia operare nel settore del turismo deve adeguarsi a questo nuovo media. La rivoluzione telematica nel settore del turismo sta drasticamente cambiando le relazioni commerciali tra imprese e clienti, dove, i confini geografici, che limitano l’accesso a beni e servizi, vengono eliminati. Per affermarsi in questo scenario competitivo, ciascuna azienda turistica deve adottare un nuovo modello di business, nel quale basi tecnologiche e organizzative portano al successo on line: canali promozionali, efficienti customer service, tecnologie e abbattimento di costi.
    • LA RIVOLUZIONE TURISTICA
      • Queste nuove tecnologie, hanno cambiato i rapporti relazionali fra imprese, permettendo di creare, sviluppare e rendere globale la disponibilità di servizi turistici. Inizialmente le agenzie di viaggio hanno reso possibile l’avvicinamento dell’offerta alle esigenze della domanda, in seguito Internet ha esteso tale possibilità al consumatore finale, ridefinendo il sistema di business e la nozione di canale distributivo dei prodotti turistici.
      • Il turismo è uno dei settori a maggior tasso di sviluppo sul Web. La sua natura è infatti particolarmente adatta alla transizione nell'e-commerce, grazie alla tecnologia è in grado di produrre sia diminuzione di costi che aumento della qualità e flessibilità dei servizi offerti. Le statistiche confermano che i settori a più alto volume di vendite su internet, sono quelli del booking on-line ed il settore alberghiero.
    • LA RIVOLUZIONE TURISTICA
      • Sulla rete si trovano informazioni sulle destinazioni, sui diversi servizi offerti (trasporti, alberghi, ristoranti, autonoleggio), la possibilità di prenotare online e i servizi ai clienti successivi all'acquisto (assistenza, guide polizze assicurative).
      • Inoltre ci sono servizi e informazioni aggiuntive come racconti e pareri di altri utenti, notizie sulle previsioni del tempo e sul tipo di luogo, il tutto in costante aggiornamento.
      • Molti tra i musei e le gallerie d'arte internazionali organizzano tour digitalizzati e centri ricreativi e di cultura popolare mettono a disposizione degli utenti una vasta gamma di clip audio e video.
    • LA RIVOLUZIONE TURISTICA
      • I molti investimenti tecnologica e la prevista diffusione domestica degli accessi ad Internet, può rappresentare nei prossimi anni un considerevole potenziale di mercato per le aziende presenti in rete, soprattutto, se si considera che l’accesso alla rete è possibile non solo via computer, ma anche attraverso i sistemi di telefonia mobile, attraverso gli apparecchi televisivi e dalla propria automobile, tramite dei cruscotti multimediali con GPS, e con le console di videogame.
      • Tanta concorrenza ,causata dal basso livello di investimenti necessari, per l’ingresso in questo campo, non potrà non riflettersi sui prezzi e sulla qualità delle diverse offerte, ma le società corrono dei rischi: riduzione fatturati pro-capite per società e riduzione margini di profitto a seguito della corsa al ribasso sui prezzi.
    •  
    • UN PO’ DI STORIA…
      • Tutto è cominciato nel 1985 quando la famiglia Ryan, con a capo l'uomo d'affari Tony Ryan, ha costituito la società con un capitale di 1 milioni di sterline e uno staff di 25 dipendenti. Nel Luglio dello stesso anno venne inaugurato il primo volo a bordo di un aereo da 15 posti da Waterford nel sud dell'Irlanda a Gatwick a Londra.
      • L'anno seguente Ryanair ottenne il permesso dalle autorità di sfidare i colossi British Airways e Aer Lingus e il loro duopolio sulla rotta Dublino-Londra. Il prezzo di 99 sterline andata e ritorno era meno della metà di quello offerto dalle altre due compagnie.
    • UN PO’ DI STORIA…
      • Negli anni successivi acquista altri aerei e incrementa le rotte nel Regno Unito e vengono lanciate le prime rotte nel resto d'Europa, a Bruxelles e a Monaco di Baviera.
      • Nel periodo dal 1990 al 1991 dopo anni di crescita la Ryanair subisce un calo drammatico di passeggeri e accumula 20 milioni di sterline di perdite, e la famiglia Ryan ne investe altre tanti.
      • L'anno dopo torna a crescere, la flotta si espande ulteriormente con l'acquisto del primo Boeing 737, e il numero dei passeggeri supera il milione.
    • UN PO’ DI STORIA…
      • Dal 1994 al 1996 diventa la prima compagnia a basso costo a operare in un volo in Gran Bretagna.
      • Negli anni successivi al 2000 i passeggeri superano i 20 milioni, superando così la British airways nel mercato europeo. I Boeing diventano più di 50, aprendo nuove rotte e in tutta Europa.
      • Dal 2006 i biglietti venduti su internet sono adesso il 98% del totale. I passeggeri sono più di 70 milioni e i dipendenti più di 2.000.
    • TARGET
      • Visione futura : diventare la compagnia numero uno in Europa.
      • Missione aziendale : compagnia leader nei voli low-cost.
      • Obiettivo : accrescere il numero di passeggeri e quindi il profitto attraverso riduzione dei costi e tariffe più basse.
      • Slogan : “The low fares airline”
    • STRATEGIE AZIENDALI
      • Puntualità (nei limiti consentiti);
      • Hedgings: nessun sovraprezzo carburante;
      • Flotta Omogenea: usati solo Boeing 737-800;
      • Flotta giovane: età media di 2,5 anni (raddoppiare traffico aereo);
      • Aeroporti secondari: riduzione tasse aeroportuali;
      • Check-in on-line: riduzione code e tempi di attesa;
      • Priorità di imbarco.
    • STRATEGIE AZIENDALI
      • Bagagli a mano: fino a 15 kg;
      • Rotte senza scali;
      • Sito internet efficiente;
      • Occupare maggior numero di posti: offerte last-minute;
      • Riduzione al minimo di bagagli smarriti o in ritardo;
      • Servizi extra a pagamento: cibo, cosmesi, telefonia, ecc.;
      • Acquistare biglietti mezzi convenzionati sull’aereo a prezzi ridotti.
    • IL LOW-COST…COME…
      • Utilizzo di aeroporti secondari per diminuire le tasse aeroportuali;
      • Prenotazione on-line per diminuire costi personale e strutture;
      • Sosta breve in aeroporto per evitare ulteriori tasse;
      • Incentivi e agevolazione da città e compagnie di trasporto di terra;
      • Shopping sull’aereo;
    • IL LOW-COST…COME…
      • Riempire il più possibile l’aereo con offerte last-minute;
      • Posti in piedi a prezzi ancora più ridotti;
      • Pubblicità sulla carta d’imbarco;
      • Aerei tutti uguali, meno costosi e presi in leasing o a noleggio, con azzeramento del costo di manodopera;
      • Aerei più leggeri che consumano meno;
    • CHECK-IN ON-LINE
      • L’innovazione dell’utilizzo del check-in on-line, diventato obbligatorio dal maggio 2009, ha permesso di ridurre i costi del personale, di risparmiare tempo delle code in aeroporto, di ridurre i costi di utilizzo delle strutture aeroportuali.
      • Può essere effettuato da 15 giorni a 4 ore prima dell’orario previsto per la partenza del volo.
    • FIDELIZZAZIONE
      • Le imprese più innovative hanno iniziato ad investire intensivamente per acquisire clientela, forzando il mercato on-line con promozioni ed iniziative speciali; attualmente, tali imprese starebbero già investendo nella customer retention, al fine di fidelizzare i clienti acquisiti ed instaurare con essi un rapporto duraturo.
      • Numerosi studi hanno messo in luce come oggi sia importante per le aziende non solo conquistare nuovi clienti ma anche mantenere fedeli i clienti già acquisiti. La perdita di un cliente significa quindi per l'azienda la rinuncia al fatturato che il cliente avrebbe potuto far realizzare nel corso del tempo, inoltre comporta il rischio di una rilevante pubblicità negativa. Per fidelizzare il cliente le aziende si adoperano per rendere il proprio servizio migliore di quello dei concorrenti, unito alla possibilità e facilità di dialogo con l'azienda.
    • DESTINAZIONI
    • STATISTICHE - DIPENDENTI
    • STATISTICHE - AEREI
    • STATISTICHE - PASSEGGERI
    • QUOTE DI MERCATO IN ITALIA L'Italia rappresenta un'area strategica per i piani futuri della Ryanair. Dopo l'Irlanda, quello italiano è il secondo mercato di riferimento per la compagnia, grazie soprattutto alla riduzione della presenza di Alitalia.
    • QUOTE DI MERCATO IN EUROPA
    • PRINCIPALI COMPETITORS
      • easyJet: compagnia inglese;
      • airberlin: compagnia tedesca;
      • Alitalia: compagnia italiana;
      • Air France: compagnia francese;
      • Aer Lingus: compagnia irlandese;
      • EasyJet è una compagnia aerea a basso costo con sede sull' aeroporto di Londra-Luton (UK), fondata nel 1995. In base al numero di passeggeri trasportati, è la terza compagnia aerea low-cost più grande al mondo (dopo la statunitense Southwest Airlines e la Ryanair).
      • Il modello di business è lievemente diverso da quello di Ryanair, perché é basato su aeroporti più centrali che sono più attraenti per i viaggiatori d’affari (tipologia di cliente diversa).
      • Air Berlin  è la seconda compagnia aerea in Germania dopo Lufthansa, fondata nel 1979 a Berlino, opera su circa ottanta destinazioni.
      • Si definisce low-fare (a prezzi bassi) distinguendosi dai vettori low-cost, infatti offre servizi gratuiti quali bevande, pasti quotidiani, assegnazione posti e un programma fedeltà.
      • Alitalia è la principale compagnia aerea italiana, nota con l’acronimo di CAI è nata nel 2008.
      • Effettua voli in Europa, Africa, America e in Asia.
      • Ha vari tipi di classi di viaggio: dalla economy alla business.
      • Hanno un programma fedeltà: ogni tot di miglia percorse si avranno dei vantaggi.
      • Air France è la principale compagnia aerea francese, è la quarta compagnia aerea del mondo, fondata nel 1933.
      • Il business di Air France è suddiviso in tre settori: trasporto passeggeri, trasporto cargo, assistenza e manutenzione aeromobili.
      • È stata la prima compagnia a creare nuovi tipi di classi di viaggiatori: la ‘‘première classe’’, la ‘‘voyageur’’ e la ‘‘affaires’’.
      • Aer Lingus è una compagnia aerea irlandese, nate nel 1936, attiva su brevi e lunghe distanze. Compagnia low-cost che permette di volare a basso costo grazie alla riduzione dei servizi a bordo e allo svolgimento di tutte le operazioni di prenotazione e check-in sul internet.
      • Aer Lingus si distingue anche per la sua attenzione all'ambiente e al sociale; oltre ad adottare misure particolari per ridurre l'impatto ambientale delle operazioni di volo. 
    • COMPETITORS TRASVERSALI
      • Una categoria di competitors è quello che produce un bene sostitutivo a quello prodotto. Nel caso delle compagnie aeree questa categoria è rappresentata dai treni, dagli autobus e in minima parte anche dalle navi.
      • Un possibile cliente sceglie di viaggiare in aereo per un motivo: la velocità, la possibilità di raggiungere destinazioni lontane in tempi brevi. Prima della politica low-cost, un cliente sceglieva, invece di viaggiare in aereo, di usare treno o bus per un motivo: il prezzo più basso.
      • La Ryanair ha fatto si che quest’ultimo fosse un ulteriore motivo per preferire di viaggiare in aereo; rendendo minore l’impatto di questi competitors.
    • IMPATTO AMBIENTALE
      • Utilizza tecnologie moderne, come la modifica delle alette, per ridurre l’inquinamento acustico che, oltre a garantire una performance più elevata, riduce il consumo di carburante del 2% con una conseguente diminuzione delle emissioni di CO 2 .
      • Utilizzo di aeromobili efficienti comportano un minor consumo di carburante.
    • INCIDENTI
      • Nel corso della sua storia la Ryanair ha visto soltanto due incedenti della sua flotta:
      • 21 marzo 2008 - Un Boeing 737 proveniente da Bruxelles-Charleroi, è finito fuori pista durante l'atterraggio a Limoges (Francia centrale). Sei persone sono rimaste ferite in modo lieve su 186 passeggeri. Il Boeing è stato evacuato con gli scivoli dopo essere uscito di pista.
      • 10 novembre 2008 - Un Boeing 737 proveniente da Francoforte-Hahn ha effettuato un atterraggio d'emergenza all'aeroporto di Roma-Ciampino, causato dalla perdita di entrambi i motori dovuto all'attraversamento di uno stormo di volatili. Qualche lieve ferito fra i 166 passeggeri. Il velivolo rimasto entro i limiti della pista ha riportato pochissimi danni.
    • RAPPORTI CON IL PERSONALE
      • Ryanair non da agevolazioni sui biglietti ai dipendenti, e i costi di addestramento, cibo e acqua e divise sono a carico dei dipendenti.
      • Adeguando i turni, Ryanair, ha massimizzato la produttività e i tempi di riposo dei membri dell’equipaggio.
      • Tese relazioni con il personale e piloti dopo il mancato riconoscimento dei sindacati e condizioni lavorative scarse (es. obbligo accettazione contratti, azioni legali).
    • MEZZI DI SUPPORTO
      • Utilizzando per la maggior parte aeroporti secondari, quindi distanti decine di kilometri dai centri urbani, Ryanair ha stipulato accordi con quei centri urbani per fornire gli aeroporti di mezzi, come autobus e treni, per trasportare i passeggeri dall’aeroporto al centro urbano.
      • Questo è un altro fattore per cui i prezzi sono più bassi: la Ryanair offre un servizio ai centri urbani e alle compagnie di autobus e treni, cioè quello di portare un gran numero di turisti, per controparte offrono alla Ryanair delle agevolazioni fiscali e altro.
      • Per esempio all’aeroporto di Londra-Stansted sono presenti oltre al treno (il cui biglietto è anche possibile acquistarlo direttamente a bordo dell’aereo) anche un servizio autobus messo a disposizione dalla Terravision al costo di circa 17,00 € A/R.
    • IL PORTALE
      • Sulla portale Ryanair è possibile, tra le altre cose, fare:
      • Prenotare un volo;
      • Prenotare un hotel con la collaborazione del sito www.booking.com;
      • Noleggiare un auto con la collaborazione del sito www.hertz4ryanair.com;
      • Gestire la propria prenotazione (aggiunta bagaglio, imbarco prioritario, visualizzare la prenotazione, modifica volo, cambiamenti dei nomi);
      • Effettuare il check-in online;
      • Ricevere informazioni utili su offerte e promozioni;
    • STAKEHOLDERS
    • MODELLO DI BUSINESS
      • Il modello di business basato su rotte a basso costo verso aeroporti secondari è sul massimo sfruttamento dei posti disponibili tramite una serrata campagna commerciale finora, però, sembra non solo efficacie ma anche rivoluzionario. Comunità periferiche con piccoli aeroporti sono da tempo in lotta per accaparrarsi una rotta della compagnia irlandese e diverse località hanno già ottenuto un exploit del turismo grazie a un semplice volo della compagnia guidata da O’Leary. Anche a maggio i posti prenotati da Ryanair sono cresciuti del 17% a 6.44 milioni di euro nonostante le nefaste vicende causate dal vulcano islandese.
    • CATEGORIZZAZIONE
      • New Economy: basata su internet, prenotazioni e check-in;
      • Profit: organizzazione a scopo di lucro, che mira a massimizzare i profitti;
      • Private: fondata da Tony Ryan e successivamente quotata in borsa;
      • Mondiale: destinazioni iniziali in Europa, con successiva espansione in Nord Africa, in prospettiva futura tratte trans-oceaniche.
    • PROSPETTIVE FUTURE
      • La continua ricerca dell’efficacia e dell’efficienza permettono contemporaneamente di fissare tariffe ridotte ed ottenere utili soddisfacenti. Le sue tariffe low sono insostenibili per qualsiasi compagnia aerea. La ricerca da parte di queste di competere con Ryanair le sta portando al dissesto finanziario, molte hanno allo studio improbabili fusioni, altre sono costrette a ricapitalizzarsi.
      • Questi sono però modesti palliativi che non fanno che ritardare lo scenario ormai chiaro che si sta prospettando. Alla fine rimarranno pochi grandi operatori con il modello low-cost che avrà una fetta di mercato prevalente.
    • PROSPETTIVE FUTURE
      • Molti aeroporti maggiori, dati i cali del traffico, saranno costretti a rivedere le proprie pretese ed a assecondare il modello low-cost.
      • Ryanair con una vasta quota di mercato potrà aumentare le sue tariffe, pur mantenendole ad un livello vantaggioso, in maniera tale da permetterle un ritorno economico sempre più soddisfacente. Ryanair è divenuta ormai la maggior compagnia aerea europea, con prospettive ancora più rosee per il futuro.
    • GRAZIE PER L’ATTENZIONE … e le uscite sono lì, lì e lì…