E learning
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

E learning

on

  • 1,862 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,862
Views on SlideShare
1,862
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
35
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

E learning E learning Presentation Transcript

  • L’Evoluzione nella Formazione A cura di:Antonio CampioneMichele Franco 1
  • Definizione di E-LearningPer E-Learning si intende luso delletecnologie multimediali e di Internet permigliorare la qualità dell’apprendimento.I progetti educativi di molte istituzionipropongono la teledidattica non solo comecomplemento alla formazione ma anchecome percorso didattico rivolto ad utentiaventi difficoltà di frequenza in presenza. 2
  • Definizione di E-Learning• Attraverso la teledidattica si facilita anche la formazione aziendale, specialmente per le organizzazioni con una pluralità di sedi.• Prima di trattare gli aspetti fondamentali caratterizzanti il tema in oggetto, una breve divagazione storica 3
  • Breve Storia dell’E-Learning• L’E-Learning è associato alla Formazione a Distanza (FaD) di terza generazione.• La didattica a distanza è passata da una FaD di prima generazione (anni 50-60) basata su corsi per corrispondenza, ad una di seconda generazione (anni 60-80) che presenta un uso combinato di sussidi multimediali e software didattico. 4
  • Breve Storia dell’E-Learning• Con l’avvento del moderno Web nasce la FaD di terza generazione (anni 90) in cui agli strumenti precedenti si aggiungono le potenti capacità della rete.• Il termine E-Learning indica oggi i modelli di apprendimento e/o gli strumenti di una formazione a distanza realizzata attraverso la rete e che utilizza le tecnologie informatiche 5
  • Breve Storia dell’E-LearningLa dinamicità del Web 2.0 ha:• spezzato la concezione fino ad allora esistente di un E-Learning che ha nella tradizionale piattaforma software l’unico supporto per i modelli di apprendimento.• reso l’E-Learning più accessibile, flessibile, personalizzabile e fruibile per tutti i soggetti della formazione. 6
  • Il Web 2.0• Il Web 2.0 è un termine usato per indicare uno stato di evoluzione del World Wide Web• O in alternativa come una serie di siti web con interfaccia e facilità d’uso tali da risultare simili alle tradizionali applicazioni che gli utenti sono soliti installare nei propri personal computer. 7
  • Principi Generali Tutti i sistemi di E-Learning devono prevedere alcuni elementi essenziali, che sono:• l’utilizzo della connessione in rete per la fruizione dei materiali didattici• lo sviluppo di attività formative basate su una tecnologia specifica, detta "piattaforma tecnologica" (Learning Management System) 8
  • Principi Generali• l’impiego del personal computer, o dispositivi analoghi dotati di interfaccia, come strumenti principali per il percorso di apprendimento• un alto grado di indipendenza del percorso didattico, da vincoli di presenza fisica o di orario specifico 9
  • Principi Generali• il monitoraggio continuo del livello di apprendimento, attraverso frequenti momenti di valutazione e autovalutazione 10
  • Principi Generali• Di centrale importanza risulta altresì la valorizzazione dei seguenti fattori:• Multimedialità, ovvero effettiva integrazione tra diversi media per favorire una migliore comprensione dei contenuti• Interattività con i materiali per favorire percorsi di studio personalizzati e ottimizzazione dell’apprendimento 11
  • Principi Generali• interazione umana, con i docenti/tutor e con gli altri studenti - per favorire, tramite le tecnologie di comunicazione in rete, la creazione di contesti collettivi di apprendimento 12
  • Principi Generali: Riassumendo• Linsegnamento in linea sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet per fornire formazione sincrona e/o asincrona agli utenti, che possono accedere ai contenuti dei corsi in qualsiasi momento e in ogni luogo in cui esista una connessione internet. Questa caratteristica, unita alla tipologia di progettazione dei materiali didattici, portano a definire alcune forme di teledidattica come "soluzioni di insegnamento centrato sullo studente". 13
  • Architettura di un Sistema E-Learning 14
  • L’Obiettivo della Teledidattica• Linsegnamento in linea è un processo che implica lutilizzo delle tecnologie di rete per progettare, distribuire, scegliere, gestire e ampliare lapprendimento.• In questottica gli elementi principali nella progettazione di contenuti erogabili via rete, i quali rendono la FaD non più assimilabile ai monolitici corsi tradizionali, sono tre: 15
  • L’Obiettivo della Teledidattica• linterattività, vale a dire la necessità di coinvolgere il discente, generalmente avvalendosi del learning by doing• la dinamicità, ovvero il bisogno da parte del discente di acquisire nuove competenze mirate just in time• la modularità, ossia la possibilità di organizzare i contenuti di un corso secondo gli obiettivi formativi e le necessità dellutenza 16
  • Possibilità di Riuso• Ogni blocco formativo (learning object) può essere isolato da un corso e assemblato con altri blocchi formativi per formare un corso nuovo: pertanto loggetto di apprendimento può essere riutilizzato in tempi e luoghi diversi. 17
  • Learning ObjectsMa quali sono le caratteristiche necessariea rendere riutilizzabili gli oggetti di apprendimento?• la facile reperibilità e trasportabilità;• la possibilità di gestire i contenuti;• lassegnazione ai singoli oggetti di insiemi di metadati.• Oggigiorno esistono due certificazioni di trasparenza e riutilizzabilità della teledidattica: l‘AICC (Aviation Industry ComputerBasedTraining Committee) e la SCORM (Sharable Courseware Objects Reference Model). 18
  • FaD vs Teledidattica• Spesso si identifica la teledidattica con qualsiasi tipologia di formazione erogata tramite computer, sia offline (CD-ROM), che online (Internet o Intranet). Da questo punto di vista la teledidattica non si discosta dalla formazioni a distanza FAD.• In realtà la componente Internet con la presenza di una piattaforma tecnologica come un Learning Management System determina una netta distinzione tra teledidattica Web Based Training (WBT) e altre versioni di formazione a distanza, come il Computer Based Training (CBT). 19
  • FaD vs Teledidattica• La teledidattica può anche inserirsi in processi formativi definiti "misti" (blended learning) in cui la componente online si affianca alla formazione di stampo tradizionale, con incontri in aula o seminari. 20
  • Prospettive• Nella prospettiva di un graduale affermarsi del Web Semantico, infatti, si può immaginare facilmente un percorso di apprendimento e formazione autogestito che veda il discente muoversi attraverso vari portali e piattaforme diverse ma concordi nella valutazione standardizzata delle classificazioni dei materiali, degli esami e dei livelli di ingresso e di uscita nel processo formativo. 21
  • Tecnologia• Un componente base della teledidattica è la piattaforma tecnologica (Learning Management System o LMS) che gestisce la distribuzione e la fruizione della formazione: si tratta di un sistema gestionale che permette di tracciare la frequenza ai corsi e le attività formative dellutente come accesso ai contenuti o tempo di fruizione. 22
  • Tecnologia• Tutte le informazioni sui corsi e gli utenti restano indicizzate nel database della piattaforma: questa caratteristica permette allutente di accedere alla propria offerta formativa effettivamente da qualsiasi computer collegato a Internet, generalmente senza la necessità di scaricare software ad hoc dal lato del client. 23
  • Vantaggio• Lutente è totalmente delocalizzato e in virtù di ciò risulta più semplice il suo accesso al proprio percorso formativo sul server, anywhere/anytime, ovunque e in qualsiasi momento. 24
  • Contenuti• I contenuti dei corsi didattici possono essere realizzati in diversi formati: pagine HTML, animazioni 2D o 3D, contributi audio/video, simulazioni, esercitazioni interattive, test.• In qualsiasi caso, si tratta di contenuti realizzati in modalità multimediale e possono essere costruiti ad hoc o essere stati modificati da materiale già esistente in formato digitale. 25
  • Contenuti• I materiali didattici dovrebbero essere costruiti in modo da garantire quattro fondamentali caratteristiche: Modularità Interattività Esaustività Interoperabilità 26
  • Contenuti: Modularità Il materiale didattico deve essere composto da moduli , detti Learning Object, in modo che lutente possa dedicare alla formazione brevi lassi di tempo - indicativamente 15/20 minuti di tempo - personalizzando così tempi e modalità di approccio ai contenuti. 27
  • Contenuti: Interattività Lutente deve interagire con il materiale didattico, che deve rispondere in modo adeguato alle necessità dellinterazione uomo-macchina. Il coinvolgimento diretto dell’utente è infatti fondamentale per al fine di un massimizzarne l’attenzione. 28
  • Contenuti: Esaustività Ogni Learning Object deve rispondere ad un obiettivo formativo e portare lutente al completamento di tale obiettivo al termine di ciascuno di essi. 29
  • Contenuti: Interoperabilità Il materiale didattico deve essere predisposto per poter essere distribuito su qualsiasi piattaforma tecnologica. Un Learning Object concepito su una piattaforma deve poter essere usabile in un’altra. Deve quindi essere portabile. 30
  • La Teledidattica nella Formazione Aziendale• I vantaggi formativi dovuti alladozione dell’E-Learning, possono diventare economicamente rilevanti in un contesto di sviluppo aziendale. La teledidattica applicata allimpresa serve per conservare, sviluppare e trasmettere le conoscenze dellazienda ai dipendenti, aumentando lefficienza dei processi interni e risparmiando tempo e denaro. 31
  • La Teledidattica nella Formazione Aziendale• La teledidattica come strumento di formazione aziendale si sta dimostrando una potente leva commerciale per gli innumerevoli vantaggi che propone: il numero delle trasferte si riduce grazie alla possibilità di formare gli impiegati a distanza 32
  • La Teledidattica nella Attività Commerciali• Inoltre, nel caso di attività commerciali, vi sono alcune possibilità relative al trattamento dell’utenza post-vendita .• Anche tale categoria può avvantaggiarsi dei pregi derivanti dall’utilizzo di una semplice piattaforma, anche, per esempio, un sito online. 33
  • La Teledidattica nella Attività Commerciali Con la pubblicazione di video-tutorial, lattività di assistenza sui prodotti venduti è soggetta ad un drastico sgravio di lavoro. La maggior parte delle trasferte per manutenzione sono infatti sostituite da lezioni online grazie alle quali il cliente può trovare autonomamente risposta a molte delle sue domande. 34
  • La Teledidattica nella Attività Commerciali I manuali sul prodotto sono molto più fruibili poiché mostrare tramite video come si utilizza un prodotto è ovviamente più immediato e comprensibile che descriverlo. 35
  • ll Mercato della Teledidattica• Se nellambito della formazione tradizionale è facile stabilire "chi fornisce cosa e a chi", non si può asserire lo stesso riguardo la teledidattica:• Da un lato vi sono gli sviluppatori di piattaforme tecnologiche e relativo software• Dall’altro gli sviluppatori di contenuti multimediali 36
  • ? Quesito ?• È meglio realizzare autonomamente il sistema teledidattico più adeguato alle proprie esigenze o acquistarlo allesterno?• Vediamo il fenomeno caso per caso. 37
  • Grandi Imprese• Per le grandi imprese commerciali è possibile investire denaro al fine di creare una propria divisione autonoma che si occupi dello sviluppo di una piattaforma di formazione dei dipendenti.• Per tali entità il rischio economico è minimo. 38
  • Pubblica Amministrazione• Differente è lo scenario tipico della pubbliche amministrazioni, bisognose di nuove competenze ma divise tra la centralità delle scelte e la delega alle realtà locali.• Per tali entità il rischio economico è indubbiamente maggiore per le suddette motivazioni. 39
  • E-Learning WorldWide• Si propone una breve panoramica sul mercato dell’E-Learning nel globo.• Come sarà evidente in seguito, la situazione è assai diversificata relativamente ai luoghi esaminati. 40
  • Stati Uniti• La mappa della diffusione della teledidattica nel mondo vede in posizione dominante gli Stati Uniti, sia in termini di utenti che di fatturato del settore.• Per il mercato USA sono state fatte previsioni di crescita da 10 miliardi di dollari nel 2001, a 80 miliardi nel 2006, fino a 212 miliardi nel 2011. 41
  • Europa• Benché lEuropa sia un mercato ancora giovane, l’International Data Corporation - impresa di analisi di mercato specializzata nelle tecnologie di telecomunicazioni - ha stimato che il mercato teledidattico europeo ha avuto nel 2001 un valore di 717 milioni di dollari, che salirebbe a 4 miliardi di dollari entro il 2004. 42
  • Europa• I paesi europei che più investono nell‘E- Learning sono Germania, Gran Bretagna e Francia col 40% degli investimenti totali effettuati in Europa; seguono, con un netto stacco, Olanda e Italia con appena il 10%.• Di rilievo anche le realtà dei Paesi del Nord Europa, in particolare Svezia, Finlanda e Norvegia. 43
  • Cause• Allorigine del ritardo del mercato europeo dell‘E-Learning nei confronti di quello degli USA, vi sono le variegate differenze geografiche e culturali tra stato e stato, che inducono a una forte richiesta di personalizzazione dei contenuti. 44
  • Cause• A favore della tendenza positiva statunitense, giocano la tipologia organizzativa di molte aziende - multinazionali decentrate su un vasto territorio - e una componente culturale nei confronti delleducazione, aperta allutilizzo di strumenti intermedi, non solo nelle aziende, ma anche nelluniversità e negli istituti di educazione superiore. 45
  • La Didattica in Italia• Per molte ragioni in Italia la diffusione della teledidattica è notevolmente più lenta e difficoltosa rispetto alle tendenze americane: la tradizione culturale della formazione in aula è molto più radicata e, nonostante gli incentivi per la sua diffusione, sembra che il panorama formativo italiano sia "timoroso“ e restio rispetto all’attuazione di tali programmi. 46
  • La Didattica in Italia• Ciononostante sono nati i primi corsi di laurea online (PoliMi, Università di Firenze) e alcuni decreti del Ministero per l’Innovazione Tecnologica hanno lavorato affinché la diffusione dell‘E-Learning nella Pubblica Amministrazione venga incentivato il più possibile. 47
  • Stati Uniti vs Italia• In USA, scuola e università investono ingenti quantità di denaro nella teledidattica.• Lenta è invece la sua adozione nellambiente scolastico italiano e scarsi sono gli investimenti. Le cause vanno ricercate nella diffidenza, nella scarsa propensione ai nuovi strumenti e al divario tra generazioni.• Per rimediare a ciò occorrerebbe che gli insegnanti per primi vengano formati sia alluso dei nuovi strumenti, sia alle nuove modalità di apprendimento. 48
  • Formazione Tradizionale vs Innovativa• Si è visto che nella realizzazione di un progetto di E-Learning ci si trova di fronte ad un bivio:- utilizzare servizi esterni pre-esistenti- sviluppare la propria soluzione 49
  • Formazione Tradizionale vs Innovativa• Molte organizzazioni sono allettate dalla realizzazione interna, influenzati dalla larga disponibilità di portali della formazione con licenza open source, che sembrano rendere particolarmente vantaggioso lo sviluppo autonomo.• La grande maggioranze di queste, a distanza di due anni o più, non ha ancora disponibile un valida offerta o un business di successo. 50
  • Formazione Tradizionale vs Innovativa• Quali sono le cause di questo mancato business? Sviluppare un catalogo di corsi è oneroso in termini di risorse e conoscenze. Non è sufficiente la conoscenza di un webmaster Sottostima della complessità di gestione e realizzazione 51
  • Formazione Tradizionale vs Innovativa basse priorità operative del progetto rispetto a business tradizionalmente consolidati costi interni elevati per la formazione del personale adibito al progettoIn sintesi, non si guarda ad essa come una strategica attività aziendale, ma come una mera opportunità di mercato. 52
  • Formazione Tradizionale vs InnovativaPer concludere, un sguardo riassuntivo generale, con una diretta comparazione delle due tipologie di formazione a confronto. In particolare ci si soffermerà sui vantaggi offerti da un tipo di formazione innovativa rispettivamente: agli utenti agli enti di formazione 53
  • Vantaggi per gli Utenti E-Learning Tradizionale I corsi sono sempre I corsi sono erogati in disponibili in quanto non vi determinati giorni e ad è la necessità di formare orari fissi. Spesso si ha una Flessibilità laula. Un professionista sola erogazione del corso onella fruizione interessato a seguire un le edizioni successive corso è messo in grado di avvengono comunque ad iniziare lattività formativa intervalli di mesi nel giro di poche ore Al costo del corso si devono Costi sommare le spese di Il solo costo del corso Complessivi trasporto e il tempo dedicato agli spostamenti 54
  • Vantaggi per gli Utenti E-Learning Tradizionale I corsi sono disponibili al I corsi sono effettuati solo momento delliscrizione se è raggiunto un numeroDisponibilità minimo di iscritti La durata della formazione è globale e La durata della include gli intervalli, con Durata formazione è quella orari di inizio e termine effettiva delle lezioni non sempre rispettati. La delle lezioni durata effettiva di un corso non raggiunge il 75% del tempo dichiarato55
  • Vantaggi per gli Utenti E-Learning Tradizionale Vi sono vincoli sulla Il tempo di formazione è durata e sugli orari di costituito dal tempo inizio e termine delle Trattazione necessario alla trattazione lezioni. La schedulazione dellargomento degli argomenti allinterno argomenti della sessione non è sempre rispettata. E necessario recarsi alla Tutti i partecipanti sede del corso, ciò èAccessibilità possono seguire il corso particolarmente dal proprio ufficio penalizzante per gli utenti che non risiedono nella località ove si tiene il corso 56
  • Vantaggi per gli Utenti E-Learning Tradizionale Massima libertà I corsi si svolgono in orari dellorario di fruizione. e giorni predeterminati e Lutente può seguire il non è raro in conflitto con corso senza dover limitare le attività lavorativeOrari di fruizione la propria attività lavorativa La durata è predefinita con sessioni tipicamente La durata di ogni sessione superiori o uguali a 3 ore. Durata di una di formazione è scelta dal Ciò comporta un notevole professionista in base alla affaticamento con sessione sua disponibilità e al suo conseguente minore affaticamento efficacia della formazione, in particolare dopo le prime due ore di lezione 57
  • Vantaggi per gli Utenti E-Learning Tradizionale Il professionista ha la Lerogazione dei contenuti possibilità di accedere ai è eseguita in base alle contenuti in base alle esigenze dellaula e non vi proprie esigenze è la possibilità di ripetereDisponibilità formative, in particolare parti anche quando la loro può ripetere parti della mancata comprensionedei contenuti formazione pregiudichi lapprendimento di argomenti trattati successivamente. Indiretta via email, con la Diretta con il docente. possibilità di essere Solitamente alla fineInterazione raccolte in FAQ dellintervento, con tempi (Domande più Frequenti) spesso limitati e con la e messe a disposizione di necessità, non sempre tutti gli utenti gradita, di unesposizione pubblica 58
  • Vantaggi per gli Utenti E-Learning Tradizionale Forniti in modo vario, Sono resi disponibili prima o dopo contestualmente alle leffettuazione della lezioni. Il professionista li lezione. Il loro utilizzo Supporti può utilizzare secondo le durante la formazione proprie personali esigenze. richiede la loro preventiva didattici stampa. La disponibilità di avereTipologia di supporti Possibilità di avere supporti didattici cartacei supporti didattici realizzati dagli didattici particolari (es. FAQ, organizzatori del corso è forum etc.) una pratica oramai poco utilizzata 59
  • Vantaggi per gli Enti di Formazione• A seguire una comparazione delle due tipologie dal punto di vista degli enti di formazione. 60
  • Vantaggi per gli Enti di Formazione E-Learning Tradizionale La formazione è La formazione è disponibile Durata della disponibile per un lungo solo nei momenti in cui sono formazione periodo, anche oltre al organizzate le lezioni in aula periodo programmato Epossibile utilizzare il Riutilizzo del medesimo materiale didattico o parte di essa In pratica non vi è alcuna materiale anche per la realizzazione possibilità di riutilizzo didattico di corsi di formazione collegati Possibilità di riutilizzo del materiale didattico inPersonalizzazione Richiede la riedizione di un particolare se i corsi sonodella formazione corso completo progettati con una struttura modulare 61
  • Vantaggi per gli Enti di Formazione E-Learning Tradizionale In pratica nessuna Limitata dalla disponibilità Numero limitazione dei posti in aula partecipanti Molto limitato se non Si ha una quota Costo di nullo proporzionale al costo del partecipazione corso per ogni utente Generalmente una Spesso sono richiesti tempi settimana dalla di 3 settimane ed oltre Tempi di disponibilità del materiale dovuti alle attività di didatti da parte del organizzazione dellaula realizzazione docente/i 62
  • Vantaggi per gli Enti di Formazione E-Learning Tradizionale Molto rapidi e coincidono Dipendono dalla con la disponibilità del disponibilità del/i docente/i Tempi corso: non vi è in pratica e la formazione di un limite al numero di utenti numero elevato di persone di erogazione che possono partecipare richiede un periodo di al corso tempo che è proporzionale contemporaneamente al numero di utenti Richiede lorganizzazione di una specifica attività Aggiornamenti Il corso può essere simile alla realizzazione di costantemente aggiornato un corso completo. E antieconomico quando laggiornamento richiede un tempo di formazione limitato 63