Your SlideShare is downloading. ×
Monete Locali
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Monete Locali

2,609
views

Published on

MONETE COMPLEMENTARI …

MONETE COMPLEMENTARI
La moneta libera da interese


4 Comments
1 Like
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
2,609
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
45
Comments
4
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. MONETE COMPLEMENTARI PARALLELE ALLA MONETA “UFFICIALE” (EURO, DOLLARO, ECC) Materiale elaborato dallo staff di : ARCIPELAGO MONETA
  • 2. ATTRIBUTI DI UNA VERA MONETA (1) La vera moneta misura il valore del lavoro (ex post), cioè il costo di produzione Attributi vera moneta Misura del valore Mezzo di scambio Riserva di valore Stabilità Cambi fissi Misura solo il costo di produzione (1)
  • 3. ATTRIBUTI MONETA-DEBITO (certificato monetario) Attributi moneta-debito NON è misura di valore Mezzo di scambio Riserva di valore instabile Cambi variabili Misura anche il profitto (usura)
  • 4. MISURA DEL VALORE Metro Kg Moneta Misura la lunghezza Misura il peso Misura il valore La Moneta, come vera misura, deve essere stabile cioè deve sempre misurare il costo di produzione (lavoro) ed avere cambi fissi rispetto alle altre monete.
  • 5. OBIETTIVI DELLA MONETA COMPLEMENTARE (locale e regionale)
    • Trattenere la ricchezza nel nostro territorio, arginando il drenaggio di moneta da parte delle multinazionali
    • Sviluppare l’ economia locale in funzione anticiclica rispetto all’andamento imposto dalla moneta legale
    • Incrementare l’ occupazione
    • Far comprendere alla gente il problema della moneta
    • Aiutare a togliere il cappio del debito
    • Interscambiabilità fra monete complementari
  • 6. OBIETTIVI DELLA MONETA LOCALE Progetti della Comunità ed Imprenditoria locale Progetti della Comunità ed Imprenditoria locale Ricchezza, Occupazione Socialità locale Emissione di moneta locale DEBITO = 0 INFLAZIONE = 0
  • 7. Come lo Stato induce l’accettazione/circolazione della sua valuta legale STATO € uro Crea un monopolio di emissione: così assicura scarsità di quella moneta Paga solo con quella moneta: così produce offerta di quella moneta € uro Accetta solo quella moneta in pagamento: così produce domanda di quella moneta € uro
  • 8. La moneta debito: come funziona il circuito economico I consumi devono aumentare La produzione deve aumentare Gli stipendi devono aumentare La banca crea l’aumento di moneta: inflazione 3 4 5 1 2 Banca Il rubinetto degli interessi 7 6 Il popolo non sa chi comanda e rimane fregato Il sistema bancario incassa gli interessi e comanda il politico Il sistema politico feudale fa da gestore del popolo inconsapevole
  • 9. Come le comunità locali si difendono dalla trappola della valuta legale Comune/i + Associazioni + Aderenti Regolano la quantità di moneta locale in modo che non sia mai scarsa o troppo abbondante Pagano anche con la moneta locale: così produce offerta di quella moneta Moneta locale Accettano anche moneta locale in pagamento: così produce domanda di quella moneta Moneta locale Moneta locale
  • 10. La moneta locale: come riattiva il circuito economico Aumentano i consumi di beni e servizi locali La produzione locale si riattiva senza debito Maggior potere d’acquisto per gli stipendi L’Associazione emette la Moneta locale 3 4 5 1 2 7 6 Il sistema bancario viene rimesso al suo posto Persone consapevoli più ricche nel loro territorio La politica locale ha le risorse necessarie per i bisogni del cittadino
  • 11. CIRCUITO DI ECONOMIA LOCALE Associazione che distribuisce la moneta locale Enti locali Aziende Produzione Distribuzione servizi Comunità locale Altre Monete in circolazione Scambi tra zone (COMMERCIO-TURISMO) E iniziative comuni GEMELLAGGI
  • 12. ESEMPI DI MONETE LOCALI, COMPLEMENTARI IN ITALIA ASPROMONTE DAMANHUR (Val di Chiusa)
  • 13. ESEMPI DI MONETE (1) COMPLEMENTARI ESTERE GERMANIA CHIEMGAUER Volme TALER REGIOGELD BERLINER Il “Regio” è una moneta regionale: 1) Non è un mezzo di pagamento “ufficiale”, non obbligatorio. 2) Il suo uso è limitato solo alla regione ed in ogni regione la valuta ha un nome diverso. 3) Il cambio del Regio con altre valute regionali o con la valuta nazionale comporta il pagamento di una tassa di cambio. Non comporta interessi.
  • 14. ALCUNI ESEMPI DI MONETE (2) COMPLEMENTARI ESTERE ARGENTINA PATAC Ó N SVIZZERA Emessa durante il crack del 2001. Fu abbandonata nel 2005 a causa dell’iperinflazione dovuta alla falsificazione Il denaro WIR entra nella cerchia prestigiosa delle divise internazionali. Il Wir è un’anello di 60.000 (!!!) imprese che accettano il denaro “WIR” per almeno una percentuale del 30% sulle compravendite : il circuito è attivo dal 1934 con grande volume di affari ed è conosciuto non solo in tutta la Svizzera ma è un’esempio mondiale!!! E’ stato utilizzato per pagare tutte le imposte provinciali (immobili, auto, debiti pregressi, multe, entrate dirette, moratorie, etc.); tutte le imposte nazionali; le tasse municipali di molti comuni; biglietti ferroviari; bollette acqua; telefono; luce ; iservizi pubblici ed i prodotti di supermercati e centri commerciali.
  • 15. ESEMPI DI MONETE (2) COMPLEMENTARI ALL’ESTERO Le Ithaca hour di Paul Glover operano sin dal 1991, appunto a Ithaca, New York. Le Ithaca hour possono essere usate in pagamento di beni e servizi nel raggio di 50 miglia intorno ad Ithaca. Una Ithaca hour in termini di potere di acquisto vale 10 dollari e i commercianti possono accettare questa moneta nella misura in cui a loro volta riescono a coprire le proprie spese in hour per pagare i fornitori locali. Il sistema ha emesso l'equivalente di oltre 630 mila dollari e la moneta è passata di mano a oltre 1.300 persone. Il denaro locale è stato stampato in funzione anti-multinazionale: le hour di Ithaca rimangono nella regione per pagare il lavoro locale, rafforzano gli scambi comunitari ed espandono un commercio maggiormente attento all'ecologia e alla giustizia sociale della comunità. Le banconote hour sono accettate da idraulici, falegnami, elettricisti, infermieri, bambinaie, meccanici e da migliaia di fornitori di beni e servizi. La cooperativa di credito le accetta per le ipoteche e per gli interessi sui prestiti. La gente paga l'affitto con le hour e molti ristoranti e cinema a New York le accettano.
  • 16. LE TRE FASI DI UNA MONETA COMPLEMENTARE
    • Emissione con relativo tasso di cambio
    • Distribuzione (gratuita o meno)
    • Utilizzo pratico
  • 17. Perché è meglio utilizzare un sistema di ML univoco
    • se ci sono differenze di vantaggio tra le monete locali (scambiabili) all'atto dell' emissione e/o all'atto della distribuzione , queste favoriscono la creazione di un mercato delle valute speculativo.
    • se ci sono differenze invece all'atto dell' utilizzo finale (sconto), queste favoriscono la creazione di un naturale mercato delle merci .
  • 18. CONCLUSIONI (1)
    • Se si vuole quindi creare una rete di monete complementari solidali, che tengano cioè conto degli effetti su tutte le economie locali della rete, è necessario che ci si impegni a raccogliere in un unico "contenitore" le informazioni provenienti dalle diverse esperienze locali, al fine di poter dare eventuali indicazioni consultive ai vari emettitori sulle possibili variazioni di politica monetaria locale necessarie per favorire un equo e solidale mercato tra le diverse realtà locali.
  • 19. CONCLUSIONI (2)
    • E’ fondamentale tenere sotto controllo l’indicatore dell' andamento dei prezzi , per evitare che si creino eccessivi squilibri tra le diverse realtà locali.
    • E’ necessario un accordo tra i vari Emettitori di ML per implementare simili politiche monetarie (sia per quanto riguarda l' emissione che la distribuzione della moneta) al fine di creare una rete di monete complementari che mostrino chiaramente un intento comune basato su comuni principi equisolidali, condivisi e accettati da tutti gli emittenti.
    • Ciò se si vuole evitare che, come visto sopra, si creino mercati di valute puramente speculativi e conseguenti effetti dannosi sulle economie locali.
  • 20. ALTRA TIPO DI MONETA COMPLEMENTARE…
    • Moneta a tasso negativo (Demurrage)
    • Moneta deperibile di S. Gesell (1862-1930)
      • Può essere emessa da un’Amministrazione locale (Comune/Provincia)
      • Disincentiva l’accumulazione (in quanto perde valore nel tempo se non utilizzata)
      • Incentiva la circolazione della moneta complementare
    • Riduce i rischi a lungo termine di inflazione e deflazione ;
    • E’ una moneta non-profit
    • E’ democraticamente controllata e funziona in modo trasparente
    • E’ utile ai membri della comunità individuale, alle Piccole Medie Imprese (PMI) e alle istituzioni
    • Incoraggia un pensiero orientato ecologicamente, ad esempio, delle relazioni intercomunitarie e regionali e crea delle vie di trasporto più corte ed efficienti
    • incoraggia le comunità regionali rinforzando le identità tradizionali e/o creandone delle nuove.
    • Di difficile gestione e accettazione da parte della gente
  • 21. DIFFUSIONE DELLE MONETE LOCALI…
    • Azione massiccia di informazione della gente tramite: conferenze, seminari, volantinaggi, programmi Radio - TV, comunicazioni Internet, ecc
    • Creare un mercato delle monete locali coinvolgendo: enti locali, agricoltori, imprenditori, commercianti, liberi professionisti, associazioni di categoria, GAS, DES, consumatori, ecc
  • 22. … DIFFUSIONE DELLE MONETE LOCALI
    • Creazione di un Comitato Guida nazionale con il compito di assistenza ai vari gruppi locali di implementazione di Monete locali
    • I membri del Comitato Guida sono coloro che conoscono il problema della moneta e che hanno deciso di impegnarsi in prima persona in modo sinergico nella realizzazione di progetti concreti mettendo a disposizione le proprie capacità professionali