Your SlideShare is downloading. ×
0
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Maria Cecilia Averame @ Ebook Lab Italia 2011 - Prospettive per e-publishers indipendenti

1,229

Published on

Come cambia il ruolo degli editori indipendenti con l'avvento del libro elettronico? Corrisponde al vero l'idea di poter finalmente superare le difficoltà distributive e giocarsela alla pari con i …

Come cambia il ruolo degli editori indipendenti con l'avvento del libro elettronico? Corrisponde al vero l'idea di poter finalmente superare le difficoltà distributive e giocarsela alla pari con i grandi editori? Di certo le opportunità sono ancora tutte da scoprire per chi si può muovere con agilità nel mercato dell'editoria digitale. L'e-publisher indipendente del nuovo millennio lega il passato al futuro: mai come oggi un editore digitale si trova in un luogo di confine, tra manualità tipografica e sperimentazione digitale. Oltre i timori, vi è l'opportunità di valorizzazione delle esperienze editoriali tradizionali che, affiancate e integrate con nuove competenze, permette di dare vita a figure professionali inedite. Il cadere di una serie di infrastrutture "fisiche" (magazzino, resi, stampa, rilegatura), danno la possibilità all'editore di agire in maniera dinamica all'interno della filiera distributiva, e nuove opportunità di comunicare con i lettori consentono un rapporto sociale diretto e non mediato. La natura “liquida” del digitale permette infine di creare contenuti e scritture che attingono sia dall'editoria tradizionale sia dall'accesso interattivo tipico del web, accostandosi al paradigma del libro ed avvicinandosi a quello di piattaforme sociali e applicazioni di lettura dinamica.

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,229
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Prospettive per Epublisher indipendenti> Dalla redazione tradizionale alla redazione digitale: cosa cambia?> Quali difficoltà?> Quale spazio possono conquistare i nuovi editori indipendenti nel mercato digitale?Ebook Lab - Rimini, 4 Marzo 2011M. Cecilia Averame
  • 2. Dalla redazione tradizionale alla redazione digitale. Cosa Cambia?Editore indipendente tradizionale Epublisher indipendenteCompetenze redazionali Competenze redazionaliLinea editoriale Linea editorialeRedazione editoriale (intermediazione fra Redazione editorialeautore e lettore) Editing, debugging, supervisione del processo.Editing, supervisione del processo. TipografiaTipografia Scelta dei formati (pub, pdf, mobipoket, App...)Scelta del layout, formato, carta (Int) Impaginazione liquidaScelta delle tirature Scelta di eventuali protezioniStampa Produzione file originarioMagazzinaggio Canali di venditaCanali di vendita Distribuzione direttaPromoters (Previsioni di vendita) Su store esterni - tramite piattaforme intermediarieTrasporto e distribuzione Tramite partnershipPromozione PromozioneCreazione eventi / librerie Social networkingLavoro sul territorio Lavoro su un territorio “glocale”Fiere / contatto diretto con i lettori Fiere / contatto diretto con i lettoriPartnerhip con carta stampata Creazione eventi / centri culturali Partnerhip con mondo dellinformazione e tecnici
  • 3. Dalla redazione tradizionale alla redazione digitale.Cosa Cambia?> La casa editrice è sempre identificata in base alla linea editoriale, anzi: forse ancor di più.> Più processi diventano gestibili internamente.> Diminuisce linvestimento iniziale sul titolo.> Leditore consolida una funzione di coordinamento del processo, conosce gli strumenti a disposizione e le opportunità esterne e sa scegliere fra servizi, strumenti e canali adeguati ai singoli contenuti.> Vanno sviluppate competenze informatiche, di networking e social networking.DOMANDA:Se fare libri fosse più simile a OFFRIRE UN SERVIZIO piuttosto che PRODURRE UN BENE?
  • 4. Quali difficoltà?La dura vita dellepublisher indipendente:> Richiesta di aggiornamento continuo: quello che sappiamo oggi sugli ebook non vale domani.> Quanto dura un ebook?> Lebook come lo vedi tu non è sempre come lo vede il tuo lettore.> Siamo editori o software house?> Digitali in un mondo di carta?> Aspettare il grande boom degli ebook, o creare ogni giorno la propria dinamite editoriale?
  • 5. Quali difficoltà?Soluzioni per semplificarsi la vita:> Applicare il noto detto Content is the king: leditore lavora sui contenuti, e può affidare a terzi la gestione dei contenitori. Lo stesso contenuto può essere versato in contenitori diversi.> La capacità di discernere e scegliere si adatta anche ai servizi a supporto delleditoria digitale.> Leditore diventa il centro della relazione: mette in relazione chi necessita di contenuti con chi li produce, chi ne usufruisce con chi vi lavora.> Non mi offrono quello di cui ho bisogno. Lo so, nemmeno a me. Non facciamone un problema, gutta cavat lapidem: rompere le scatole, sempre e comunque. Ma senza lamentarsi.> Leditore digitale indipendente deve essere Impeccabile, Identificabile, fortemente caratterizzato, differente.DOMANDA:I contenuti sono sempre, sono sempre stati, e sempre saranno gratuiti’ (A.T.). Se il ruolodelleditore fosse quello di proporre una piattaforma di realizzazione e valorizzazione dicontenuti? (narrazioni, informazioni, testi, materiali...)
  • 6. Quale spazio possono conquistare i nuovi editori indipendenti nel mercato digitale?Aiuto... Il mercato!Un brainstorming (molto terra-terra):> Grandi store: questione di dimensioni o presenza? Sono piccolo e fra i grandi non avrò mai visibilità. Partiamo dallesserci.> “Allora faccio tutto da solo”: il self publishing è un nostro nemico?> Lo scrittore come nuovo protagonista: anche lui è in rete.> Vale di più un bel banner di un pollo, essere un pollo fra migliaia di polli o creare una rete con gli amanti della cucina?> Se il mercato adesso non tira come vorremmo le onde si allungano.> Le vendite in digitale ostacolano le vendite cartacee? Non è un mio problema.> Tu hai migliaia di libri e io dieci: vantaggio o svantaggio?> Autonomia nella gestione dei canali di comunicazione con il lettore.> Dal web alla real life.
  • 7. Quale spazio possono conquistare i nuovi editoriindipendenti nel mercato digitale?> Lepublisher indipendente può essere presente sugli store senza investimenti iniziali.> Performance editoriale: una grande idea editoriale ha bisogno di meno infrastrutture per essere realizzata.> Può cercare autonomamente spazi di visibilità. (quando 1+1+1 è maggiore di 3)> Può lavorare in partnership a cominciare dalla fase redazionale.> Ha la possibilità di ricercare canali di vendita e diffusione alternativi a quelli ufficiali.> Può lavorare in collaborazione con gli stessi lettori.> Può Instaurare partnership con editori cartacei.DOMANDA:Se ci cercassimo i lettori anche fuori dalla nicchia del 0,5% di lettori digitali?
  • 8. Qualche spuntoUn paio di testiEditoria digitale Linguaggi strumenti produzione e distribuzione dei libri digitali.Letizia Sechi, Apogeo, 2010ePubFabio Brivio, Giovanni Trezzi, Apogeo 2011Editoria multimediale, Scenari, metodologie, contenutiCacciola Carbone, Ferri, Solidoro ed Guerini Studio, 2004Manuale di redazione tecniche e regole editoriali, grafiche e tipografiche per pubblicare sulla carta, su Internet e altri mediadi Mariuccia Teroni, Apogeo 2007Idee in reteLe nuove competenze necessariehttp://www.publishingtrends.com/2011/02/the-skills-publishers-need-a-self-evaluation/Ripensare la casa editricehttp://booksquare.com/rethinking-the-publishing-company/Matteo Balocco, Canone digitalehttp://canone.simplicissimus.it/MKT e comunicazione: quando il libro diventa viralhttp://www.conversationagent.com/2011/01/be-outraged-when-a-book-goes-viral.htmlNash cursor il futuro delleditoriahttp://etadelvetro.wordpress.com/2011/01/09/nash-cursor-e-il-futuro-delleditoria-2/Ebooknewserhttp://www.mediabistro.com/ebooknewser/Lavorare nelleditoria digitalehttp://www.pianetaebook.com/2011/02/lavorare-nelleditoria-digitale-tre-competenze-base-e-una-nuova-mentalita-5272
  • 9. www.quintadicopertina.com Prospettive per epublisher indipendenti Ebook Lab - Rimini, 4 Marzo 2011 Limportante è la rete. Maria Cecilia Averame www.quintadicopertina.com www.mariaceciliaaverame.wordpress.com Skype: mceciliaav mariacecilia.averame@gmail.com

×