Your SlideShare is downloading. ×
Progetto Green Rose - Sostenibilità e sviluppo competitivo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Progetto Green Rose - Sostenibilità e sviluppo competitivo

204
views

Published on

II Workshop del progetto Green Rose: "Green Marketing". Presentazione del progetto di Gabriella Bettiol, Confindustria Veneto SIAV Spa

II Workshop del progetto Green Rose: "Green Marketing". Presentazione del progetto di Gabriella Bettiol, Confindustria Veneto SIAV Spa


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
204
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Progetto di azioni positive, ai sensi dellart.2 della legge 10 aprile 1991,n.125 e dell’art.7,D.lgs.23maggio 2000, n.196. Anno 2010 PROGETTO GREEN ROSE SOSTENIBILITÀ E SVILUPPO COMPETITIVO II WORKSHOP GREEN MARKETING 16 novembre 2012
  • 2. SCALETTA 1. GENDER & INNOVAZIONE 2. PERCHE’….ANCORA GENDER GAP? 3. PARLARNE …….NEL 2012 4. ....GUARDARE IN PROSPETTIVA 2020
  • 3. CONFINDUSTRIA VENETOCONFINDUSTRIA VENETO is the leading organizationcoordinating Confindustria’s (Italian Manufacturers’Association) offices in the seven provinces of the Venetoregion.It groups together more than 12,000 enterprises with over350,000 employees in total. VicenzaIt relies on valuable “resources” of Confindustria Veneto Verona BellunoSIAV S.p.A, Nordestimpresa, Fondazione Nordest andCampiello Foundation.Its current activities are focused on several outstanding Venezia Padovaissues related to the development of industrial districts orclusters (manufacturing and innovative or hightechnologies) and to the quality and size growth of smallenterprises and microenterprises, in order to favour a Treviso Rovigosuitable organizational development.Over the past two years, activities have been focused,among other things, on “new internationalisationprocesses”, particularly concerning medium enterprises ofthe manufacturing sector, towards BRIC countries andmulti-location strategies and INNOVATION
  • 4. KNOWLEDGE&INNOVATION UNIT
  • 5. INNOVAZIONE NON SOLO TECNOLOGIAL’innovazione non concerne solo i fattori «Hard»: tecnologia, prodotto,mercato, processi… ma anche gli elementi «intangibili»Perciò è necessario – oltre ad una politica di supporto agli investimenti inR&S sostenere «i fattori abilitanti l’innovazione»L’INNOVAZIONE può derivare anche da un nuovo rapporto nellacomposizione e nelle relazioni delle diverse identità (giovani-anziani,etnie, uomini-donne…) espresse dalle persone che “danno forma”all’organizzazione?Quale impatto sull’innovazione potrebbe avere unriequilibrio di genere dentro alle organizzazioni?
  • 6. L’imprenditorialità femminile in VenetoVeneto: - imprese femminili : 108.656 - imprese maschili: 397.666 - percentuale imprese femminili: 21,5%
  • 7. Situazione occupazionale femminile VENETO Donne e KIBS (512 imprese)Fonte: Progetto KIBS – Università degli studi di Padova
  • 8. ALCUNIALCUNI DATI - ALCUNE EVIDENZE DATI - ALCUNE EVIDENZE WORLD ECONOMIC FORUM 2005 L’Italia si collocava al 45 posto (su 58 Paesi monitorati) in fatto di parità fra i sessi in azienda. 1. Posto è della Svezia 58. e ultimo posto è l’Egitto su indicatori quali: - la partecipazione economica e tasso di occupazione - l’Italia è posizionata 51/58 - la qualità del lavoro - 49/58 - la partecipazione agli organismi politici - 48/58 - il tasso di istruzione - 41/58 - la salute ed il benessere - 11/58 Messaggio: “I Paesi che non capitalizzano in pieno il potenziale di metà della propria popolazione, utilizzano male le proprie risorse umane e minano la loro capacità competitiva”.
  • 9. COMMENTO DI MARIA C. BOMBELLILABORATORIO ARMONIA - SDA BOCCONI“… sono dati certi ed attendibili…eppure in qualche modo sconcertanti!Sapevamo che la situazione italiana era difficile, ma non sospettavamo che fosse tantoallarmante. Ora non si può più parlare di “percezione” di disparità”: ma di una situazioneassolutamente sbilanciata…. Non è grave solo per l’esclusione delle donne dai posti di poterema è strettamente connessa a una ormai cronica mancanza di innovazione.L’assenza di donne nel top-management è nello stesso tempo causa ed effetto di questaincapacità a rinnovarsi. Ormai non è più una questione legata ai diritti delle donne: lebattaglie femministe le abbiamo già fatte (e, a quanto pare, le abbiamo già anche perse). Quiil problema riguarda l’economia e la cultura e dunque il futuro di tutto il Paese.” Intervista a Grazia, 14 giugno 2005
  • 10. PERCHE’.....ANCORA?ALCUNI DATI – ALCUNE EVIDENZEL’indice globale per il 2011, calcolato per 135 Paesi vede al primo posto l’Islanda, seguitadalla Norvegia, Finlandia, e Svezia … Buona parte dei “nostri pari” europei è fra la decime ela ventesima posizione. … Dopo di noi ci sono solo pochi paesi dell’est, Malta e la Turchia.l’Italia è al 74 posto subito dopo il Vietnam e subito prima della Tanzania.A livello di sub-indici l’Italia è al 90° posto come Partecipazione all’economia e opportunità al 48° posto come Livelli di istruzione all’75° posto come Salute e sopravvivenza al 55° posto come Potere politicoNei recenti dati 2012 il posizionamento è «peggiorato» passando all’’80 sempresu 135 paesi (effettivi 132 in quanto Angola, Tunisia e Zimbabwe non sono statiin grado di fornire i dati)M.Draghi: «incentivare la presenza femminile nel mondo del lavoro è una delle chiavi della ripresaeconomica[…] al momento una gran parte della popolazione mondiale è lasciata ai margini dell’attivitàeconomica per nessun’altra ragione se non per il fatto che siano donne […]» le donne impegnate inattività imprenditoriali «sono limitate nei loro percorsi di crescita professionale»
  • 11. Qualità della vita e nuove tecnologie
  • 12. Programmare 2020 in ottica integrata di innovazione economica e innovazione socialeEUROPA 2020CRESCITA INNOVATION R&DSMART INFRASTRUCTURES EMERGING SECTORS & CLUSTER ENERGYSUSTAINABLE ENVIRONMENT GREEN EDUCATION SKILLS AGEINGINCLUSIVE GENDER DIVERSITY