• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Analisi e prospettive di sviluppo del progetto Green Site
 

Analisi e prospettive di sviluppo del progetto Green Site

on

  • 664 views

Intervento di Luca Novelli, Archimedes Logica Srl ...

Intervento di Luca Novelli, Archimedes Logica Srl
Conferenza Finale Progetto GREEN SITE: “Supercritical fluid technologies for river and sea dredge sediment remediation”. LIFE 10 ENV/IT/343.
Venezia, 13 dicembre 2013

Statistics

Views

Total Views
664
Views on SlideShare
615
Embed Views
49

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

1 Embed 49

http://www.eambiente.it 49

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Analisi e prospettive di sviluppo del progetto Green Site Analisi e prospettive di sviluppo del progetto Green Site Presentation Transcript

    • Progetto GREEN SITE Linee di indirizzo per l’applicazione in campo – LIFE 10 ENV/IT/343 – Luca Novelli – Archimedes Logica Srl
    • Pronti alla sperimentazione in campo: OSSIDAZIONE SUPERCRITICA KEY RESULTS della sperimentazione: 1. 2. 3. 4. 5. 6. Abbattimento dei carichi organici oltre il 99%; Outlet in fase liquida costituito da H2O e sali non tossici (NaCl e simili); Outlet in fase gassosa costituito da N2, O2 e CO2; Sostanziale bilanciamento energetico raggiunto con una concentrazione del 7.5% di sostanza organica in H2O; Ciclo operativo chiuso e confinato senza perdite; Sistema capace di operare con continuità. Con queste caratteristiche il prototipo si candida sin da ora a operare su matrici liquide di bonifica o reflui da processi industriali.
    • Matrici liquide trattabili: ACQUE DI FALDA CONTAMINATE Problema molto diffuso in tutti i Siti Inquinati di Interesse Nazionale (SIN). Il fenomeno riguarda tipicamente le acque di prima e seconda falda, raggiunte da percolazione di contaminanti organici da lavorazioni petrolchimiche e derivati (materie plastiche, vernici, solventi ecc.), prima dell’entrata in vigore delle più restrittive norme di salvaguardia ambientale e dei relativi controlli. In molti casi le concentrazioni di contaminanti sono tali da superare di molti ordini di grandezza i limiti più elevati tollerati dalle norme e da generare addirittura uno strato di supernatante sopra il livello dell’acqua, con spessori che possono andare da 1cm a oltre 50cm (!). Acque in simili condizioni vanno a sboccare direttamente nell’alveo di fiumi e bacini idrici creando notevolissimi problemi di degrado e minaccia ambientale. Gli interventi di contenimento delle falde idriche e di recupero e smaltimento dei materiali organici sono estremamente onerosi e fonte di contenzioso permanente che contrappone le Società industriali proprietarie delle aree alle Amministrazioni locali e alle Autorità ambientali. GREEN SITE si candida quale sistema di trattamento permanente di tali acque a ciclo continuo e confinato. N2 , CO2 H2O, NaCl, Na2SO4
    • Matrici liquide trattabili: ACQUE DI FALDA CONTAMINATE Problema molto diffuso in tutti i Siti Inquinati di Interesse Nazionale (SIN). Il fenomeno riguarda tipicamente le acque di prima e seconda falda, raggiunte da percolazione di contaminanti organici da lavorazioni petrolchimiche e derivati (materie plastiche, vernici, solventi ecc.), prima dell’entrata in vigore delle più restrittive norme di salvaguardia ambientale e dei relativi controlli. In molti casi le concentrazioni di contaminanti sono tali da superare di molti ordini di grandezza i limiti più elevati tollerati dalle norme e da generare addirittura uno strato di supernatante sopra il livello dell’acqua, con spessori che possono andare da 1cm a oltre 50cm (!). Acque in simili condizioni vanno a sboccare direttamente nell’alveo di fiumi e bacini idrici creando notevolissimi problemi di degrado e minaccia ambientale. Gli interventi di contenimento delle falde idriche e di recupero e smaltimento dei materiali organici sono estremamente onerosi e fonte di contenzioso permanente che contrappone le Società industriali proprietarie delle aree alle Amministrazioni locali e alle Autorità ambientali. GREEN SITE si candida quale sistema di trattamento permanente di tali acque a ciclo continuo e confinato. N2 CO2 H2O, NaCl, Na2SO4
    • … a sostegno della nuova tecnologia: IL DECRETO DEL FARE S.O. n. 50/L alla Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 144 del 21 giugno 2013, coordinato con la legge di conversione 9 agosto 2013, n. 98 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 21 giugno 2013, n. 69 Art 41, “Disposizioni in materia ambientale” 1. Al fine di impedire e arrestare l'inquinamento delle acque sotterranee nei siti contaminati, oltre ad adottare le necessarie misure di messa in sicurezza e di prevenzione dell'inquinamento delle acque, anche tramite conterminazione idraulica con emungimento e trattamento, devono essere individuate e adottate le migliori tecniche disponibili per eliminare, anche mediante trattamento secondo quanto previsto dall'articolo 242, o isolare le fonti di contaminazione dirette e indirette (…); 2. Il ricorso al barrieramento fisico e' consentito solo nel caso in cui non sia possibile conseguire altrimenti gli obiettivi di cui al comma 1 secondo le modalita' dallo stesso previste. 3. Ove non si proceda ai sensi dei commi 1 e 2, l'immissione di acque emunte in corpi idrici superficiali o in fognatura deve avvenire previo trattamento depurativo da effettuare presso un apposito impianto di trattamento delle acque di falda o presso impianti di trattamento delle acque reflue industriali esistenti e in esercizio in loco, che risultino tecnicamente idonei. 4. Le acque emunte convogliate tramite un sistema stabile di collettamento che collega senza soluzione di continuita' il punto di prelievo di tali acque con il punto di immissione delle stesse, previo trattamento di depurazione, in corpo ricettore, sono assimilate alle acque reflue industriali che provengono da uno scarico e come tali soggette al regime di cui alla parte terza (…)
    • Matrici liquide trattabili: ACQUE NAFTENICHE Si tratta dei reflui idrici generati dai processi di raffinazione e dai cicli di desolforazione/addolcimento del kerosene (impianti MEROX e analoghi). Tali acque, dette nafteniche (o caustiche), sono contraddistinte da elevati valori di pH e COD, contengono sostanze molto resistenti alla degradazione come composti aromatici, fenoli, cresoli, naftenati, tensioattivi, soda libera ed inoltre elevate quantità di Kerosene. Come noto agli operatori del settore petrolifero infatti, le acque nafteniche costituiscono uno dei reflui più critici, poiché gli inquinanti in esse presenti non permettono un trattamento convenzionale. Il convogliamento all’impianto di depurazione principale ne compromette irrimediabilmente il funzionamento, con gravi conseguenze soprattutto sull’unità biologica. Le raffinerie sono quindi obbligate a seguire la strada di un loro oneroso smaltimento sotto forma di rifiuti speciali pericolosi, in ottemperanza alla legislazione vigente; ovvero a dotarsi di impianti speciali di pre-trattamento. Anche in questo caso GREEN SITE si candida quale sistema di trattamento permanente di tali acque a ciclo continuo, confinato ed energeticamente autosufficiente.
    • Matrici liquide trattabili: ACQUE DI VEGETAZIONE AGROALIMENTARI (oleifici ecc.) Acque di vegetazione (AV) è il termine con cui vengono definite le acque reflue derivanti dalla lavorazione dell'olio di oliva. Tali acque presentano un carico organico molto elevato, dovuto alla forte concentrazione di zuccheri, pectine, grassi, sostanze azotate, polialcoli, poliacidi ed elementi minerali quali fosforo, potassio, magnesio e calcio. In particolare, le AV presentano alte concentrazioni di fenoli e polifenoli causa principale dei valori molto alti di COD - che hanno spiccate proprietà antimicrobiche e fitotossiche, e conseguentemente risultano resistenti alla degradazione biologica (scarsa biodegradabilità), in particolare di tipo aerobico. Pertanto le AV non possono essere trattate negli impianti di depurazione convenzionali, ma richiedono trattamenti assai specifici e costosi. L'applicazione rigorosa della legge comporterebbe la chiusura della maggior parte degli oleifici italiani che a causa delle loro piccole dimensioni non sono in grado di realizzare le economie di scala necessarie per sostenere i costi di un impianto di depurazione. Lo spargimento nel suolo è consentito, con molte limitazioni, solo dopo la presentazione al sindaco di una relazione tecnica redatta da un agronomo o perito agrario, agro-tecnico o geologo. Anche in questo caso GREEN SITE si candida quale sistema di trattamento permanente di tali acque a ciclo continuo, confinato ed energeticamente autosufficiente.
    • CONCLUSIONI I risultati più promettenti in termini di sostenibilità energetica, bilanciamento chimico ed elettrolitico e stabilità di temperature e di funzionamento si otterranno quindi operando su un blend di matrici liquide di diversa provenienza: acque di falda inquinate, presenti in grandi volumi ma poco concentrate, mescolate o emulsionate con reflui industriali e/o agroalimentari molto più concentrati. Reflui assai concentrati quali le acque di vegetazione di frantoi potranno eventualmente essere stoccati temporaneamente in attesa di essere iniettati nel processo nella stagione invernale, a rinforzo del COD delle acque di falda diluite e aumentate in volume a causa degli eventi meteorici. I dosaggi del blend e dell’aria di combustione saranno regolati automaticamente mediante pompe dosatrici asservite al computer di controllo, in funzione della temperatura target ottimale e della composizione dei flussi di output liquidi e gassosi, controllati in continuo mediante gascromatografia – spettrometria di massa.
    • GRAZIE PER L’ATTENZIONE Per eventuali informazioni: www.green-site.net www.alles.it e-mail info@alles.it