Il Fondo per l’Energia

319 views
185 views

Published on

Seminario: "VANTAGGI ED OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE NEL SETTORE ENERGETICO E TERMICO" - Venerdì 8 MARZO 2013 VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia. Intervento di S. Faggian, eAmbiente Srl

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
319
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il Fondo per l’Energia

  1. 1. FONDO PER L’EFFICIENZA ENERGETICA Fondo di rotazione e contributi in conto capitale Fondo di rotazione e contributi in conto capitale per investimenti realizzati da PMI e finalizzati al per investimenti realizzati da PMI e finalizzati al contenimento dei consumi energetici contenimento dei consumi energeticiProgramma Operativo Regionale 2007-2013, parte FESR. Asse 2.Energia – Linea di intervento 2.1 “Produzione di energia da fonti rinnovabili ed efficienza energetica”. Azione 2.1.3
  2. 2. IL POR (Programma Operativo Regionale)
  3. 3. IL POR (Programma Operativo Regionale) TUTELARE L’AMBIENTE RAFFORZARE LA COMPETITIVITA’ E L’INNOVAZIONEOBIETTIVI SVILUPPARE L’IMPRENDITORIALITA’FESR CREARE E MANTENERE POSTI DI LAVORO STABILI ASSICURARE UNO SVILUPPO SOSTENIBILE
  4. 4. IL POR (Programma Operativo Regionale)6 ASSI DI INTERVENTO (suddivisi in specifiche linee di intervento e azioni per cuisono previsti dei finanziamenti, cui si può accedere a seguito della pubblicazione delbando di gara) .
  5. 5. IL POR (Programma Operativo Regionale) REGIONE AZIONE 2.1.3. - FONDO DI ROTAZIONE VENETO STRUMENTO DI INGEGNERIA FINANZIARIA PER IL• POR (Programma FINANZIAMENTO AGEVOLATO DI INVESTIMENTI Operativo Regionale) REALIZZATI DA PICCOLE E MEDIE IMPRESE• Asse 2 – Energia• Linea d’Intervento: DIRETTA ALLA COSTITUZIONE DI UNA 2.1 – Produzione STRUMENTAZIONE AGEVOLATIVA COSTITUITA d’energia da fonti rinnovabili ed efficienza energetica CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE• Azione: 2.1.3 – Fondo di rotazione per investimenti finalizzati al contenimento dei consumi energetici PER INVESTIMENTI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI
  6. 6. REGIONE VENETOPROVVEDIMENTI NORMATIVIPROVVEDIMENTI NORMATIVI CONVENZIONE REGIONE VENETO / ENEA (Ente per le Nuove Tecnologie, l’Energia e l’Ambiente) Per assistenza tecnica nell’attuazione dell’azione 2.1.3. D.G.R.V. n. 1684 del 07/08/2012 (B.U.R.V. n.66 del 17/08/2012) Approvazione del bando per la selezione di un soggetto gestore DECRETO DIRIGENTE DIREZIONE INDUSTRIA ARTIGIANATO n. 575 del 19/11/2012 (B.U.R.V. n.99 del 30/11/2012) Aggiudicazione definitiva bando di gara PUBBLICAZIONE MODULISTICA VENETO SVILUPPO (30/01/2013) AVVIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE AVVIO PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
  7. 7. FONDO DI ROTAZIONEREQUISITI DI AMMISSIBILITA’REQUISITI DI AMMISSIBILITA’DESTINATAR PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Dm 18/04/2005)I
  8. 8. FONDO DI ROTAZIONEREQUISITI DI AMMISSIBILITA’REQUISITI DI AMMISSIBILITA’DESTINATAR PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Dm 18/04/2005)I
  9. 9. FONDO DI ROTAZIONESETTORI DI ATTIVITA’ SETTORI DI ATTIVITA’A - Agricoltura e silvicoltura (sottosezioni 01 e 02)B - Estrazione di minerali da cave e miniere (sottosezioni 05, 06, 07,08, 09)C - Attività manifatturiere (sottosezioni 10 – 33)D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (sottosezione 35)E - Fornitura di acqua; Reti fognarie; attività di gestione dei rifiuti e risanamento(sottosezioni 36 – 39)F - Costruzioni (sottosezioni 41 – 43)G - Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli(sottosezioni 45 – 47)H - Trasporto e magazzinaggio (sottosezioni 49 – 53)I - Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (sottosezioni 55, 56)J - Servizi di informazione e comunicazione (sottosezioni 58 – 63)N - Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (sottosezioni 77 – 82)P - Istruzione (sottosezione 85)Q - Sanità e assistenza sociale (sottosezioni 86 – 88)R - Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (sottosezioni 90 – 93)S - Altre attività di servizi (sottosezioni 94 – 96)
  10. 10. FONDO DI ROTAZIONEREQUISITI TECNICIREQUISITI TECNICIPROGETTI REALIZZATI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE VENETO MIGLIORAMENTO DEL RENDIMENTO ENERGETICO DEGLI IMPIANTI ESISTENTI (es. attraverso installazione dei motori ad alta efficienza, rifasamento linee elettriche, etc.) PRODUZIONE COMBINATA DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA IN COGENERAZIONE PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CELLE A COMBUSTIONE PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI PROGETTI DESTINATI A OTTENERE UN RISPARMIO ENERGETICO Il contenimento dei consumi energetici, valutato per unità di prodotto o centro di lavorazione, può riguardare o l’intero impianto oppure specifiche linee produttive o reparti. Gli interventi possono avere ad oggetto nuove linee produttive
  11. 11. FONDO DI ROTAZIONEREQUISITI TECNICIREQUISITI TECNICICARATTERISTICHE DEI PROGETTIProgetti che abbiano ottenuto le concessioni, permessi, autorizzazioni previstedalle norme in vigore, in particolare con riferimento alla Valutazione di ImpattoAmbientale (VIA) se richiesta, o alla Relazione di “Valutazione di ImpattoAmbientale” per interventi non soggetti a Valutazione di Impatto Ambientale.Gli interventi agevolati devono essere ultimati (= devono entrare in esercizio)entro 18 mesi dalla comunicazione di ammissione all’agevolazione, pena ladecadenza del finanziamento, salvi i casi di forza maggiore. Gli interventi ammessi a finanziamento dopo il 30/06/2014 devono in ogni caso essere ultimati e rendicontati entro il 31/12/2015
  12. 12. FONDO DI ROTAZIONESPESE AMMISSIBILI SPESE AMMISSIBILI Ammissibilità della tipologia di spesa sul costo Tipologia di spesa totale dell’operazione agevolata acquisto di macchinari, apparecchiature, attrezzature, impianti inerenti al progetto e le relative spese di trasporto, montaggio e assemblaggio; opere edili strettamente connesse Impianti attrezzature macchinari e dimensionate, anche dal punto di 100% vista funzionale, ai macchinari e agli impianti di cui al punto precedente ed esclusivamente ad essi dedicate; software di gestione della strumentazione di controllo e regolazione degli impianti;
  13. 13. FONDO DI ROTAZIONESPESE AMMISSIBILI SPESE AMMISSIBILI Ammissibilità della tipologia di spesa sul costo Tipologia di spesa totale dell’operazione agevolata acquisto di diritti di brevetto, di Investimenti immateriali licenze, di know-how e di conoscenze tecniche non 100% brevettate; spese tecniche per progettazione, direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, certificazione degli impianti, Max 15% eventuale certificazione dei costi da parte di un revisore esterno dei conti Spese tecniche studi specialistici di diagnosi energetica dell’attività produttiva e degli impianti (“audit tecnologico”), in connessione agli Max €10.000 investimenti di risparmio energetico e di produzione di energia da fonti rinnovabili
  14. 14. FONDO DI ROTAZIONESPESE ESCLUSE SPESE ESCLUSE impianti (caldaie, collettori solari, ecc.) per produzione di energia termica e/o elettrica per uso residenziale; progetti che abbiano come fine l’adeguamento agli standard prescritti dalla normativa europea e nazionale vigente o contenuti nei singoli provvedimenti autorizzativi o prescritti nel giudizio di compatibilità ambientale; coibentazione di opere edili; mezzi ed attrezzature di trasporto di merci e persone; interventi riguardanti la sola sostituzione del tipo di combustibile qualora questo sia di origine fossile; acquisto di beni usati. Pertanto sono ammissibili unicamente i beni “nuovi di fabbrica”, ossia quei beni mai utilizzati e fatturati direttamente dal costruttore (o da un suo rappresentante)
  15. 15. FONDO DI ROTAZIONEOBIETTIVO: RISPARMIO ENERGETICOOBIETTIVO: RISPARMIO ENERGETICOContenimento dei consumi energetici – valutato per unità di prodotto o centrodi lavorazione – può riguardare: INTERO IMPIANTO SPECIFICHE LINEE PRODUTTIVE O REPARTI NUOVE LINEE PRODUTTIVE Risparmio energetico quantificato per confronto fra: - Soluzione impiantistica proposta - Impianto assunto come riferimento capace delle stesse prestazioni in termini di qualità e quantità di prodotto
  16. 16. FONDO DI ROTAZIONEDOTAZIONE FINANZIARIADOTAZIONE FINANZIARIA € 38.800.000
  17. 17. FONDO DI ROTAZIONECARATTERISTICA TECNICA AGEVOLAZIONICARATTERISTICA TECNICA AGEVOLAZIONI Operazioni in forma mista (finanziamento agevolato e contributo in conto capitale)FORME TECNICHE Finanziamento agevolato 100% dell’investimento complessivoCOPERTURA MASSIMA Min. €25.000IMPORTI Max €2.000.000 (l’importo massimo delle operazioni agevolate a valere sul Fondo è fissato in €5.000.000, se interventi diversi)DURATA (compreso eventuale Max 84 mesipreammortamento) Max 18 mesiPREAMMORTAMENTO
  18. 18. FONDO DI ROTAZIONECARATTERISTICA TECNICA AGEVOLAZIONICARATTERISTICA TECNICA AGEVOLAZIONI % sul costo dell’investimento Tasso applicato ammesso e alle quote realizzatoContributo in conto capitale Max 23,0% - Quota Fondo Max 38,5% Zero (quota di compartecipazione pubblica ai finanziamenti agevolati con l’intervento del Fondo, fornita dal Fondo a tasso zero)Finanziamentoagevolato Quota banca (quota di A copertura del Tasso compartecipazione privata ai 100% convenzionato o finanziamenti agevolati con tasso inferiore l’intervento del Fondo) liberamente negoziato Max 50% del tasso convenzionato o Tasso agevolato a carico del beneficiario (sull’operazione del tasso inferiore liberamente di finanziamento agevolato) negoziato
  19. 19. FONDO DI ROTAZIONEBANCHE CONVENZIONATE ADERENTIBANCHE CONVENZIONATE ADERENTIBanche che hanno messo a disposizione in esclusiva a favore di Veneto Sviluppo S.p.A.,per l’attuazione della misura, la propria rete distributiva costituita dagli sportelli insediatinel territorio della Regione del Veneto
  20. 20. FONDO DI ROTAZIONEAMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONIAMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI
  21. 21. FONDO DI ROTAZIONEAMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONIAMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Progetti già Progetti già avviati alla avviati alla Agevolati esclusivamente in applicazione del regime “depresentazione presentazione minimis”. Ammissibili le spese sostenute dal 1° gennaio 2010.della domanda della domanda Progetti non Progetti nonancora avviati ancora avviati Agevolati sia in applicazione del regime “de minimis” che in alla alla regime “di esenzione”. Se applicato il regime “di esenzione”presentazione presentazione sono ammissibili solo le spese sostenute successivamente alladella domanda della domanda data di presentazione della domanda.L’ammissione ai benefici del Fondo non esclude per i Beneficiari l’accesso ad altreagevolazioni, nei limiti consentiti dai regolamenti comunitari Le agevolazioni verranno concesse nel rispetto dei limiti di cumulo di incentivi stabiliti dalla normativa europea e nazionale.
  22. 22. FONDO DI ROTAZIONEPROCEDURA VALUTAZIONE E AMMISSIONE DOMANDEPROCEDURA VALUTAZIONE E AMMISSIONE DOMANDE
  23. 23. FONDO DI ROTAZIONEPRESENTAZIONE DELLA DOMANDAPRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
  24. 24. FONDO DI ROTAZIONEISTRUTTORIA ISTRUTTORIA
  25. 25. FONDO DI ROTAZIONESOFTWARE GestIRE SOFTWARE GestIRE
  26. 26. FONDO DI ROTAZIONESOFTWARE GestIRE SOFTWARE GestIRESCHEDAANAGRAFICA
  27. 27. FONDO DI ROTAZIONESOFTWARE GestIRE SOFTWARE GestIRESCHEDA INTERVENTI
  28. 28. FONDO DI ROTAZIONESOFTWARE GestIRE SOFTWARE GestIRESCHEDA TECNICA VERIFICA DATI POSITIVA STAMPA E INVIA IN AUTOMATICO
  29. 29. FONDO DI ROTAZIONERENDICONTAZIONE RENDICONTAZIONE
  30. 30. FONDO DI ROTAZIONEEROGAZIONE EROGAZIONE
  31. 31. FONDO DI ROTAZIONE DECADENZA DECADENZA VARIAZIONI VARIAZIONIIl singolo intervento oggetto di Se necessarie modifiche al progettofinanziamento sia stato alienato, si deve presentare la varianteceduto o distolto dalla destinazione corredata dalla documentazioneprevista prima di 5 anni necessaria a dimostrare che non variano le condizioni di ammissibilità.Le iniziative siano state parzialmente La variante deve essere descritta inrealizzate o non conseguano i risultati una relazione integrativadi risparmio energetico richiesti Se le modifiche comportano un aumentoNon sia presentata la documentazione di spesa questo resta a carico delattestante le spese sostenute beneficiario Può subentrare un diverso beneficiario aLa spesa rendicontata sia inferiore condizione che dimostri i medesimialla soglia minima di € 25.000 requisiti del primo beneficiario
  32. 32. GRAZIE PER L’ATTENZIONE www.eenergiagroup.it info@eenergiagroup.it

×