• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Comunicazione e innovazione nella P.A.
 

Comunicazione e innovazione nella P.A.

on

  • 1,090 views

Lezione sulla evoluzione normativa della comunicazione pubblica nel corso di insegnamento "Comunicazione e innovazione nella P.A." - Università Suor Orsola Benincasa Napoli - AA 2011/2012

Lezione sulla evoluzione normativa della comunicazione pubblica nel corso di insegnamento "Comunicazione e innovazione nella P.A." - Università Suor Orsola Benincasa Napoli - AA 2011/2012

Statistics

Views

Total Views
1,090
Views on SlideShare
1,089
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
47
Comments
0

1 Embed 1

http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Comunicazione e innovazione nella P.A. Comunicazione e innovazione nella P.A. Presentation Transcript

    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresaComunicazione e innovazionenella Pubblica Amministrazione Fondamentali: evoluzione normativaAnno accademico 2011/2012Prof. Eugenio Iorio
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaEvoluzione normativaLa Costituzione ItalianaDIFFERENZA DI TUTELA TRA COMUNICAZIONEINTERPERSONALE (ART. 15 COST.) ED ESPRESSIONE DELPENSIERO ATTRAVERSO OGNI MEZZO DI DIFFUSIONE (ART. 21COST.)Il diritto alla comunicazione interpersonale viene compreso all’internodell’articolo 15, ovver quello della libertà, della segretezza e di ognialtra forma di comunicazione sono inviolabili.Il diritto all’informazione viene compreso all’interno dell’articolo 21,quello della libertà di espressione e di pensiero
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaEvoluzione normativaPrima degli anni novantaLEGGE N.93/1983 “ASSETTO DELLA DISCIPLINA DEL PUBBLICOIMPIEGO”LEGGE N.816/1985 “STATO GIURIDICO DEGLIAMMINISTRATORI LOCALI”Proclamano il diritto del cittadino a prendere visione dei provvedimentie nonché degli atti degli enti locali. Queste primissime disposizioninascono da provvedimenti che avrebbero dovuto fornire un indirizzoper la contrattazione collettiva del settore, ma concretamente nonsono state mai attuate.
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaEvoluzione normativaPrima degli anni novantaLEGGE N.349/1986 “NORMA ”IN MATERIA DI DANNOAMBIENTALE”Riconosce il diritto di accesso del cittadino a tutte le informazionirelative allo stato dell’ambiente. Il provvedimento è rivolto agli ufficidella Pubblica Amministrazione.LEGGE N.67/87 “RINNOVO DELLA LEGGE 5 AGOSTO 1981, N.416, RECANTE DISCIPLINA DELLE IMPRESE EDITRICI EPROVVIDENZE PER L’EDITORIA”La prima regolamentazione della pubblicità per la P.A. si ha con lalegge 416/81. Istituisce un capitolo specifico per le spese pubblicitarie.
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamentoLEGGE 8 GIUGNO 1990, N. 142, “ORDINAMENTO DELLEAUTONOMIE LOCALI”, IN G. U. N. 135 DEL 12 GIUGNO 1990La legge introduce, per la prima volta, una disciplina sulla trasparenzaamministrativa, per la regolamentazione dell’attività delle istituzioni. Piùprecisamente, essa detta i principi dell’ordinamento dei comuni e delle province,determinandone le funzioni. Per la cultura amministrativa che si ha intenzione diavviare per le istituzioni dello Stato, in funzione del neo diritto d’accesso agliatti della pubblica amministrazione, che richiede appunto una disciplina giuridicache ne garantisca la tutela, la disposizione 142/90 rappresenta un fondamentalepunto di riferimento, soprattutto attraverso la definizione dei contenuti degli“istituti di partecipazione” in ambito locale e attraverso la promozione e lavalorizzazione della partecipazione del cittadino alla gestione della cosa pubblicae della costruzione dello Stato (viene favorita, per questo fine, la liberacostituzione di forme associative e di organismi di partecipazione a livellolocale). Tutti presupposti per una effettiva tutela del diritto d’accessoall’informazione, alla documentazione, ai servizi e alle strutture pubbliche, cheassume una posizione fulcro intorno alla quale la legge si sviluppa.
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamentoLEGGE 7 AGOSTO 1990, N. 241, “NUOVE NORME IN MATERIA DIPROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E DI ACCESO AIDOCUMENTI AMMINISTRATIVI”, IN G. U. N. 192 DEL 18AGOSTO 1990*Nei fatti, essa si limita a specificare ed a estendere a tutti gli entipubblici i contenuti relativi alla trasparenza amministrativa, che la142/90 aveva già introdotto con riferimento all’attività delle autonomielocali.Nonostante la norma riprenda dei temi già argomentati, essa èconsiderata altamente innovativa, individuando nei criteri dieconomicità, efficacia e pubblicità quelli attraverso i quali l’attivitàamministrativa deve perseguire i fini definiti dalla legge; detta, inoltre,i principi generali per la disciplina del procedimento amministrativo.* (Modificata da Legge n. 15/2005, dal D.L. 35/2005, dalla Legge 40/2007 e dalla Legge 69/2009)
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamentoD.LGS. 3 FEBBRAIO 1993, N. 29, “RAZIONALIZZAZIONEDELL’ORGANIZZAZIONE DELLE AMMINISTRAZIONIPUBBLICHE E REVISIONE DELLA DISCIPLINA IN MATERIADI PUBBLICO IMPIEGO, A NORMA DELL’ART. 2 DELLALEGGE 23 OTTOBRE 1992, N. 421”, IN G.U. 6 FEBBRAIO1993, N. 30.Il decreto ha come fine quello di perfezionare l’organizzazione degliuffici amministrativi e i rapporti interni di lavoro tra i dipendenti. Ildecreto è la massima testimonianza dell’importanza che, nell’eserciziodell’attività dei pubblici uffici, viene odiernamente tributata dallo Statoalla comunicazione e alla trasparenza, principi che sono entrambirichiamati ed esaltati attraverso l’imposizione dell’obbligo, esteso atutte le istituzioni, di costituire appositi Uffici per le relazioni con ilpubblico (U.R.P.).
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamentoUFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICOLintroduzione degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico (URP) avvienecon lart. 12 del dlgs. 3 febbraio 1993, n. 29 (ora art.11, del dlgs. 30marzo 2001, n. 165), quale risposta ad una duplice esigenza, giàmessa in luce dalle precedenti leggi 7 agosto 1990, n. 241, e 8 giugno1990, n. 142:• da un lato, dare veste istituzionale alla emergente cultura dellatrasparenza amministrativa e della qualità dei servizi;• dallaltro, fornire uno strumento organizzativo adeguato alle esigenzedi attuazione delle funzioni di comunicazione istituzionale e contattocon i cittadini.
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamentoDIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRIDEL 27 GENNAIO 1994, “PRINCIPI SULL’EROGAZIONE DEISERVIZI PUBBLICI”, IN G.U. N. 43 DEL 22 FEBBRAIO 1994.La Direttiva ha come obiettivo quello di favorire una sempre migliorequalità dei servizi offerti dalle amministrazioni pubbliche, attraversotutta una serie di principi, strumenti e obblighi nuovi.Tra questi vi è la Carta dei Servizi pubblici: può essere pensata comeuna sorta di “contratto”, che fissa lo standard di qualità del servizio,dell’informazione, delle occasioni di incontro (comunicative), dellatutela dei diritti del cittadino che l’ente si impegna a disporre. E’ unasorta di “patto”, di condizione a cui l’amministrazione, proprio per lavolontà di venire incontro alla società, si subordina, anche se percoercizione legislativa, predefinendo già a priori la natura e il livello delservizio che si ripropone di erogare.
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamento LEGGE 7 GIUGNO 2000, N. 150, “DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI”, IN G.U. N. 136 DEL 13 GIUGNO 2000.
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamentoIL LIBRO BIANCO SU UNA POLITICA EUROPEA DICOMUNICAZIONE, COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,BRUXELLES, 1 FEBBRAIO 2006.La Commissione della Comunità Europea nel “Libro Bianco su unapolitica europea di comunicazione”, pubblicato in data 1 febbraio 2006,pone con grande forza la necessità di caratterizzare i principi comuni ele norme che dovrebbero servire da orientamento per le attività diinformazione e di comunicazione, non solo sulle tematiche e sulleattività dell’UE ma della pubblica amministrazione in generale.
    • Laurea magistrale Comunicazione pubblica e d’impresa Comunicazione e innovazione nella Pubblica AmministrazioneComunicazione PubblicaLe leggi del cambiamentoIL LIBRO BIANCO SU UNA POLITICA EUROPEA DICOMUNICAZIONE, COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,BRUXELLES, 1 FEBBRAIO 2006.Gli obiettivi della Comunità Europea nelle politiche di comunicazionedei suoi Stati membri, pertanto, sono:1. mettere la comunicazione al servizio dei cittadini e considerarlacome una politica a pieno titolo; 2. potenziare il dibattito e il dialogo;3. potenziare il diritto all’informazione e la libertà di espressione; 4.migliorare l’educazione civica costruendo strategie di democraziapartecipata; 5. mettere i cittadini in comunicazione tra loro; 6.collegare i cittadini e le istituzioni pubbliche.