• Like
  • Save

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

Information Design: Visualizzazione di Informazioni Quantitative

on

  • 3,190 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,190
Views on SlideShare
1,037
Embed Views
2,153

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

7 Embeds 2,153

http://www.stat-project.com 1285
http://statistica.ning.com 848
http://infobrokers.blogspot.it 12
http://infobrokers.blogspot.com 3
http://www.linkedin.com 3
http://semifonte.wordpress.com 1
http://translate.yandex.net 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Information Design: Visualizzazione di Informazioni Quantitative Information Design: Visualizzazione di Informazioni Quantitative Presentation Transcript

    • Information Design Visualizzazione d’Informazioni Quantitative Social Media Lab Università IULM Duccio Schiavon 11/Mag/2009
    • Cos’è l’Information Design? Nell’Information design vengono utilizzati simboli, immagini, colori, e parole per comunicare idee, illustrare informazioni o esprimere visualmente relazioni
      • io utilizzo
      detto in altro modo immagini simboli colori parole con l’obiettivo di comunicare idee Illustrare informazioni esprimere relazioni
    • Esempio di come utilizzare immagini e parole per comunicare idee http://xkcd.com/
    • Esempio di come utilizzare immagini, parole, simboli e colori per comunicare idee http://awesome.goodmagazine.com/transparency/web/0904/trans0409ourfavoritedrugs.html
    • Con l’Information Design noi raccontiamo una storia La storia viene raccontata visivamente per cui la sua rappresentazione dev’essere chiara trasformare informazioni complesse in materiale semplice da comprendere gradevole catturare l’attenzione dell’osservatore convincente l’osservazione dei meri dati grezzi spesso non aiuta a chiarire la reale natura del fenomeno d’interesse. La rappresentazione deve riuscire a spiegare ciò che difficilmente riescono a fare le statistiche da sole
    • Esempio di come una rappresentazione grafica funzioni meglio di una tabella di dati grezzi Prevalenza virus HIV La mappa illustra la distribuzione di tutte le persone di età compresa tra i 15 i 49 anni affetti da HIV. http://www.dailymail.co.uk/news/article-439315/How-world-really-shapes-up.html
    • Esempio di come una rappresentazione grafica funzioni meglio di una tabella di dati grezzi La mappa dell’open source L’OSI (Open Source Index) misura il livello di attività open source in 75 paesi http://www.redhat.com/about/where-is-open-source/activity/
    • Esempio di come una rappresentazione grafica funzioni meglio di una tabella di dati grezzi Interpretazione immediata impossibile I punteggi OSI sono organizzati per tipologia d’ambiente (Governativo/Istituzionale, Industriale, Privato). La tabulazione non aiuta, in quanto il caratteristico formato stile CSV non consente neppure di confrontare i punteggi dello stesso settore lungo i differenti paesi
    • Esempio di come una rappresentazione grafica sia certamente più gradevole di una serie di numeri Acqua, aria, terra Sinistra: Tutta l’acqua al mondo (1,4087 miliardi di chilometri cubici) inclusa l’acqua del mare, dei ghiacciai, dei laghi, dei fiumi, delle nuvole, ecc. Destra: Tutta l’aria contenuta nell’atmosfera (5140.000 miliardi di tonnellate) racchiusa in una sfera al livello del mare. http://blog.phiffer.org/post/27344630/left-all-the-water-in-the-world-1-4087-billion
    • Esempio di come una rappresentazione grafica sia certamente più chiara se associata ai numeri “ Siediti dove rischi di meno” Tassi di sopravvivenza associati alle diverse poltrone di un aereo, calcolati sulla base dell’analisi degli incidenti aerei commerciali avvenuti negli USA dal 1971 http://www.popularmechanics.com/science/air_space/4219452.html
    • A cosa serve l’Information Design?
      • Per descrivere un fenomeno
              • - ai propri superiori
              • - ai propri clienti
              • - al pubblico
              • - ai media
              • - ad istituti pubblici
              • - ai media
    • A cosa serve l’Information Design?
      • Per analizzare i propri dati
              • - scoprire tendenze nascoste
              • - evidenziare evoluzioni nel sistema d’interesse
    • A cosa serve l’Information Design?
      • Per operazioni di pianificazione
              • - analizzare relazioni
              • illustrare reti (sociali)
              • individuare dove le ns azioni possono avere un impatto maggiore
              • prevedere tendenze future
    • A cosa serve l’Information Design?
      • Per rendere visibile l’informazione
              • - evidenziare relazioni di causa-effetto
              • illustrare le conseguenze di particolari scelte
              • confrontare e contrapporre
    • A cosa serve l’Information Design?
      • Per semplificare e chiarire
              • - illustrare l’analisi di un’idea astratta
              • mostrare il flusso di un processo o di sistema in cambiamento
              • rendere le proprie conclusioni visibili e facili da esplorare
              • mostrare la struttura e mettere ordine in dati apparentemente caotici
    • per grandi punti 1) Per illustrare un fenomeno 2) Per analizzare dati 3) Per operazioni di pianificazione 4) Per rendere visibile l’informazione 5) Per chiarire e semplificare
    • Esempio di come illustrare un fenomeno Il successo delle trilogie Il successo al cinema di ognuno dei singoli episodi delle più celebri trilogie cinematografiche. http://danmeth.com/post/77471620/my-trilogy-meter-1-in-a-series-of-pop-cultural
    • Esempio di come illustrare un fenomeno Crisi finanziaria La crisi vita dal punto di vista dei mutui, del mercato immobiliare e dei fallimenti bancari. http://awesome.goodmagazine.com/transparency/usersubmissions/financialcrisis/aler/index.html
    • Esempio di come analizzare dati R: Una risposta a tutti i quesiti analitici R è un software di analisi statistica open source. Offre un bagaglio di strumenti per la visualizzazione grafica di ogni tipo di risultato numerico http://www.r-project.org/
    • Esempio di pianificazione Albero Decisionale Gli Alberi Decisionali sono un ottimo strumento per coniugare chiarezza espositiva e potenza analitica http://www.nytimes.com/
    • Esempio di come chiarire un concetto a partire da un insieme di dati direttamente difficili da interpretare Quanti galloni di benzina per passeggero occorrono per coprire una distanza di 350 miglia? http://www.good.is/
    • Pianificare una rappresentazione dell’informazione Quale tipo di dati è più adatto ad essere rappresentato sotto forma di grafico, diagramma o mappa? Le Mappe sono utili per l’illustrazione di fenomeni spaziali. I Grafici vengono più spesso utilizzati per illustrare l’evoluzione di trend e quantità nel tempo. I Diagrammi (di flusso e non) possono essere meglio impiegati per illustrare processi o relazioni. Come riconoscere quale tipo d’informazione rappresentare e quale ignorare? Gli aspetti chiave da chiarire sono: • Quale storia desidero raccontare? • A chi mi voglio rivolgere? • Come desidero catturare l’attenzione dei destinatari del mio messaggio?
    • Pianificare una rappresentazione dell’informazione Qual è l’effetto che si desidera produrre nel destinatario? Rispondere a questa domanda aiuterà a stabilire di quale natura sia la propria audience, e cosa si desidera che susciti in essa il proprio lavoro di design Si consideri il contenuto della storia così come il tono e la forma del messaggio. Come verrà letto il nostro messaggio? La nostra audience dimostra di avere un interesse a priori per il soggetto rappresentato oppure il nostro obiettivo è quello di raggiungere nuovi destinatari? Si pianifichi la rappresentazione sulla base delle preferenze del destinatario, e non per se stessi
    • Lavorare sui dati Quale informazione devo raccogliere? Quali tipi di dati ho a disposizione? I dati sono utilizzabili per scopi di rappresentazione? Ma soprattutto, i dati sono adatti per rappresentare il messaggio che desidero rivolgere ai miei destinatari?
    • “ Media” e “Mezzo” Su quale supporto, media, o mezzo verrà pubblicata la nostra rappresentazione? Come verrà pubblicata e distribuita? I Media differiscono notevolmente tra loro in termini di visibilità e di costi. Quale media è più adatto per la nostra campagna. Quale audience per i nostri grafici? La velocità è un elemento chiave. I destinatari saranno in grado di fermarsi a leggere i grafici? O si limiteranno a dedicar loro solo pochi secondi? Un “mezzo” più rapido potrebbe richiedere un approccio molto più d’impatto e semplice. Un “mezzo” più lento potrebbe consentire l’impiego di una maggiore densità informativa La nostra rappresentazione è destinata a durare nel tempo?
    • Suggerimenti per la propria rappresentazione • Preferire sempre la soluzione più semplice • Rappresentare preferibilmente confronti, contrasti e differenze • Il titolo è chiaro? • Utilizzare le legende lì dove possibile • Citare sempre le fonti. Per la rappresentazione di dati questo è un aspetto fondamentale • Limitare per quanto possibile l’utilizzo di numeri: Essi stessi sono una rappresentazione. Utilizzarli significa utilizzare una rappresentazione dentro la rappresentazione
    • Suggerimenti per la propria rappresentazione • Minimizzare il numero di passaggi richiesti per l’interpretazione della rappresentazione • Dare importanza al contesto
    • La nuova rivoluzione dell’Information Design su monitor: L’interazione e l’animazione Migliore Visualizzazione/Animazione del 2009 (secondo il mio personale giudizio)…: Jonathan Jarvis (http://crisisofcredit.com/)
    • Processing http://processing.org /
    • Processing è uno strumento open source distribuito sotto GNU Public License (GPL) Processing consiste di: • Un Ambiente di Sviluppo (Processing Development Environment, PDE). Questo software può essere eseguito con il semplice doppio clic sull’icona di Processing. PDE è un Ambiente Integrato di Sviluppo (IDE) composto da un insieme minimale di funzionalità. • Raccolta di funzioni (anche note come comandi o metodi) che compongono il “core” dell’interfaccia di programmazione (API), così come delle molte librerie progettate per l’integrazione di funzioni più avanzate e specifiche (OpenGL, lettura file XML, salvataggio in formato PDF, ecc.) • Una sintassi identica a Java ma con piccole modifiche • Una comunità attiva online, ospitata in http://processing.org Processing
    • Sketch con Processing “hello world” “hello mouse” Esportare e distribuire il tuo lavoro Creare immagini del tuo lavoro Caricamento e visualizzazione dei dati Librerie Introduzione all’utilizzo
    • Sistema di Coordinate e Forme (spazio delle coordinate)
    • Definizione di un punto Sistema di Coordinate e Forme (Forme semplici)
    • Definizione di una linea Sistema di Coordinate e Forme (Forme semplici)
    • Definizione di un quadrato con definizione coord. angolo in alto a sinistra e misure di lunghezza e larghezza Sistema di Coordinate e Forme (Forme semplici)
    • Sistema di Coordinate e Forme (Forme semplici) Definizione di un quadrato in modalità rectMode(CENTER) (coord. centro, lunghezza e altezza)
    • Sistema di Coordinate e Forme (Forme semplici) Definizione di un quadrato in modalità rectMode(CORNERS) (coord. 4 angoli)
    • Sistema di Coordinate e Forme (Forme semplici) Definizione di un’ellisse e diverse modalità della funzione ellipseMode()
    • Esempi applicativi Pur trattandosi di un vero e proprio linguaggio di programmazione, la logica è semplice ed accessibile a tutti
    • Alcune risorse utili per Processing http://www.openprocessing.org/ http://www.vimeo.com/tag:processing.org http://www.processingblogs.org/ Visualizing Data By Ben Fry Learning Processing By Daniel Shiffman
    • ggplot
      • • Installazione di ggplot2 in R
      • http://had.co.nz/ggplot2
      • • documentati 99 oggetti ggplot con oltre 500 esempi
      • • i realizzatori del pacchetto sono disponibili per feedback e contributi
      • • il manuale dedicato è uno dei più completi mai scritti per un pacchetto di R
    • Diamanti
      • • Oltre 54.000 diamanti archiviati in http://www.diamondse.info
      • Carati, colore, chiarezza, taglio
      • • Profondità, larghezza, altezza
      • • Prezzo
    • qplot
      • • Offre tutte le funzionalità di ggplot con in più una sintassi semplificata
      • Caratteristiche aggiuntive
      • I dati vengono scalati automaticamente
      • • E’ possibile produrre qualsiasi tipo di grafico
      • • Sfondi e margini
    • qplot qplot(diamonds$carat, diamonds$price) qplot(carat, price, data = diamonds) qplot(carat, price, data = diamonds,colour=clarity) qplot(carat, price, data = diamonds,geom=c("point", "smooth"), method=lm) qplot(carat, data = diamonds,geom="histogram") qplot(carat, data = diamonds,geom="histogram", binwidth = 100)
    • Componenti
      • Dati
      • Oggetto geometrico (geom)
      • Trasformazione statistica (stat)
      • Scale
      • Sistema di coordinate
      • (+ Aggiustamento posizionamento, sfondo)
    • Istogramma
      • Geom: bar o histogram
      • Stat: bin
      • Scala: lineare
      • Sistema di coordinate
      • Cartesiano
      qplot(carat,data = diamonds,geom="bar")
    • Scatterplot
      • Geom: bar o histogram
      • Stat: bin
      • Scala: lineare
      • Sistema di coordinate
      • Cartesiano
      qplot(speed, dist, data = cars,geom="point")
    • Funzione ggplot (definizione del grafico per strati) La precedente è una semplificazione Si può ricorrere ad una logica molto più raffinata, detta “a strati” attraverso il ricorso alla funzione ggplot Strato (layer): data + mapping + geom + stat + position
    • Definizione del grafico ggplot(data, mapping) + layer( stat = "", geom = "", position = "", geom_parms = list(), stat_params = list(), )
    • Strati
      • Solitamente non verrà scritto l’intera specificazione, ma si useranno delle abbreviazioni:
      • - geom_smooth()
      • - stat_summary()
      • - …
      • Ogni geom ha la sua statistica predefinita, ogni statistica ha un geom predefinito (anche se questo può essere sovrascritto)
    • Esempi d <- ggplot(diamonds,aes(x=carat, y=price)) d + geom_point() d + geom_point(aes(colour = carat)) ggplot(diamonds,aes(x=price, y=carat)) + geom_point(aes(colour = carat))
    • Data + Mapping (Dati + Mappatura)
      • Dati e mappature solitamente definiscono le caratteristiche principali del grafico:
      • ggplot(data, mapping = aes(x=x,y=y)
      • La funzione aes descrive il tipo di relazione
    • Geom (geometrie)
      • Geom definisce la “forma” base degli elementi nel grafico
      • Punti, linee, poligoni, barre, testo
      • Statistiche: istogrammi, lisciamenti, densità
      • Possibilità composite: boxplot, range valori
    • Stat (statistiche)
      • Non ancora utilizzate esplicitamente, anche se sottostanno a molti strati qui creati; alcune geometrie (geom) implicano infatti un loro utilizzo “nascosto”:
      • - geom_histogram = stat_bin + geom_bar
      • - geom_smooth = stat_smooth + geom_ribbon
      • - geom_density = stat_density + geom_ribbon
    • Esempi p <- ggplot(diamonds, aes(x=price)) p + geom_histogram() p + stat_bin(geom=&quot;area&quot;) p + stat_bin(geom=&quot;point&quot;) p + stat_bin(geom=&quot;line&quot;) p + geom_histogram(aes(fill = clarity))
    • Risorse Risorse http://had.co.nz/ggplot/ http://had.co.nz/ggplot2/book/ http://addictedtor.free.fr/graphiques/
    • Gapminder http://www.gapminder.org/
      • • Animazione ed Interattività avanzate alla portata di tutti
      • • Capacità di spiegare un fenomeno composto da:
      • Componente temporale
      • Analisi bivariata
      • Appartenenza di gruppo
      • • Potenzialità infinite della tecnologia Adobe Flash
    • Risorse su web Critica grafica http://junkcharts.typepad.com/ Intrattenimento http://www.good.is/ Come rappresentare flussi di dati in modo convincente e affascinante http://flowingdata.com/ Il paradiso della visualizzazione “tutta” http://infosthetics.com/ Iniziativa tutta italiana di divulgazione ed elaborazione di materiale, progetti e studi nell’ambito del Master Degree in Communication Design at the Politecnico di Milano (http://www.densitydesign.org/)
    • Eminenze Edward Tufte “ Il Leonardo da Vinci dei dati” http://www.edwardtufte.com/tufte/ Ben Fry Ovvero Mr Processing http://benfry.com/ Steve Duenes Direttore Grafico presso il New York Times http://www.nytimes.com/
    • Strumenti R http://www.r-project.org/ Microsoft Excel Processing http://processing.org/ HTML + CSS + Javascript Flash/Action Script http://www.adobe.com/flashplatform/
    • Piattaforme di Condivisione Visualizzazioni e Dati ManyEyes http://manyeyes.alphaworks.ibm.com/manyeyes/ Swivel http://www.swivel.com/ Zoho Sheet http://sheet.zoho.com/ Google Docs docs.google.com/
    • Grazie mille a tutti